loader

Principale

Motivi

Parto e gravidanza nel diabete mellito di tipo I e II

Il diabete durante la gravidanza può svilupparsi se l'insulina (l'ormone pancreatico) viene prodotta in quantità insufficiente.

In questo caso, il corpo della donna deve lavorare per due per fornire l'insulina per sé e per il bambino. Se la funzione del pancreas è insufficiente, il livello di zucchero nel sangue non è regolato e può superare il normale. In questo caso, parla del diabete gestazionale delle donne in gravidanza.

Se i medici possono diagnosticare in tempo, l'aumento di zucchero non avrà un effetto negativo sul feto e sul corpo della donna. Pertanto, al primo sospetto dello sviluppo di qualsiasi tipo di malattia, è necessario seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni del medico. Di norma, dopo la nascita di un bambino nel mondo, il diabete passa. Sebbene allo stesso tempo, la metà delle future madri è a rischio di rivivere questo problema durante le gravidanze successive.

Diabete di donne in gravidanza: i termini sono invariati

Diabete mellito gestazionale e gravidanza, questo problema può iniziare nel periodo da 16 a 20 settimane. Prima di questo non può accadere, perché la placenta non è ancora completamente formata. Nella seconda metà della gravidanza, la placenta inizia a produrre lattogeno ed estriolo.

Lo scopo principale di questi ormoni è di contribuire al corretto sviluppo del feto, che non influirà sul parto, ma hanno anche un'azione anti-insulinica. Nello stesso periodo, il livello di ormoni che promuovono lo sviluppo del diabete di tipo 2 (cortisolo, estrogeno, progesterone) aumenta nel corpo femminile.

Tutto ciò è aggravato dal fatto che spesso le donne incinte non sono attive come una volta, si muovono meno, iniziano ad abusare di cibi ipercalorici, il loro peso aumenta rapidamente, il che renderà difficile la realizzazione di normali idoli.

Tutti questi fattori causano un aumento della resistenza all'insulina. Cioè, l'insulina cessa di avere il suo effetto, contenuto di glucosio scarsamente controllato nel sangue. Nelle persone sane, questo momento sfavorevole è compensato con riserve adeguate di insulina. Ma, sfortunatamente, non tutte le donne possono fermare la progressione della malattia.

I seguenti segnali di allarme parlano del diabete di tipo 2 nelle donne in gravidanza:

  1. - aumento della voglia di urinare e aumento della quantità di urina quotidiana;
  2. - costante sentimento di sete;
  3. - perdita di peso sullo sfondo di perdita di appetito;
  4. - aumento della fatica.

Di solito, a questi sintomi non viene data la dovuta attenzione, e questa condizione è spiegata dalla gravidanza stessa. Pertanto, i medici, di regola, non sono a conoscenza dei cambiamenti che sono iniziati. Ma è importante ricordare che un alto contenuto di zucchero è irto di gravi conseguenze, tra cui:

  • -Sviluppo della preeclampsia (aumento della pressione sanguigna, comparsa di edemi, proteine ​​nelle urine);
  • -mnogovodie;
  • - disturbi nei vasi (retinopatia, nefropatia, neuropatia);
  • -Disperimento circolatorio della madre - placenta - catena del feto, con conseguente sviluppo dell'insufficienza placentare e - ipossia del feto;
  • -Basso del feto nell'utero;
  • -Intensificazione delle malattie infettive del tratto genitale.

Cosa è pericoloso per il diabete di tipo 1 e 2 per il feto?

Il diabete e la gravidanza sono pericolosi perché la malattia aumenta la probabilità di malformazioni fetali. Questa è una conseguenza del fatto che il bambino mangia glucosio dalla madre, ma non riceve abbastanza insulina e il suo pancreas non è ancora sviluppato.

Lo stato costante di iperglicemia porta ad una mancanza di energia, di conseguenza, gli organi e i sistemi del futuro bambino si sviluppano in modo errato. Nel secondo trimestre, il feto inizia a sviluppare il proprio pancreas, che deve utilizzare il glucosio non solo nel corpo dei bambini, ma anche per normalizzare il livello di zucchero nella futura mamma.

Di conseguenza, l'insulina è prodotta in quantità molto elevata, il che porta a iperinsulinemia. Questo processo può causare ipoglicemia nel neonato (poiché il pancreas della madre è usato per funzionare per due), insufficienza respiratoria e asfissia. Sia il contenuto di zucchero alto e basso è pericoloso per il feto.

Frequenti ripetizioni di ipoglicemia possono interrompere lo sviluppo neuropsichiatrico del bambino. Se il diabete di tipo 1 nelle donne in gravidanza non compensa il secondo trimestre, può causare l'esaurimento delle cellule fetali, l'ipoinsulinemia e, di conseguenza, la crescita fetale del bambino rallenta.

Se il glucosio nel corpo del futuro bambino è troppo, allora si trasformerà gradualmente in grasso. Al momento della nascita, tali bambini possono pesare 5-6 kg e quando si spostano lungo il canale del parto, il loro omero può essere danneggiato, così come altre lesioni. Allo stesso tempo, nonostante il peso e l'altezza elevati, tali bambini sono stimati da alcuni indicatori come immaturi dai medici.

Rilevazione del diabete gestazionale in donne in gravidanza

Le donne incinte hanno la tendenza ad aumentare la concentrazione di zucchero nel sangue dopo un pasto. Ciò è dovuto all'assorbimento accelerato dei carboidrati e all'allungamento del tempo di assorbimento del cibo. La base di questi processi è la ridotta attività del sistema digestivo.

Alla prima visita alla clinica prenatale, il medico determina se esiste il rischio di sviluppare il diabete gestazionale per la donna incinta. Ogni donna con fattori di rischio viene testata per la tolleranza al glucosio. Se il risultato è negativo, la gravidanza viene mantenuta come al solito e il paziente deve superare il secondo test a 24-28 settimane.

Un risultato positivo richiede al medico di condurre una donna incinta, data la patologia sotto forma di diabete mellito di qualsiasi tipo. Se non sono stati identificati fattori di rischio alla prima visita, un test di screening per la tolleranza al glucosio è programmato per la 24-28a settimana. Questo studio porta molte informazioni, anche se è molto semplice. La sera prima una donna può mangiare cibo con un contenuto di carboidrati di 30-50 grammi. Il test viene effettuato al mattino quando il digiuno notturno raggiunge le 8-14 ore.

Durante questo periodo, è consentita solo l'acqua. Al mattino, prendono sangue venoso per analisi a stomaco vuoto e determinano immediatamente il livello di zucchero. Se il risultato è caratteristico della diagnosi di diabete gestazionale, il test viene interrotto. Se la glicemia è normale o disturbata a stomaco vuoto, una donna, entro cinque minuti, può bere una composizione contenente 75 g di glucosio e 250 ml di acqua. Il tempo di assunzione del fluido è l'inizio del test. Dopo 2 ore, riprendere l'analisi del sangue venoso, durante questo periodo il livello di glucosio non deve essere superiore a 7,8 mmol / litro.

Se il prelievo di sangue determina una glicemia superiore a 11,1 mmol / litro in vasi capillari (da un dito) o nel sangue venoso durante il giorno, questa è la base per fare una diagnosi di diabete gestazionale e non richiede ulteriori prove. Lo stesso si può dire per il glucosio a digiuno più di 7 mmol / litro nel sangue venoso e più di 6 mmol / litro nel sangue ottenuto da un dito.

Trattamento del diabete nelle donne in gravidanza

Molto spesso, il risarcimento per il diabete gestazionale si ottiene aderendo a una dieta. Ma allo stesso tempo, il valore energetico dei prodotti non può essere ridotto drasticamente. Sarà corretto mangiare spesso e in piccole porzioni, da cinque a sei volte al giorno, facendo spuntini tra colazione, pranzo e cena.

La dieta non dovrebbe contenere carboidrati facilmente digeribili (dolci, pasticceria), perché portano ad un forte aumento della glicemia. È inoltre necessario ridurre il consumo di cibi grassi (burro, panna, carni grasse), perché con la mancanza di insulina, i grassi vengono convertiti in corpi chetonici, portando a intossicazione del corpo. Assicurati di includere nella dieta frutta fresca (ad eccezione di banane, uva e meloni), verdure e verdura.

È molto buono se una donna ha un misuratore di glicemia a casa e può misurare il livello di glucosio da sola. In questo caso, la dose di insulina può essere controllata indipendentemente a seconda della concentrazione di zucchero per un dato periodo di tempo. Se la dieta non riduce la glicemia, i medici prescrivono la terapia insulinica.

Le compresse per ridurre lo zucchero in questi casi non vengono utilizzate poiché hanno un effetto negativo sul feto. Per scegliere la giusta dose di insulina, una donna deve essere ricoverata nel reparto di endocrinologia. E tutto questo può essere evitato se misure tempestive per prevenire il diabete.

Nascite nel diabete di tipo 1 in stato di gravidanza

Se una donna ha una diagnosi di diabete gestazionale, sarà preferibile un parto vaginale per un periodo non superiore a 38 settimane. L'importante è eseguire un monitoraggio continuo dello stato del corpo di una donna incinta.

Il bambino in questo caso, il parto fisiologico resiste anche bene. Se durante la gravidanza una donna è stata trattata con insulina, allora l'endocrinologo dopo il parto deciderà se continuare l'uso di questi farmaci o meno. Il controllo della glicemia deve essere continuato nel periodo postpartum.

Un taglio cesareo, che sostituisce il parto, viene eseguito solo se ci sono indicazioni ostetriche, come l'ipossia e il grave ritardo del feto, così come le grandi dimensioni del bambino, la pelvi della madre ristretta o eventuali complicanze.

Bambino nato

La cosa più bella che una madre possa fare per il suo bambino dopo la nascita è quella di allattarlo al seno. Nel latte umano contiene tutti i nutrienti necessari che aiutano il bambino a crescere e svilupparsi, a formare la sua immunità. Così come l'allattamento al seno mamma può usare per ulteriori comunicazioni con la briciola. Pertanto, dobbiamo cercare di preservare l'allattamento e nutrire il bambino con il latte materno il più a lungo possibile.

Il dosaggio di insulina e una dieta per il periodo dell'allattamento al seno dovrebbero essere raccomandati da un endocrinologo. In pratica, è stato osservato che l'allattamento al seno può portare ad un forte calo del livello di zucchero (ipoglicemia). Per evitare che ciò accada, la mamma dovrebbe bere un bicchiere di latte prima di nutrirsi.

Se una donna ha avuto il diabete gestazionale, quindi non oltre 6 settimane dopo il parto, è necessario passare un'analisi e determinare il livello di glicemia a digiuno, nonché effettuare un test di tolleranza (resistenza) al glucosio. Ciò consente di valutare il corso del metabolismo dei carboidrati e, se necessario, di modificare il cibo.

Poiché esiste un rischio di ulteriore sviluppo del diabete di tipo 2, una donna dopo il parto deve essere esaminata per diversi anni. Una volta in 2 - 3 anni è necessario condurre un test di tolleranza e fare un'analisi su zucchero a stomaco vuoto. Se viene rivelata una violazione della tolleranza, allora un esame dovrebbe essere condotto ogni anno. La prossima gravidanza può essere pianificata in circa un anno e mezzo e assicurarsi di prepararsi con cura per il concepimento.

Azioni per anticipare il diabete in gravidanza

È necessario abbandonare l'uso di zucchero raffinato, eliminare cibi salati e grassi. Assicurati di includere nel menu fibra sotto forma di crusca, microcellulosa, pectina. È necessario spostarsi molto, per una passeggiata giornaliera di almeno 2 ore all'aria aperta. Se qualcuno da parenti stretti soffre di diabete o se l'età della donna è vicina a 40 anni, quindi due volte all'anno è necessario misurare il livello di glucosio 2 ore dopo un pasto.

La norma di zucchero nel sangue nelle donne in gravidanza prese da un dito (capillare) va da 4 a 5,2 mmol / litro a stomaco vuoto e non superiore a 6,7 ​​mmol / litro due ore dopo un pasto.

Fattori di rischio per il diabete nelle donne in gravidanza:

  • - Una donna incinta ha più di 40 anni;
  • - Il diabete è presente in parenti stretti. Se uno dei genitori soffre della malattia, allora il rischio è raddoppiato, se entrambi sono malati, tre volte;
  • - La donna appartiene a una razza non bianca;
  • - BMI (indice di massa corporea) prima della gravidanza era superiore a 25;
  • - l'aumento di peso corporeo sullo sfondo del già sovrappeso;
  • - fumare;
  • - il peso di un bambino nato in precedenza supera 4,5 kg;
  • - le precedenti gravidanze si sono concluse con la morte del feto per motivi sconosciuti.

Dieta per il diabete di tipo 2 in stato di gravidanza

Le verdure, i latticini e le zuppe di pesce saranno adatti come primi piatti. Zuppa e borscht possono essere mangiati solo vegetariani o in un brodo debole.

Secondi piatti: pollo, pesce magro, agnello e carne magra. Le verdure si adattano a qualsiasi e in qualsiasi quantità.

Assicurati di mangiare prodotti a base di latte fermentato (kefir, panna acida, yogurt, ricotta).

Come antipasto, è possibile utilizzare pesce bollito o in gelatina, prosciutto magro, patè fatto in casa senza aggiungere burro, formaggio o formaggio Adygei.

Dalle bevande puoi usare il tè con latte, acqua minerale, infuso di rosa canina.

Il pane deve essere diabetico di farina di segale grossolana. Per frutti acidi e bacche dolci e adatti, gelatina su saccarina.

Diabete e gravidanza

diabete mellito

Più recentemente, la maggior parte dei medici non ha raccomandato alle donne con diabete di rimanere incinte e partorire. Su quali trucchi non era necessario affidare alle madri in attesa di salvare il bambino, e tuttavia molto spesso la gravidanza si è conclusa con aborto spontaneo, morte fetale o nascita di un bambino con anomalie del diabete in fase di crescita e sviluppo.

Lo scompenso del diabete prima o durante la gravidanza a volte ha portato a gravi conseguenze per la salute delle donne. La mancanza di mezzi di autocontrollo, la mancanza di consapevolezza delle donne e la scarsa qualità delle attrezzature non consentivano un'assistenza medica tempestiva. Di conseguenza, la donna fu privata per sempre dell'opportunità di avere un figlio.

Caratteristiche del corso della gravidanza nel diabete

Studi congiunti di ostetrici e endocrinologi hanno dimostrato che il diabete non è un ostacolo assoluto alla nascita di un bambino sano. Un livello elevato di zucchero nel sangue, e non la stessa malattia, influisce negativamente sulla salute del bambino, quindi per un ciclo favorevole di gravidanza è necessario mantenere semplicemente un livello normale di glicemia. Questo è promosso con successo dai mezzi moderni di autocontrollo e somministrazione di insulina.

Esistono dispositivi per osservare il feto per tracciare eventuali cambiamenti, quindi la probabilità di avere un bambino praticamente sano in una donna con diabete oggi non è inferiore rispetto a qualsiasi altra donna senza disturbi metabolici. Eppure alcune delle difficoltà e dei problemi in questo caso non possono essere evitati, da qui la necessità di un monitoraggio più attento dello stato di salute della futura madre.

Prima di tutto, la gravidanza con zucchero alto dovrebbe essere pianificata, specialmente se non c'è un monitoraggio regolare dei livelli di zucchero. Dal momento della gravidanza al riconoscimento, di solito ci vogliono 6-7 settimane, e durante questo periodo il feto è quasi completamente formato: il cervello, la spina dorsale, l'intestino, i polmoni sono distesi, il cuore inizia a battere, pompando il sangue comune alla madre e al bambino. Se durante questo periodo, la madre ha aumentato ripetutamente il livello di glucosio, ha inevitabilmente colpito il bambino.

L'iperglicemia causa un disturbo dei processi metabolici nell'organismo in via di sviluppo, che porta ad errori nella deposizione degli organi del bambino. Inoltre, l'insorgenza di una gravidanza sullo sfondo di uno zucchero alto è sempre associata a un rapido sviluppo e alla progressione delle complicanze diabetiche nella madre. Pertanto, una gravidanza così "improvvisa" è distruttiva non solo per il bambino, ma anche per la donna stessa.

La curva dello zucchero ideale dovrebbe assomigliare a questa:

  • a digiuno - 5,3 mmol / l;
  • prima di mangiare - 5,8 mmol / l;
  • un'ora dopo aver mangiato - 7,8 mmol / l;
  • due ore dopo un pasto - 6.7.mol / l.

Preparazione preliminare

3-6 mesi prima del concepimento previsto, è necessario prestare particolare attenzione alla propria salute e controllare completamente il livello di zucchero nel sangue - utilizzare un glucometro ogni giorno e ottenere il pieno risarcimento per la malattia. Ogni caso di iperglicemia grave o chetonuria danneggia la salute della donna e del possibile bambino. Più lunga e migliore è la compensazione prima del concepimento, più è probabile il normale corso e il completamento della gravidanza.

Quelli con diabete di tipo 2 dovranno passare dalla misurazione dello zucchero delle urine a studi più istruttivi. In alcuni casi, il medico può consigliare temporaneamente (fino alla fine dell'allattamento al seno) di passare dalle compresse ipoglicemizzanti (che possono danneggiare il feto) alle iniezioni di insulina. Anche prima del concepimento, è necessario consultarsi con un certo numero di specialisti, dal momento che anche una gravidanza di successo è sempre un grosso peso per il corpo, e devi sapere come influirà sulla tua salute.

Se una donna è costretta a prendere farmaci (anche complessi vitaminici), è necessario sapere in anticipo con il proprio medico se possono influenzare negativamente il feto e ciò che può essere sostituito con loro. La maggior parte delle controindicazioni alla gravidanza derivanti dal diabete può essere eliminata prendendo sul serio. Il decompensamento della malattia, l'incapacità di esercitare l'autocontrollo della glicemia e le infezioni urinarie concomitanti sono completamente superati.

Ma, sfortunatamente, cardiopatia ischemica, insufficienza renale (con proteinuria, ipertensione arteriosa, elevati livelli di creatina nel sangue) e grave gastroenteropatia (gastroparesi, diarrea) rimangono controindicazioni assolute associate al diabete mellito. Quando tutte le manifestazioni di diabete sono compensate e l'esame clinico è completato, dovrai essere paziente e ricevere supporto familiare prima di iniziare una conversazione con il tuo ginecologo sull'abolizione della contraccezione.

Successivamente, è possibile acquistare test a casa per determinare la gravidanza e non appena uno di questi mostra un risultato positivo, rivolgersi immediatamente a un medico per confermare il fatto della gravidanza con un test del sangue o delle urine per la gonadotropina corionica.

Come evitare complicazioni

L'intero periodo di gravidanza - dal primo giorno fino al momento della consegna - la condizione della futura madre è costantemente monitorata da un endocrinologo e un ostetrico-ginecologo. La scelta dei medici deve essere affrontata molto seriamente: l'osservazione di uno specialista altamente qualificato ridurrà al minimo la probabilità di gravi problemi di salute. Portare un bambino con diabete ha alcune caratteristiche che non dovrebbero essere dimenticate.

Il più importante in termini di salute fetale può essere considerato 1 trimestre di gravidanza - da 1 a 12 settimane. In questo momento, due piccole cellule danno vita a un nuovo uomo, e la sua salute e vitalità dipendono da come ciò accada. Il costante monitoraggio dei livelli di zucchero nel sangue stabile permetterà a tutti gli organi vitali del feto di formarsi correttamente. Altrettanto importante è l'autocontrollo per la crescita e lo sviluppo della placenta.

La futura mamma dovrebbe ricordare che il corpo sta ora lavorando in una nuova modalità insolita. Nelle prime fasi della gravidanza, aumenta la sensibilità all'insulina, che richiederà una riduzione temporanea delle dosi abituali. In questo caso, l'acetone nelle urine può apparire anche con un leggero aumento di glucosio (già a 9-12 mmol / l). Per prevenire iperglicemia e chetoacidosi, il glucometro dovrà essere usato più spesso 3-4 volte al giorno.

Molte donne hanno nausea e vomito nel primo trimestre, ma le donne con diabete in questo caso dovrebbero assolutamente fare un test delle urine per l'acetone. Se i periodi di vomito sono abbondanti e frequenti, sarà necessaria la prevenzione dell'ipoglicemia: bere regolarmente, nei casi gravi di iniezione di glucosio. Nei primi mesi, le visite dal ginecologo dovrebbero essere almeno 1 volta alla settimana in condizioni normali e quotidianamente in qualsiasi situazione di emergenza.

Il periodo da 13 a 27 settimane è considerato il più piacevole - la tossicosi è nel passato, il corpo si è adattato al nuovo stato ed è pieno di energia. Ma dalla 13a settimana circa, il pancreas del bambino inizia a funzionare, e se la madre ha zuccheri alti, il bambino riceve troppa insulina in risposta, il che porta allo sviluppo della fetopatia diabetica (tutti i tipi di disturbi della crescita e dello sviluppo). Dopo il parto in un bambino del genere l'ipoglicemia è inevitabile, a causa della cessazione del flusso di sangue materno "dolce".

Entro la ventesima settimana, il dosaggio di insulina dovrà essere aggiustato di nuovo, poiché la placenta, che è cresciuta, inizia a rilasciare gli ormoni contrainsulari necessari per lo sviluppo del bambino, ma riduce le azioni dell'insulina assunta dalla donna. Durante la gravidanza, la necessità di insulina può aumentare di 2 o più volte, non c'è niente di sbagliato in questo, tutto tornerà alla normalità entro le prime 24 ore dalla nascita. È assolutamente impossibile scegliere le dosi da soli - il pericolo è troppo grande; Solo un endocrinologo può farlo in modo rapido e preciso, basta visitarlo più spesso del solito.

Alla ventesima settimana, una donna viene inviata per un'ecografia per rilevare i segni di anomalie congenite del feto. Allo stesso tempo, devi visitare di nuovo un oculista. L'intero terzo trimestre ogni due settimane viene effettuato con ultrasuoni di controllo. L'ultima fase della gravidanza richiederà un maggiore apporto calorico (per fornire al bambino tutto il necessario) e un aumento delle unità di pane.

Entro la 36a settimana, le donne sono necessariamente ricoverate nel reparto di patologia delle donne incinte per prevenire eventuali complicazioni e scegliere il metodo del parto. Se tutto è in ordine, comprese le dimensioni e la posizione del feto, condurre il parto naturale normale. Le indicazioni per il taglio cesareo sono:

  • ipossia fetale;
  • grande frutto;
  • complicanze della gravidanza in una donna;
  • complicazioni vascolari del diabete.

Se al momento della consegna nel futuro madre non si è sviluppato complicazioni, e il livello di zucchero nel sangue non supera i limiti ammissibili, le nascite sono altrettanto buono come qualsiasi donna sana, e il bambino non è diverso dai loro coetanei.

Un elenco di esempi di esami per la correzione dei disturbi diabetici (e di qualsiasi altro):

  • consultazione dell'endocrinologo;
  • esame completo da parte di un ginecologo e trattamento completo delle infezioni urinarie (se presenti);
  • esame da parte di un oftalmologo (con esame obbligatorio del fondo dell'occhio), se necessario, bruciando attraverso le navi del fondo oculare colpite per evitare la rottura e l'emorragia;
  • uno studio completo della funzione renale;
  • consultazione di un neurologo, cardiologo e terapeuta.

Diabete e gravidanza: dalla pianificazione alla nascita

Relativamente recentemente, i medici erano categoricamente contrari alle donne che devono affrontare una gravidanza incinta e dare alla luce bambini. Si credeva che in questo caso la probabilità di un bambino sano fosse troppo piccola.

Oggi, la situazione nella corteccia è cambiata: in qualsiasi farmacia, è possibile acquistare un misuratore di glicemia portatile, che consente di monitorare i livelli di zucchero nel sangue ogni giorno e, se necessario, più volte al giorno. La maggior parte delle consultazioni e degli ospedali per la maternità dispongono di tutte le attrezzature necessarie per condurre la gravidanza e il parto nei diabetici, nonché per prendersi cura dei bambini nati in tali condizioni.

Grazie a questo, è diventato ovvio che la gravidanza e il diabete mellito sono cose abbastanza compatibili. Una donna con diabete può anche produrre un bambino completamente sano, proprio come una donna sana. Tuttavia, nel corso della gravidanza, il rischio di complicanze nei pazienti diabetici è estremamente alto, la condizione principale per tale gravidanza è la supervisione costante da parte di uno specialista.

Tipi di diabete

La medicina distingue tre tipi di diabete:

  1. Diabete insulino-dipendente, è anche chiamato diabete di tipo 1. Si sviluppa, di regola, l'adolescenza;
  2. Diabete insulino-indipendente, rispettivamente, diabete di tipo 2. Si verifica nelle persone sopra i 40 anni in sovrappeso;
  3. Diabete gestazionale durante la gravidanza.

Il più comune tra le donne incinte è di tipo 1, per la semplice ragione che colpisce le donne in età fertile. Il diabete di tipo 2, sebbene più comune di per sé, è molto meno comune nelle donne in gravidanza. Il fatto è che le donne incontrano questo tipo di diabete molto più tardi, proprio prima della menopausa, o anche dopo la sua comparsa. Il diabete gestazionale è estremamente raro e causa molti meno problemi rispetto a qualsiasi tipo di malattia.

Diabete gestazionale

Questo tipo di diabete si sviluppa solo durante la gravidanza e passa senza lasciare traccia dopo il parto. La sua causa è un carico crescente sul pancreas dovuto al rilascio di ormoni nel sangue, il cui effetto è opposto all'insulina. Di solito, il pancreas affronta questa situazione, ma in alcuni casi il livello di zucchero nel sangue salta notevolmente.

Nonostante il fatto che il diabete gestazionale sia estremamente raro, è consigliabile conoscere i fattori di rischio e i sintomi per escludere questa diagnosi da soli.

I fattori di rischio sono:

  • l'obesità;
  • sindrome dell'ovaio policistico;
  • zucchero nelle urine prima della gravidanza o al suo esordio;
  • la presenza di diabete in uno o più parenti;
  • diabete in gravidanze precedenti.

Più fattori ci sono in un caso particolare, maggiore è il rischio di sviluppare la malattia.

I sintomi del diabete durante la gravidanza, di regola, non sono pronunciati, e in alcuni casi è completamente asintomatico. Tuttavia, anche se i sintomi sono chiaramente espressi, è difficile sospettare il diabete. Giudica tu stesso:

  • sete intensa;
  • sensazione di fame;
  • minzione frequente;
  • visione offuscata.

Come puoi vedere, quasi tutti questi sintomi si verificano spesso durante la gravidanza normale. Pertanto, è necessario eseguire regolarmente e regolarmente un esame del sangue per lo zucchero. All'aumentare del livello, i medici prescrivono ulteriori ricerche. Maggiori informazioni sul diabete gestazionale →

Diabete e gravidanza

Quindi, è stato deciso di essere incinta. Tuttavia, prima di procedere con l'implementazione del piano, non sarebbe una cattiva idea capire l'argomento per immaginare cosa ti sta aspettando. Di norma, questo problema è rilevante per i pazienti con diabete di tipo 1 durante la gravidanza. Come accennato in precedenza, le donne con diabete di tipo 2 di solito non cercano più e spesso non possono partorire.

Pianificazione della gravidanza

Ricorda una volta per tutte, con qualsiasi forma di diabete, solo una gravidanza programmata è possibile. Perché? È abbastanza ovvio. Se la gravidanza è accidentale, la donna ne sarà a conoscenza solo poche settimane dopo il concepimento. Durante queste poche settimane, tutti i principali sistemi e organi della futura persona si stanno già formando.

E se durante questo periodo almeno una volta il livello di zucchero nel sangue salta forte, le patologie dello sviluppo non possono essere evitate. Inoltre, idealmente, salti bruschi nel livello di zucchero non dovrebbero essere negli ultimi mesi prima della gravidanza, in quanto ciò potrebbe influenzare lo sviluppo del feto.

Molti pazienti con diabete mellito non eseguono misurazioni regolari della glicemia e pertanto non si ricordano i numeri esatti, che sono considerati la norma. Non ne hanno bisogno, basta solo fare un esame del sangue e ascoltare il verdetto del medico. Tuttavia, durante la pianificazione e la gestione della gravidanza, dovrai monitorare questi indicatori da solo, quindi devi conoscerli ora.

Il livello normale è 3,3-5,5 mmol. La quantità di zucchero da 5,5 a 7,1 mmol è chiamata condizione pre-diabete. Se il livello di zucchero supera la cifra di 7,1, ho pregato, quindi stanno già parlando di uno o di un altro stadio del diabete.

Si scopre che la preparazione per la gravidanza dovrebbe iniziare tra 3-4 mesi. Prendi un metro tascabile in modo da poter controllare il livello di zucchero in qualsiasi momento. Poi visita il tuo ginecologo e endocrinologo e informali che stai pianificando una gravidanza.

Un ginecologo esaminerà una donna per la presenza di co-infezioni delle infezioni urinarie e le aiuterà a trattarle se necessario. Un endocrinologo ti aiuterà a selezionare la dose di insulina per il risarcimento. La comunicazione con l'endocrinologo è obbligatoria e durante tutta la gravidanza.

La consultazione di un oftalmologo non sarà meno obbligatoria. Il suo compito è esaminare i vasi del fondo e valutare le loro condizioni. Se alcuni di loro sembrano inattendibili, al fine di evitare lacune, sono cauterizzati. La consultazione ripetuta dell'oftalmologo è necessaria anche prima del parto. Problemi con vasi dell'occhio del giorno possono benissimo diventare un'indicazione per il taglio cesareo.

Si può essere invitati a visitare altri specialisti per valutare il grado di rischio durante la gravidanza e prepararsi per le possibili conseguenze. Solo dopo che tutti gli esperti hanno fatto un cenno alla gravidanza, sarà possibile annullare la contraccezione.

Da questo punto in poi, è necessario monitorare molto attentamente la quantità di zucchero nel sangue. Molto dipende da come ciò sarà fatto con successo, inclusa la salute del bambino, la sua vita e la salute della madre.

Controindicazioni alla gravidanza con il diabete

Sfortunatamente, in alcuni casi, una donna con diabete è ancora controindicata per partorire. In particolare, la combinazione del diabete con le seguenti malattie e patologie è assolutamente incompatibile con la gravidanza:

  • ischemia;
  • insufficienza renale;
  • gastroenteropathy;
  • fattore Rh negativo nella madre.

Caratteristiche del corso della gravidanza

All'inizio della gravidanza, sotto l'influenza dell'estrogeno ormone in donne in gravidanza con diabete mellito, si osserva un miglioramento della tolleranza dei carboidrati. In connessione con questo, aumenta la sintesi di insulina. Durante questo periodo, la dose giornaliera di insulina, abbastanza naturalmente, dovrebbe essere ridotta.

A partire da 4 mesi, quando la placenta è finalmente formata, inizia a produrre ormoni controinsulinici, come prolattina e glicogeno. La loro azione è la stessa dell'insulina, quindi il volume delle iniezioni dovrà essere nuovamente aumentato.

Inoltre, a partire dalla settimana 13, è necessario stringere il controllo sul livello di zucchero nel sangue, perché in questo periodo il pancreas del bambino inizia il suo lavoro. Comincia a reagire al sangue della madre, e se c'è troppo zucchero in lei, il pancreas risponde con l'iniezione di insulina. Di conseguenza, il glucosio si rompe e viene trasformato in grasso, cioè il feto sta guadagnando attivamente massa grassa.

Inoltre, se durante l'intera gravidanza il bambino incontrava spesso sangue della madre "addolcito", è probabile che in seguito affronterà anche il diabete. Naturalmente, in questo periodo, la compensazione del diabete è semplicemente necessaria.

Presta attenzione al fatto che in qualsiasi momento l'endocrinologo deve selezionare la dose di insulina. Solo uno specialista esperto può farlo in modo rapido e preciso. Mentre esperimenti indipendenti possono portare a risultati disastrosi.

Verso la fine della gravidanza, l'intensità della produzione di ormoni continulinici diminuisce nuovamente, il che costringe a ridurre il dosaggio di insulina. Per quanto riguarda il parto, è quasi impossibile prevedere quale sarà il livello di glucosio nel sangue, pertanto il monitoraggio del sangue viene effettuato ogni poche ore.

Principi di gravidanza nel diabete

È del tutto naturale che la gestione della gravidanza in questi pazienti sia fondamentalmente diversa dalla gestione della gravidanza in qualsiasi altra situazione. Il diabete mellito durante la gravidanza crea prevedibilmente problemi aggiuntivi per una donna. Come si può vedere dall'inizio dell'articolo, i problemi associati alla malattia cominceranno a disturbare una donna in fase di progettazione.

La prima volta dovrai visitare il ginecologo ogni settimana e, in caso di complicazioni, le visite diventeranno quotidiane o la donna sarà ricoverata in ospedale. Tuttavia, anche se tutto va bene, devi ancora essere in ospedale più volte.

Il primo ricovero in ospedale viene nominato nelle prime fasi, fino a 12 settimane. Durante questo periodo, un esame completo della donna. Identificazione dei fattori di rischio e controindicazioni alla gravidanza. Sulla base dei risultati del sondaggio, si decide di mantenere la gravidanza o di interromperla.

La seconda volta che una donna ha bisogno di andare in ospedale a 21-25 settimane. In questo periodo è necessario un riesame, durante il quale vengono identificate possibili complicanze e patologie e viene prescritto un trattamento. Nello stesso periodo, una donna viene indirizzata per un'ecografia e, successivamente, viene sottoposta a questo studio settimanalmente. È necessario monitorare lo stato del feto.

Il terzo account di ospedalizzazione per 34-35 settimane. E in ospedale, la donna rimane prima della nascita. E ancora, non farà a meno di un sondaggio. Il suo obiettivo è valutare la condizione del bambino e decidere quando e come avverrà la nascita.

Poiché il diabete in sé non impedisce il parto naturale, questa opzione rimane sempre la più desiderabile. Tuttavia, a volte il diabete porta a complicazioni che rendono impossibile aspettare una gravidanza a termine. In questo caso, viene stimolato l'inizio dell'attività lavorativa.

Ci sono un certo numero di situazioni che costringono i medici a soffermarsi su una variante del taglio cesareo, tali situazioni includono:

  • grande frutto;
  • presentazione pelvica;
  • pronunciate complicazioni diabetiche nella madre o nel feto, incluso oftalmologico.

Parto con il diabete

Durante la nascita ha anche le sue caratteristiche. Prima di tutto, devi prima preparare il canale del parto. Se questo può essere fatto, il parto di solito inizia con il piercing della bolla amniotica. Inoltre, per migliorare l'attività lavorativa è possibile inserire gli ormoni necessari. La componente obbligatoria in questo caso è l'anestesia.

Glicemia e battito cardiaco fetale sono monitorati su base obbligatoria con l'aiuto di CHT. All'attenuazione dell'attività lavorativa di una donna incinta, l'ossitocina viene somministrata per via endovenosa e con un forte aumento di zucchero, insulina.

A proposito, in alcuni casi, insieme all'insulina, il glucosio può anche essere somministrato. Non c'è niente di sedizioso e pericoloso in questo, quindi non c'è bisogno di resistere a una simile mossa da parte dei medici.

Se, dopo la somministrazione di ossitocina e l'apertura della cervice, l'attività lavorativa inizia a svanire o si verifica ipossia acuta, gli ostetrici possono ricorrere all'uso del forcipe. Se l'ipossia inizia anche prima che la cervice si sia aperta, allora, molto probabilmente, la consegna avverrà con taglio cesareo.

Tuttavia, indipendentemente dal fatto che la nascita avverrà in modo naturale, o dal taglio cesareo, la possibilità di un bambino sano è piuttosto alta. L'importante è essere attenti al proprio corpo e in tempo per reagire a tutti i cambiamenti negativi e osservare scrupolosamente le prescrizioni del medico.

Diabete e gravidanza

Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da insufficienza nel corpo di insulina (ormone pancreatico responsabile dello scambio di glucosio), quando il pancreas produce una piccola quantità di questo ormone. Prima che l'insulina fosse usata come medicinale, il parto nelle donne con diabete era raro. La gravidanza si è verificata solo nel 5% delle donne e ha minacciato la loro vita, la mortalità fetale fetale ha raggiunto il 60%. Il trattamento con insulina ha permesso alla maggior parte delle donne diabetiche di avere figli. Sebbene la mortalità fetale intrauterina sia anche possibile con le tattiche razionali di trattamento e gestione della gravidanza, la sua probabilità può essere significativamente ridotta. Pertanto, è molto importante che una donna con diabete si prepari alla gravidanza sotto la supervisione di un endocrinologo e continui a monitorare durante la gravidanza.

Mai Shechtman
Accademico dell'International Academy of Informatization, Professor, Ph.D.

Chi è nel "gruppo a rischio"?

La predisposizione delle donne al diabete può essere pensata nei seguenti casi:

  • se entrambi i genitori di una donna hanno il diabete,
  • se il suo gemello identico è diabetico,
  • Se una donna ha avuto in precedenza figli di oltre 4500 g,
  • se una donna è obesa,
  • se avesse abortito abituale,
  • a molta acqua,
  • con glucosuria (rilevamento di zucchero nelle urine).

Il fatto che una donna soffra di diabete è più spesso noto prima della gravidanza, ma il diabete può manifestarsi per la prima volta mentre trasporta un bambino.

I sintomi della malattia

L'insulina ha un effetto su tutti i tipi di metabolismo. Con la mancanza di questo ormone, l'assorbimento del glucosio è compromesso, la sua decomposizione aumenta, con conseguente aumento del glucosio nel sangue (iperglicemia) - il principale sintomo del diabete.

I pazienti con diabete mellito lamentano secchezza delle fauci, sete, consumo di una maggiore quantità di liquido (più di 2 litri), abbondanza di minzione, aumento o diminuzione dell'appetito, debolezza, perdita di peso, prurito della pelle, specialmente nella regione perineale, disturbi del sonno. Hanno una tendenza a malattie della pelle pustolosa, foruncolosi.

I test di laboratorio sono necessari per la diagnosi del diabete mellito, in particolare per determinare la quantità di zucchero nel sangue. La diagnosi di diabete mellito può essere fatta a livello di glucosio nel sangue prelevato a stomaco vuoto da una vena, sopra 7,0 mmol / lo nel sangue prelevato da un dito sopra 6,1 mmol / l. Questo livello è chiamato iperglicemia.

Il sospetto diabete mellito si verifica quando il livello di glicemia a digiuno nel range di 4,8-6,0 mmol / l. Quindi è necessario condurre un test di tolleranza al glucosio più complesso: questo test consente di esplorare la risposta del corpo all'introduzione di una quantità aggiuntiva di glucosio. Con l'iperglicemia iniziale, la diagnosi è chiara e il test non è necessario. Determinare la glicemia dovrebbe essere all'inizio della gravidanza settimanale, e entro la fine della gravidanza - 2-3 volte a settimana.

Il secondo indicatore importante del diabete è la rilevazione di zucchero nelle urine (glucosuria), ma con la presenza simultanea di iperglicemia (aumento dei livelli di zucchero nel sangue). La glucosuria senza iperglicemia si riscontra spesso in donne sane e viene chiamata "glucosuria nelle donne in gravidanza". Questa condizione non è un segno di malattia.

Il diabete severo viola non solo i carboidrati, ma anche il metabolismo dei grassi. Quando scompare il diabete mellito, compare chetonemia (un aumento della quantità di prodotti del metabolismo dei grassi nei corpi dei chetoni del sangue, incluso l'acetone) e l'acetone si trova nelle urine.

Con un livello di zucchero nel sangue normale stabile e la normalizzazione del test di tolleranza al glucosio, si ritiene che il diabete mellito sia in uno stato di compensazione.

Il diabete mellito si verifica con la sconfitta di molti organi e sistemi corporei: piccoli vasi oculari, reni, pelle, muscoli, sistema nervoso, tratto gastrointestinale sono interessati.

La malattia dell'occhio è particolarmente pericolosa - retinopatia diabetica, accompagnata da un progressivo calo dell'acuità visiva, emorragia retinica e cecità minacciosa. Il danno renale si manifesta con l'aumento della pressione sanguigna, la presenza di proteine ​​nelle urine, edema, deterioramento della vista, insufficienza renale cronica (disturbo dell'ambiente interno del corpo causato dalla morte irreversibile del tessuto renale), che in questo caso si sviluppa prima rispetto ad altre malattie renali. Il diabete contribuisce alla comparsa di un'altra patologia renale, in particolare correlata all'infezione: pielonefrite, cistite. Nel diabete mellito, c'è un indebolimento del sistema immunitario, che è probabilmente una delle cause delle frequenti complicanze batteriche.

Il diabete colpisce i genitali. Le donne hanno aborti spontanei, parto prematuro, morte fetale.

Una complicanza pericolosa della gravidanza sono le condizioni di coma. Ketonemic (un altro nome - diabetico) e coma ipoglicemico possono svilupparsi, in cui il paziente perde conoscenza. I motivi possono essere violazioni della dieta (assunzione eccessiva o insufficiente di carboidrati) e una dose inadeguata di glucosio nel sangue - troppo alta o insufficiente.

Esistono tre tipi di diabete:

1 grado (lieve): iperglicemia a digiuno inferiore a 7,7 mmol / l; la normalizzazione dei livelli di zucchero nel sangue può essere raggiunta con una sola dieta.

Grado 2 (moderato): l'iperglicemia a digiuno è inferiore a 12,7 mmol / l; non c'è abbastanza dieta per normalizzare la glicemia, è necessario un trattamento con insulina.

Grado 3 (grave): iperglicemia a digiuno superiore a 12,7 mmol / l, danno d'organo vascolare espresso, presenza di acetone nelle urine.

Caratteristiche del decorso della malattia nelle donne in gravidanza

Durante la gravidanza, il diabete mellito cambia significativamente. Ci sono diverse fasi di questi cambiamenti.

  1. Nel primo trimestre di gravidanza, il decorso della malattia migliora, il livello di glucosio nel sangue diminuisce e questo può portare allo sviluppo dell'ipoglicemia. Pertanto, la dose di insulina è ridotta di 1 /3.
  2. Dalla 13a settimana di gravidanza, c'è un peggioramento del decorso della malattia, un aumento dell'iperglicemia, che può portare al coma. La dose di insulina deve essere aumentata.
  3. Dalle 32 settimane di gestazione alla nascita, il diabete può essere nuovamente migliorato e può verificarsi ipoglicemia. Pertanto, la dose di insulina è ridotta del 20-30%.
  4. Alla nascita, ci sono significative fluttuazioni dei livelli di zucchero nel sangue; l'iperglicemia può svilupparsi sotto l'influenza di influenze emotive (dolore, paura) o ipoglicemia come risultato del lavoro fisico svolto, l'affaticamento di una donna.
  5. Dopo la nascita, la glicemia diminuisce rapidamente e poi aumenta gradualmente, dal 7 ° al 10 ° giorno del periodo post-partum, raggiungendo il livello che era prima della gravidanza.

In relazione a questa dinamica del processo patologico, una donna è ricoverata in ospedale per la correzione delle dosi di insulina nei seguenti periodi di gravidanza:

  1. nelle prime settimane, non appena viene diagnosticata la gravidanza, per valutare la gravità della malattia e compensare attentamente il diabete;
  2. 20-24 settimane, quando il decorso della malattia peggiora;
  3. a 32 settimane per compensare il diabete mellito e decidere la data e il metodo di consegna.

La gravidanza influisce negativamente sul decorso del diabete. Le malattie vascolari stanno progredendo, in particolare la retinopatia diabetica è diagnosticata nel 35% dei pazienti, il danno renale diabetico contribuisce all'aderenza della gestosi - complicazioni della gravidanza, manifestate da ipertensione, comparsa di edema, proteine ​​nelle urine, recidiva di riacutizzazioni di pielonefrite.

La gravidanza nelle donne con diabete mellito procede con un gran numero di gravi complicanze. La gestosi si sviluppa nel 30-70% delle donne. Si manifesta principalmente per l'aumento della pressione sanguigna e dell'edema, ma esistono anche frequenti forme gravi di preeclampsia fino all'eclampsia (convulsioni convulsive con perdita di coscienza). Con una combinazione di preeclampsia e danno renale diabetico, il pericolo per la vita della madre aumenta drammaticamente, poiché l'insufficienza renale può svilupparsi a causa di un significativo deterioramento della funzionalità renale. La frequenza dei nati morti con pazienti diabetici con diabete è del 18-46%.

L'aborto spontaneo si verifica nel 15-31% delle donne a 20-27 settimane di gravidanza o prima. Ma con un'attenta osservazione e trattamento, la minaccia di aborto spontaneo non supera quella delle donne sane. La nascita pretermine è frequente, le donne con diabete raramente donano prima del parto. Nel 20-60% delle donne incinte può essere acqua alta. In caso di polidramnios, le malformazioni fetali e la mortalità fetale sono spesso diagnosticate (nel 29%). La morte fetale fetale di solito si verifica a 36-38 settimane di gestazione. Più spesso accade con frutti grandi, manifestazioni di diabete e preeclampsia. Se durante la gravidanza vengono diagnosticati polidramnios e malformazioni fetali, allora forse i medici solleveranno la questione dell'induzione del travaglio a 38 settimane.

Le consegne non procedono sempre in sicurezza per la madre e il feto a causa delle grandi dimensioni di quest'ultimo, causando lesioni - sia materne che infantili.

La frequenza delle complicazioni infettive postpartum nei pazienti con diabete è significativamente più alta rispetto alle donne sane. Non c'è abbastanza lattazione.

A causa del peggioramento del decorso della malattia durante la gravidanza e dell'aumento della frequenza delle complicanze della gravidanza, non tutte le donne con diabete possono tranquillamente essere sottoposte a gravidanza e parto. La gravidanza è controindicata:

  1. in mikrangiopatii diabetico (danno alle piccole navi di vari organi),
  2. con forme di malattia insulino-resistenti (quando il trattamento con insulina non aiuta),
  3. in caso di diabete di entrambi i coniugi (il rischio di una malattia ereditaria di un bambino è alto),
  4. con una combinazione di diabete e conflitto Rhesus (una condizione in cui gli eritrociti del feto Rh positivo sono distrutti da anticorpi prodotti nel corpo della madre negativo al riscontro),
  5. con una combinazione di diabete e tubercolosi attiva,
  6. in presenza di una donna in passato ha ripetuto nati morti o bambini nati con disabilità dello sviluppo.

Se la gravidanza procede in modo sicuro, il diabete mellito è compensato, il travaglio deve essere tempestivo e condotto attraverso il canale del parto. Con diabete insufficientemente compensato o con un complicato ciclo di gravidanza, la consegna prematura avviene a 37 settimane. Spesso in pazienti con diabete c'è una necessità di consegna chirurgica da taglio cesareo.

I bambini nelle donne con diabete sono nati grandi a causa del tessuto adiposo (peso oltre 4500 g, altezza 55-60 cm). Sono caratterizzati dalla fetopatia diabetica: gonfiore, cianosi (colorante cianotico della pelle), faccia a forma di luna (viso arrotondato a causa delle peculiarità della deposizione di grasso), eccessiva deposizione di grasso, immaturità. Questi bambini sono molto peggio adattati nel primo periodo postpartum, che si manifesta con lo sviluppo di ittero, una significativa perdita di peso corporeo e il suo lento recupero. L'altro estremo - ipotrofia fetale (basso peso corporeo) - si verifica nel diabete mellito nel 20% dei casi.

Le malformazioni congenite si presentano 2-4 volte più spesso rispetto alla gravidanza normale. I fattori di rischio per la loro insorgenza nel diabete mellito sono uno scarso controllo del diabete prima del concepimento, una durata della malattia di oltre 10 anni e una malattia vascolare diabetica. Le cause genetiche non possono essere escluse. Si ritiene che nelle primissime fasi della gravidanza l'iperglicemia interferisca con la formazione di organi. 5 volte più spesso che nelle donne sane, i bambini nascono con difetti cardiaci, spesso con danni ai reni, al cervello e anormalità intestinali. Incompatibile con le malformazioni della vita si verificano nel 2,6% dei casi.

I disturbi dello sviluppo prenatale possono essere identificati attraverso studi speciali.

Il rischio di diabete nella prole con diabete di uno dei genitori è del 2 - 6%, entrambi - 20%.

trattamento

Una donna con diabete dovrebbe, prima della gravidanza, sotto la supervisione di un medico, ottenere il pieno risarcimento per il diabete e mantenere questa condizione per tutta la gravidanza.

Il principio principale del trattamento del diabete durante la gravidanza è il desiderio di compensare completamente la malattia attraverso un'adeguata terapia insulinica in combinazione con una dieta bilanciata.

La dieta delle donne in gravidanza con diabete mellito deve essere coordinata con l'endocrinologo. Contiene una quantità ridotta di carboidrati (200-250 g), grassi (60-70 g) e una quantità normale o addirittura maggiore di proteine ​​(1-2 g per 1 kg di peso corporeo); valore energetico - 2000-2200 kcal. Con l'obesità richiede una dieta subcalorica: 1600-1900 kcal. È molto importante consumare la stessa quantità di carboidrati ogni giorno. L'alimentazione dovrebbe coincidere nel tempo con l'insorgenza e l'effetto massimo dell'insulina, quindi i pazienti che assumono preparati insulinici combinati (insulina prolungata e semplice) dovrebbero ricevere cibi ricchi di carboidrati una volta e mezza e 5 ore dopo la somministrazione di insulina e anche prima di andare a letto e al risveglio. È vietato utilizzare carboidrati rapidamente assorbiti: zucchero, caramelle, marmellata, miele, gelato, cioccolato, torte, bevande dolci, succo d'uva, semolino e porridge di riso. Nelle donne in gravidanza con diabete senza obesità, una tale dieta aiuta a normalizzare il peso corporeo dei neonati. Le donne in gravidanza che soffrono di diabete dovrebbero essere frazionarie, preferibilmente 8 volte al giorno. Durante la gravidanza, un paziente con diabete non deve assumere più di 10-12 kg di peso.

Nella dieta delle donne in gravidanza con diabete mellito, sono necessarie vitamine A, gruppi B, C e D, acido folico (400 mcg al giorno) e ioduro di potassio (200 mcg al giorno).

Se dopo 2 settimane di trattamento con una dieta almeno due volte i numeri di glucosio sono elevati, passano alla terapia insulinica. Anche una crescita troppo rapida del feto, anche con livelli normali di zucchero nel sangue, è un'indicazione per il trattamento con insulina. La dose di insulina, il numero di iniezioni e il tempo di somministrazione del farmaco sono prescritti e monitorati da un medico. Al fine di evitare le lipodistrofie (assenza di tessuto sottocutaneo nei siti di iniezione), l'insulina deve essere somministrata nello stesso posto non più di 1 volta in 7 giorni.

Nel diabete mellito lieve, la fitoterapia è accettabile. Un certo numero di piante possiede proprietà ipoglicemizzanti. Ad esempio, puoi foglie di mirtillo (60 g) infornare in un litro di acqua bollente, insistere per 20 minuti, scolare; bere 100 ml 4 - 5 volte al giorno, per un lungo periodo, sotto il controllo della glicemia. È possibile utilizzare la seguente collezione: 5 g di baccelli di fagioli senza semi, 5 g di foglie di mirtillo, 5 g di paglia d'avena tagliata, 3 g di semi di lino, 2 g di radice di bardana tagliata mescolata, versare 600 ml di acqua bollente, far bollire per 5 minuti, insistere per 20 minuti, filtrare. Bere 50 ml 6 volte al giorno per 4-6 mesi.

Oltre alle diete e all'insulina, è utile per i pazienti con diabete mellito, nel qual caso i muscoli in funzione consumano glucosio e il contenuto di zucchero nel sangue diminuisce. Le donne incinte sono consigliate per camminare come esercizi fisici.

I pazienti con diabete dovrebbero usare un glucometro, strisce diagnostiche per l'autocontrollo, tuttavia, è impossibile diagnosticare il diabete sulla base di questi studi, perché non sono abbastanza accurati.

Tutto quanto sopra descritto si riferisce al diabete mellito di tipo 1 - è il diabete che si manifesta in giovane età e la formazione dell'insulina nel pancreas è sempre compromessa. Molto meno comune nelle donne in gravidanza sono il diabete di tipo 2 e il diabete gravido.

Il diabete di tipo 2 si verifica nelle persone di età superiore a 30 anni, spesso in presenza di obesità. In questa forma di diabete, lo stato degli organi riproduttivi non è quasi disturbato. Tuttavia, il rischio di diabete nella prole è molto alto. Le donne con diabete di tipo 2 di solito partoriscono durante la gravidanza a termine.

Gli agenti antidiabetici (non l'insulina) sotto forma di compresse che trattano il diabete di tipo 2 sono controindicati per le donne in gravidanza: attraversano la placenta e hanno un effetto dannoso sul feto (causando la formazione di malformazioni fetali), pertanto, nel diabete di tipo 2, alle donne incinte viene anche prescritta l'insulina.

Il diabete delle donne incinte si verifica nel 4% delle donne. Questa forma di diabete si sviluppa durante la gravidanza, passa poco dopo il suo completamento. Si sviluppa in donne obese con diabete nei parenti. La sua presenza può indicare una storia ostetrica appesantita (aborto spontaneo, natimortalità, polidramnios e nascita di bambini grandi in passato). Questa forma di diabete è rilevata con l'aiuto di un test speciale per la tolleranza al glucosio, il più delle volte a 27 - 32 settimane di gravidanza. Il diabete in gravidanza scompare 2-12 settimane dopo il parto. Nei prossimi 10-20 anni, queste donne spesso sviluppano il diabete come una malattia cronica. La gravidanza con diabete nelle donne in gravidanza procede nello stesso modo del diabete di tipo 2.

Circa il 25% delle donne con diabete in gravidanza necessitano di terapia insulinica.

La gravidanza è un test serio per la salute di una donna che soffre di diabete. Per il suo completamento di successo richiede una scrupolosa attuazione di tutte le raccomandazioni del endocrinologo.

Altri Articoli Sul Diabete

La quantità di glucosio e il tasso di zucchero nel sangue nei bambini è uno dei principali criteri biochimici. Se un bambino non si lamenta della cattiva salute, allora è necessario fare un'analisi per lo zucchero una volta ogni 6-12 mesi durante un esame di routine del bambino, e qualunque sia l'analisi, lo zucchero deve essere conosciuto.

Sempre più persone negli ultimi anni si trovano ad affrontare processi metabolici alterati nel corpo.

Il diabete mellito è una malattia del sistema endocrino con un decorso progressivo cronico che non è suscettibile di completare la cura, ma può essere compensato con un'adeguata terapia medica e sostitutiva, un'alimentazione razionale e un'attività fisica sufficiente.