loader

Principale

Complicazioni

Diabeton MB (60 mg): istruzioni per l'uso

Diabete MB è un farmaco progettato per il trattamento del diabete di tipo 2.

Il principio attivo del farmaco è il gliclazide, che stimola le cellule beta del pancreas in modo che producano più insulina, il che provoca una diminuzione della glicemia. Designazione MV di compresse a rilascio modificato. Il gliclazide è un derivato del sulfonilurea. Il gliclazide viene rilasciato dalle compresse per 24 ore in proporzioni uniformi, il che è un vantaggio nel trattamento del diabete.

In questa pagina troverete tutte le informazioni su Diabeton MB: istruzioni complete per l'uso di questo farmaco, prezzi medi nelle farmacie, analoghi completi e incompleti del farmaco, nonché recensioni di persone che hanno già utilizzato Diabeton MB. Vuoi lasciare la tua opinione? Si prega di scrivere nei commenti.

Gruppo clinico-farmacologico

Farmaco ipoglicemico orale

Condizioni di vendita della farmacia

È rilasciato su prescrizione medica.

Quanto costa Diabeton MB? Il prezzo medio nelle farmacie è di 350 rubli.

Rilascia forma e composizione

"Diabeton" prodotto nelle seguenti forme:

  • Compresse da 80 mg.
  • Compresse a rilascio modificato "Diabeton MV" 60 mg.

Il principio attivo del farmaco è gliclazide - 80 mg (60 mg). La composizione degli eccipienti: maltodestrina, magnesio stearato, ipromellosa 100 cp, lattosio monoidrato, biossido di silicio colloidale anidro.

Effetto farmacologico

Il componente attivo di Diabeton (gliclazide) ha un pronunciato effetto ipoglicemizzante, riducendo efficacemente la concentrazione di glucosio nel sangue e stimolando la secrezione di insulina da parte delle cellule beta delle isole di Langerhans.

Il diabete con diabete mellito di tipo 2 in risposta all'assunzione di glucosio contribuisce al ripristino del picco iniziale della secrezione di insulina e allo stesso tempo migliora la seconda fase della sua secrezione. Inoltre, Diabeton, secondo le istruzioni, riduce il rischio di sviluppare trombosi di piccoli vasi, influenzando i meccanismi che sono i principali fattori nello sviluppo delle complicanze del diabete.

Indicazioni per l'uso

Secondo le istruzioni, Diabeton è prescritto:

  1. Nel trattamento del diabete mellito di tipo 2 sullo sfondo della mancanza di efficacia dallo sforzo fisico e dalla terapia dietetica;
  2. Per la prevenzione delle complicanze del diabete mellito - riduzione del rischio di ictus, retinopatia, nefropatia e infarto del miocardio.

Controindicazioni

Questo farmaco può essere utilizzato solo come prescritto da un medico dopo un esame approfondito e la determinazione del tipo di diabete. Le compresse di Diabeton MV presentano le seguenti limitazioni e controindicazioni:

  1. Diabete di tipo 1;
  2. Età inferiore a 18 anni;
  3. Chetoacidosi sullo sfondo del diabete mellito;
  4. Carenza di lattasi o galattosemia;
  5. Periodo di gravidanza e allattamento al seno;
  6. Grave insufficienza renale o epatica;
  7. Intolleranza individuale ai componenti del farmaco;
  8. Coma diabetico in un paziente - l'introduzione di questo farmaco può solo aggravare le condizioni del paziente.

Con particolare attenzione, il farmaco Diabeton MV è prescritto a pazienti con anormalità nel cuore, ipotiroidismo, alcolismo cronico, durante la terapia con glucocorticosteroidi, pazienti anziani.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Diabete MB in qualsiasi dose durante la gravidanza è proibito, così come altri rimedi orali per il diabete. Invece sono prescritti preparati di insulina. Si consiglia di passare all'insulina durante il periodo di pianificazione. Se la gravidanza si è verificata durante l'assunzione di Diabeton, le pillole devono essere cancellate con urgenza.

Non sono stati condotti studi sulla penetrazione di gliclazide nel latte materno e attraverso di essa nel corpo del bambino, pertanto Diabeton non viene prescritto durante il periodo dell'allattamento al seno.

Istruzioni per l'uso

Le istruzioni per l'uso indicano che Diabeton MV è destinato esclusivamente al trattamento degli adulti. La dose raccomandata del farmaco deve essere assunta per via orale, 1 volta / giorno, preferibilmente a colazione.

  • La dose giornaliera è 30-120 mg (1 / 2-2 scheda.) In 1 ricevimento. Si raccomanda di ingoiare una pillola o metà della pillola intera, senza masticare o schiacciare.

Quando salti una o più dosi del farmaco non deve assumere una dose più alta nella dose successiva, la dose dimenticata deve essere assunta il giorno successivo. Come con altri farmaci ipoglicemici, la dose del farmaco deve essere scelta singolarmente in base alla concentrazione di glucosio ematico e HbA1c.

  • La dose iniziale raccomandata per gli adulti (compresi i pazienti anziani di età ≥ 65 anni) è di 30 mg (1/2 tab.) / Giorno.

In caso di controllo adeguato, il farmaco in questa dose può essere utilizzato per la terapia di mantenimento. Con un controllo glicemico inadeguato, la dose giornaliera del farmaco può essere costantemente aumentata a 60 mg, 90 mg o 120 mg. L'aumento della dose è possibile non prima che dopo 1 mese di terapia farmacologica nella dose precedentemente prescritta. L'eccezione è rappresentata dai pazienti nei quali la concentrazione di glucosio nel sangue non è diminuita dopo 2 settimane di terapia. In questi casi, la dose del farmaco può essere aumentata 2 settimane dopo l'inizio della somministrazione.

  • La dose giornaliera massima raccomandata del farmaco è di 120 mg.

Una compressa delle compresse di Diabeton MV con un rilascio modificato di 60 mg equivale a 2 compresse. Compresse a rilascio modificato di Diabeton MB farmaco 30 mg. La presenza di tacche su compresse da 60 mg consente di dividere la compressa e assumere una dose giornaliera di 30 mg (1/2 compressa da 60 mg) e, se necessario, 90 mg (1 compressa da 60 mg e 1/2 compressa da 60 mg).

Effetti collaterali

L'effetto collaterale più pericoloso è basso livello di zucchero nel sangue, ipoglicemia. I suoi sintomi: mal di testa, stanchezza, irritabilità, incubi, palpitazioni. Nei casi più gravi, il paziente può perdere conoscenza.

Diabeton MV causa una grave ipoglicemia meno frequentemente di altri farmaci - derivati ​​sulfonilurea. Altri effetti collaterali: dolore addominale, nausea, vomito, diarrea, stitichezza, eruzione cutanea, prurito cutaneo, aumento dell'attività degli enzimi epatici (AST, ALT, fosfatasi alcalina). All'inizio del trattamento con Diabeton, potrebbe esserci un deficit visivo temporaneo dovuto al fatto che il livello di zucchero nel sangue diminuisce rapidamente. Anche l'epatite e l'ittero sono possibili, ma raramente.

Cambiamenti avversi nella composizione del sangue - estremamente rari.

overdose

Con un sovradosaggio di derivati ​​sulfonilurea, può svilupparsi ipoglicemia. Lo zucchero nel sangue scenderà al di sotto del normale, ed è pericoloso. L'ipoglicemia lieve può essere interrotta da solo e nei casi più gravi è richiesta un'assistenza medica di emergenza.

Istruzioni speciali

Dopo un lungo periodo di trattamento, l'efficacia di Diabeton MB può diminuire. Ciò può essere dovuto alla progressione della malattia o alla diminuzione della risposta terapeutica all'azione del farmaco - resistenza secondaria al farmaco. Prima di diagnosticare questo disturbo, è necessario valutare l'adeguatezza della selezione della dose e l'osservanza del paziente con la dieta prescritta.

Durante la terapia, l'ipoglicemia può svilupparsi, e in alcuni casi, in una forma prolungata / grave che richiede il ricovero e la somministrazione endovenosa di destrosio per diversi giorni. Per evitare lo sviluppo di ipoglicemia richiede l'attuazione di un'attenta selezione individuale di farmaci e regime di dosaggio.

La probabilità di ipoglicemia aumenta nei seguenti casi:

  • insufficienza renale;
  • grave insufficienza epatica;
  • overdose di Diabeton MV;
  • uso combinato con determinati farmaci;
  • uno squilibrio tra la quantità di carboidrati e l'esercizio fisico;
  • saltare i pasti, irregolare / malnutrito, cambiare dieta e digiuno;
  • rifiuto / incapacità del paziente di controllare la sua condizione e seguire la prescrizione del medico (in particolare, questo si applica ai pazienti anziani);
  • alcuni disturbi endocrini (malattie della ghiandola tiroidea, insufficienza surrenalica e ipofisaria).

L'indebolimento del controllo glicemico durante l'assunzione di Diabeton MV è possibile con febbre, lesioni, malattie infettive o interventi chirurgici di grandi dimensioni. In questi casi, potrebbe essere necessario annullare il farmaco e la nomina della terapia insulinica.

Interazione farmacologica

Molti farmaci aumentano il rischio di ipoglicemia se assunto con il diabete. Questo dovrebbe essere preso in considerazione dal medico quando si prescrive il trattamento combinato del diabete con acarbosio, metformina, tiazolidinedioni, inibitori della dipeptidil peptidasi-4, agonisti del GLP-1 e anche insulina.

L'effetto di Diabeton MW è potenziato da farmaci per l'ipertensione - beta-bloccanti e ACE-inibitori, così come fluconazolo, bloccanti del recettore H2 dell'istamina, inibitori delle MAO, sulfonamidi, claritromicina. Altri farmaci possono indebolire l'azione del gliclazide. Leggi ulteriori istruzioni ufficiali per l'uso.

Informate il vostro medico di tutte le medicine, integratori alimentari ed erbe che prendete prima di prescriverle pillole per il diabete. Capire come controllare indipendentemente la glicemia. Sapere cosa fare se sale o viceversa diminuisce troppo.

Recensioni

Abbiamo raccolto alcuni feedback da persone su Diabeton MB:

  1. Sasha. Mi è stato diagnosticato il diabete per caso, mi sono sottoposto a un esame del sangue, e lì, a stomaco vuoto, il glucosio era 13, e non c'erano sintomi particolari, vivevo come al solito. Ho subito voluto nominare l'insulina, ha rifiutato. Ha iniziato a bere Siofor e Diabeton. Lo zucchero nei primi giorni scese a 9, e poi molto lentamente, l'intero mese strisciato giù. Ora 6, massimo 8.
  2. Valentin. Oggi ha ricevuto 60. La raccomandazione sulla ricetta è 1/2 due volte al giorno. Ho letto la prem 1 volta al mattino. Cosa fare Medici sempre diversi e ciascuno oppresso, è difficile iscriversi a uno. Glidiab MB precedente con metmorphin850 (2 volte-metmorfina) ha abbassato SC a 3,75. Dopo 2 ore, meno di 5. Questo è tutto e sostituito. Perché non abbassare la dose di metmorfina? Ho già vissuto tranquillamente.
  3. Lera. L'anno ha visto la metformina, caduta durante questo periodo di 15 kg, altri 10 rimasti. Il medico mi ha trasferito a Diabeton in una dose minima di 30 mg. All'inizio ero persino contento, lo bevo solo una volta e riduco bene lo zucchero. E poi ho capito che ogni salto di cibo o una piccola porzione porta a una goccia di zucchero. Di conseguenza, la mia perdita di peso si è interrotta e ho già guadagnato 2 kg. A vostro rischio e pericolo, sono tornato a Metformin, continuerò a dimagrire.

Secondo le recensioni, Diabeton MW è un farmaco efficace che aiuta a ridurre i livelli di zucchero. Lo sviluppo di effetti collaterali è riportato solo in rari casi. Di solito gli svantaggi indicano un costo piuttosto elevato del farmaco.

analoghi

Analoghi del farmaco Diabeton MV sono i seguenti mezzi:

  • Pillole di Glidiab;
  • Glidiab MB;
  • Diabefarm MV;
  • Gliclazide MB.

Prima di usare analoghi, consultare il medico.

Condizioni di conservazione e durata

Conservare il farmaco deve essere in un luogo asciutto, buio, fresco, lontano dalla portata dei bambini. La data di scadenza è indicata sulla confezione, dopo la sua scadenza si consiglia di gettare il farmaco.

Diabeton

Descrizione al 26 dicembre 2015

  • Nome latino: Diabeton
  • Codice ATC: A10BB09
  • Ingrediente attivo: gliclazide
  • Produttore: Les Laboratoires Servier Іndustrie (Francia)

struttura

1 compressa contiene 80 mg della sostanza attiva gliclazide.

Modulo di rilascio

Disponibile in forma di tablet.

Azione farmacologica

Ha un effetto ipoglicemico.

Farmacodinamica e farmacocinetica

Il principale ingrediente attivo è il gliclazide. Farmaco ipoglicemico del gruppo sulfonilurea di seconda generazione. Il gliclazide è un derivato del sulfonilurea. Contiene un anello azobicicloottano, che distingue significativamente il meccanismo della sua azione da biguanidi ipoglicemici e sulfonamidi.

Il farmaco ha anche un effetto emovascolare, metabolico e antiossidante. Sotto l'azione di Diabeton, la concentrazione di glucosio nel sangue diminuisce (grazie alla maggiore produzione di insulina da parte di speciali cellule beta del pancreas).

Nei pazienti con diabete mellito di secondo tipo, il farmaco restituisce il picco iniziale della produzione di insulina e aumenta la successiva fase di secrezione di insulina. Un aumento della concentrazione di insulina si verifica prima di un pasto o di un carico di glucosio.

Gli effetti antiossidanti ed emovascolari dei farmaci riducono il rischio di complicanze del diabete. Diabeton previene la microtrombosi a causa dell'inibizione parziale dell'aggregazione, dell'adesione delle piastrine, della diminuzione del numero di marker dell'attivazione piastrinica.

Il farmaco aumenta l'attività del tPa, influenza l'attività fibrinolitica della parete del vaso endoteliale.

L'effetto antiossidante del glicide si ottiene riducendo la concentrazione di lipidi perossidici nel plasma sanguigno, aumentando l'attività della dismutasi degli eritrociti, dei tioli plasmatici e aumentando la capacità antiossidante totale.

Il gliclazide è metabolizzato nel fegato.

Indicazioni per l'uso

Diabete mellito di tipo 2 (con l'inefficacia del programma e diete dimagranti).

Controindicazioni

Chetoacidosi diabetica, diabete mellito di primo tipo, grave patologia del sistema renale ed epatico, precoma diabetico, coma, gravidanza.

Con cura Diabeton prescritto per le persone anziane, dopo estese ustioni. Non applicabile in pediatria.

Effetti collaterali

Con una dieta inadeguata, violazione del regime di dosaggio ipoglicemia, fame, affaticamento, mal di testa, sudorazione, battito cardiaco accelerato, insonnia, ansia, aggressività, disattenzione, disturbi visivi, paresi, tremore, depressione, disattenzione, afasia, disturbi sensoriali, delirio, ipersonnia convulsioni.

Tratto gastrointestinale: disturbi dispeptici, ittero colestatico, perdita di appetito, aumento dei livelli degli enzimi epatici.

Organi dell'ematopoiesi: inibizione della funzione dell'ematopoiesi del midollo osseo.

Compresse di Diabeton, istruzioni per l'uso (metodo e dosaggio)

Secondo le istruzioni per l'uso, il medicinale viene assunto per via orale durante il pasto. La dose iniziale è di 80 mg al giorno, la media è di 160-320 mg.

Il dosaggio è selezionato individualmente. La dose di Diabeton dipende dalla gravità della malattia, dall'età, dalla glicemia.

overdose

Coscienza, ipoglicemia, coma.

Devi inserire una soluzione di destrosio ipertonica al 40%, ingerire zucchero, 2 mg di glucagone.

Monitorare la glicemia ogni 15 minuti. Assumere cibo ricco di carboidrati (facilmente digeribile).

interazione

Bloccanti di H2-istamina, ACE inibitori, fibrati, farmaci antifungini.

GCS, barbiturici, antiepilettici, adrenostimulyatorov, BCCI, diuretici tiazidici, triamterene, furosemide, baclofene, diazossido, asparaginasi, triamterene, morfina, isoniazide, terbutalina, ritodrina, glucagone, salbutamolo, rifampicina, estrogeni, clorpromazina, acido nicotinico indebolire l'effetto del farmaco.

Condizioni di vendita

Condizioni di conservazione

Alla portata dei bambini ad una temperatura non superiore a 30 gradi Celsius.

Periodo di validità

Non più di tre anni.

Istruzioni speciali

Con il decompensation del diabete, gli interventi chirurgici, l'assunzione di insulina deve essere considerata. L'uso di etanolo aumenta il rischio di ipoglicemia.

Con sovratensione emotiva e fisica, è necessario regolare la dose del farmaco Diabeton.

Gli anziani, i pazienti con insufficienza pituitaria-surrenale sono particolarmente sensibili ai farmaci ipoglicemici.

Rallenta la velocità delle reazioni psicomotorie.

Analoghi di Diabeton

Gli analoghi del farmaco possono essere chiamati mezzi: Glidia, Glikinorm, Gliclada, Gliclazide, Glioral, Diaglisid, Diazid, Panmicron, Reclide.

Quale è meglio: Maninil o Diabeton?

Il maninil è considerato una droga più dannosa.

Recensioni Diabeton

Il farmaco è caratterizzato come un rimedio efficace per abbassare i livelli di zucchero nel sangue, facile da usare rispetto alle iniezioni di insulina. Gli effetti collaterali non sono quasi mai osservati, potrebbe non essere adatto a tutti i pazienti.

Recensioni di Diabeton nel bodybuilding, caratterizzano il farmaco, come mezzo per aumentare la massa. Tuttavia, i medici non consigliano l'uso di medicinali e, in particolare, Diabeton non per lo scopo previsto. Potrebbe essere pericoloso per la salute. L'uso di droghe può causare ipoglicemia.

Prezzo Diabeton dove acquistare

È possibile acquistare imballaggi per circa 300 rubli. Tuttavia, è ormai praticamente impossibile acquisire la solita Diabeton, poiché in pratica viene venduta la Diabeton MV più sicura.

Il prezzo di Diabeton in Ucraina è di circa 100-130 UAH.

Diabeton - istruzioni per l'uso, recensioni, analoghi e forme di rilascio (80 mg compresse, 60 mg MB con rilascio modificato) del farmaco per il trattamento del diabete di tipo 2 negli adulti, nei bambini e durante la gravidanza

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Diabeton. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questa medicina, nonché le opinioni degli specialisti nell'uso di Diabeton nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere il vostro feedback sul farmaco più attivamente: il medicinale ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicazioni ed effetti collaterali sono stati osservati, che potrebbero non essere stati dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Diabeton in presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento del diabete di tipo 2 negli adulti, nei bambini, così come durante la gravidanza e l'allattamento.

Diabeton è un agente ipoglicemico orale, un derivato della sulfonilurea di seconda generazione. Stimola la secrezione di insulina dalle cellule beta del pancreas. Aumenta la sensibilità dei tessuti periferici all'insulina. Apparentemente, stimola l'attività degli enzimi intracellulari (in particolare, la glicogeno sintetasi muscolare). Riduce il tempo dal momento in cui si preleva il cibo all'inizio della secrezione di insulina. Ripristina il picco iniziale della secrezione di insulina, riduce il picco postprandiale dell'iperglicemia.

Gliclazide (il principio attivo del farmaco Diabeton) riduce l'adesione e l'aggregazione delle piastrine, rallenta lo sviluppo di un coagulo di parete, aumenta l'attività fibrinolitica vascolare. Normalizza la permeabilità vascolare. Ha proprietà anti-aterogeniche: abbassa la concentrazione sanguigna di colesterolo totale (Xc) e Xc-LDL, aumenta la concentrazione di Xc-HDL e riduce anche il numero di radicali liberi. Interferisce con lo sviluppo di microtrombosi e aterosclerosi. Migliora la microcircolazione. Riduce la sensibilità dei vasi sanguigni all'adrenalina.

Nella nefropatia diabetica, sullo sfondo dell'uso a lungo termine di gliclazide, vi è una significativa diminuzione della proteinuria.

struttura

Gliclazide + eccipienti.

farmacocinetica

Dopo l'ingestione, Diabeton è completamente assorbito. La concentrazione di gliclazide nel plasma aumenta gradualmente durante le prime 6 ore, il livello di plateau è mantenuto da 6 a 12 ore.La variabilità individuale è bassa. Il pasto non influenza la velocità o l'entità dell'assorbimento di gliclazide. Il gliclazide viene metabolizzato principalmente nel fegato. Non ci sono metaboliti attivi nel plasma. Escreto principalmente dai reni come metaboliti, meno dell'1% - con urina invariata.

Negli anziani non si osservano cambiamenti significativi nei parametri farmacocinetici.

testimonianza

  • diabete mellito di tipo 2 con insufficiente efficacia di dieta, esercizio fisico e perdita di peso;
  • prevenzione delle complicanze del diabete mellito: riduzione del rischio di complicanze microvascolari (nefropatia, retinopatia) e macrovascolari (infarto del miocardio, ictus) in pazienti con diabete di tipo 2 mediante controllo glicemico intensivo.

Forme di rilascio

Compresse a rilascio modificato da 60 mg (Diabeton MV).

Istruzioni per l'uso e il regime di dosaggio

La dose giornaliera iniziale è di 80 mg, la dose giornaliera media è 160-320 mg, la frequenza di somministrazione è 2 volte al giorno prima dei pasti. Dosaggio individuale a seconda del glucosio a digiuno e 2 ore dopo un pasto, nonché delle manifestazioni cliniche della malattia.

Il farmaco è destinato agli adulti.

La dose raccomandata del farmaco deve essere assunta per via orale, 1 volta al giorno, preferibilmente a colazione.

La dose giornaliera è 30-120 mg (1 / 2-2 compresse) in 1 ricevimento. Si raccomanda di ingoiare una pillola o metà della pillola intera, senza masticare o schiacciare.

Quando salti una o più dosi del farmaco non deve assumere una dose più alta nella dose successiva, la dose dimenticata deve essere assunta il giorno successivo. Come con altri farmaci ipoglicemici, la dose del farmaco deve essere scelta individualmente, in base alla concentrazione di glucosio ematico e emoglobina glicosilata (HbA1c).

La dose iniziale raccomandata per gli adulti (incluso per gli anziani ≥ 65 anni) - 30 mg (1/2 compressa) al giorno.

In caso di controllo adeguato, il farmaco in questa dose può essere utilizzato per la terapia di mantenimento. Con un controllo glicemico inadeguato, la dose giornaliera del farmaco può essere costantemente aumentata a 60 mg, 90 mg o 120 mg. L'aumento della dose è possibile non prima che dopo 1 mese di terapia farmacologica nella dose precedentemente prescritta. L'eccezione è rappresentata dai pazienti nei quali la concentrazione di glucosio nel sangue non è diminuita dopo 2 settimane di terapia. In questi casi, la dose del farmaco può essere aumentata 2 settimane dopo l'inizio della somministrazione.

La dose giornaliera massima raccomandata del farmaco è di 120 mg.

1 compressa con un rilascio modificato di 60 mg equivale a 2 compresse con un rilascio modificato di 30 mg. La presenza di tacche su compresse da 60 mg consente di dividere la compressa e assumere una dose giornaliera di 30 mg (1/2 compresse 60 mg) e, se necessario, 90 mg (1 compressa 60 mg e 1/2 compressa 60 mg).

La transizione dall'assunzione del farmaco Diabeton compresse 80 mg alle compresse di Diabeton della droga con un rilascio modificato di 60 mg

1 compressa del farmaco Diabeton 80 mg può essere sostituita 1/2 compressa con un rilascio modificato Diabeton MB 60 mg. Quando si trasferiscono i pazienti dal farmaco Diabeton 80 mg al farmaco Diabeton MB, si raccomanda un attento controllo glicemico.

La transizione dall'assunzione di un altro farmaco ipoglicemico alle compresse di Diabeton MB con un rilascio modificato di 60 mg

Diabeton MB 60 mg compresse a rilascio modificato può essere usato al posto di un altro agente orale ipoglicemico. Durante il trasferimento a pazienti affetti da diabete di MB di Diabeton che assumono altri farmaci ipoglicemizzanti per somministrazione orale, è necessario tenere conto della loro dose ed emivita. Di norma non è richiesto un periodo di transizione. La dose iniziale deve essere di 30 mg e quindi deve essere aumentata in base alla concentrazione di glucosio nel sangue.

Quando si sostituiscono Diabeton MB con derivati ​​sulfonilurea con una lunga emivita per evitare l'ipoglicemia causata dall'effetto additivo di due agenti ipoglicemizzanti, è possibile interrompere l'assunzione per diversi giorni. La dose iniziale di Diabeton MB è anche di 30 mg (1/2 compressa da 60 mg) e, se necessario, può essere aumentata ulteriormente come descritto sopra.

Uso combinato con un altro farmaco ipoglicemico

Diabeton MB può essere usato in combinazione con biguanidi, inibitori alfa-glucosidasi o insulina.

Con un controllo glicemico inadeguato, deve essere prescritta un'ulteriore terapia insulinica con attento monitoraggio medico.

Gruppi di pazienti speciali

Non è richiesto un aggiustamento della dose per i pazienti di età superiore a 65 anni.

I risultati di studi clinici hanno dimostrato che l'aggiustamento della dose nei pazienti con insufficienza renale da lieve a moderata non è richiesto. Si raccomanda un controllo medico approfondito.

In pazienti a rischio di sviluppare ipoglicemia (nutrizione insufficiente o squilibrata, disturbi endocrini gravi o scarsamente compensati - insufficienza ipofisaria e surrenalica, ipotiroidismo, eliminazione dei glucocorticosteroidi (GCS) dopo somministrazione a lungo termine e / o somministrazione a dosi elevate, gravi malattie cardiovascolari sistema vascolare - grave malattia coronarica, grave aterosclerosi delle arterie carotidi, aterosclerosi comune), si raccomanda di utilizzare la dose minima (30 mg) del farmaco Diabeton MB.

Per ottenere un controllo glicemico intensivo al fine di prevenire le complicanze del diabete, è possibile aumentare gradualmente la dose del farmaco Diabeton MB a 120 mg al giorno in aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico fino a raggiungere il livello target di HbA1c. Dovrebbe essere consapevole del rischio di ipoglicemia. Inoltre, alla terapia possono essere aggiunti altri farmaci ipoglicemici, come la metformina, un inibitore della glucosidasi alfa, un derivato del tiazolidinedione o insulina.

Effetti collaterali

  • ipoglicemia;
  • mal di testa;
  • forte sensazione di fame;
  • nausea, vomito;
  • costipazione;
  • aumento della fatica;
  • disturbo del sonno;
  • irritabilità;
  • eccitazione;
  • ridotta concentrazione di attenzione;
  • reazione ritardata;
  • depressione;
  • confusione;
  • visione e discorso offuscati;
  • tremori;
  • perdita di autocontrollo;
  • sentirsi impotenti;
  • vertigini;
  • la debolezza;
  • convulsioni;
  • bradicardia;
  • il delirio;
  • respirazione superficiale;
  • sonnolenza;
  • perdita di coscienza con possibile sviluppo di coma, persino morte;
  • aumento della sudorazione;
  • pelle appiccicosa;
  • ansia;
  • tachicardia;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • sensazione di battito cardiaco;
  • aritmia;
  • angina pectoris;
  • rash cutaneo;
  • prurito;
  • eritema;
  • rash maculopapulare;
  • reazioni bollose (come la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica);
  • orticaria;
  • angioedema;
  • disturbi ematologici (anemia, leucopenia, trombocitopenia, granulocitopenia, agranulocitosi);
  • disturbi visivi transitori.

Controindicazioni

  • diabete di tipo 1;
  • chetoacidosi diabetica, precoma diabetico, coma diabetico;
  • grave insufficienza renale o epatica (in questi casi, l'insulina è raccomandata);
  • uso simultaneo di miconazolo;
  • la gravidanza;
  • periodo di allattamento (allattamento al seno);
  • età fino a 18 anni;
  • ipersensibilità al gliclazide o ad uno qualsiasi degli eccipienti del farmaco, altri derivati ​​sulfonilurea, sulfonamidi.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

L'esperienza dell'uso di Diabeton durante la gravidanza è assente. I dati sull'uso di altri derivati ​​sulfonilurea durante la gravidanza sono limitati.

Negli studi su animali da laboratorio non sono stati identificati effetti teratogeni di gliclazide.

Per ridurre il rischio di malformazioni congenite, è necessario un controllo ottimale (terapia appropriata) del diabete.

I farmaci ipoglicemici orali durante la gravidanza non sono usati. L'insulina è il farmaco di scelta per il trattamento del diabete nelle donne in gravidanza. Si raccomanda di sostituire l'assunzione di farmaci ipoglicemizzanti orali con terapia insulinica nel caso di una gravidanza programmata e nel caso in cui la gravidanza si sia verificata durante l'assunzione del farmaco.

Tenendo conto della mancanza di dati sull'ingresso di Diabeton nel latte materno e del rischio di sviluppare ipoglicemia neonatale, l'allattamento al seno è controindicato durante la terapia farmacologica.

Usare nei bambini

Controindicato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni (i dati sull'efficacia e la sicurezza del farmaco in questa fascia di età non sono disponibili.)

Istruzioni speciali

Quando si prescrive Diabeton MB, si deve tenere presente che a seguito dell'assunzione di derivati ​​sulfonilurea, può svilupparsi ipoglicemia, e in alcuni casi in forma grave e prolungata, che richiede ospedalizzazione e somministrazione di destrosio (glucosio) per diversi giorni.

Il farmaco può essere prescritto solo a quei pazienti il ​​cui cibo è regolare e include la colazione. È molto importante mantenere un adeguato apporto di carboidrati dal cibo, perché il rischio di ipoglicemia aumenta con l'irregolarità o la malnutrizione, così come con il consumo di cibo, povero di carboidrati. L'ipoglicemia si sviluppa spesso con una dieta a basso contenuto calorico, dopo un esercizio prolungato o vigoroso, dopo aver bevuto alcolici o prendendo diversi farmaci ipoglicemizzanti contemporaneamente.

Di norma, i sintomi dell'ipoglicemia scompaiono dopo un pasto ricco di carboidrati (ad esempio, zucchero). Va tenuto presente che l'assunzione di dolcificanti non contribuisce all'eliminazione dei sintomi ipoglicemici. L'esperienza con altri derivati ​​sulfonilurea suggerisce che l'ipoglicemia può ripresentarsi, nonostante un efficace sollievo iniziale di questa condizione. Se i sintomi ipoglicemici hanno una natura pronunciata o sono lunghi, anche nel caso di un miglioramento temporaneo dopo aver mangiato un pasto ricco di carboidrati, è necessario fornire cure mediche di emergenza, incluso il ricovero in ospedale.

Per evitare lo sviluppo di ipoglicemia, è necessaria un'attenta selezione individuale di farmaci e un regime di dosaggio, oltre a fornire al paziente informazioni complete sul trattamento proposto.

Un aumento del rischio di ipoglicemia può verificarsi nei seguenti casi:

  • il rifiuto o l'incapacità del paziente (specialmente gli anziani) di seguire le prescrizioni del medico e di controllarne le condizioni;
  • pasti inadeguati e irregolari, saltando pasti, digiuni e cambiando diete;
  • squilibrio tra esercizio e assunzione di carboidrati;
  • insufficienza renale;
  • grave insufficienza epatica;
  • overdose del farmaco Diabeton MB;
  • alcuni disturbi endocrini (malattie della tiroide, ipofisi e insufficienza surrenalica);
  • assunzione simultanea di alcuni farmaci.

Nei pazienti con insufficienza epatica e / o insufficienza renale grave, è possibile una modifica delle proprietà farmacocinetiche e / o farmacodinamiche del gliclazide. L'ipoglicemia che si sviluppa in questi pazienti può essere piuttosto lunga, in questi casi è necessario condurre immediatamente una terapia appropriata.

Informazioni per il paziente

È necessario informare il paziente e i suoi familiari del rischio di ipoglicemia, dei suoi sintomi e delle condizioni che favoriscono il suo sviluppo. Il paziente deve essere informato dei potenziali rischi e benefici del trattamento proposto. Il paziente deve spiegare l'importanza della dieta, la necessità di un regolare esercizio fisico e il monitoraggio regolare dei livelli di glucosio nel sangue.

Controllo glicemico insufficiente

Il controllo glicemico nei pazienti che ricevono una terapia ipoglicemica può essere compromesso nei seguenti casi: febbre, trauma, malattie infettive o interventi chirurgici di grandi dimensioni. In queste condizioni, potrebbe essere necessario interrompere la terapia con MB Diabeton e prescrivere la terapia insulinica.

In molti pazienti, l'efficacia degli agenti ipoglicemici orali, tra cui il gliclazide tende a diminuire dopo un lungo periodo di trattamento. Questo effetto può essere dovuto sia alla progressione della malattia sia alla diminuzione della risposta terapeutica al farmaco. Questo fenomeno è noto come resistenza secondaria ai farmaci, che deve essere distinta dal primario, in cui il farmaco non dà l'effetto clinico atteso al primo appuntamento. Prima di diagnosticare la resistenza al farmaco secondaria di un paziente, è necessario valutare l'adeguatezza della selezione della dose e l'osservanza del paziente con la dieta prescritta.

Controllo dei parametri di laboratorio

Per valutare il controllo glicemico, si raccomanda di determinare regolarmente il livello di glicemia a digiuno e il livello di emoglobina glicata. Inoltre, è consigliabile monitorare regolarmente le concentrazioni di glucosio nel sangue.

I derivati ​​sulfonilurea possono causare anemia emolitica in pazienti con deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Poiché il gliclazide è un derivato del sulfonilurea, occorre prestare attenzione quando lo prescrivono a pazienti con carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Dovresti valutare la possibilità di prescrivere un farmaco ipoglicemico di un altro gruppo.

Influenza sulla capacità di guidare il trasporto motorio e meccanismi di controllo

In relazione al possibile sviluppo dell'ipoglicemia con l'uso di Diabeton MB, i pazienti devono essere consapevoli dei sintomi dell'ipoglicemia e devono prestare attenzione durante la guida o il lavoro che richiede un alto tasso di reazioni fisiche e mentali, specialmente all'inizio della terapia.

Interazione farmacologica

Farmaci e sostanze che potenziano l'azione del gliclazide (contribuiscono ad aumentare il rischio di ipoglicemia)

L'uso simultaneo con miconazolo (per uso sistemico e quando si utilizza il gel sulla mucosa orale) porta ad un aumento dell'azione ipoglicemizzante del gliclazide (l'ipoglicemia può svilupparsi fino a uno stato di coma).

Le combinazioni non sono raccomandate.

Il fenilbutazone (per uso sistemico) potenzia l'effetto ipoglicemico dei derivati ​​sulfonilurea, poiché li allontana dalla loro associazione con le proteine ​​plasmatiche e / o rallenta la loro eliminazione dal corpo. Preferibilmente l'uso di un altro farmaco anti-infiammatorio. Se è necessario assumere fenilbutazone, il paziente deve essere avvertito della necessità di controllo glicemico. Se necessario, la dose di Diabeton MB deve essere aggiustata durante l'assunzione di fenilbutazone e dopo la sua conclusione.

Con l'uso simultaneo di gliclazide, l'etanolo (alcol) aumenta l'ipoglicemia, inibendo le reazioni compensatorie e può contribuire allo sviluppo del coma ipoglicemico. È necessario rifiutare di prendere medicine che contengono l'etanolo e usare l'alcool.

Combinazioni che richiedono precauzioni

Ricezione di Diabeton in combinazione con alcuni farmaci (ad esempio, altri agenti ipoglicemici - insulina, acarbose, metformina, tiazolidinedioni, inibitori di dipeptide dipeptidasi-4, agonisti GLP-1); beta adrenoblokator, fluconazolo; ACE inibitori - captopril, enalapril; bloccanti del recettore H2 dell'istamina; Inibitori MAO; sulfonamidi, claritromicina, FANS) è accompagnato da un aumento dell'effetto ipoglicemico e del rischio di ipoglicemia.

Farmaci che indeboliscono l'azione del gliclazide (contribuiscono ad un aumento del glucosio nel sangue)

Le combinazioni non sono raccomandate.

Danazolo ha un effetto diabetogenico. Se è necessario assumere questo farmaco, si raccomanda al paziente di monitorare attentamente la glicemia. Se necessario, l'assunzione congiunta di farmaci, si consiglia di selezionare la dose di agenti ipoglicemici sia durante l'assunzione di danazolo, e dopo la sua cancellazione.

Combinazioni che richiedono precauzioni

L'uso combinato di diabeton con clorpromazina in dosi elevate (più di 100 mg al giorno) può portare ad un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue a causa di una diminuzione della secrezione di insulina. Si raccomanda un controllo glicemico completo. Se necessario, l'assunzione congiunta di farmaci, si raccomanda di selezionare la dose di un agente ipoglicemico sia durante la somministrazione del neurolettico che dopo la sua interruzione.

Con l'uso simultaneo di glucocorticosteroidi (per uso sistemico e locale - intra-articolare, percutanea, somministrazione rettale) e il tetracosactide aumentano la concentrazione di glucosio nel sangue con il possibile sviluppo di chetoacidosi (ridotta tolleranza ai carboidrati). Si raccomanda un attento controllo glicemico, soprattutto all'inizio del trattamento. Se necessario, farmaci comuni, potrebbe essere necessario regolare la dose dell'agente ipoglicemico sia durante la ricezione di GCS, sia dopo la loro cancellazione.

Con l'uso combinato di beta2-adrenomimetiki (ritodrin, salbutamolo, somministrazione endovenosa di terbutalina) aumenta la concentrazione di glucosio nel sangue.

Un'attenzione particolare deve essere rivolta all'importanza del controllo auto-glicemico. Se necessario, si raccomanda di trasferire il paziente alla terapia insulinica.

Combinazioni da prendere in considerazione

I derivati ​​sulfonilurea possono potenziare l'azione degli anticoagulanti (ad esempio il warfarin) se assunti insieme. Può richiedere un aggiustamento della dose dell'anticoagulante.

Analoghi della droga Diabeton

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Glidiab;
  • Glidiab MB;
  • Gliklada;
  • gliclazide;
  • Gliclazide MB;
  • Glyukostabil;
  • Diabetalong;
  • Diabeton MB;
  • Diabefarm;
  • Diabefarm MV;
  • Diabinaks;
  • Diabrezid;
  • Diatika;
  • Predian;
  • Reklid.

Analoghi per gruppo farmacologico (agenti ipoglicemici):

  • Avandamet;
  • Avandia;
  • ADEB;
  • Amalviya;
  • Amaryl;
  • Antidiab;
  • Arfazetin;
  • Astrozon;
  • Bagomet Plus;
  • Bagomet;
  • Byetta;
  • Betanaz;
  • bucarban;
  • Butamide;
  • Viktoza;
  • Galvus;
  • Gilemal;
  • Glemaz;
  • Ritardato glibenese;
  • glibenclamide;
  • Glidiab;
  • Gliklada;
  • gliclazide;
  • glucones;
  • Glyukobene;
  • Glyukovans;
  • Glyukonorm;
  • Glyukostabil;
  • Glucotrol CL;
  • Glucophage;
  • Glucophage Long;
  • Glyumedeks;
  • Diabetalong;
  • Diabefarm;
  • Diaglinid;
  • Diatika;
  • Lanzherin;
  • Manin;
  • Meglimid;
  • Metfogamma;
  • metformina;
  • Minidiab;
  • Movogleken;
  • NovoFormin;
  • Ongliza;
  • Pioglar;
  • Pioglit;
  • Reklid;
  • rogla;
  • Siofor;
  • Sofamet;
  • Formetin;
  • Formin Pliva;
  • clorpropamide;
  • Janow.

DIABETON MW

Compresse con un rilascio modificato bianco, biconvessa, ovale con una tacca e inciso "DIA" "60" su entrambi i lati.

Eccipienti: lattosio monoidrato - 71,36 mg, maltodestrina - 22 mg, ipromellosa 100 cP - 160 mg, magnesio stearato - 1,6 mg, silice colloidale anidra di silicio - 5,04 mg.

14 pezzi - blister (2) - imballa il cartone.
15 pezzi - blister (2) - imballa il cartone.
15 pezzi - blister (4) - imballa il cartone.
30 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
30 pezzi - blister (2) - imballa il cartone.

Il gliclazide è un derivato del sulfonilurea, un farmaco orale ipoglicemico che si differenzia da farmaci simili in presenza di un anello eterociclico contenente N con un legame endociclico.

Il gliclazide riduce la concentrazione di glucosio nel sangue stimolando la secrezione di insulina da parte delle cellule β delle isole di Langerhans. Un aumento delle concentrazioni di insulina e C-peptide postprandiale persiste dopo 2 anni di terapia. Oltre all'effetto sul metabolismo dei carboidrati, il gliclazide ha effetti emovascolari.

Effetto sulla secrezione di insulina

Nel diabete mellito di tipo 2, il farmaco ripristina il picco iniziale della secrezione di insulina in risposta all'assunzione di glucosio e migliora la seconda fase della secrezione di insulina. Un significativo aumento della secrezione di insulina si osserva in risposta alla stimolazione causata dall'assunzione di cibo e dalla somministrazione di glucosio.

Il gliclazide riduce il rischio di trombosi dei piccoli vasi, influenzando i meccanismi che possono causare lo sviluppo di complicazioni nel diabete mellito: inibizione parziale dell'aggregazione piastrinica e adesione e una diminuzione della concentrazione dei fattori attivanti piastrinici (beta-tromboglobulina, trombossano B2), così come per ripristinare l'attività fibrinolitica dell'endotelio vascolare e aumentare l'attività dell'attivatore del plasminogeno tissutale.

Diabeton

Prezzi nelle farmacie online:

Diabeton - medicamento ipoglicemizzante sintetico utilizzato nel trattamento del diabete di tipo 2, e anche per la prevenzione delle complicanze della malattia.

Azione farmacologica di Diabeton

Il componente attivo di Diabeton (gliclazide) ha un pronunciato effetto ipoglicemizzante, riducendo efficacemente la concentrazione di glucosio nel sangue e stimolando la secrezione di insulina da parte delle cellule beta delle isole di Langerhans.

Il diabete con diabete mellito di tipo 2 in risposta all'assunzione di glucosio contribuisce al ripristino del picco iniziale della secrezione di insulina e allo stesso tempo migliora la seconda fase della sua secrezione.

Inoltre, Diabeton, secondo le istruzioni, riduce il rischio di sviluppare trombosi di piccoli vasi, influenzando i meccanismi che sono i principali fattori nello sviluppo delle complicanze del diabete.

Modulo di rilascio di Diabeton

Diabeton prodotto sotto forma di compresse:

  • Con un contenuto di 80 mg del principio attivo (gliclazide), 15 pezzi in un blister;
  • Diabeton CF - modificato rilascio del contenuto di 60 mg (Diabeton 60) e 30 mg di principio attivo, 15 parti in un blister.

Analoghi di Diabeton

Diabeton analoghi dell'ingrediente attivo sono compresse Diabefarm Glidiab, Gliklada, Glyukostabil, Diabetalong e Diabinaks Diatika.

Da analoghi Diabeton meccanismo di azione e di appartenere allo stesso gruppo farmacologico include farmaci: Glemaz, glimepiride, Amaryl, Glemauno, Glibenez ritardare Glidanil, Maniglid, Diamerid, Glyumedeks, Glimidstada, Movogleken, Hlorpropamid e Meglimid.

Indicazioni per l'uso di Diabeton

Secondo le istruzioni, Diabeton è prescritto:

  • Nel trattamento del diabete mellito di tipo 2 sullo sfondo della mancanza di efficacia dallo sforzo fisico e dalla terapia dietetica;
  • Per la prevenzione delle complicanze del diabete mellito - riduzione del rischio di ictus, retinopatia, nefropatia e infarto del miocardio.

Controindicazioni

Diabeton, secondo le istruzioni, è controindicato per nominare sullo sfondo:

  • Diabete di tipo 1;
  • Grave insufficienza renale o epatica;
  • Precoma diabetico, chetoacidosi diabetica, coma diabetico.

Inoltre, Diabeton MB non si applica:

  • Contemporaneamente con miconazolo, fenilbutazone o danazolo;
  • Durante la gravidanza e l'allattamento al seno;
  • In pediatria sotto i 18 anni;
  • Quando l'ipersensibilità al principio attivo (gliclazide) e uno qualsiasi dei componenti ausiliari del farmaco.

Una cura speciale richiede la nomina di Diabeton CF:

  • Se il glucosio-6-fosfato deidrogenasi è carente;
  • Con l'alcolismo;
  • Sullo sfondo dell'insufficienza renale ed epatica;
  • Con una dieta irregolare o squilibrata;
  • In ipotiroidismo;
  • Sullo sfondo di gravi malattie del sistema cardiovascolare;
  • Con terapia a lungo termine con glucocorticosteroidi;
  • Sullo sfondo dell'insufficienza surrenale o pituitaria;
  • Nei pazienti anziani

Dosaggio e dosaggio di diabeton

La dose giornaliera di Diabeton MW deve essere assunta una volta al giorno, preferibilmente a colazione.

dose iniziale del farmaco è di 30 mg al giorno, che singolarmente possono essere aumentata a due compresse Diabeton 60. Aumentando così la dose non può essere eseguito più di una volta al mese.

Non superare la dose giornaliera massima raccomandata, che è 2 compresse di Diabeton 60.

Quando si passa da compresse convenzionali (80 mg) a Diabeton 60, deve essere effettuato un attento controllo glicemico. Inoltre, la dose iniziale di Diabeton MV non deve superare i 30 mg per almeno due settimane. Lo stesso dosaggio deve essere applicato sullo sfondo del rischio di ipoglicemia:

  • In disturbi endocrini gravi o scarsamente compensati - pituitaria e insufficienza surrenalica, ipotiroidismo;
  • In caso di nutrizione insufficiente o squilibrata;
  • In gravi malattie del sistema cardiovascolare - grave malattia coronarica, grave aterosclerosi carotidea, l'aterosclerosi disseminata;
  • Con l'abolizione dei glucocorticosteroidi dopo l'uso prolungato o la somministrazione a dosi elevate.

In caso di sovradosaggio Diabeton probabilità di sviluppare ipoglicemia, per ridurre i sintomi di cui si consiglia di aumentare i carboidrati alimentari e ridurre la dose del farmaco.

Interazione farmacologica

Quando si esegue la terapia, si deve tenere presente che alcune combinazioni di farmaci aumentano l'effetto del componente attivo di Diabeton e il rischio di ipoglicemia. Pertanto, l'uso di Diabeton con miconazolo, fenilbutazone ed etanolo non è raccomandato.

Effetti collaterali di Diabeton

In base alle opinioni, Diabeton, come altri farmaci sulfoniluree può causare ipoglicemia, che più spesso si sviluppa sullo sfondo di pasti irregolari. I sintomi più gravi di ipoglicemia durante l'assunzione di Diabeton, a parere sono i seguenti:

  • Forte sensazione di fame;
  • Mal di testa;
  • Stanchezza aumentata;
  • Nausea e vomito;
  • Irritabilità e agitazione;
  • Disturbo del sonno;
  • Risposta lenta;
  • bradicardia;
  • Diminuzione della concentrazione;
  • convulsioni;
  • Depressione e confusione;
  • Visione alterata, percezione e parola;
  • Vertigini e debolezza;
  • Brad.

Oltre ai sintomi descritti durante l'assunzione di Diabeton, secondo le revisioni, possono verificarsi reazioni adrenergiche sotto forma di:

  • ansia;
  • Aumento della sudorazione;
  • L'ipertensione;
  • tachicardia;
  • Aritmia.

Di solito, i sintomi dell'ipoglicemia vengono facilmente interrotti dall'assunzione di carboidrati, tuttavia, per la malattia a lungo termine, può essere necessaria un'assistenza medica di emergenza.

Oltre all'ipoglicemia, Diabeton MV può causare disturbi digestivi, che possono essere evitati se si prende il medicinale durante la colazione.

Tra i disturbi della pelle di rilascio eritema, rash, orticaria, rash maculopapulare e bolloso e prurito. In alcuni casi, in particolare all'inizio della terapia, prendendo Diabeton causare disturbi visivi transitori.

Termini e condizioni di conservazione

Diabeton appartiene a una serie di farmaci ipoglicemizzanti orali, il cui rilascio dalle farmacie è possibile su prescrizione medica. La durata di conservazione del farmaco è di 24 mesi, in base alle condizioni standard di conservazione.

DIABETON MW

DIABETON MR - il nome latino per il farmaco DIABETON MV

Titolare del certificato di registrazione:
Les Laboratoires Servier

Prodotto da:
SERDIKS TOV

Codice ATX per MV DIABETON

Analoghi del farmaco DIABETON MV sui codici ATH:

Prima di usare DIABETON MB, consulti il ​​medico. Questo manuale di istruzioni è destinato esclusivamente a informazioni. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alle annotazioni del produttore.

DIABETON MW: gruppo clinico-farmacologico

15.014 (farmaco ipoglicemico orale)

DIABETON MB: modulo di rilascio, composizione e confezione

Le compresse a rilascio modificato sono bianche, ovali, biconvesse, ha inciso «DIA» «60" su entrambi i lati.

Eccipienti: lattosio monoidrato - 71.36 mg Maltodestrine - 22 mg ipromellosio 100 cP - 160 mg di magnesio stearato - 1,6 mg silice colloidale anidra - 5,04 mg.

15 pezzi - blister (2) - confezioni di cartone.15 pezzi. - blister (4) - imballa il cartone.

DIABETON MW: azione farmacologica

Farmaco ipoglicemico orale dal gruppo dei derivati ​​sulfonilurea dell'II generazione, che differisce da preparazioni simili per la presenza di un anello eterociclico contenente N con un legame endociclico.

Diabeton® MB abbassa la glicemia stimolando la secrezione di insulina da parte delle cellule β delle isole di Langerhans. L'aumento dell'insulina postprandiale e dei livelli di peptide C persistono dopo 2 anni di terapia. Oltre all'effetto sul metabolismo dei carboidrati, il gliclazide ha effetti emovascolari.

Effetto sulla secrezione di insulina

Nel diabete di tipo 2 (non insulino) preparazione ripristina picco precoce della secrezione di insulina in risposta al glucosio aspirazione e aumenta la seconda fase di secrezione di insulina. Un significativo aumento della secrezione di insulina si osserva in risposta alla stimolazione causata dall'assunzione di cibo e dalla somministrazione di glucosio.

Il farmaco riduce il rischio di trombosi piccoli vasi, che colpisce i meccanismi che possono causare complicazioni del diabete: parziale inibizione dell'aggregazione piastrinica e l'adesione e una diminuzione della concentrazione di fattore di attivazione piastrinica (beta-tromboglobulina, trombossano B2) e per il restauro di vascolare attività fibrinolitica endoteliale e aumento dell'attività dell'attivatore del plasminogeno tissutale.

controllo glicemico intensivo si basa sull'uso Diabeton MB (emoglobina glicosilata (HbA1c)

strategia di controllo glicemico intensivo incluso l'uso del farmaco Diabeton® MB e aumentando la dose con (o in sostituzione di) terapia convenzionale prima di aggiungere ad esso un altro farmaco ipoglicemizzante (per esempio metformina, inibitori di alfa-glucosidasi, un tiazolidinedione derivato o insulina). La dose giornaliera di droga Diabeton® MB media nei pazienti nel gruppo ad alta intensità di controllo era 103 mg, la dose massima giornaliera di 120 mg è stato.

Sullo sfondo del farmaco Diabeton® MB nel controllo glicemico intensivo (follow-up medio di 4,8 anni, il livello medio di HbA1c 6,5%) rispetto allo standard gruppo di controllo (media HbA1c 7,3%) ha dimostrato una significativa riduzione del 10% del rischio relativo di frequenza combinato macro e complicanze microvascolari.

Il vantaggio è stato raggiunto attraverso una significativa riduzione del rischio relativo: maggiori complicazioni microvascolari del 14%, l'insorgenza e la progressione della nefropatia di 21%, l'insorgenza di microalbuminuria del 9% macroalbuminuria del 30% e lo sviluppo di complicanze renali del 11%.

Benefici del controllo intensivo della glicemia nei pazienti trattati con il farmaco Diabeton® MB non dipendeva sui vantaggi conseguiti in un contesto di terapia antiipertensiva.

DIABETON MW: farmacocinetica

Aspirazione e distribuzione

Dopo aver assunto il farmaco all'interno del gliclazide viene completamente assorbito dal tratto gastrointestinale. La concentrazione plasmatica di gliclazide aumenta progressivamente, raggiungendo un plateau 6-12 ore dopo la somministrazione. Il pasto non influisce sul grado di assorbimento. La variabilità individuale è relativamente bassa. La relazione tra la dose assunta (fino a 120 mg) e l'AUC è lineare.

Il legame con le proteine ​​plasmatiche è del 95%. Vd - circa 30 litri.

Ricevere Diabeton® MB di droga in una dose di 60 mg 1 volta / die mantiene la concentrazione efficace di gliclazide nel plasma nel corso di 24 ore.

Il gliclazide viene metabolizzato principalmente nel fegato. Non ci sono metaboliti attivi nel plasma.

T1 / 2 è da 12 a 20 ore deriva principalmente dai reni come metaboliti, meno dell'1% -. Un urina invariati.

Farmacocinetica in situazioni cliniche speciali

Non sono stati osservati cambiamenti clinici significativi nei parametri farmacocinetici negli anziani.

DIABETON MB: dosaggio

Il farmaco è destinato agli adulti.

La dose raccomandata del farmaco deve essere assunta per via orale, 1 volta / giorno, preferibilmente a colazione.

La dose giornaliera è 30-120 mg in 1 ricevimento. Si raccomanda di ingoiare una pillola o metà della pillola intera, senza masticare o schiacciare.

Quando salti una o più dosi del farmaco non deve assumere una dose più alta nella dose successiva, la dose dimenticata deve essere assunta il giorno successivo. Come con altri farmaci ipoglicemizzanti, la dose del farmaco in ogni caso deve essere selezionato individualmente a seconda del livello di glucosio nel sangue e dell'emoglobina glicosilata (HbA1c).

La dose iniziale raccomandata per gli adulti (anche per il ≥ anziani 65 anni) - 30 mg (. 1/2 scheda) / giorno.

In caso di controllo adeguato, il farmaco in questa dose può essere utilizzato per la terapia di mantenimento. Con un controllo glicemico inadeguato, la dose giornaliera del farmaco può essere costantemente aumentata a 60 mg, 90 mg o 120 mg. L'aumento della dose è possibile non prima che dopo 1 mese di terapia farmacologica nella dose precedentemente prescritta. L'eccezione è rappresentata dai pazienti nei quali il livello di glucosio nel sangue non è diminuito dopo 2 settimane di terapia. In questi casi, la dose del farmaco può essere aumentata 2 settimane dopo l'inizio della somministrazione.

La dose giornaliera massima raccomandata del farmaco è di 120 mg.

1 etichetta con un rilascio modificato di 60 mg equivale a 2 tab. con un rilascio modificato di 30 mg. La presenza di tacche su compresse da 60 mg consente di dividere la compressa e assumere una dose giornaliera di 30 mg (1/2 compressa da 60 mg) e, se necessario, 90 mg (1 compressa da 60 mg e 1/2 compressa da 60 mg).

Passando dall'assunzione di compresse di Diabeton® da 80 mg a compresse di Diabeton® MB con un rilascio modificato di 60 mg

1 etichetta del farmaco Diabeton® 80 mg può essere sostituito 1/2 tab. con rilascio modificato Diabeton® MB 60 mg. Quando si trasferiscono i pazienti da Diabeton® 80 mg a Diabeton® MB, si raccomanda di monitorare attentamente i livelli di glucosio nel sangue.

Passando dall'assunzione di un altro farmaco ipoglicemico a compresse di Diabeton® MB con un rilascio modificato di 60 mg

Il farmaco Diabeton® MB compresse con un rilascio modificato di 60 mg può essere utilizzato al posto di un altro agente ipoglicemico per somministrazione orale. Quando si trasferiscono a pazienti con diabete Diabeton® trattati con altri farmaci ipoglicemizzanti per somministrazione orale, si deve prendere in considerazione la loro dose ed emivita. Di norma non è richiesto un periodo di transizione. La dose iniziale deve essere di 30 mg a seconda del livello di glucosio nel sangue.

Quando Diabeton® MB è sostituito da derivati ​​sulfonilurea con una lunga emivita al fine di evitare l'ipoglicemia causata dall'effetto additivo di due agenti ipoglicemici, possono essere fermati per diversi giorni. La dose iniziale di Diabeton® MB è anche di 30 mg (1/2 compressa da 60 mg) e, se necessario, può essere aumentata ulteriormente, come descritto sopra.

Uso combinato con un altro farmaco ipoglicemico

Diabeton® MB può essere usato in combinazione con biguanidi, inibitori alfa-glucosidasi o insulina.

Con un controllo glicemico inadeguato, deve essere prescritta un'ulteriore terapia insulinica con attento monitoraggio medico.

Gruppi di pazienti speciali

Non è richiesto un aggiustamento del dosaggio per le persone oltre i 65 anni.

I risultati di studi clinici hanno dimostrato che l'aggiustamento della dose nei pazienti con insufficienza renale da lieve a moderata non è richiesto. Si raccomanda un controllo medico approfondito.

In pazienti a rischio di sviluppare ipoglicemia (alimentazione inadeguata o squilibrata, disturbi endocrini gravi o scarsamente compensati - insufficienza ipofisaria e surrenalica, ipotiroidismo, annullamento della GCS dopo la somministrazione a lungo termine e / o somministrazione in dosi elevate, gravi malattie del sistema cardiovascolare - grave cardiopatia ischemica, grave aterosclerosi delle arterie carotidi, aterosclerosi diffusa) si raccomanda di utilizzare la dose minima (30 mg) di Diabeton® MB.

Per ottenere un controllo glicemico intensivo al fine di prevenire le complicanze del diabete, è possibile aumentare gradualmente la dose di Diabeton® MB a 120 mg / die oltre alla dieta e all'esercizio fisico fino al raggiungimento del livello target di HbA1c. Dovrebbe essere consapevole del rischio di ipoglicemia. Inoltre, alla terapia possono essere aggiunti altri farmaci ipoglicemici, come la metformina, un inibitore della glucosidasi alfa, un derivato del tiazolidinedione o insulina.

I dati sull'efficacia e la sicurezza del farmaco nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni non sono disponibili.

DIABETON CF: overdose

Un sovradosaggio di derivati ​​sulfonilurea può causare ipoglicemia.

Trattamento: se si verificano lievi sintomi di ipoglicemia, è necessario aumentare l'assunzione di carboidrati con il cibo, ridurre la dose del farmaco e / o modificare la dieta. Il monitoraggio attento delle condizioni del paziente deve essere continuato fino a quando il medico curante non è sicuro che nulla possa minare la salute del paziente.

Forse lo sviluppo di gravi condizioni ipoglicemiche, accompagnato da coma, convulsioni o altri disturbi neurologici. Se compaiono questi sintomi, sono necessarie assistenza medica di emergenza e ricovero immediato.

Se viene sospettato o diagnosticato un coma ipoglicemico, 50 ml di una soluzione di destrosio (glucosio) al 20-30% vengono iniettati nel paziente in / in un getto. Quindi dentro / nella soluzione di destrosio al 10% a goccia (glucosio) per mantenere la concentrazione di glucosio nel sangue superiore a 1 g / l. Un attento monitoraggio dovrebbe essere eseguito almeno per le 48 ore successive.Inoltre, a seconda delle condizioni del paziente, la questione della necessità di un ulteriore monitoraggio delle funzioni vitali del paziente dovrebbe essere risolta.

La dialisi è inefficace a causa del pronunciato legame del gliclazide alle proteine ​​plasmatiche.

DIABETON MV: interazioni farmacologiche

Farmaci che potenziano l'effetto di Diabeton MB (aumentano il rischio di ipoglicemia)

Combinazioni controindicate

L'uso simultaneo con miconazolo (per uso sistemico e quando si utilizza un gel sulla mucosa orale) porta ad un aumento dell'effetto ipoglicemico di Diabeton MB (l'ipoglicemia può svilupparsi fino a un coma).

Combinazioni che non sono raccomandate

Il fenilbutazone (per uso sistemico) potenzia l'effetto ipoglicemico dei derivati ​​sulfonilurea, poiché li allontana dalla loro associazione con le proteine ​​plasmatiche e / o rallenta la loro eliminazione dal corpo. È preferibile usare un altro antiinfiammatorio. Se è necessario assumere fenilbutazone, il paziente deve essere avvertito della necessità di controllare i livelli di glucosio nel sangue. Se necessario, la dose di Diabeton® MB deve essere aggiustata durante l'assunzione di fenilbutazone e dopo la sua conclusione.

Con l'uso simultaneo con il farmaco Diabeton® MB, l'etanolo aumenta l'ipoglicemia, inibendo le reazioni compensatorie e può contribuire allo sviluppo del coma ipoglicemico. È necessario rifiutare di prendere medicine che contengono l'etanolo e usare l'alcool.

Combinazioni che richiedono precauzioni speciali

Assunzione di Diabeton® MB in combinazione con alcuni farmaci (ad esempio, altri agenti ipoglicemizzanti - insulina, acarbose, biguanidi, beta-adrenoblocker, fluconazolo, ACE-inibitori - captopril, enalapril, istamina bloccanti del recettore H2, inibitori MAO; accompagnato da un aumento dell'effetto ipoglicemico e dal rischio di ipoglicemia.

Farmaci che indeboliscono l'effetto di Diabeton MV (aumenta il contenuto di glucosio nel sangue)

Combinazioni che non sono raccomandate

Danazolo ha un effetto diabetogenico. Se è necessario assumere questo farmaco, si consiglia al paziente di monitorare attentamente il livello di glucosio nel sangue. Se necessario, l'assunzione congiunta di farmaci, si consiglia di selezionare la dose di agenti ipoglicemici sia durante l'assunzione di danazolo, e dopo la sua cancellazione.

Combinazioni che richiedono precauzioni speciali

L'uso combinato di Diabeton MB con clorpromazina in dosi elevate (più di 100 mg / die) può portare ad un aumento dei livelli plasmatici di glucosio a causa di una diminuzione della secrezione di insulina. Si raccomanda di monitorare attentamente i livelli di glucosio nel sangue. Se necessario, l'assunzione congiunta di farmaci, si raccomanda di selezionare la dose di un agente ipoglicemico sia durante la somministrazione del neurolettico che dopo la sua interruzione.

Con l'uso simultaneo di corticosteroidi (per uso sistemico e locale / intra-articolare, percutaneo, rettale /) aumentare il livello di glucosio nel sangue con il possibile sviluppo di chetoacidosi (ridotta tolleranza ai carboidrati). Si raccomanda di monitorare attentamente i livelli di glucosio nel sangue, specialmente all'inizio del trattamento. Se necessario, farmaci comuni, potrebbe essere necessario regolare la dose dell'agente ipoglicemico sia durante la ricezione di GCS, sia dopo la loro cancellazione.

Con l'uso combinato di β2-adrenergico (ritodrin, salbutamolo, terbutalina) aumenta il livello di glucosio nel sangue. Un'attenzione particolare deve essere rivolta all'importanza dell'autocontrollo dei livelli di glucosio nel sangue. Se necessario, si raccomanda di trasferire il paziente alla terapia insulinica.

Combinazioni da prendere in considerazione

I derivati ​​sulfonilurea possono aumentare l'effetto degli anticoagulanti se assunti insieme. Può richiedere un aggiustamento della dose dell'anticoagulante.

DIABETON MW: gravidanza e allattamento

Manca l'esperienza con gliclazide durante la gravidanza. I dati sull'uso di altri derivati ​​sulfonilurea durante la gravidanza sono limitati.

Negli studi su animali da laboratorio non sono stati identificati effetti teratogeni di gliclazide.

Per ridurre il rischio di malformazioni congenite, è necessario un controllo ottimale (terapia appropriata) del diabete. I farmaci ipoglicemici orali durante la gravidanza non sono usati. L'insulina è il farmaco di scelta per il trattamento del diabete nelle donne in gravidanza. Si raccomanda di sostituire l'assunzione di farmaci ipoglicemizzanti orali con terapia insulinica nel caso di una gravidanza programmata e nel caso in cui la gravidanza si sia verificata durante l'assunzione del farmaco.

Tenendo conto della mancanza di dati sull'ingresso di gliclazide nel latte materno e del rischio di ipoglicemia neonatale, l'allattamento al seno è controindicato durante la terapia farmacologica.

DIABETON MW: effetti collaterali

Data l'esperienza nell'uso di gliclazide e altri derivati ​​sulfonilurea, è necessario essere consapevoli della possibilità di sviluppare i seguenti effetti collaterali.

Come altri farmaci sulfonilurea, Diabeton® MB può causare ipoglicemia in caso di assunzione di cibo irregolare e soprattutto se si dimentica il pasto. Possibili sintomi di ipoglicemia: mal di testa, fame grave, nausea, vomito, affaticamento, disturbi del sonno, irritabilità, agitazione, diminuzione della concentrazione, reazione ritardata, depressione, confusione, disturbi della vista e del linguaggio, afasia, tremore, paresi, percezione alterata, vertigini, debolezza, convulsioni, bradicardia, delirio, insufficienza respiratoria, sonnolenza, perdita di coscienza con possibile sviluppo di coma, fino alla morte.

Le reazioni andrenergiche possono anche essere notate: aumento della sudorazione, pelle appiccicosa, ansia, tachicardia, ipertensione arteriosa, palpitazioni, aritmia e angina.

Di regola, i sintomi dell'ipoglicemia vengono interrotti assumendo carboidrati (zucchero). L'accettazione dei sostituti dello zucchero è inefficace. Sullo sfondo di altri derivati ​​sulfonilurea, vi sono state recidive di ipoglicemia dopo averlo interrotto con successo.

Con un'ipoglicemia grave o prolungata, è indicata un'assistenza medica di emergenza, possibilmente con ospedalizzazione, anche con l'effetto dell'assunzione di carboidrati.

Altri effetti collaterali

Da parte dell'apparato digerente: dolore addominale, nausea, vomito, diarrea, stitichezza. Prendere il farmaco durante la colazione aiuta a evitare questi sintomi o minimizzarli.

I seguenti effetti collaterali sono meno comuni:

Dalla pelle e dal tessuto sottocutaneo: eruzione cutanea, prurito, orticaria, eritema, rash maculopapulare, eruzione bollosa.

Da parte del sistema ematopoietico: raramente si sviluppano disturbi ematologici (anemia, leucopenia, trombocitopenia, granulocitopenia). Di regola, questi fenomeni sono reversibili in caso di cessazione della terapia.

Da parte del fegato e delle vie biliari: aumento dell'attività degli enzimi epatici (AST, ALT, fosfatasi alcalina); in rari casi - epatite. Quando compare l'ittero colestatico, la terapia deve essere interrotta.

I seguenti effetti indesiderati sono generalmente reversibili se la terapia viene interrotta.

Da parte dell'organo visivo: possono verificarsi disturbi visivi transitori, causati da variazioni del livello di glucosio nel sangue, specialmente all'inizio della terapia.

Durante il trattamento con altri derivati ​​sulfonilurea sono stati riportati casi di eritrocitopenia, agranulocitosi, anemia emolitica, pancitopenia e vasculite allergica. Inoltre, mentre si assumevano altri derivati ​​sulfonilurea, c'era un aumento degli enzimi epatici, una compromissione della funzionalità epatica (ad esempio, con lo sviluppo di colestasi e ittero) ed epatite. Queste manifestazioni sono diminuite con il tempo dopo la sospensione dei farmaci sulfonilurea, ma in alcuni casi hanno causato insufficienza epatica pericolosa per la vita.

Effetti indesiderati rilevati durante gli studi clinici.

Nello studio ADVANCE, c'era una leggera differenza nella frequenza dei vari eventi avversi gravi tra i due gruppi di pazienti. Non sono stati ricevuti nuovi dati di sicurezza. Un piccolo numero di pazienti presentava una grave ipoglicemia, ma l'incidenza complessiva di ipoglicemia era bassa. La frequenza dell'ipoglicemia nel gruppo di controllo glicemico intensivo era più alta rispetto al gruppo di controllo glicemico standard. La maggior parte degli episodi di ipoglicemia nel gruppo di controllo glicemico intensivo sono stati osservati sullo sfondo della concomitante terapia insulinica.

DIABETON MB: termini e condizioni di archiviazione

Elenco B. Il farmaco deve essere tenuto fuori dalla portata dei bambini. Non sono richieste condizioni speciali di conservazione. Periodo di validità - 2 anni; Non utilizzare oltre la data di scadenza stampata sulla confezione.

DIABETON MW: Indicazioni

  • diabete mellito di tipo 2 (non insulino-dipendente) con insufficiente efficacia della terapia dietetica,
  • sforzo fisico e perdita di peso;
  • prevenzione delle complicanze diabetiche: riduzione del rischio di microvascolare (nefropatia,
  • retinopatia) e complicazioni macrovascolari (infarto miocardico,
  • ictus) in pazienti con diabete mellito di tipo 2 mediante controllo glicemico intensivo.

DIABETON MW: controindicazioni

  • diabete di tipo 1 (insulino-dipendente);
  • chetoacidosi diabetica,
  • precoma diabetico,
  • coma diabetico;
  • grave insufficienza renale o epatica (in questi casi, l'insulina è raccomandata);
  • uso simultaneo di miconazolo;
  • la gravidanza;
  • periodo di allattamento (allattamento al seno);
  • età fino a 18 anni;
  • ipersensibilità al gliclazide o ad uno qualsiasi degli eccipienti del farmaco,
  • altre sulfoniluree,
  • sulfamidici.

A causa del fatto che il farmaco contiene lattosio, Diabeton® MB non è raccomandato nei pazienti con intolleranza al lattosio congenita, galattosemia, sindrome da malassorbimento di glucosio / galattosio.

Non è raccomandato l'uso del farmaco in combinazione con fenilbutazone o danazolo.

Il farmaco deve essere usato con cautela in caso di nutrizione irregolare e / o squilibrata, deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, gravi malattie cardiovascolari, ipotiroidismo, insufficienza surrenalica o pituitaria, insufficienza renale e / o epatica, terapia prolungata con GCS, alcolismo, pazienti anziani. età.

DIABETON MB: istruzioni speciali

Quando si prescrive Diabeton MB, si deve tenere presente che a seguito dell'assunzione di derivati ​​sulfonilurea, può svilupparsi ipoglicemia, e in alcuni casi in forma grave e prolungata, che richiede ospedalizzazione e somministrazione di destrosio (glucosio) per diversi giorni.

Il farmaco può essere prescritto solo a quei pazienti il ​​cui cibo è regolare e include la colazione. È molto importante mantenere un adeguato apporto di carboidrati dal cibo, perché il rischio di ipoglicemia aumenta con l'irregolarità o la malnutrizione, così come con il consumo di cibo, povero di carboidrati. L'ipoglicemia si sviluppa spesso con una dieta a basso contenuto calorico, dopo un esercizio prolungato o vigoroso, dopo aver bevuto alcolici o prendendo diversi farmaci ipoglicemizzanti contemporaneamente.

Di norma, i sintomi dell'ipoglicemia scompaiono dopo un pasto ricco di carboidrati (ad esempio, zucchero). Va tenuto presente che l'assunzione di dolcificanti non contribuisce all'eliminazione dei sintomi ipoglicemici. L'esperienza con altri derivati ​​sulfonilurea suggerisce che l'ipoglicemia può ripresentarsi, nonostante un efficace sollievo iniziale di questa condizione. Se i sintomi ipoglicemici hanno una natura pronunciata o sono lunghi, anche nel caso di un miglioramento temporaneo dopo aver mangiato un pasto ricco di carboidrati, è necessario fornire cure mediche di emergenza, incluso il ricovero in ospedale.

Per evitare lo sviluppo di ipoglicemia, è necessaria un'attenta selezione individuale di farmaci e un regime di dosaggio, oltre a fornire al paziente informazioni complete sul trattamento proposto.

Un aumento del rischio di ipoglicemia può verificarsi nei seguenti casi:

  • il rifiuto o l'incapacità del paziente (specialmente gli anziani) di seguire le prescrizioni del medico e di controllarne le condizioni;
  • alimentazione insufficiente e irregolare,
  • saltare i pasti
  • digiuno e cambio di dieta;
  • squilibrio tra esercizio e assunzione di carboidrati;
  • insufficienza renale;
  • grave insufficienza epatica;
  • sovradosaggio di Diabeton® MB;
  • alcuni disturbi endocrini (malattie della tiroide,
  • insufficienza pituitaria e surrenalica);
  • assunzione simultanea di alcuni farmaci.

Nei pazienti con insufficienza epatica e / o insufficienza renale grave, è possibile una modifica delle proprietà farmacocinetiche e / o farmacodinamiche del gliclazide. L'ipoglicemia che si sviluppa in questi pazienti può essere piuttosto lunga, in questi casi è necessario condurre immediatamente una terapia appropriata.

È necessario informare il paziente e i suoi familiari del rischio di ipoglicemia, dei suoi sintomi e delle condizioni che favoriscono il suo sviluppo. Il paziente deve essere informato dei potenziali rischi e benefici del trattamento proposto. Il paziente deve spiegare l'importanza della dieta, la necessità di un regolare esercizio fisico e il monitoraggio regolare dei livelli di glucosio nel sangue.

Il controllo glicemico nei pazienti che ricevono una terapia ipoglicemica può essere compromesso nei seguenti casi: febbre, trauma, malattie infettive o interventi chirurgici di grandi dimensioni. In queste condizioni, potrebbe essere necessario interrompere la terapia con Diabeton® MB e prescrivere la terapia insulinica.

In molti pazienti, l'efficacia degli agenti ipoglicemici orali, tra cui il gliclazide tende a diminuire dopo un lungo periodo di trattamento. Questo effetto può essere dovuto sia alla progressione della malattia sia alla diminuzione della risposta terapeutica al farmaco. Questo fenomeno è noto come resistenza secondaria ai farmaci, che deve essere distinta dal primario, in cui il farmaco non dà l'effetto clinico atteso al primo appuntamento. Prima di diagnosticare la resistenza al farmaco secondaria di un paziente, è necessario valutare l'adeguatezza della selezione della dose e l'osservanza del paziente con la dieta prescritta.

Controllo dei parametri di laboratorio

Per valutare il controllo glicemico, si raccomanda di determinare regolarmente il livello di glicemia a digiuno e il livello di emoglobina glicata. Inoltre, è consigliabile monitorare regolarmente le concentrazioni di glucosio nel sangue.

I derivati ​​sulfonilurea possono causare anemia emolitica in pazienti con deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Poiché il gliclazide è un derivato del sulfonilurea, occorre prestare attenzione quando lo prescrivono a pazienti con carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi. Dovresti valutare la possibilità di prescrivere un farmaco ipoglicemico di un altro gruppo.

Influenza sulla capacità di guidare il trasporto motorio e meccanismi di controllo

I pazienti devono essere consapevoli dei sintomi dell'ipoglicemia e usare cautela quando guidano o fanno lavori che richiedono un alto tasso di reazioni psicomotorie, specialmente all'inizio della terapia.

DIABETON MB: uso in caso di insufficienza renale

L'uso del farmaco è controindicato in caso di grave insufficienza renale.

I risultati di studi clinici hanno dimostrato che l'aggiustamento della dose nei pazienti con insufficienza renale da lieve a moderata non è richiesto.

DIABETON MB: uso in violazione della funzionalità epatica

L'uso del farmaco è controindicato in caso di grave insufficienza epatica.

DIABETON MB: condizioni di ferie per le farmacie

Il farmaco è disponibile su prescrizione medica.

DIABETON MB: numeri di registrazione

Tab. con mod. Rilascio di 60 mg: 30 o 60 pz. LSR-006030/09 (2023-07-09 - 0000-00-00)

Altri Articoli Sul Diabete

MINISTERO DELLA SALUTE DELLA RF: "Getti via il misuratore e le strisce reattive. Non più Metformina, Diabeton, Siofor, Glucophage e Januvia! Tratta con questo. "

Ciao amici!Continuando l'argomento "zucchero" nel mio blog, voglio parlarvi degli edulcoranti.Su chi di loro può essere molto pericoloso per il nostro corpo e in particolare cosa.

I tuberi di topinambur hanno la composizione chimica più ricca. Contengono molto (più del 2%) di proteine ​​e grassi facilmente digeribili.