loader

Trattamento dell'ipertensione nel diabete mellito di tipo 2: una lista di pillole

Allo stato attuale, un farmacista in qualsiasi farmacia può offrire varie pillole per la pressione sanguigna per il diabete di tipo 2, la cui lista è piuttosto lunga.

"Malattia dolce" con trattamento inefficace porta a molte complicazioni, una delle più pericolose è l'ipertensione. È caratterizzato da un aumento significativo della pressione sanguigna (BP).

Il diabete mellito e la pressione nel complesso aumentano la probabilità di ictus, ischemia, uremia, gangrena degli arti inferiori o perdita della vista. Pertanto, è importante sapere come trattare l'ipertensione nel diabete per prevenire lo sviluppo di patologie indesiderate.

Cause di ipertensione

Mi chiedo quale pressione nel diabete sia accettabile? Dopotutto, nelle persone sane dovrebbe essere 120/80.

La pressione nel diabete non dovrebbe superare il valore soglia di 130/85. Se questo indicatore viene superato, è necessario richiedere urgentemente un esperto.

Quali sono le cause della pressione alta nei diabetici? Beh, sono un bel po '. L'aumento della pressione nel diabete di tipo 1 nell'80% dei casi è dovuto alla patologia renale.

Nel secondo tipo di malattia, l'ipertensione, cioè un persistente aumento della pressione arteriosa, si verifica spesso prima del disturbo del processo metabolico.

A seconda del tipo di ipertensione, ha una diversa natura di evento. I seguenti sono i principali tipi e cause dello sviluppo della patologia:

  1. Essenziale, la cosiddetta malattia ipertensiva, che si verifica nel 90-95% dei casi con ipertensione.
  2. Isolato sistolico, risultante da una diminuzione dell'elasticità delle pareti vascolari, nonché disfunzione neuro-ormonale.
  3. Renale (nefrogenico), i cui principali motivi sono associati al funzionamento dell'organo associato. Questi includono nefropatia diabetica, policistica, pielonefrite e glomerulonefrite
  4. Endocrino, che si sviluppa estremamente raramente. Tuttavia, le principali cause della malattia sono la sindrome di Cushing, il feocromocitoma e l'iperaldosteronismo primario.

Lo sviluppo dell'ipertensione nel diabete di tipo 2 può essere causato da altre cause. Ad esempio, nelle donne che assumevano contraccettivi ormonali, il rischio di malattia ipertensiva aumenta in modo significativo. Aumenta anche le probabilità che un paziente diabetico ottenga ipertensione, inoltre, se è più vecchio, ha problemi di sovrappeso o ha una "esperienza" considerevole di fumo.

A volte l'insorgenza di ipertensione nel diabete mellito può essere innescata da una mancanza di magnesio, intossicazione da certe sostanze, restringimento di una grande arteria, nonché da situazioni di stress cronico.

Le cause della malattia, come vediamo, sono molte. Pertanto, in caso di diabete, è importante rispettare le regole di base del suo trattamento di successo, tra cui nutrizione speciale, sport, farmaci (metformina, ecc.) E regolare controllo della glicemia.

Caratteristiche del corso di ipertensione

Nel diabete di tipo 1, un aumento della pressione è spesso causato dalla disfunzione renale. Passa attraverso diverse fasi: microalbuminuria, proteinuria e insufficienza cronica.

Molti studi mostrano che di tutti i pazienti con diabete di tipo 1, solo il 10% non ha malattie renali. Poiché i reni non sono in grado di espellere completamente il sodio, l'ipertensione si sviluppa nel diabete. Nel corso del tempo, la concentrazione di sodio nel sangue può aumentare e con esso si accumula e fluisce. L'eccesso di sangue circolante porta al fatto che la pressione sanguigna aumenta.

La nefropatia diabetica e l'ipertensione sono un circolo vizioso. La compromissione della funzionalità renale è compensata da un aumento della pressione sanguigna. Quest'ultimo aumenta la pressione intragliale, che porta alla graduale distruzione degli elementi filtranti.

Ipertensione e diabete mellito di tipo 2 interagiscono prima che compaiano segni gravi. Tutto inizia con il processo di perdere la reazione delle strutture tissutali in un ormone ipoglicemizzante. Per compensare l'insulino-resistenza, l'insulina inizia ad accumularsi nel sangue, aumentando la pressione sanguigna nel diabete. Questo fenomeno alla fine porta a un restringimento del lume dei vasi a causa degli effetti avversi dell'aterosclerosi.

Una caratteristica del processo anormale nel diabete mellito non insulino-dipendente è l'obesità addominale (accumulo di grasso nella vita). Con la ripartizione delle sostanze grasse vengono rilasciate, aumentando ancora di più la pressione. Nel corso del tempo si sviluppa insufficienza renale, ma può essere prevenuta se il trattamento viene preso sul serio.

L'aumento della concentrazione di insulina (iperinsulinismo) comporta l'ipertensione nel diabete di tipo 2. L'iperinsulinismo può sollevarlo perché:

  • il sodio e il liquido non sono completamente escreti dai reni;
  • il sistema nervoso simpatico è attivato;
  • inizia l'accumulo intracellulare di calcio e sodio;
  • diminuisce l'elasticità dei vasi sanguigni.

Per prevenire l'ipertensione, è necessario trattenere alti e bassi livelli di zucchero nel sangue.

Gli indicatori sono 5,5 mmol / l, è necessario lottare per questo.

Trattamento con ACE inibitori e ARB

Avendo appreso le informazioni, come la pressione arteriosa aumenta nel diabete mellito, puoi passare alla domanda su come ridurla e quali pillole per l'ipertensione possono usare.

Per cominciare, soffermiamoci sugli ACE-inibitori in modo più dettagliato, perché questo è un gruppo essenziale di farmaci che possono abbassare la pressione sanguigna.

Va notato immediatamente che il farmaco dovrà essere cancellato se il paziente con diabete ha sviluppato una stenosi dell'arteria di un singolo rene o stenosi bilaterale.

Il trattamento dell'ipertensione nel diabete mellito di tipo 2 con ACE-inibitori viene annullato quando il paziente ha:

  1. La creatinina aumenta di oltre il 30% dopo 7 giorni di trattamento con questo farmaco.
  2. È stata rilevata iperkaliemia, in cui il livello di potassio non è inferiore a 6 mmol / l.
  3. Il periodo di trasporto di un bambino o l'allattamento al seno.

In farmacia è possibile acquistare Captopril, Capoten, Perindopril, ecc. In questo modo è possibile prevenire un'alta pressione del diabete utilizzando gli ACE-inibitori. Ma prima di prenderli, è necessario consultare un medico.

Nel diabete mellito di tipo 2, il trattamento prevede l'assunzione di bloccanti dei recettori dell'angiotensina (ARB) o di sartani per ridurre la pressione. Va notato che gli ARB non influenzano in alcun modo i processi metabolici, aumentando la suscettibilità diabetica delle strutture tissutali alla produzione dell'ormone con elevati livelli di zucchero nel sangue.

Tali farmaci da alta pressione nel diabete mellito sono trasferiti abbastanza facilmente da molti pazienti. Pertanto, è possibile scegliere i seguenti farmaci per l'ipertensione - Valsartan, Azilsartan, Candesartan, ecc.

Rispetto agli ACE-inibitori, i sartani presentano molte meno reazioni negative e l'effetto terapeutico può essere osservato già dopo due settimane.

Gli studi hanno dimostrato che una tale medicina per l'ipertensione abbassa davvero la secrezione delle proteine ​​delle urine.

Uso di diuretici e antagonisti del calcio

Quali farmaci per la pressione possono essere utilizzati quando la ritenzione di sodio si verifica nel corpo umano? Per questo, prendere diuretici o diuretici è sufficiente.

Ci sono molti fattori da considerare quando si sceglie una pillola a pressione per il diabete.

Quindi, in caso di disfunzione renale da pressione, è meglio bere diuretici "ad anello".

In caso di diabete del secondo tipo, i medici non raccomandano l'uso di diuretici dei seguenti tipi:

  • osmotico (mannitolo), poiché possono causare uno stato di coma ipersolare;
  • tiazide (Xipamide, Ipotiazide), poiché i farmaci con zucchero elevato causano ipertensione;
  • inibitori dell'anidrasi carbonica (Diacarb) - farmaci che non mostrano il giusto effetto ipotensivo, il loro uso non è sufficientemente efficace.

Le pillole più efficaci per il diabete sono i diuretici a circuito chiuso. In farmacia, puoi comprare Bufenox o Furosemide. I prezzi dei farmaci che riducono la pressione sanguigna possono variare significativamente se ordinati online.

Ecco una delle recensioni positive di Anna (55 anni): "Soffro di diabete di tipo 2 da 8 anni. Gli ultimi anni hanno cominciato a preoccuparsi della pressione. È stata trattata con Diacarb, ma la droga praticamente non ha aiutato. Ma poi ha visto Bufenox e ha cominciato a sentirsi bene. Non so se un altro rimedio possa alleviare la pressione in modo così rapido ed efficace, ma sono molto contento di questo farmaco. "

I dosaggi sono determinati personalmente dallo specialista presente. Quando si scelgono farmaci per ridurre la pressione, devono essere considerati i seguenti fattori:

  1. Durante l'assunzione di Nifedipina (short acting), la probabilità di mortalità cardiovascolare può aumentare.
  2. Gli antagonisti del calcio sono prescritti per prevenire ictus e infarto nel diabete mellito.
  3. La felodipina (azione prolungata) è sicura, ma non altrettanto efficace degli ACE-inibitori. Per una buona riduzione della pressione deve essere combinato con altri mezzi.
  4. Negidropeliny (Diltiazem e Verapamil) è preferibile per il diabete, hanno un effetto positivo sul funzionamento dei reni.

Gli antagonisti del calcio sono pillole efficaci per l'ipertensione, sebbene con l'uso prolungato possano inibire la produzione di insulina.

Se interrompe l'assunzione di farmaci per l'ipertensione nel diabete, la funzione pancreatica si ripristina gradualmente.

Uso di alfa e beta-bloccanti

Alfa-bloccanti come Terazosina o Prazosina, a differenza dei beta-bloccanti nel diabete, migliorano il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi e aumentano la suscettibilità delle strutture tissutali all'ormone ipoglicemizzante.

Nonostante tutti i benefici, questi farmaci per la pressione nel diabete possono causare alcuni effetti collaterali - gonfiore, tachicardia persistente e ipotensione ortostatica (bassa pressione sanguigna). Le pillole in ogni caso non bevono con insufficienza cardiaca.

Quando si usano beta-bloccanti e diabete, le malattie cardiache possono essere tenute sotto controllo. Scegliendo quali pillole bere, è necessario tenere in considerazione la selettività, l'idrofilia, l'effetto vasodilatatore e la lipofilicità dei farmaci per l'ipertensione nel diabete mellito.

In caso di diabete, è possibile bere beta-bloccanti selettivi, poiché migliorano il funzionamento del sistema cardiovascolare e, a differenza di quelli non selettivi, non inibiscono la produzione di insulina.

Inoltre, con notevole pressione e diabete, molti medici consigliano di assumere vasodilatatori, poiché influenzano favorevolmente il metabolismo di carboidrati e grassi, aumentando la sensibilità all'ormone che riduce il glucosio. Tuttavia, queste pillole per la pressione possono essere prese solo sotto la stretta supervisione di un medico, in quanto hanno una lunga lista di controindicazioni.

L'assunzione di beta-bloccanti lipofili e solubili in acqua è generalmente indesiderabile, in quanto influenzano il fegato e lo stato psico-emotivo.

Sullo sfondo della terapia farmacologica, è anche possibile il trattamento dell'ipertensione con i rimedi popolari. I prodotti più popolari della medicina alternativa sono le pigne rosse, i semi di lino e l'aglio. Ci sono diversi modi per prepararli - tinture, decotti, ecc. Puoi trattare con le ricette tradizionali per il diabete, non dovresti prima consultarti con uno specialista.

Non meno pericolosa è la bassa pressione nel diabete mellito (ipotensione), poiché la bassa circolazione sanguigna porta alla morte dei tessuti. In ogni caso, è necessario monitorare la pressione nel diabete mellito di tipo 2.

Il diabete e l'ipertensione sono due concetti correlati. Pertanto, per prevenire lo sviluppo di gravi conseguenze, è necessario assumere pillole contro la pressione nel diabete mellito, nonché osservare un'alimentazione corretta, impegnarsi in un riposo attivo e utilizzare i rimedi popolari dopo aver consultato il medico.

Quali pillole per i diabetici di ipertensione possono dire a un esperto nel video in questo articolo.

Beta-bloccanti nel diabete di tipo 2

Trattamento dell'ipertensione nel diabete mellito

Buona giornata a tutti! Senza una lunga introduzione, voglio andare dritto al punto. Ti ricorderò solo che nell'ultimo articolo ho iniziato a parlarti di droghe per "pressione", hai imparato di più sugli ACE-inibitori, sui diuretici e sui bloccanti dei recettori dell'angiotensina II. L'articolo "Come ridurre l'ipertensione nel diabete di tipo 2?" È qui se qualcuno ha mancato e si è unito alla nostra comunità di recente.

Oggi abbiamo un sacco di lavoro, devi scoprire i restanti gruppi e decidere da te quali farmaci o farmaci sono adatti per abbassare la pressione sanguigna per te. Poiché ogni persona è un individuo, il trattamento dell'ipertensione deve essere indotto. Inizierò, forse, con un gruppo di farmaci così noto, come i beta-bloccanti.

Beta-bloccanti nel trattamento dell'ipertensione

I beta-bloccanti sono farmaci che bloccano l'azione dei recettori beta-adrenergici (β1, β2, β3), che si trovano in vari organi, inclusi vasi e cuore. I beta-adrenorecettori vengono stimolati con ormoni adrenalina e noradrenalina e i farmaci beta-bloccanti impediscono loro di esercitare il loro effetto stimolante. Tutti i principi attivi dei farmaci terminano in "-lol", quindi sono facili da distinguere dagli altri farmaci dalla pressione.

Questi farmaci sono obbligatori per i pazienti con malattia coronarica (CHD), insufficienza cardiaca, cardiosclerosi post-infarto, polso rapido. Fanno battere il cuore meno e con meno forza. Ma è abbastanza usato per l'ipertensione ordinaria ed è spesso prescritto a pazienti con diabete mellito, che è un grosso errore. Capirai perché dopo.

L'effetto di ridurre la pressione è raggiunto dal blocco dei recettori β1. Quando ciò accade:

  • riduzione della frequenza cardiaca
  • riduzione della frequenza cardiaca
  • riduzione della gittata cardiaca
  • riduzione della produzione di renina da parte dei reni

Il blocco dei recettori β2, che si trovano in altri organi, porta a effetti non molto desiderabili:

  • broncospasmo, che provoca attacchi di asma
  • vasospasmo
  • fermare la scissione del grasso
  • interrompere la sintesi del glucosio da parte del fegato, che è pericoloso quando si verifica l'ipoglicemia, cioè il meccanismo di protezione è bloccato
  • inibisce il rilascio di insulina da parte del pancreas

Poiché gli effetti del blocco del recettore β2 sono assolutamente indesiderabili, sono stati creati farmaci che bloccano solo i recettori β1. Tali farmaci sono chiamati selettivi, cioè selettivi.

  • non selettivo (propranololo (Anaprilina))
  • selettivo (atenololo, metoprololo, betaxololo (Lokren), bisoprololo (Concor), ecc.)
  • beta-bloccanti con un effetto vasodilatatore aggiuntivo (labetalolo (Trandat), carvedilolo (Dilatrend), nebivololo (Nebilet))

I preparativi più moderni e sicuri per un paziente con diabete mellito concomitante sono il terzo gruppo, perché questi farmaci espandono i piccoli vasi e hanno meno effetti collaterali. Inoltre, hanno un effetto positivo sul profilo dei lipidi e dei carboidrati, contribuendo alla riduzione della resistenza all'insulina. I farmaci semplici, selettivi e non selettivi, al contrario, aumentano i livelli di colesterolo e trigliceridi, aumentano la resistenza all'insulina, aumentano i livelli di zucchero nel sangue e il peso corporeo e possono causare disfunzione erettile negli uomini.

Secondo diversi studi, i farmaci beta-bloccanti più appropriati per i pazienti con indicazioni e diabete mellito concomitante sono considerati solo due oggi: carvedilolo (Dilatrend) e nebivololo (Nebilet). Poiché carvedilolo è un beta-bloccante non selettivo, il suo uso nei pazienti con asma è limitato. Il resto, in particolare anaprilina, atenololo e metoprololo, sono considerati dannosi e assolutamente incompatibili con il diabete.

Sfortunatamente, tutti i beta-bloccanti hanno un difetto. Essi mascherano i segni dell'ipoglicemia e rallentano una via indipendente da questo stato, cioè un rilascio compensatorio di glucosio dal fegato. Pertanto, è necessario fare attenzione ai pazienti che si sentono male all'inizio segni di ipoglicemia o non li sentono affatto.

E ora guarda cosa trattano i cardiologi? Alla reception vedo completamente che metoprololo è prescritto (Metocard, Betalok, Egilok), raramente atenololo, più raramente bisoprololo (Concor), ecc.

Calcio bloccanti (BBK) nel trattamento dell'ipertensione

Poche persone sanno che il calcio nel corpo svolge il ruolo non solo dell'elemento strutturale delle ossa. Il calcio è un oligoelemento essenziale che attiva molti processi bioenergetici nelle cellule muscolari. Il calcio passa nella cellula con l'aiuto di canali speciali che si aprono con adrenalina e norepinefrina. Un eccesso di calcio accelera i processi del metabolismo e dell'attività cellulare, che in alcune malattie non è affatto desiderabile.

Ad esempio, vasocostrizione e insorgenza di ipertensione arteriosa o accelerazione delle contrazioni cardiache in IHD. I BBK bloccano i cosiddetti canali lenti che si trovano nel muscolo cardiaco e nelle fibre muscolari lisce dei vasi sanguigni, riducendo così la loro attività contrattile. Di conseguenza, vi è un'espansione dei vasi sanguigni e una diminuzione della frequenza e della forza della contrazione miocardica.

Quali gruppi di farmaci bloccanti i canali del calcio esistono?

  • Gruppo di verapamil (influenzano le cellule muscolari del cuore e dei vasi sanguigni)
  • Nifedipina o gruppo diidropiridina (agiscono solo sui vasi sanguigni e terminano in "-dipina")
    1. Nifidipina (Corinfar) e la sua forma estesa (Corinfar Retard) è la primissima di questo gruppo.
    2. Felodipina (Adalat SL), Nimodipina (Nimotop)
    3. amlodipina (Norvask), lercanidipina (Lerkamen), isradipina (Lomir), nitrendipina (Bypress), lacidipina (Sakur), nicardipina (Barizin)

A causa del fatto che i farmaci di questi gruppi bloccano diversi canali di calcio, sono significativamente diversi in termini di trattamento ed effetti collaterali. Il primo gruppo colpisce il miocardio e i vasi sanguigni, e quindi ha un effetto vasodilatatore e una diminuzione della frequenza e della forza delle contrazioni cardiache. Sono controindicati in associazione ai beta-bloccanti, perché possono causare un grave disturbo del ritmo - blocco atrioventricucleare (blocco AV) e arresto cardiaco.

Ma i farmaci del secondo gruppo non hanno praticamente alcun effetto sul muscolo cardiaco, quindi possono essere combinati con i beta-bloccanti. Bloccano i canali della muscolatura liscia dei vasi sanguigni, rilassandoli e riducendo così la pressione sanguigna. Ma hanno un effetto collaterale non molto piacevole - aumento della frequenza cardiaca. Pertanto, durante l'assunzione di Corinfar, si verifica uno spiacevole battito del cuore, sebbene la pressione sia rapidamente diminuita. Questa è una reazione difensiva del cuore per mantenere la pressione.

Quando non è possibile prescrivere i beta-bloccanti, vengono prescritti farmaci del gruppo Verapamil. Riducono anche il lavoro del cuore, ma non provocano broncospasmo e non hanno alcun effetto sui livelli di colesterolo. Verapamil e diltiazem sono una buona alternativa ai beta-bloccanti quando sono necessari, ma sono controindicati, ma solo i medici spesso non se ne ricordano.

Quale farmaco dal gruppo nifedipino scegliere? La nifedipina e la sua forma prolungata riducono la pressione troppo bruscamente e provocano un battito cardiaco, quindi possono essere utilizzati per alleviare le crisi della pressione sanguigna. I farmaci rimanenti vengono assunti 1 volta al giorno, agiscono delicatamente e non causano un aumento del polso, ma molti di essi trattengono il liquido e causano gonfiore. Sicuramente hai osservato che dopo l'assunzione di amlodipina appare un edema grave. Fortunatamente, hanno inventato un farmaco che non causa edema - questa è lercanidipina (Lerkamen). Poiché un paziente con diabete edema mellito è frequente a causa della patogenesi stessa, Lerkamen non aggraverà questo problema. Lerkamen, a differenza dei suoi compagni, non causa gonfiore!

Tutto il BBK non influisce sul metabolismo dei carboidrati e dei lipidi. I farmaci del gruppo nifedipina sono controindicati in iperglicemia e angina instabile (ischemia), infarto miocardico e insufficienza cardiaca, non possiedono attività nefroprotettiva, cioè non proteggono i reni. Ma le droghe del gruppo verapamil hanno tale attività e inoltre, sono abbastanza pronunciate. I preparativi di entrambi i gruppi sono raccomandati per le persone anziane per la prevenzione degli ictus, in quanto espandono i vasi del cervello.

Farmaci ausiliari nel trattamento dell'ipertensione

Alfa bloccanti

Sulla base del nome, i bloccanti alfa-adrenergici bloccano il lavoro dei recettori α-adrenergici, che si trovano in molti organi e tessuti, inclusa la ghiandola prostatica. Questi farmaci sono spesso usati in urologia per migliorare la minzione nell'adenoma della prostata benigna. I recettori alfa, così come i recettori beta, sono stimolati dall'adrenalina e dalla noradrenalina e possono essere α1 e α2.

Anche le droghe di questo gruppo possono essere:

  • non selettivo (blocca i recettori α1 e α2)
  • selettivo (solo recettori α1 del blocco)

Non vengono usati farmaci non selettivi per il trattamento dell'ipertensione, quindi non ne parlerò. Selettivo usato in cardiologia e urologia. Per il trattamento delle malattie ipertensive, gli alfa-bloccanti sono usati solo nella terapia complessa, mai separatamente.

Gli alfa-bloccanti selettivi sono:

  1. prazosina
  2. doxazosina (Kardura)
  3. terazosina (Setegis)

Questi farmaci hanno un effetto positivo sui livelli lipidici e sui livelli di glucosio, riducendoli e riducendo la resistenza all'insulina. Riducono delicatamente la pressione, senza causare una forte accelerazione dell'impulso. Non influire sulla potenza come beta-bloccanti. Ma non importa quanto siano buoni questi farmaci, hanno uno svantaggio principale: il "primo effetto dose".

È questo? Quando prende la prima dose, entrambi i vasi piccoli e grandi si espandono notevolmente e quando una persona si alza, tutto il sangue scorre giù dalla testa e la persona perde conoscenza. Questa condizione è chiamata collasso ortostatico o ipotensione ortostatica. Non appena una persona si trova in una posizione orizzontale, torna in sé senza conseguenze. Questo è pericoloso perché il paziente può essere ferito durante una caduta.

Fortunatamente, una tale reazione si verifica solo alla prima dose e quelle successive possono essere prese senza paura. Ci sono diverse regole per minimizzare il "primo effetto dose".

  1. Per alcuni giorni è necessario cancellare i diuretici presi.
  2. La prima volta di prendere il medicinale nella dose minima.
  3. Prima volta, presa di notte.
  4. Nel corso di diversi giorni, aumentare gradualmente la dose secondo necessità.

. Lo scopo dei farmaci in questo gruppo dovrebbe essere cauto in presenza di una grave neuropatia autonomica, che si esprime in cadute di pressione ortostatiche e sono anche controindicati nell'insufficienza cardiaca.

Pertanto, i bloccanti alfa-adrenergici possono essere utilizzati in pazienti con ipertensione in combinazione con diabete mellito e adenoma prostatico, ma solo in combinazione con altri farmaci antipertensivi, poiché è efficace solo nel 50% dei pazienti. Dare la preferenza a doxazosina e terazosina più moderni, che vengono assunti 1 volta al giorno.

Stimolanti del recettore dell'imidazolina

Questi sono farmaci ad azione centrale, cioè agiscono sui recettori del cervello, indebolendo così il lavoro del sistema simpatico, che porta ad una diminuzione del polso e della pressione. Questi includono farmaci come:

  • moxonidina (fiziotenz)
  • rilmenidina (Albarel)

Gli scienziati hanno dimostrato che questo gruppo di farmaci antipertensivi abbassa efficacemente la pressione sanguigna solo nel 50% dei pazienti, quindi vengono utilizzati solo come parte della terapia di associazione e non sono farmaci di prima linea. Gli stimolatori del recettore dell'imidazolina hanno un effetto positivo sul metabolismo dei carboidrati, riducendo la resistenza all'insulina e i livelli di glucosio nel sangue, e sono neutri nello spettro lipidico.

Finora, i loro effetti di protezione dell'organo non sono stati studiati, quindi non posso dire nulla al riguardo. Iscriviti ai nuovi articoli su questo blog qui...

Renina i bloccanti

Un nuovo gruppo di farmaci antipertensivi, scoperto abbastanza recentemente e non sufficientemente studiato. L'unico farmaco in questo gruppo è aliskiren (Rasilez). Il blocco della formazione della renina nel rene arresta la cascata di reazioni a seguito della quale si verifica angiotensina II. Tali farmaci per la pressione come ACE-inibitori e bloccanti del recettore dell'angiotensina II sono anche associati al blocco degli effetti dell'angiotensina. Pertanto, l'effetto di ridurre la pressione è lo stesso.

Mentre si consiglia di utilizzare questo farmaco come un ulteriore, perché i suoi effetti finali non sono stati completamente studiati. Si presume che abbia l'effetto di proteggere i reni, ma questo deve ancora essere dimostrato con l'aiuto di ampi studi.

Quindi, abbiamo fatto un ottimo lavoro. Hai imparato a conoscere tutti i gruppi antipertensivi. Ora sai cosa stai trattando e la cosa più importante è giusta? E ora vi presento un piccolo tablet, che descrive la combinazione ottimale di questi farmaci.

  • ACE inibitore + diuretico tiazidico
  • ACE-inibitore + diuretico simile a tiazidici
  • ACE-inibitore + calcio-antagonista
  • Bloccante del recettore dell'angiotensina + diuretico tiazidico
  • Antagonista del recettore dell'angiotensina + calcio-antagonista
  • Calcio blocker + diuretico tiazidico
  • Calcio-bloccante nifedipina + beta bloccanti

I beta-bloccanti vengono aggiunti alla combinazione solo per indicazione, e i farmaci rimanenti vengono aggiunti dal terzo componente solo se le due principali inefficienze.

Su questo ho tutto sui farmaci. Permettetemi di ricordarvi che aiutano a ridurre l'ipertensione nel diabete e nei metodi non farmacologici di cui ho scritto qui. Voglio ringraziare quegli uomini e donne che hanno aiutato la nostra famiglia per la loro generosità e gentilezza. Non lasciare che il flusso di cassa nelle tue famiglie. Ti auguro salute, longevità e abbondanza! Abbiamo già ordinato un nuovo monitor, ma da nuovi fornitori in Russia, quindi scriverò presto un articolo a riguardo.

Beta-bloccanti e diabete

Il problema dell'utilizzo di beta-bloccanti nel diabete mellito viene attivamente discusso tra endocrinologi e cardiologi. È consuetudine confrontare il cambiamento di una vista in modo diametralmente opposto con il movimento del pendolo. Più recentemente, il pendolo indicava chiaramente un divieto quasi diretto di usare questo gruppo di farmaci nel diabete. Ora, in molti modi, il pendolo si trova nella posizione opposta. "Per tutti e il più ampio possibile" è lo slogan di oggi degli appassionati. Ma ci sono preoccupazioni riguardo al deterioramento del compenso del metabolismo dei carboidrati sotto l'influenza di beta-bloccanti senza messa a terra? Il loro uso non aggrava il decorso dell'ipoglicemia? I beta-bloccanti non causano dislipidemia aterogenica?

Una risposta equilibrata a queste domande è stata pubblicata nell'agosto 2004 nell'European Heart Journal [1]. Nel prossimo numero è stato pubblicato il Documento di Conciliazione della Società Europea di Cardiologia sull'uso dei beta-bloccanti (documento di Expert Expert del 2004) [1]. Il documento descrive l'uso di beta-bloccanti nei pazienti con diabete. Sfortunatamente, non c'è una risposta esauriente a tutte le domande poste in questo documento. I beta-bloccanti sono spesso percepiti come farmaci, il cui uso dovrebbe essere limitato nei pazienti con diabete. Nell'EOK Consensus Document (documento di Expert Expert del 2004) [1], il diabete mellito è menzionato nella sezione sulle controindicazioni all'uso dei beta-bloccanti. La formulazione è estremamente semplificata - "Il diabete mellito non è una controindicazione assoluta per l'uso di beta-bloccanti" [2-5]. È ormai generalmente accettato che nel diabete mellito sia meglio astenersi dall'uso di beta-bloccanti non selettivi che agiscono sia sugli adrenorecettori beta 1 che beta 2. Il blocco del beta 2-recettore può peggiorare la compensazione del metabolismo dei carboidrati (Tabella 1) e contribuire a un decorso più grave dell'ipoglicemia, a causa di una diminuzione della mobilizzazione del glucosio dal fegato e una violazione della secrezione di insulina (Figura 1).

Inoltre, i beta bloccanti non selettivi ostacolano la diagnosi clinica tempestiva dell'ipoglicemia. Quando vengono presi, il tremore e la tachicardia caratteristica dell'ipoglicemia non sono molto pronunciati, il che distrae sia il medico che il paziente [6]. Questo è particolarmente pericoloso nei pazienti ad alto rischio di ipoglicemia. Questi includono pazienti con diabete insulino-dipendente, pazienti che assumono farmaci ipoglicemizzanti sulfamidici, pazienti anziani, pazienti con danni al fegato e ai reni. In questi casi, è preferibile utilizzare beta 1 bloccanti selettivi (documento di Expert Expert di ESC, 2004) [1]. Secondo il programma Tennessee Medical Patients, sulla base di uno studio condotto su 13599 pazienti con diabete mellito, l'ipoglicemia con l'uso di beta 1-bloccanti selettivi si verifica 2 volte in meno rispetto ai pazienti trattati con ACE-inibitori e 1,5 volte meno spesso rispetto agli individui che non sono prendendo terapia antipertensiva (1997). Pertanto, l'uso di beta-bloccanti nei pazienti con diabete mellito, comporta principalmente l'uso di beta 1-bloccanti selettivi. La necessità di un ampio uso di beta-bloccanti nei pazienti con diabete mellito è principalmente associata all'elevata prevalenza di ipertensione arteriosa tra questa coorte di pazienti.

Ipertensione arteriosa si verifica in pazienti con diabete mellito di tipo 2, almeno due volte più spesso rispetto a persone senza diabete.

Secondo i dati presentati in Figura 2, l'ipertensione arteriosa è osservata in quasi ogni secondo paziente con diabete di tipo 2. La frequenza della sua diffusione sembra essere ancora più elevata se i criteri diagnostici per l'ipertensione arteriosa> 130/85 mm Hg sono utilizzati per la diagnosi. Il controllo della BP in termini di efficacia nel migliorare la prognosi della malattia coronarica nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 è ora una priorità tra gli altri interventi simili. Secondo l'IDF [7], il controllo dei livelli di pressione arteriosa riduce lo sviluppo di malattia cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2 del 51%, mentre il controllo dell'iperlipidemia riduce la mortalità per malattia coronarica del 36% e un'attenta correzione dei livelli di glucosio nel sangue riduce l'incidenza di infarto del miocardio 16%.

Una vasta esperienza nell'uso a lungo termine di beta-bloccanti selettivi in ​​pazienti con diabete di tipo 2 con ipertensione arteriosa è stata accumulata dagli esecutori del British Prospective Study of Diabetes Mellitus (UKPDS) [8]. Lo studio è stato condotto in 20 centri clinici in Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord. Comprendeva 1148 pazienti con diabete di tipo 2 che soffrivano di ipertensione arteriosa. Un'osservazione di nove anni dei pazienti ha mostrato che abbassare la pressione sanguigna con beta 1 - atenololo selettivo ha lo stesso effetto protettivo sullo sviluppo delle complicanze vascolari come l'uso del captopril ACE-inibitore. Secondo UKPDS, l'uso a lungo termine di beta 1-bloccanti selettivi nei pazienti con diabete di tipo 2 e ipertensione ha un marcato effetto protettivo su questi pazienti e li protegge dallo sviluppo di molte complicazioni cardiovascolari. I gruppi di pazienti che hanno usato beta-bloccanti selettivi o ACE-inibitori non hanno mostrato differenze nell'incidenza di infarto miocardico, incidente cerebrovascolare. Una percentuale simile di pazienti in questi gruppi ha richiesto la fotocoagulazione della retina e l'amputazione degli arti. L'evoluzione dell'albuminuria e dei livelli plasmatici di creatinina era identica nei due gruppi confrontati. Nel trattamento dei beta-bloccanti selettivi e degli ACE-inibitori, la stessa percentuale di pazienti ha richiesto misure correlate alla progressione dell'insufficienza renale. I gruppi di pazienti trattati con diabete non differivano nella gravità della neuropatia diabetica, il livello di emoglobina glicosilata e l'incidenza di ipoglicemia. Né quando si utilizzava atenololo, né quando si utilizzava captopril, non si osservava alcun cambiamento marcato nel livello dei lipidi nel sangue.

Pertanto, i beta-bloccanti selettivi sono farmaci antipertensivi che non sono meno efficaci nel prevenire lo sviluppo di complicanze del diabete di tipo 2 rispetto agli ACE-inibitori [9,10]. Secondo l'EOK Consensus Document [1], i beta-bloccanti possono essere considerati una terapia di prima scelta in presenza di ipertensione arteriosa in pazienti con diabete mellito [11-14]. I benefici innegabili dell'uso di beta-bloccanti sono stati osservati in pazienti con diabete mellito dopo infarto miocardico. Il norvegese Multicenter Timolol Study è stato valutato dal Norwegian Multicenter Timolol Study per 17 mesi dopo un infarto miocardico. È stato scoperto che, sotto la sua influenza, la mortalità cardiaca nei pazienti diabetici è diminuita del 67% e nei pazienti non diabetici solo del 39%. Nello studio Metoprolol di Göteborg (il trial Goteborg Metoprolol) in pazienti con diabete mellito, il tasso di mortalità a 3 mesi dopo un attacco di cuore con l'uso del farmaco è diminuito del 58%. Il Documento di conciliazione dell'EOK [1] sottolinea l'efficacia particolarmente pronunciata dell'uso di beta-bloccanti nel periodo post-infarto nei pazienti con diabete mellito, rispetto ai pazienti senza diabete. Questa conclusione è stata fatta sulla base di un'analisi retrospettiva condotta nel progetto cardiovascolare cooperativo (progetto cardiovascolare cooperativo), che includeva i dati di 200.000 pazienti con infarto miocardico [2]. È interessante notare che l'EOK Consensus Document [1] ritiene ragionevole che l'uso di beta-bloccanti possa ridurre la mortalità e ridurre lo sviluppo di infarto miocardico in pazienti con malattia coronarica cronica e stabile [13,15-17].

I risultati del grande studio israeliano BIP (Bezafibrate Infarction Prevention Study Group) [18] sull'effetto benefico dei beta-bloccanti su pazienti con diabete di tipo 2 con angina pectoris stabile confermano questa ipotesi. Se osservato in 3 anni per 2723 pazienti con diabete, è stato riscontrato che la mortalità complessiva nei pazienti trattati con beta-bloccanti era inferiore del 44% rispetto a quelli che non avevano ricevuto tale terapia. L'uso di beta-bloccanti ha anche portato a una significativa riduzione della mortalità cardiaca del 42%. Una diminuzione della mortalità totale e cardiovascolare nell'uso di beta-bloccanti è stata osservata nei pazienti diabetici affetti da insufficienza circolatoria dei gradi II - IV. Come in altri gruppi di pazienti, tre beta-bloccanti hanno un effetto reale in caso di insufficienza circolatoria: metoprololo, carvediolo e bisoprololo.

Attende con interesse i risultati degli anziani di studio, in cui i pazienti anziani con insufficienza circolatoria applicati nuovo superselettiva nebivololo beta-bloccante, ben collaudata nei pazienti con diabete (documento ESC Expert Consensus, 2004) [1]. Allo stesso tempo, l'uso a lungo termine dei beta-bloccanti può portare a uno spettro lipidico alterato. La dislipidemia più frequente nel loro uso è l'ipertrigliceridemia. Per i pazienti con diabete, tale violazione è particolarmente pericolosa. L'ipertrigliceridemia nei pazienti con diabete mellito è alla base della formazione di un intero complesso di potenti fattori di rischio aterogenici per CHD (Fig. 3). Sfortunatamente, la selettività dei beta-bloccanti non garantisce in alcun modo l'insorgenza dell'ipertrigliceridemia. I beta-bloccanti selettivi atenololo e metoprololo aumentano la concentrazione di trigliceridi plasmatici del 20% e del 30%, rispettivamente [19], che è paragonabile all'effetto del propranololo non selettivo. Allo stesso tempo, il dalevalol non selettivo con attività simpatica interna riduce i trigliceridi del 22%. Si ritiene che questo effetto sia dovuto alla vasodilatazione nei muscoli scheletrici, causata dalla stimolazione della beta 2 - adrenorecettori sotto l'influenza dell'attività simpatica interna del farmaco. Un aumento della perfusione periferica riduce l'insulino-resistenza, riduce il livello di iperinsulinemia e previene l'aumento dei livelli di trigliceridi. Si ritiene che i beta-bloccanti con proprietà vasodilatanti, di regola, non causino ipertrigliceridemia. La selettività beta non gioca un ruolo determinante quando colpisce la resistenza all'insulina. È dimostrato che atenololo alla dose di 50 mg riduce già la sensibilità all'insulina. Un moderato aumento della sensibilità all'insulina (del 10%) sotto l'influenza di dilevalolo sembra essere associato all'effetto vasodilatatore di questo farmaco. Sembra che la presenza di proprietà vasodilatanti nel beta-bloccante sia desiderabile quando la si utilizza in pazienti con diabete mellito. Tuttavia, l'uso di beta-bloccanti con attività simpatica interna che influenzano la vasodilatazione nei pazienti con diabete mellito non è auspicabile. Il fatto è che l'attivazione del sistema nervoso simpatico occupa uno dei posti principali nello sviluppo delle complicanze del diabete. Da qui le raccomandazioni sull'astensione dall'uso dei preparati che promuovono la sua ulteriore attivazione, sono abbastanza chiare. A sua volta, l'uso di moderni beta-bloccanti vasodilatatori, ma non selettivi come il carvediolo è problematico a causa della presenza di un aumentato rischio di sviluppo di ipoglicemia latente nei pazienti diabetici.

Particolare attenzione a questo proposito merita applicazione nei pazienti diabetici superselettiva beta-1 bloccante nebivololo terza generazione avente effetti diretti vasodilatatori a causa dell'attivazione della sintesi dell'ossido nitrico endoteliale. Il farmaco ha buone proprietà antipertensive. L'esperienza nell'uso di nebivololo (Nebilet, azienda farmaceutica Berlin-Chemie) presso il Dipartimento di Cardiologia, Endocrinologia Research Center (Enz) RAMS mostra un buon effetto ipotensivo del farmaco e nessun impatto negativo sulle prestazioni del glucosio nel sangue e dell'emoglobina glicata HbA1C [20]. A nostro avviso, le proprietà super selettive del farmaco assicurano la sua neutralità rispetto al metabolismo dei carboidrati e la sua capacità di vasodilatazione periferica è alla base della riduzione dei livelli di trigliceridi nel sangue nei pazienti con diabete mellito (Fig. 4). È possibile che l'effetto specifico di modulazione del NO abbia un ulteriore effetto positivo sulla normalizzazione della sensibilità dei tessuti periferici dei pazienti con diabete mellito all'insulina. Nel reparto di cardiologia del Centro scientifico ecologico dell'Accademia russa delle scienze mediche, 15 pazienti con diabete mellito di tipo 2 prima e dopo la somministrazione di nebivololo sono stati utilizzati per determinare la resistenza all'insulina mediante un clamp-test. I risultati dello studio hanno mostrato che un miglioramento della sensibilità all'insulina si verifica nel 78,6% dei pazienti che hanno ricevuto nebivololo. I dati sulla partecipazione di NO alla regolazione della secrezione di insulina dal pancreas (Figura 5) indicano la possibilità fondamentale di esposizione a questo processo di sostanze che modificano l'attività della NO-sintetasi. Riducendo l'ipersecrezione di insulina sullo sfondo di un aumento della sensibilità all'insulina dei tessuti periferici, tali farmaci possono inoltre proteggere un paziente con diabete mellito dalla minaccia di stati ipoglicemici.

È interessante che secondo il dipartimento di cardiologia Enz RAMS superselettiva blocco concomitante dei recettori beta 1-adrenergici e modulazione endoteliale NO- sintasi nebivolol determinato una significativa diminuzione nell'indice di perturbazioni settoriali della contrattilità del ventricolo sinistro in pazienti con diabete di tipo 2 con malattia coronarica (Fig. 6). Affidabilità della connessione tra i disturbi contrattilità diminuzione e l'impiego di nebivololo stato confermato che il nebivololo cancellazione e ritorno all'uso di atenololo è stata accompagnata da un settore di ritorno disturbi basale contrattilità. Ovviamente, un'attenta considerazione delle proprietà specifiche dei beta-bloccanti può consentire ai medici con successo crescente e meno rischi di usare questa classe di farmaci nel trattamento di pazienti con diabete di tipo 2. Quindi, v'è ora possibile formulare la richiesta di beta-bloccanti ottimali per l'uso in pazienti diabetici 2 tipabeta Mentre Mediazione EOC documento [1] e tenuto conto dei dati a nostra disposizione, possiamo assumere che tale farmaco deve avere caratteristiche di selettivo beta 1- bloccante adrenergico e ha proprietà vasodilatatorie, preferibilmente non correlate all'attività simpatica intrinseca. C'è una domanda, ed è spesso il caso in Russia che diventa necessario usare beta-bloccanti nel diabete mellito? La risposta è ovvia - non meno che nell'80% dei pazienti con diabete di tipo 2. È in così tanti pazienti con diabete di tipo 2 che la durata della vita è determinata dalla presenza di malattia coronarica. Per la Russia di oggi, questo significa almeno 6,5 milioni di persone.

1. Documento di consenso degli esperti sui beta-bloccanti dei recettori adrenergici. La Task Force sui beta-bloccanti della European Society of Cardiology. Eur. Heart J. 2004; 25: 1341-1362.2. Gottlieb SS, McCarter RJ, Vogel RA. Effetti del beta - blocco sulla mortalità tra pazienti ad alto rischio e a basso rischio dopo infarto miocardico. N Engl J Med. 1998 agosto 20; 339 (8): 489-97.3. Heintzen MP, Strauer BE. Effetti vascolari periferici dei beta-bloccanti. Eur Heart J. 1994 ago; 15 Suppl C: 2-7.4. Gheorghiade M, Goldstein S. Beta - bloccanti nel paziente post-infarto miocardico. Circolazione. 2002, 23 luglio; 106 (4): 394-8.5. Haas SJ, Vos T, Gilbert RE, Krum H. Hai un'insufficienza cardiaca cronica? Am Heart J. 2003 Nov; 146 (5): 848-53.6. Cruickshank JM, Prichard BNC. Beta - adrenocettori. In: Cruickshank JM, Prichard BNC, editori. Beta-bloccanti nella pratica clinica. Londra: Churchill Livingstone; 1996. p. 9-86,7. Diabete e malattie cardiovascolari: tempo di agire. - International Diabetes Federation, 2001. - 90 p. [IDF, 2001 - Diabetes and Cardiovascular Disease - IDF, 2001] 8. Gruppo UK Prospective Diabetes Study (UKPDS). Controllo intensivo del glucosio ematico rispetto ai pazienti con diabete di tipo 2 (UKPDS 33). Lancet 1998; 352: 837-53.9. Trattamento di alta pressione sanguigna. Rapporto sull'alta pressione sanguigna (JNC VI). Arch Intern Med. 1997; 157: 2413-2446,10. Hansson L, Zanchetti A, Carruthers SG, e altri, per il gruppo di studio HOT. Risultato dello studio randomizzato di trattamento ottimale per l'ipertensione (HOT). Lancet. 1998; 351: 1755-1762. Wood D, De Backer G, et al. Società europea di cardiologia, società europea di aterosclerosi, società europea di ipertensione, società internazionale di cardiologia, società europea di cardiologia. Eur Heart J. 1998 Oct; 19 (10): 1434-503.12 Prevenzione delle cardiopatie coronariche nella pratica clinica. Grundy SM, Benjamin IJ, Burke GL, Chait A, Eckel RH, Howard BV, Mitch W, Smith SC Jr, Sowers JR. Diabete e malattie cardiovascolari: una dichiarazione per i professionisti della salute dall'American Heart Association. Circolazione. 1999 7 settembre; 100 (10): 1134-46,13. Smith SC Jr, Blair SN, Bonow RO et al. Dichiarazione scientifica AHA / ACC: linee guida AHA / ACC per pazienti in cerca di malattie cardiovascolari: 2001; Circolazione. 2001 Sep 25; 104 (13): 1577-9.14. Chobanian AV, Bakris GL, Black HR et al. Rapporto sull'alta pressione sanguigna. JAMA 2003; 289: 2560-72.15. Gibbons RJ, Chatterjee K, Daley J. ACC / AHA / ACP - ASIM. Linee guida per i pazienti con angina cronica stabile. J Am Coll Cardiol. 1999 Jun; 33 (7): 2092-197.16. Task Force della European Society of Cardiology. Gestione dell'angina pectoris stabile. Eur Heart J 1997; 18: 394-413.17. Il gruppo di ricerca del progetto di condivisione dei beta-bloccanti. Il progetto di condivisione dei beta-bloccanti. Risultati di sottogruppi da studi randomizzati in pazienti post-partum. Eur Heart J. 1988; 9: 8-16.18. Colesterolo HDL e riduzione dei trigliceridi in pazienti con studio della malattia coronarica (BIP). Circolazione. 2000 4 luglio; 102 (1): 21-7.19. Pollare, T., Lithell, H., Selinus, I., Berne C. Sensibilità e metabolismo delle lipoproteine ​​nei pazienti ipertesi. BMJ 1989; 298: 1152-1157.

20. Dedov I.I., Bondarenko I.Z., Solyanik Yu.A. Alexandrov An.A. "Gli effetti metabolici del nebivololo in pazienti con diabete di tipo 2", Kadiologiya 2001; 41; 5: 35-37.

Trattamento dell'ipertensione nel diabete mellito di tipo 2: una lista di pillole

Allo stato attuale, un farmacista in qualsiasi farmacia può offrire varie pillole per la pressione sanguigna per il diabete di tipo 2, la cui lista è piuttosto lunga.

"Malattia dolce" con trattamento inefficace porta a molte complicazioni, una delle più pericolose è l'ipertensione. È caratterizzato da un aumento significativo della pressione sanguigna (BP).

Il diabete mellito e la pressione nel complesso aumentano la probabilità di ictus, ischemia, uremia, gangrena degli arti inferiori o perdita della vista. Pertanto, è importante sapere come trattare l'ipertensione nel diabete per prevenire lo sviluppo di patologie indesiderate.

Cause di ipertensione

Mi chiedo quale pressione nel diabete sia accettabile? Dopotutto, nelle persone sane dovrebbe essere 120/80.

La pressione nel diabete non dovrebbe superare il valore soglia di 130/85. Se questo indicatore viene superato, è necessario richiedere urgentemente un esperto.

Quali sono le cause della pressione alta nei diabetici? Beh, sono un bel po '. L'aumento della pressione nel diabete di tipo 1 nell'80% dei casi è dovuto alla patologia renale.

Nel secondo tipo di malattia, l'ipertensione, cioè un persistente aumento della pressione arteriosa, si verifica spesso prima del disturbo del processo metabolico.

A seconda del tipo di ipertensione, ha una diversa natura di evento. I seguenti sono i principali tipi e cause dello sviluppo della patologia:

  1. Essenziale, la cosiddetta malattia ipertensiva, che si verifica nel 90-95% dei casi con ipertensione.
  2. Isolato sistolico, risultante da una diminuzione dell'elasticità delle pareti vascolari, nonché disfunzione neuro-ormonale.
  3. Renale (nefrogenico), i cui principali motivi sono associati al funzionamento dell'organo associato. Questi includono nefropatia diabetica, policistica, pielonefrite e glomerulonefrite
  4. Endocrino, che si sviluppa estremamente raramente. Tuttavia, le principali cause della malattia sono la sindrome di Cushing, il feocromocitoma e l'iperaldosteronismo primario.

Lo sviluppo dell'ipertensione nel diabete di tipo 2 può essere causato da altre cause. Ad esempio, nelle donne che assumevano contraccettivi ormonali, il rischio di malattia ipertensiva aumenta in modo significativo. Aumenta anche le probabilità che un paziente diabetico ottenga ipertensione, inoltre, se è più vecchio, ha problemi di sovrappeso o ha una "esperienza" considerevole di fumo.

A volte l'insorgenza di ipertensione nel diabete mellito può essere innescata da una mancanza di magnesio, intossicazione da certe sostanze, restringimento di una grande arteria, nonché da situazioni di stress cronico.

Le cause della malattia, come vediamo, sono molte. Pertanto, in caso di diabete, è importante rispettare le regole di base del suo trattamento di successo, tra cui nutrizione speciale, sport, farmaci (metformina, ecc.) E regolare controllo della glicemia.

Caratteristiche del corso di ipertensione

Nel diabete di tipo 1, un aumento della pressione è spesso causato dalla disfunzione renale. Passa attraverso diverse fasi: microalbuminuria, proteinuria e insufficienza cronica.

Molti studi mostrano che di tutti i pazienti con diabete di tipo 1, solo il 10% non ha malattie renali. Poiché i reni non sono in grado di espellere completamente il sodio, l'ipertensione si sviluppa nel diabete. Nel corso del tempo, la concentrazione di sodio nel sangue può aumentare e con esso si accumula e fluisce. L'eccesso di sangue circolante porta al fatto che la pressione sanguigna aumenta.

La nefropatia diabetica e l'ipertensione sono un circolo vizioso. La compromissione della funzionalità renale è compensata da un aumento della pressione sanguigna. Quest'ultimo aumenta la pressione intragliale, che porta alla graduale distruzione degli elementi filtranti.

Ipertensione e diabete mellito di tipo 2 interagiscono prima che compaiano segni gravi. Tutto inizia con il processo di perdere la reazione delle strutture tissutali in un ormone ipoglicemizzante. Per compensare l'insulino-resistenza, l'insulina inizia ad accumularsi nel sangue, aumentando la pressione sanguigna nel diabete. Questo fenomeno alla fine porta a un restringimento del lume dei vasi a causa degli effetti avversi dell'aterosclerosi.

Una caratteristica del processo anormale nel diabete mellito non insulino-dipendente è l'obesità addominale (accumulo di grasso nella vita). Con la ripartizione delle sostanze grasse vengono rilasciate, aumentando ancora di più la pressione. Nel corso del tempo si sviluppa insufficienza renale, ma può essere prevenuta se il trattamento viene preso sul serio.

L'aumento della concentrazione di insulina (iperinsulinismo) comporta l'ipertensione nel diabete di tipo 2. L'iperinsulinismo può sollevarlo perché:

  • il sodio e il liquido non sono completamente escreti dai reni;
  • il sistema nervoso simpatico è attivato;
  • inizia l'accumulo intracellulare di calcio e sodio;
  • diminuisce l'elasticità dei vasi sanguigni.

Per prevenire l'ipertensione, è necessario trattenere alti e bassi livelli di zucchero nel sangue.

Gli indicatori sono 5,5 mmol / l, è necessario lottare per questo.

Trattamento con ACE inibitori e ARB

Avendo appreso le informazioni, come la pressione arteriosa aumenta nel diabete mellito, puoi passare alla domanda su come ridurla e quali pillole per l'ipertensione possono usare.

Per cominciare, soffermiamoci sugli ACE-inibitori in modo più dettagliato, perché questo è un gruppo essenziale di farmaci che possono abbassare la pressione sanguigna.

Va notato immediatamente che il farmaco dovrà essere cancellato se il paziente con diabete ha sviluppato una stenosi dell'arteria di un singolo rene o stenosi bilaterale.

Il trattamento dell'ipertensione nel diabete mellito di tipo 2 con ACE-inibitori viene annullato quando il paziente ha:

  1. La creatinina aumenta di oltre il 30% dopo 7 giorni di trattamento con questo farmaco.
  2. È stata rilevata iperkaliemia, in cui il livello di potassio non è inferiore a 6 mmol / l.
  3. Il periodo di trasporto di un bambino o l'allattamento al seno.

In farmacia è possibile acquistare Captopril, Capoten, Perindopril, ecc. In questo modo è possibile prevenire un'alta pressione del diabete utilizzando gli ACE-inibitori. Ma prima di prenderli, è necessario consultare un medico.

Nel diabete mellito di tipo 2, il trattamento prevede l'assunzione di bloccanti dei recettori dell'angiotensina (ARB) o di sartani per ridurre la pressione. Va notato che gli ARB non influenzano in alcun modo i processi metabolici, aumentando la suscettibilità diabetica delle strutture tissutali alla produzione dell'ormone con elevati livelli di zucchero nel sangue.

Tali farmaci da alta pressione nel diabete mellito sono trasferiti abbastanza facilmente da molti pazienti. Pertanto, è possibile scegliere i seguenti farmaci per l'ipertensione - Valsartan, Azilsartan, Candesartan, ecc.

Rispetto agli ACE-inibitori, i sartani presentano molte meno reazioni negative e l'effetto terapeutico può essere osservato già dopo due settimane.

Gli studi hanno dimostrato che una tale medicina per l'ipertensione abbassa davvero la secrezione delle proteine ​​delle urine.

Uso di diuretici e antagonisti del calcio

Quali farmaci per la pressione possono essere utilizzati quando la ritenzione di sodio si verifica nel corpo umano? Per questo, prendere diuretici o diuretici è sufficiente.

Ci sono molti fattori da considerare quando si sceglie una pillola a pressione per il diabete.

Quindi, in caso di disfunzione renale da pressione, è meglio bere diuretici "ad anello".

In caso di diabete del secondo tipo, i medici non raccomandano l'uso di diuretici dei seguenti tipi:

  • osmotico (mannitolo), poiché possono causare uno stato di coma ipersolare;
  • tiazide (Xipamide, Ipotiazide), poiché i farmaci con zucchero elevato causano ipertensione;
  • inibitori dell'anidrasi carbonica (Diacarb) - farmaci che non mostrano il giusto effetto ipotensivo, il loro uso non è sufficientemente efficace.

Le pillole più efficaci per il diabete sono i diuretici a circuito chiuso. In farmacia, puoi comprare Bufenox o Furosemide. I prezzi dei farmaci che riducono la pressione sanguigna possono variare significativamente se ordinati online.

Ecco una delle recensioni positive di Anna (55 anni): "Soffro di diabete di tipo 2 da 8 anni. Gli ultimi anni hanno cominciato a preoccuparsi della pressione. È stata trattata con Diacarb, ma la droga praticamente non ha aiutato. Ma poi ha visto Bufenox e ha cominciato a sentirsi bene. Non so se un altro rimedio possa alleviare la pressione in modo così rapido ed efficace, ma sono molto contento di questo farmaco. "

I dosaggi sono determinati personalmente dallo specialista presente. Quando si scelgono farmaci per ridurre la pressione, devono essere considerati i seguenti fattori:

  1. Durante l'assunzione di Nifedipina (short acting), la probabilità di mortalità cardiovascolare può aumentare.
  2. Gli antagonisti del calcio sono prescritti per prevenire ictus e infarto nel diabete mellito.
  3. La felodipina (azione prolungata) è sicura, ma non altrettanto efficace degli ACE-inibitori. Per una buona riduzione della pressione deve essere combinato con altri mezzi.
  4. Negidropeliny (Diltiazem e Verapamil) è preferibile per il diabete, hanno un effetto positivo sul funzionamento dei reni.

Gli antagonisti del calcio sono pillole efficaci per l'ipertensione, sebbene con l'uso prolungato possano inibire la produzione di insulina.

Se interrompe l'assunzione di farmaci per l'ipertensione nel diabete, la funzione pancreatica si ripristina gradualmente.

Uso di alfa e beta-bloccanti

Alfa-bloccanti come Terazosina o Prazosina, a differenza dei beta-bloccanti nel diabete, migliorano il metabolismo dei carboidrati e dei lipidi e aumentano la suscettibilità delle strutture tissutali all'ormone ipoglicemizzante.

Nonostante tutti i benefici, questi farmaci per la pressione nel diabete possono causare alcuni effetti collaterali - gonfiore, tachicardia persistente e ipotensione ortostatica (bassa pressione sanguigna). Le pillole in ogni caso non bevono con insufficienza cardiaca.

Quando si usano beta-bloccanti e diabete, le malattie cardiache possono essere tenute sotto controllo. Scegliendo quali pillole bere, è necessario tenere in considerazione la selettività, l'idrofilia, l'effetto vasodilatatore e la lipofilicità dei farmaci per l'ipertensione nel diabete mellito.

In caso di diabete, è possibile bere beta-bloccanti selettivi, poiché migliorano il funzionamento del sistema cardiovascolare e, a differenza di quelli non selettivi, non inibiscono la produzione di insulina.

Inoltre, con notevole pressione e diabete, molti medici consigliano di assumere vasodilatatori, poiché influenzano favorevolmente il metabolismo di carboidrati e grassi, aumentando la sensibilità all'ormone che riduce il glucosio. Tuttavia, queste pillole per la pressione possono essere prese solo sotto la stretta supervisione di un medico, in quanto hanno una lunga lista di controindicazioni.

L'assunzione di beta-bloccanti lipofili e solubili in acqua è generalmente indesiderabile, in quanto influenzano il fegato e lo stato psico-emotivo.

Sullo sfondo della terapia farmacologica, è anche possibile il trattamento dell'ipertensione con i rimedi popolari. I prodotti più popolari della medicina alternativa sono le pigne rosse, i semi di lino e l'aglio. Ci sono diversi modi per prepararli - tinture, decotti, ecc. Puoi trattare con le ricette tradizionali per il diabete, non dovresti prima consultarti con uno specialista.

Non meno pericolosa è la bassa pressione nel diabete mellito (ipotensione), poiché la bassa circolazione sanguigna porta alla morte dei tessuti. In ogni caso, è necessario monitorare la pressione nel diabete mellito di tipo 2.

Il diabete e l'ipertensione sono due concetti correlati. Pertanto, per prevenire lo sviluppo di gravi conseguenze, è necessario assumere pillole contro la pressione nel diabete mellito, nonché osservare un'alimentazione corretta, impegnarsi in un riposo attivo e utilizzare i rimedi popolari dopo aver consultato il medico.

Quali pillole per i diabetici di ipertensione possono dire a un esperto nel video in questo articolo.

Specifica il tuo zucchero o seleziona un genere per i consigli Ricerca Non trovatoMostra RicercaNon trovatoMostra RicercaNon trovatoMostra

Pillole per la pressione per il diabete mellito di tipo 2: una lista per il trattamento

Il diabete mellito è una malattia pericolosa, che provoca lo sviluppo di una serie di complicazioni che possono portare alla disabilità e alla morte. La mancanza di trattamento tempestivo comporta un grave pericolo per il paziente. Una delle complicazioni causate dal diabete è l'ipertensione, che provoca lo sviluppo di malattie associate al sistema cardiovascolare. Per evitare che si verifichino, è necessario sapere quali pillole per l'ipertensione nel diabete di tipo 2 possono essere bevute.

Diabete mellito e ipertensione arteriosa

Un eccessivo aumento della glicemia è patogeno ed è associato a una malattia come il diabete. Sebbene il glucosio sia un elemento essenziale per il mantenimento dei processi associati all'attività vitale di un organismo, il suo eccesso di offerta porta a seri problemi. Esistono due tipi di complicanze gravi causate dal diabete:

  • forte (coma);
  • cronica (patologie che interessano il sistema cardiovascolare).

Lo stato di coma causato dal diabete è raro oggi. Ciò è dovuto ai progressi in medicina osservati negli ultimi anni. Ma anche ora, con la disponibilità di farmaci, in tempo, il diabete non riconosciuto può portare al coma. La presenza di un gran numero di farmaci non risparmia dallo sviluppo dell'ipertensione. Questo fenomeno è particolarmente caratteristico dei pazienti con il secondo tipo di diabete, che spesso non è possibile riconoscere nel tempo.

Ipertensione (ipertensione arteriosa) è caratterizzata da pressione del sangue elevata. Inoltre, questa cifra è così alta che il paziente ha bisogno di una terapia immediata, nonostante gli effetti collaterali che può causare.

Questo fenomeno è particolarmente pericoloso per i diabetici, in cui la soglia di pressione limite è di 130/85 mm. Hg.

Nelle persone che non hanno questa malattia, il livello ammissibile di pressione arteriosa è più alto. Quando si riscontra una pressione in un paziente con diabete superiore a 140/90, è obbligatoria una visita a un medico e un'ulteriore terapia, dal momento che zuccheri e ipertensione aumentano la possibilità di sviluppare malattie gravi. Quindi, con la pressione alta:

  • cinque volte la probabilità di sviluppare un infarto;
  • rischio quattro volte maggiore di ictus;
  • la possibilità di sviluppare la cecità è da dieci a venti volte superiore;
  • la probabilità di insorgenza di insufficienza renale è di venti a venticinque volte;
  • la cancrena si sviluppa venti volte più spesso e causa l'amputazione.

Tali complicazioni portano alla perdita di funzionalità del paziente e, in alcuni casi, alla sua morte. Pertanto, è importante identificare ed eliminare il problema nel tempo. Inoltre, al livello attuale dello sviluppo farmaceutico, esistono efficaci farmaci ad alta pressione per i diabetici.

Le cause e le caratteristiche dell'ipertensione nel diabete

La causa principale dello sviluppo dell'ipertensione nei pazienti diabetici del primo tipo è la nefropatia diabetica. Approssimativamente il 40% dei pazienti con il primo tipo di diabete soffre di questa malattia. Si distinguono le seguenti fasi di sviluppo della nefropatia diabetica:

  1. Microalbuminuria (è possibile rilevare la malattia in questa fase dalle molecole di albumina contenute nell'urina del paziente).
  2. Proteinuria (in questa fase di sviluppo della nefropatia, la funzione di filtrazione dei reni si sta deteriorando, motivo per cui una grande proteina può essere trovata nelle urine).
  3. L'ultimo stadio è la comparsa di insufficienza renale cronica.

Le fasi sopra descritte dello sviluppo della nefropatia sono importanti perché il rischio di ipertensione dipende da uno stadio particolare. Quindi, il venti percento dei diabetici soffre di ipertensione dovuta alla microalbuminuria. Nel 50-70% dei pazienti il ​​problema si sviluppa nella fase di proteinuria. Tra quelli con insufficienza renale cronica, il problema dell'ipertensione arteriosa si verifica nel 70-100% dei casi. Solo il 10% dei pazienti che soffrono di ipertensione non ha problemi ai reni.

Diabetici affetti dal secondo tipo di malattia, una situazione diversa. In questo caso, l'ipertensione precede lo sviluppo del diabete.

Si sviluppa anche prima che nel corpo ci sono problemi con il metabolismo dei carboidrati. Pertanto, l'ipertensione può essere definita come uno dei segni di una malattia imminente.

Per le persone che soffrono di diabete di tipo II, il problema sorge a causa di:

  • ipertensione primaria / essenziale (dieci percento dei casi);
  • ipertensione sistolica isolata (con la stessa frequenza);
  • nefropatia diabetica (nell'80% dei casi);
  • patologie endocrine (nel tre percento dei casi);
  • compromissione della pervietà vascolare renale (dieci percento dei casi).

Allo stesso tempo, l'ipertensione arteriosa, caratteristica di un diabetico, ha le seguenti caratteristiche:

  • c'è una violazione del ritmo della pressione sanguigna. Questo indicatore è solitamente più elevato durante la notte e più basso durante il giorno. La ragione di ciò è la neuropatia;
  • il sistema nervoso autonomo perde la sua efficacia, che porta a una violazione della regolazione del tono vascolare;
  • l'ipertensione arteriosa in combinazione con il diabete spesso porta allo sviluppo dell'ipotensione ortostatica. Questo fenomeno è caratterizzato da una forte diminuzione della pressione con un cambiamento nella posizione del corpo (nella maggior parte dei casi, dalla posizione sdraiata a quella seduta o seduta). A causa del fatto che il corpo non può rispondere rapidamente al carico aggiuntivo e aumentare la velocità della corrente, possono verificarsi vertigini, in rari casi, svenimenti.

Indipendentemente dalle cause dello sviluppo della malattia, nel diabete mellito di tipo 2, il trattamento dell'ipertensione deve essere iniziato immediatamente dopo il suo rilevamento.

La scelta del farmaco per abbassare la pressione

Esiste un'ampia varietà di farmaci con effetti antipertensivi nel mercato moderno. Ma non tutti possono essere usati da persone che soffrono di diabete. Selezionare uno strumento specifico dovrebbe essere considerato:

  • il suo effetto sui processi metabolici legati ai carboidrati e ai grassi. Per i diabetici, è importante che il farmaco influenzi favorevolmente il metabolismo o non abbia alcun effetto su di esso. Altrimenti, i fondi dovranno essere abbandonati;
  • la presenza di controindicazioni per malattie epatiche e renali. Poiché nella maggior parte dei casi l'ipertensione arteriosa è accompagnata da malattie che colpiscono questi organi, tali agenti dovrebbero essere esclusi;
  • proprietà organoprotettive. La selezione di un farmaco che aiuta a migliorare il lavoro degli organi danneggiati fornirà un ulteriore effetto dal suo utilizzo.

A seconda delle caratteristiche individuali del paziente, il medico può ricorrere all'uso di medicinali speciali. L'elenco dei farmaci per l'ipertensione nel diabete mellito di tipo 2 è piuttosto esteso. Questi gruppi di farmaci dovrebbero essere considerati in modo più dettagliato.

Elenco dei farmaci

I beta-bloccanti possono essere utilizzati per il trattamento della pressione alta, aritmie e IHD. Selezionando un farmaco specifico, lo specialista si concentra sulla sua selettività, lipo - e idrofilia, l'effetto sull'espansione dei vasi sanguigni. Tra i beta-bloccanti non selettivi vale la pena evidenziare "Anaprilin" e "Nadolol". Questi farmaci influenzano i recettori localizzati nel pancreas. I rimedi selettivi ("Bisoprololo", "Atenololo") hanno un effetto positivo sul cuore e sulla pressione sanguigna più bassa.

Nel diabete, si raccomanda di abbandonare i beta-bloccanti lipofili, in favore di idrofilo. Questi ultimi hanno un effetto duraturo e non influenzano il fegato. Questi sono farmaci come "Atenololo" e Nadololo ". Possono anche essere usati i vasodilatatori ("Cardiovolol"). Tuttavia, questi farmaci hanno una vasta lista di effetti collaterali.

I beta-bloccanti sono usati per abbassare la pressione sanguigna nei diabetici più spesso rispetto ad altri farmaci.

Aiutano con ipertensione e diabete di tipo 2. Ma portano un certo pericolo. L'uso a lungo termine dei beta-bloccanti nasconde i sintomi dell'ipoglicemia imminente, cioè l'abbassamento dello zucchero. Inoltre, questi strumenti rendono difficile il trattamento di questa malattia. Pertanto, vengono utilizzati con grande cura.

Per ridurre la pressione nei diabetici che soffrono di insufficienza cardiaca, vengono utilizzati ACE inibitori. La loro azione ha un effetto positivo sui processi metabolici e sul funzionamento dei reni e del cuore. Ma questi farmaci non sono prescritti alle donne in gravidanza e alle donne durante l'allattamento. Nel caso del trattamento di pazienti anziani, i farmaci dovrebbero anche essere usati con cautela. Le medicine di questo gruppo sono "Captopril", "Berlipril", "Fosinopril". Durante la terapia, si dovrebbe seguire la dieta, che include piatti con un basso contenuto di sale (non più di tre milligrammi al giorno).

I diuretici (diuretici) riducono la probabilità di sviluppare un infarto del venticinque per cento. Inoltre, se assumi questi farmaci a piccole dosi, non avranno un effetto significativo sul livello di glucosio nel sangue. Inoltre non influenzano la concentrazione di LDL.

I diuretici non dovrebbero essere usati se il paziente ha insufficienza renale. Inoltre, i farmaci osmotici e risparmiatori di potassio sono controindicati nel diabete mellito. A causa della mancanza di efficacia, i diuretici sono usati solo in combinazione con beta-bloccanti e ACE inibitori.

Con il trattamento prolungato dell'ipertensione, vengono utilizzati alfa-bloccanti. Tra i farmaci in questo gruppo, puoi selezionare "Terazosina" e "Doxazosina". Questi strumenti determinano una diminuzione della glicemia, un effetto benefico sui processi metabolici, aumentano la sensibilità all'insulina e normalizzano il colesterolo. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che l'uso eccessivo di alfa-bloccanti può portare allo sviluppo di insufficienza cardiaca, motivo per cui la popolarità di questi farmaci è recentemente diminuita.

Gli antagonisti del calcio sono usati per abbassare la pressione sanguigna. Tuttavia, l'uso a lungo termine di farmaci in questo gruppo può ridurre la produzione di insulina. Inoltre, un effetto simile rimane dopo la cessazione della terapia, cioè non si verifica il recupero del rilascio di questo ormone. Ma se si prende lo strumento in piccole quantità, gli effetti collaterali non vengono osservati. Inoltre, in tali dosi, il farmaco è sicuro per i diabetici del secondo tipo. Le persone con diabete sono invitati a prendere Flelodipina, Diltiazem, Verapamil.

I farmaci correlati agli antagonisti del recettore dell'angiotensina 2 sono stati creati relativamente di recente, quindi bisogna fare attenzione quando li si usa. Nonostante il fatto che alcuni effetti collaterali derivanti dall'uso di questo gruppo di farmaci sono stati trovati, sono insignificanti. Tra questi farmaci dovrebbero essere assegnati "Irbesartan", "Kandersartan", "Telmisartan".

Insieme alla terapia farmacologica, i pazienti devono seguire una dieta determinata, monitorare il livello di sale consumato e limitare l'assunzione di piatti speziati. Per ottenere un effetto terapeutico, l'uso dell'ipertensione nel 2 ° tipo di compresse di diabete mellito deve essere associato a cambiamenti nello stile di vita del paziente.

Pertanto, l'ipertensione nel diabete è pericolosa a causa delle malattie che provoca, che in alcuni casi finiscono con la morte. Oggi ci sono molti farmaci sul mercato per il trattamento dell'ipertensione. Ma possono essere usati solo come indicato dal medico curante. Diagnostica il problema e decide come ridurre la pressione sanguigna nel diabete.

Altri Articoli Sul Diabete

Il diabete mellito è una malattia incurabile, ma per nulla fatale. L'industria farmaceutica offre una varietà di farmaci che aiutano le persone che soffrono di questa malattia a vivere in pieno vigore.

La stevia è composta dalla pianta medicinale con lo stesso nome, che ha molte proprietà benefiche ed è considerata la pianta più dolce del mondo.

Quasi tutte le persone che sono in qualche modo collegate al diabete sanno che Accu-Check è uno dei più affidabili sul mercato mondiale per misuratori di glucosio nel sangue, pompe e materiali di consumo.