loader

Principale

Diagnostica

Galvus si è incontrato con il diabete

Galvus Meth è una cura efficace per il diabete di tipo 2, che è molto popolare nonostante il suo alto prezzo.

Abbassa bene la glicemia e raramente causa gravi effetti collaterali. Gli ingredienti attivi del farmaco combinato sono vildagliptin e metformina.

In questa pagina troverai tutte le informazioni su Galvus Met: istruzioni complete per l'uso di questo farmaco, prezzi medi in farmacia, analoghi completi e incompleti del farmaco, nonché recensioni di persone che hanno già utilizzato Galvus Met. Vuoi lasciare la tua opinione? Si prega di scrivere nei commenti.

Gruppo clinico-farmacologico

Farmaco ipoglicemico orale

Condizioni di vendita della farmacia

È rilasciato su prescrizione medica.

Quanto è soddisfatto Galvus? Il prezzo medio nelle farmacie è al livello di 1 600 rubli.

Rilascia forma e composizione

Forma di dosaggio di Galvus Met - compresse rivestite con film: di forma ovale, con bordi smussati, marcatura NVR su un lato; 50 + 500 mg - giallo chiaro con una leggera sfumatura rosata, marcatura sull'altro lato del LLO; 50 + 850 mg - giallo con una leggera sfumatura grigiastra, marcatura sull'altro lato - SEH; 50 + 1000 mg - giallo scuro con una sfumatura grigiastra, marcatura sull'altro lato - FLO (in blister da 6 o 10 pezzi., In un fascio di cartone di 1, 3, 5, 6, 12, 18 o 36 blister).

  • 1 compressa da 50 mg / 850 mg contiene 50 mg di vildagliptin e 850 mg di metformina cloridrato;
  • 1 compressa da 50 mg / 1000 mg contiene 50 mg di vildagliptin e 1000 mg di metformina cloridrato;

Eccipienti: idrossipropilcellulosa, magnesio stearato, ipromellosa, titanio diossido (E 171), polietilenglicole, talco, ossido di ferro giallo (E 172).

Effetto farmacologico

La preparazione Galvus Met consiste di 2 agenti ipoglicemici con diversi meccanismi d'azione: vildagliptin, appartenente alla classe degli inibitori di dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) e metformina (sotto forma di cloridrato) - un rappresentante della classe delle biguanidi. La combinazione di questi componenti consente di controllare in modo più efficace la concentrazione di glucosio nel sangue in pazienti con diabete di tipo 2 entro 24 ore.

Indicazioni per l'uso

La ricezione Galvus Meta viene mostrata nei seguenti casi:

  • nel diabete di tipo 2 quando altre opzioni di trattamento hanno fallito;
  • in caso di terapia inefficace con metformina o vildagliptin come farmaci separati;
  • quando il paziente aveva precedentemente usato farmaci con ingredienti simili;
  • per il trattamento complesso del diabete in combinazione con altri farmaci ipoglicemici o insulina.

Controindicazioni

Il farmaco è stato testato su pazienti condizionatamente sani che non hanno malattie gravi e gravi problemi di salute.

Non è consigliabile assumere Galvus Met:

  1. Persone con intolleranza a vildagliptin o ai componenti che compongono le compresse.
  2. Adolescenti sotto la maggiore età. Tale avvertimento è dovuto al fatto che l'effetto del farmaco non è stato testato nei bambini.
  3. Pazienti con grave compromissione del fegato e dei reni. Ciò è dovuto al fatto che i componenti attivi del farmaco possono portare al fallimento completo di questi organi.
  4. Persone che hanno raggiunto la vecchiaia Il loro corpo è logoro abbastanza da esporlo a carichi aggiuntivi che creano sostanze che fanno parte del galvus.
  5. Donne incinte e madri che allattano. Le raccomandazioni si basano sul fatto che la reazione dell'organismo di questa categoria di pazienti al farmaco non è stata studiata. Esiste un certo rischio di compromissione del metabolismo del glucosio, l'insorgenza di anomalie congenite e la morte improvvisa dei neonati.

Quando la dose massima del farmaco è stata superata, non sono state osservate gravi deviazioni di salute negli esseri umani.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Non ci sono dati sufficienti sull'uso di Galvusmet in donne in gravidanza. Studi su animali di vildagliptin hanno rivelato tossicità riproduttiva ad alte dosi. Negli studi su animali con metformina, questo effetto non è stato dimostrato. Gli studi sull'uso combinato negli animali non hanno mostrato teratogenicità, ma la fetotossicità è stata rilevata in dosi tossiche per la femmina. Il rischio potenziale in una persona è sconosciuto. G alvusmet non deve essere usato durante la gravidanza.

Non è noto se vildagliptin e / o metformina entrino nel latte materno, pertanto, Alvusmet G non deve essere somministrato alle donne durante l'allattamento.

Studi su vildagliptin nei ratti a dosi equivalenti a più di 200 volte la dose negli esseri umani non hanno mostrato compromissione della fertilità o dello sviluppo embrionale precoce. Non sono stati condotti studi sull'influenza di Galvusmet sulla fertilità nell'uomo.

Istruzioni per l'uso

Le istruzioni per l'uso indicano che Galvus Met è utilizzato all'interno. Il regime posologico deve essere selezionato individualmente in base all'efficacia e alla tollerabilità della terapia. Quando si utilizza il farmaco, Galvus Met non deve superare la dose giornaliera massima raccomandata di vildagliptin (100 mg).

La dose iniziale raccomandata di Galvus Met deve essere selezionata, tenendo conto della durata del diabete mellito e del livello di glicemia, delle condizioni del paziente e del trattamento con vildagliptin e / o metformina già utilizzato nel paziente. Per ridurre la gravità degli effetti collaterali degli organi del tratto gastrointestinale, caratteristica della metformina, il farmaco Galvus Met viene assunto durante i pasti.

La dose iniziale di Galvus Meth con vildagliptin in monoterapia è inefficace:

  • Il trattamento con Galvus Met può essere iniziato con una singola compressa alla dose di 50 mg + 500 mg 2 volte al giorno; dopo aver valutato l'effetto terapeutico, la dose può essere gradualmente aumentata.

La dose iniziale di Galvus ha incontrato l'inefficacia della metformina in monoterapia:

  • A seconda della dose di metformina già assunta, il trattamento con Galvus Met può essere iniziato con una singola compressa alla dose di 50 mg + 500 mg, 50 mg + 850 mg o 50 mg + 1000 mg 2 volte / die.

La dose iniziale di Galvus Met in pazienti che hanno precedentemente ricevuto una terapia di associazione con vildagliptin e metformina in forma di compresse separate:

  • A seconda delle dosi già adottate con vildagliptin o metformina, il trattamento con Galvus Met deve iniziare con una pillola il più vicino possibile al trattamento esistente, 50 mg + 500 mg, 50 mg + 850 mg o 50 mg + 1000 mg e regolare la dose in base dall'efficienza.

La dose iniziale di Galvus Meth come terapia iniziale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 con insufficiente efficacia della terapia dietetica e dell'esercizio fisico:

Come terapia di partenza, Galvus Met deve essere usato in una dose iniziale di 50 mg + 500 mg 1 volta / giorno e, dopo aver valutato l'effetto terapeutico, aumentare gradualmente la dose a 50 mg + 1000 mg 2 volte / die.

Terapia di associazione con Galvus Meth e derivati ​​sulfonilurea o insulina:

  • La dose del farmaco Galvus Met è calcolata sulla base della dose di vildagliptin 50 mg x 2 volte al giorno (100 mg al giorno) e metformina a una dose uguale a quella precedentemente assunta come monoforme.

La metformina è escreta dai reni. Poiché i pazienti di età superiore ai 65 anni hanno spesso una funzionalità renale compromessa, la dose di Galvus Met deve essere aggiustata in questi pazienti sulla base di indicatori di funzionalità renale. Quando si utilizza il farmaco in pazienti di età superiore ai 65 anni, è necessario monitorare regolarmente la funzionalità renale.

Effetti collaterali

L'uso di droghe e Galvus Met può influenzare il lavoro degli organi interni e lo stato del corpo nel suo complesso. Gli effetti collaterali più frequentemente riportati sono:

  • dolori e dolori di natura acuta nello stomaco;
  • eruzione cutanea allergica;
  • frustrazione, stitichezza e diarrea;
  • gonfiore;
  • vertigini e mal di testa;
  • membra tremanti;
  • sentirsi freddo;
  • nausea con vomito;
  • malattia del fegato e del pancreas, per esempio, epatite e pancreatite;
  • forte desquamazione della pelle;
  • reflusso gastroesofageo;
  • bassa resistenza del corpo alle infezioni e ai virus;
  • basse prestazioni e affaticamento;
  • il verificarsi di bolle.

overdose

Con un eccesso significativo della dose terapeutica raccomandata del farmaco si possono manifestare nausea, vomito, forte dolore muscolare, ipoglicemia e acidosi lattica (il risultato dell'effetto di metformina). In questi casi, il farmaco viene interrotto, vengono eseguiti i lavaggi gastrici e intestinali e viene somministrata una terapia sintomatica.

Istruzioni speciali

Non dovresti provare a sostituire le iniezioni di insulina con i farmaci Galvus o Galvus Met. È consigliabile superare esami del sangue che controllino il funzionamento dei reni e del fegato, prima di iniziare il trattamento con questi farmaci. Ripeti i test una volta all'anno o più spesso. La metformina deve essere cancellata 48 ore prima del prossimo intervento chirurgico o esame a raggi X con l'introduzione di un mezzo di contrasto.

Interazione farmacologica

Vildagliptin interagisce raramente con altri farmaci.

La metformina può interagire con molti farmaci popolari, in particolare con le pillole a pressione e gli ormoni tiroidei. Controlla con il tuo medico! Digli di tutti i farmaci che stai assumendo prima che ti venga prescritto un regime di trattamento del diabete.

Recensioni

Abbiamo raccolto alcune recensioni di persone sul farmaco:

  1. Natascia. Ho il diabete mellito del tipo iniziale, zucchero rimasto stabilmente a circa 7,5. Registrato per bere Galvus Met, Glukofazh e osservare le regole speciali del cibo. Onestamente, da quando mi è stato diagnosticato il diabete e ho iniziato a bere pillole e seguire una dieta, ho iniziato a sentirmi molto meglio. Già nel primo mese, mentre cominciavo a bere Galvus Met, la sonnolenza e la sete costante erano sparite. Sono diventato più allegro, più mobile. Poi ho iniziato a prendere Glucophage e ora mi sento generalmente una persona sana e normale. Due mesi dopo, Galvus Mehta ha misurato lo zucchero, l'analisi ha mostrato 5 unità. Cioè, è quasi la norma di una persona sana!
  2. Elena. Comprando costantemente questo farmaco per mia madre. Ha sofferto di diabete da oltre dieci anni. Lui le va bene. Con l'uso regolare di questo farmaco, si sente molto meglio. Succede che si dimenticherà di comprare un nuovo pacchetto, e il vecchio è finito, quindi le sue condizioni sono semplicemente orribili. La glicemia aumenta e lei non può fare nulla, solo bugie finché non prende questa pillola. Compro tutte le droghe ai miei genitori, quindi so che il prezzo di questo farmaco è accettabile, e questo è un grande vantaggio.
  3. Anna. Vorrei parlare della preparazione di Galvus Met. La sua caratteristica distintiva è che aiuta davvero, a differenza delle controparti più economiche. Non lo accetto per la prima volta e fino a quando non ho trovato niente di meglio. Non dimenticare di seguire una dieta rigorosa e non avere un grande interesse per gli esercizi fisici - ci sono persone che hanno aumentato i livelli di zucchero nel sangue dopo l'esercizio. La cosa più importante per me è che con l'assunzione di pillole, ho più forza, posso fare qualcosa e non sentirmi una persona limitata. Molti dei miei amici che lo prendono non sono passati all'insulina, e questo è molto bello.

analoghi

Se confrontiamo la composizione e i risultati del trattamento, allora gli ingredienti attivi e gli analoghi di efficacia terapeutica possono essere:

Prima di usare analoghi, consultare il medico.

Condizioni di conservazione e durata

Conservare in un luogo protetto dall'umidità a temperature fino a 30 ° C. Tenere fuori dalla portata dei bambini.

Galvus Met: istruzioni per l'uso

Nome latino: Galvus Met

Codice ATX: A10BD08

Ingrediente attivo: vildagliptin + metformin (vildagliptin + metformin)

Produttore: Novartis Pharma Productions, GmbH (Germania), Novartis Pharma Stein, AG (Svizzera)

Attualizzazione della descrizione e della foto: 28/05/2018

Galvus Met è un farmaco combinato con un effetto ipoglicemico.

Rilascia forma e composizione

Forma di dosaggio di Galvus Met - compresse rivestite con film: di forma ovale, con bordi smussati, marcatura NVR su un lato; 50 + 500 mg - giallo chiaro con una leggera sfumatura rosata, marcatura sull'altro lato del LLO; 50 + 850 mg - giallo con una leggera sfumatura grigiastra, marcatura sull'altro lato - SEH; 50 + 1000 mg - giallo scuro con una sfumatura grigiastra, marcatura sull'altro lato - FLO (in blister da 6 o 10 pezzi., In un fascio di cartone di 1, 3, 5, 6, 12, 18 o 36 blister).

Ingredienti attivi nella composizione di 1 compressa:

  • vildagliptin: 50 mg;
  • Metformina cloridrato - 500, 850 o 1000 mg.

Componenti ausiliari (50 + 500 mg / 50 + 850 mg / 50 + 1000 mg): ipromellosa - 12,858 / 18,58 / 20 mg; talco - 1,283 / 1,86 / 2 mg; macrogol 4000 - 1,23 / 1,86 / 2 mg; iprolosi - 49,5 / 84,15 / 99 mg; magnesio stearato 6,5 / 9,85 / 11 mg; biossido di titanio (E171) - 2,36 / 2,9 / 2,2 mg; ossido di ferro rosso (E172) - 0,006 / 0/0 mg; ossido di ferro giallo (E172) - 0,21 / 0,82 / 1,8 mg.

Proprietà farmacologiche

farmacodinamica

Galvus Met comprende due componenti attivi che differiscono nei loro meccanismi d'azione: metformina (sotto forma di cloridrato), appartenente alla categoria delle biguanidi e vildagliptin, che è un inibitore della dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4). La combinazione di queste sostanze aiuta a controllare più efficacemente la concentrazione di glucosio nel sangue dei pazienti con diabete mellito di tipo 2 entro 1 giorno.

Vildagliptin è un membro della classe degli stimolanti dell'apparato delle isole pancreatiche, che fornisce l'inibizione selettiva dell'enzima DPP-4, che è responsabile della distruzione del peptide simile al glucagone di tipo 1 (GLP-1) e del polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (HIP).

La metformina riduce la produzione di glucosio da parte del fegato, riduce la resistenza all'insulina dovuta alla cattura e all'utilizzo del glucosio, che viene effettuata nei tessuti periferici, e inibisce l'assorbimento del glucosio a livello intestinale. È anche un induttore della sintesi del glicogeno intracellulare grazie alla sua azione sulla glicogeno sintetasi e attiva il trasporto del glucosio, per il quale sono responsabili alcune proteine ​​di membrana del glucosio (GLUT-1 e GLUT-4).

vildagliptin

Dopo l'assunzione di vildagliptin, l'attività della DPP-4 viene inibita rapidamente e quasi completamente, il che porta ad un aumento sia dell'assunzione di cibo stimolata che della secrezione basale di HIP e GLP-1, che vengono rilasciati dall'intestino nella circolazione sistemica per 24 ore.

L'aumentata concentrazione di HIP e GLP-1, dovuta all'azione di vildagliptin, aumenta la sensibilità delle β-cellule del pancreas al glucosio, che migliora ulteriormente la produzione di insulina glucosio-dipendente. Il grado di miglioramento della funzione delle cellule beta è determinato dal grado del loro danno originale. Pertanto, nelle persone che non soffrono di diabete mellito (con un livello normale di glucosio nel plasma sanguigno), vildagliptin non stimola la produzione di insulina e non diminuisce il glucosio.

Vildagliptin aumenta la concentrazione di GLP-1 endogeno, aumentando così la sensibilità delle cellule α al glucosio, che contribuisce al miglioramento della regolazione glucosio-dipendente della produzione di glucagone. Ridurre il livello di glucagone elevato dopo un pasto, a sua volta, porta ad una diminuzione della resistenza all'insulina.

Un aumento del rapporto insulina / glucagone sullo sfondo dell'iperglicemia, associato ad un aumento della concentrazione di HIP e GLP-1, provoca una diminuzione della sintesi del glucosio, sia durante che dopo i pasti. Il risultato è una diminuzione del glucosio plasmatico.

Anche durante il trattamento con vildagliptin, dopo aver mangiato, si è verificata una diminuzione dei lipidi plasmatici, tuttavia questo effetto non dipende dall'azione di Galvus Met su HIP o GLP-1 e migliora la funzione delle cellule insulari localizzate nel pancreas. Esistono prove che un aumento del contenuto di GLP-1 può rallentare lo svuotamento gastrico, tuttavia, durante l'uso di vildagliptin, questo effetto non è stato osservato.

I risultati degli studi in cui hanno partecipato 5759 pazienti con diabete di tipo 2 suggeriscono che mentre assumevano vildagliptin in monoterapia o in associazione con derivati ​​dell'insulina, metformina, tiazolidinedione o sulfonilurea per 52 settimane, i pazienti hanno presentato una significativa diminuzione a lungo termine della glicazione emoglobina (HbA1C) e glicemia a stomaco vuoto.

metformina

La metformina aumenta la tolleranza al glucosio nei pazienti con diabete di tipo 2, riducendo il glucosio nel plasma sanguigno sia prima che dopo i pasti. Si distingue dai derivati ​​sulfonilurea per il fatto che non provoca ipoglicemia in individui sani (esclusi casi speciali) o in pazienti con diabete di tipo 2. Il trattamento con metformina non è accompagnato dallo sviluppo di iperinsulinemia. Quando assume metformina la produzione di insulina non cambia, mentre la sua concentrazione nel plasma sanguigno prima dei pasti e durante il giorno può diminuire.

L'uso di metformina influenza favorevolmente il metabolismo delle lipoproteine ​​e porta ad una diminuzione del contenuto di colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità, del colesterolo totale e dei trigliceridi, che non è associato all'effetto del farmaco sui livelli di glucosio plasmatico.

Vildagliptin + metformina

Quando si prescrive una terapia combinata con metformina e vildagliptin, le dosi giornaliere di cui rispettivamente 1500-3000 mg e 50 mg e il tasso di dose è 2 volte al giorno per 1 anno, vi è una diminuzione persistente statisticamente significativa del glucosio plasmatico (determinata dalla diminuzione di HbA1C) e un aumento del numero di pazienti con declino dei livelli di HbA1C rappresentavano almeno lo 0,6-0,7% (rispetto alla categoria di pazienti che continuavano a prendere metformina esclusivamente).

Pazienti che hanno ricevuto vildagliptin in associazione con metformina, non sono stati osservati cambiamenti statisticamente significativi nel peso corporeo rispetto allo stato prima dell'inizio del trattamento. 24 settimane dopo l'inizio della terapia, è stata riportata una diminuzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica in pazienti con ipertensione arteriosa in gruppi di pazienti che hanno assunto vildagliptin in associazione con metformina.

L'uso combinato di metformina e vildagliptin come mezzo per iniziare la terapia nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 per 24 settimane è stato accompagnato da una diminuzione dose-dipendente dei valori di HbA1C rispetto alla monoterapia con questi farmaci. I casi di ipoglicemia sono rari in entrambi i gruppi di pazienti.

Quando assume vildagliptin alla dose di 50 mg 2 volte al giorno contemporaneamente a o senza metformina in combinazione con insulina (valore della dose media di 41 VD) in pazienti che partecipano a uno studio clinico, indicatore HbA1C diminuito dello 0,72% (il dato medio iniziale era dell'8,8%), che è statisticamente significativo. L'incidenza di ipoglicemia nei pazienti sottoposti a trattamento era paragonabile all'incidenza dell'ipoglicemia nel gruppo placebo. Quando i pazienti hanno ricevuto vildagliptin alla dose di 50 mg 2 volte al giorno in associazione con metformina (la dose era uguale o superiore a 1500 mg) e glimepiride (la dose giornaliera era uguale o superiore a 4 mg), HbA1C statisticamente diminuito in misura significativa dello 0,76% con un valore iniziale medio dell'8,8%.

farmacocinetica

vildagliptin

Quando Galvus Met orale viene assunto a stomaco vuoto, questa sostanza viene rapidamente assorbita e la sua concentrazione massima nel plasma sanguigno viene determinata 1,75 ore dopo che vildagliptin entra nel corpo. Quando assume il farmaco con il cibo, il suo tasso di assorbimento diminuisce leggermente: la concentrazione massima viene ridotta del 19% e il tempo per raggiungerlo aumenta a 2,5 ore. Allo stesso tempo, mangiare non cambia l'area sotto la curva "concentrazione - tempo" (AUC) e il grado di assorbimento.

La biodisponibilità assoluta di vildagliptin dopo somministrazione orale è dell'85%. L'aumento della concentrazione massima e dell'AUC nell'intervallo di dosi raccomandato è dose-dipendente (aumenta in proporzione diretta alla dose assunta).

Vildagliptin è debolmente legato alle proteine ​​plasmatiche (il grado di legame è del 9,3%). La sostanza è caratterizzata da una distribuzione uniforme tra gli eritrociti e il plasma. Presumibilmente, questo processo viene eseguito in modo extravascolare, con somministrazione endovenosa, il volume di distribuzione nello stato di equilibrio è di 71 litri.

Vildagliptin deriva principalmente dalla partecipazione a processi di biotrasformazione. Nell'uomo, circa il 69% della dose del farmaco viene metabolizzato. Il principale metabolita è LAY151, nel quale passa circa il 57% della dose di vildagliptin. Non mostra attività farmacologica ed è un prodotto dell'idrolisi del componente ciano. Circa il 4% della dose di droga è coinvolto nei processi di idrolisi dell'ammide.

I risultati di studi sperimentali indicano un effetto positivo di DPP-4 sull'idrolisi di vildagliptin. La sostanza non partecipa ai processi metabolici che si verificano con la partecipazione degli isoenzimi del citocromo P450. I dati di studi in vitro confermano che vildagliptin non appartiene ai substrati degli isoenzimi P (CYP)450 e non è un inibitore o un induttore degli isoenzimi del citocromo CYP450.

Dopo somministrazione orale di vildagliptin, circa l'85% della dose viene escreto nelle urine e il 15% nelle feci. L'escrezione renale di questa sostanza in forma invariata è del 23%. Con la somministrazione endovenosa del farmaco, l'emivita è in media di 2 ore e la clearance renale e la clearance plasmatica totale sono rispettivamente 13 l / he 41 l / h. Quando Galvus Met viene assunto per via orale, l'emivita è di circa 3 ore, indipendentemente dalla dose di vildagliptin.

I parametri farmacocinetici di vildagliptin non sono influenzati dall'etnia, dal sesso o dall'indice di massa corporea.

I pazienti con disfunzioni epatiche lievi e moderate (6-10 punti secondo la scala Child-Pugh) dopo una singola dose di vildagliptin hanno registrato una diminuzione della biodisponibilità rispettivamente dell'8% e del 20%. Nei pazienti con gravi disfunzioni epatiche (12 punti secondo la scala Child-Pugh), la biodisponibilità di questa sostanza è aumentata del 22%. La biodisponibilità di vildagliptin varia il più possibile in media del 30% verso l'alto o verso il basso, il che non è considerato clinicamente significativo. Non esiste alcuna correlazione tra la gravità delle disfunzioni del fegato e la biodisponibilità di questo componente attivo di Galvus Met.

Nei pazienti con disfunzione renale, l'AUC lieve, moderata o grave di vildagliptin aumenta rispetto a volontari sani di 1,4, 1,7 e 2 volte, rispettivamente. L'AUC del metabolita LAY151 aumenta 1,6, 3,2 e 7,3 volte e il metabolita BQS867 aumenta 1,4, 2,7 e 7,3 volte nei pazienti che soffrono di disfunzioni renali lievi, moderate e gravi, rispettivamente. I dati relativi ai pazienti con malattia renale allo stadio terminale sono limitati, ma suggeriscono la similarità degli indicatori nei pazienti di questo gruppo con quelli in pazienti con grave disfunzione renale. Vildagliptin è scarsamente escreto durante la procedura di emodialisi (3% della dose accettata, a condizione che la procedura dura più di 3-4 ore e viene eseguita 4 ore dopo una singola dose di Galvus Met).

Nei pazienti di età superiore ai 70 anni, la massima biodisponibilità di vildagliptin è stata osservata del 32% (la concentrazione massima è aumentata del 18%), che non rappresenta un significato clinico speciale e non influenza l'inibizione di DPP-4.

La farmacocinetica di vildagliptin nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni non è stata determinata.

metformina

Con la somministrazione orale di metformina in una dose di 500 mg prima dei pasti, la sua biodisponibilità assoluta è del 50-60%. La concentrazione massima di una sostanza nel plasma è determinata dopo 1,81-2,69 ore dopo l'ingestione. L'aumento della dose di metformina da 500 mg a 1500 mg o da 850 mg a 2250 mg quando somministrato porta ad un aumento più lento dei parametri farmacocinetici rispetto a quella caratteristica di una relazione lineare. Questo effetto è spiegato non tanto da un cambiamento nell'escrezione del farmaco, ma da una diminuzione nel suo assorbimento. Quando assume metformina con il cibo, anche il grado e la velocità di assorbimento della sostanza diminuiscono leggermente. Quindi, con una singola dose di Galvus Met alla dose di 850 mg, si osserva una diminuzione dell'AUC e una concentrazione massima di circa il 25% e il 40% con il cibo, e il tempo per raggiungere la concentrazione massima aumenta di 35 minuti. Il significato clinico dei fatti di cui sopra non è stato ancora stabilito.

Con una singola dose orale di metformina alla dose di 850 mg, il suo volume apparente di distribuzione è 654 ± 358 l. Il legame con le proteine ​​plasmatiche è praticamente assente, mentre il grado di legame dei derivati ​​sulfonilurea supera il 90%. La metformina è caratterizzata dalla penetrazione nei globuli rossi e questo processo può intensificarsi nel tempo. Quando si utilizza il farmaco secondo lo schema standard (dose standard e frequenza di somministrazione), la concentrazione del principio attivo nello stato di equilibrio viene raggiunta entro 24-48 ore e di solito non supera 1 μg / ml. Durante studi clinici controllati, la concentrazione massima di metformina nel plasma sanguigno, anche quando è entrata nel corpo in dosi elevate, non superava 5 μg / ml.

Con una singola somministrazione endovenosa di questo principio attivo a volontari sani, è stato dimostrato che è escreto attraverso i reni in forma invariata. Allo stesso tempo, la metformina non è coinvolta nei processi metabolici nel fegato (non sono stati rilevati metaboliti nel corpo umano) e non viene escreta nella bile.

Poiché la clearance renale di metformina è circa 3,5 volte più elevata della clearance della creatinina, la principale via di eliminazione della sostanza dal corpo è la secrezione tubulare. Se assunto per via orale, circa il 90% della dose assorbita del farmaco viene escreto nelle urine durante le prime 24 ore. L'emivita plasmatica è di circa 6,2 ore. L'emivita del farmaco da sangue intero è di circa 17,6 ore, il che indica il cumulo di una parte significativa della metformina nei globuli rossi.

La farmacocinetica di metformina non varia a seconda del sesso del paziente. Nei pazienti con insufficienza epatica, le caratteristiche farmacocinetiche di questo principio attivo non sono state studiate in modo pratico. Nei pazienti con disfunzione renale, il cui grado è stimato dal valore di QC (clearance della creatinina), l'emivita della metformina da sangue intero e plasma aumenta e la sua clearance renale diminuisce in modo direttamente proporzionale alla diminuzione del QC.

In base ai dati limitati ottenuti da studi di farmacocinetica su volontari sani di età pari o superiore a 65 anni, si osserva una diminuzione della clearance plasmatica totale di metformina e un aumento dell'emivita e della massima concentrazione in pazienti di questa fascia di età rispetto ai più giovani. Queste caratteristiche dei parametri farmacocinetici di metformina in pazienti di età superiore a 65 anni sono presumibilmente dovute a un cambiamento nella funzione renale, di conseguenza, nei pazienti di età superiore a 80 anni, l'uso del farmaco è consentito solo in CC normale.

Le caratteristiche della farmacocinetica di metformina nei bambini e negli adolescenti la cui età non supera i 18 anni non sono ben comprese.

Mancano prove sull'impatto dell'etnia dei pazienti sugli indicatori farmacocinetici del principio attivo. Prove cliniche controllate in cui pazienti con diabete di tipo 2, appartenenti a nazioni e razze diverse, hanno confermato che l'effetto ipoglicemico di Galvus Met si è manifestato in modo identico.

Vildagliptin + metformina

Gli studi hanno dimostrato che le concentrazioni massime e l'AUC di Galvus Meth, assunte in tre dosi diverse (50 mg + 1000 mg, 50 mg + 850 mg e 50 mg + 500 mg) e metformina e vildagliptin sotto forma di compresse separate, assunte in dosi appropriate, sono bioequivalenti.

Il pasto non modifica la velocità e il grado di assorbimento di vildagliptin, che fa parte della preparazione combinata. L'AUC e la concentrazione massima di metformina inclusa in Galvus Met, quando assunte con il cibo, sono diminuite rispettivamente del 7% e del 26%. Anche sullo sfondo dell'assunzione di cibo, l'assorbimento di metformina è diminuito, causando un aumento dell'emivita (da 2 a 4 ore). Lo stesso cambiamento nell'AUC e la massima concentrazione quando assunto contemporaneamente al cibo è stato registrato anche quando si utilizzava metformina nella sua forma pura, ma nel secondo caso le modifiche erano meno clinicamente significative. L'effetto del cibo sulla farmacocinetica di metformina e vildagliptin, incluso nella composizione di Galvus Met, è simile a quello di prendere entrambe le sostanze attive separatamente.

Indicazioni per l'uso

Secondo le istruzioni, Galvus Met è prescritto per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 (in combinazione con esercizio fisico e terapia dietetica) nei seguenti casi:

  • mancanza di efficacia della monoterapia con metformina o vildagliptin;
  • condurre la terapia precedentemente combinata con metformina e vildagliptin come monoforme;
  • terapia di combinazione tripla con insulina in pazienti che avevano precedentemente ricevuto terapia insulinica in una dose stabile e metformina, ma non hanno raggiunto un adeguato controllo glicemico;
  • uso combinato con derivati ​​sulfonilurea (trattamento a tripla associazione) in pazienti che precedentemente avevano ricevuto terapia con derivati ​​sulfonilurea e metformina, ma non hanno raggiunto un adeguato controllo glicemico;
  • terapia iniziale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 con una mancanza di efficacia di esercizio fisico, dieta e, se necessario, migliorare il controllo della glicemia.

Controindicazioni

  • diabete di tipo 1;
  • disturbi funzionali del fegato;
  • infarto miocardico acuto, insufficienza cardiaca acuta e cronica, insufficienza respiratoria, insufficienza cardiovascolare acuta (shock);
  • acidosi metabolica acuta / cronica (compresa chetoacidosi diabetica con / senza coma; chetoacidosi diabetica deve essere aggiustata con terapia insulinica), acidosi lattica (incluse indicazioni nella storia);
  • insufficienza renale o funzionalità renale compromessa (con creatinina sierica negli uomini ≥ 1,5 mg% e nelle donne ≥ 1,4 mg%);
  • condizioni acute che si verificano con il rischio di compromissione della funzione renale: disidratazione (sullo sfondo di diarrea e vomito), febbre, gravi malattie infettive, ipossia (sepsi, shock, malattie broncopolmonari, infezioni renali);
  • il periodo prima dell'intervento chirurgico, radioisotopo, studi a raggi X con l'introduzione di agenti di contrasto (una pausa prima / dopo il loro svolgimento - 48 ore);
  • intossicazione alcolica acuta, alcolismo cronico;
  • epatopatia o alterazione degli indicatori biochimici della funzionalità epatica;
  • aderenza a una dieta ipocalorica (meno di 1000 kcal al giorno);
  • età fino a 18 anni (efficacia / sicurezza della terapia non sono state stabilite);
  • gravidanza e allattamento al seno;
  • idiosincrasia di Galvus Met.

I pazienti anziani (a partire da 60 anni) devono usare con cautela Galvus Met quando svolgono un lavoro fisico pesante (associato ad un aumentato rischio di sviluppare acidosi lattica).

Istruzioni per l'uso Galvus Met: metodo e dosaggio

Le compresse di Galvus Met sono assunte per via orale, preferibilmente contemporaneamente a un pasto (al fine di ridurre la gravità delle reazioni avverse dal sistema digestivo, che sono caratteristiche della metformina).

Il regime posologico viene scelto individualmente dal medico in base all'efficacia / tolleranza della terapia. Va tenuto presente che la dose giornaliera massima di vildagliptin è di 100 mg.

La dose iniziale di Galvus Met è calcolata in base alla durata del decorso del diabete, al livello di glicemia, alle condizioni del paziente e agli schemi terapeutici precedentemente utilizzati vildagliptin e / o metformina.

  • iniziare la terapia in caso di diabete mellito di tipo 2 con insufficiente efficacia di esercizi fisici e terapia dietetica: 1 compressa da 50 + 500 mg 1 volta al giorno, dopo aver valutato l'efficacia, la dose viene gradualmente aumentata a 50 + 1000 mg 2 volte al giorno;
  • trattamento in caso di fallimento della monoterapia con vildagliptin: 2 volte al giorno, 1 compressa da 50 + 500 mg, è possibile un aumento graduale della dose dopo aver valutato l'effetto terapeutico;
  • trattamento in caso di inefficacia di metformina in monoterapia: 2 volte al giorno, 1 compressa da 50 + 500 mg, 50 + 850 mg o 50 + 1000 mg (a seconda della dose di metformina assunta);
  • trattamento in caso di terapia di associazione con metformina e vildagliptin in forma di compresse separate: la dose viene scelta il più vicino possibile alla terapia da eseguire, in seguito in base all'efficacia della sua correzione;
  • terapia di associazione con l'uso di Galvus Met in combinazione con derivati ​​sulfonilurea o insulina (la dose è calcolata sulla base di): vildagliptin 50 mg 2 volte al giorno; Metformina - a una dose uguale a quella precedentemente assunta come singolo farmaco.

I pazienti con clearance della creatinina di 60-90 ml / min possono richiedere un aggiustamento della dose di Galvus Met. È anche possibile modificare il regime posologico in pazienti di età superiore ai 65 anni, che è associato alla probabilità di compromissione della funzionalità renale (è richiesto un monitoraggio regolare degli indicatori).

Effetti collaterali

Le reazioni avverse descritte di seguito si riferiscono all'uso di vildagliptin e metformina sia in monoterapia che in associazione.

Stima della frequenza delle possibili violazioni:> 10% - molto spesso; > 1% e 0,1% e 0,01% e

Galvus Met

Descrizione del 23 novembre 2014

  • Nome latino: Galvus Met
  • Codice ATC: A10BD08
  • Ingrediente attivo: Vildagliptin + metformin (Vildagliptin + metformin)
  • Produttore: Novartis Pharma Production GmbH., Germania; Novartis Pharma Stein AG, Svizzera

struttura

Le compresse contengono i principi attivi: vildagliptin e metformina cloridrato.

Componenti aggiuntivi: iprolosi, ipromellosa, magnesio stearato, biossido di titanio, talco, macrogol 4000, ossido di ferro giallo e rosso.

Modulo di rilascio

Galvus Met viene prodotto sotto forma di compresse rivestite con film in dosi di 50 mg + 500 mg, 50 mg + 850 mg o 50 mg + 1000 mg. Le compresse sono confezionate in blister da 6 o 10 pezzi, 1, 3, 5, 6, 12, 18, 36 blister per confezione.

Azione farmacologica

Questo medicinale ha un effetto farmacologico ipoglicemico.

Farmacodinamica e farmacocinetica

Galvus Met comprende 2 agenti ipoglicemizzanti con diversi meccanismi d'azione. Allo stesso tempo, vildagliptin è un inibitore della dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) e la metformina cloridrato appartiene alle biguanidi. In combinazione, questi componenti contribuiscono al controllo efficace della concentrazione di glucosio nel sangue durante il diabete di tipo 2 durante il giorno.

L'uso di questo farmaco porta a una diminuzione persistente statisticamente significativa della concentrazione di glucosio nel sangue. Allo stesso tempo, ci sono solo pochi casi di ipoglicemia.

È stato stabilito che il consumo di cibo non influenza la velocità e l'entità dell'assorbimento del farmaco e la concentrazione di principi attivi diminuisce leggermente, ma, in generale, dipende dalla dose assunta.

L'assorbimento di Galvus Met avviene rapidamente, la biodisponibilità dei componenti è di circa l'85%. Quando il medicinale viene assunto a stomaco vuoto, la presenza dei suoi componenti nel plasma sanguigno viene rilevata dopo 1-1,5 ore. Nel corpo, il farmaco viene convertito in metaboliti, che vengono escreti dai reni e una piccola parte con le feci.

Indicazioni per l'uso di droghe

L'indicazione principale per l'assunzione di Galvus Met è la terapia per il diabete di tipo 2 nei casi in cui:

  • la monoterapia con vildagliptin o metformina non è efficace;
  • incapace di controllare adeguatamente la glicemia con altre opzioni di trattamento, e così via.

Controindicazioni da usare

Galvus Met non viene assegnato quando:

  • alta sensibilità ai suoi componenti;
  • insufficienza renale e altri disturbi dei reni;
  • forme acute di malattie che possono causare lo sviluppo di disfunzione renale - disidratazione, febbre, infezioni, ipossia e così via;
  • disfunzione epatica;
  • diabete di tipo 1;
  • alcolismo cronico, intossicazione acuta da alcol;
  • allattamento, gravidanza;
  • osservanza della dieta ipocalorica;
  • bambini sotto i 18 anni.

Con cautela, le pillole vengono prescritte a pazienti di età superiore ai 60 anni che lavorano in una produzione fisica pesante, poiché l'acidosi lattica può svilupparsi.

Effetti collaterali

Nel trattamento di Galvus Met, può verificarsi lo sviluppo di effetti indesiderati: forte mal di testa, vertigini, tremore. Possono anche verificarsi disturbi nell'attività del tratto gastrointestinale: nausea, diarrea, reflusso gastroesofageo, flatulenza. Sebbene l'assunzione di questo farmaco minimizzi l'aspetto dell'ipoglicemia, non dovremmo escludere lo sviluppo dei suoi sintomi.

Galvus Met - istruzioni per l'uso (metodo e dosaggio)

Questo farmaco è destinato all'ingestione. Dosaggio Galvus Met viene scelto individualmente e dipende dall'efficacia del trattamento e dalla tollerabilità dei componenti. Durante la terapia, si raccomanda di osservare rigorosamente la dose giornaliera prescritta di vildagliptin, che non deve superare i 100 mg.

All'inizio del trattamento, la dose viene selezionata tenendo conto della durata del decorso della malattia, del livello di glicemia, delle condizioni del paziente e del regime terapeutico utilizzato in precedenza. Per ridurre la gravità degli effetti collaterali associati al lavoro dell'apparato digerente, i farmaci vengono assunti con i pasti.

Di solito, il trattamento inizia con una singola compressa da 50 mg + 500 mg, che viene assunta 2 volte al giorno. Dopo aver valutato l'effetto terapeutico, è possibile aumentare gradualmente il dosaggio.

Se la monoterapia con metformina era inefficace, quindi, tenendo conto della metformina precedentemente assunta, a una compressa può essere prescritto il dosaggio più appropriato da assumere 2 volte al giorno.

Quando si prescrive la dose iniziale del farmaco ai pazienti che ricevono la terapia di associazione con compresse separate di vildagliptin e metformina, viene scelto il dosaggio più vicino.

Nella terapia combinata di Galvus Met e sulfonilurea o derivati ​​dell'insulina, la dose viene calcolata dalla quantità di vildagliptin 50 mg x 2 volte, cioè 100 mg al giorno, e metformina in un dosaggio vicino a quello assunto in monoterapia.

overdose

Come è noto, vildagliptin come parte di questo farmaco è ben tollerato se assunto in dosi giornaliere fino a 200 mg. In altri casi, possono verificarsi dolore muscolare, gonfiore e febbre. Di solito, i sintomi di overdose possono essere eliminati cancellando il farmaco.

In caso di sovradosaggio con metformina, i cui sintomi si possono sviluppare assumendo il farmaco da 50 g, l'insorgenza di ipoglicemia, acidosi lattica, accompagnata da nausea, vomito, diarrea, diminuzione della temperatura corporea, dolore all'addome e ai muscoli, aumento della respirazione, vertigini. Forme gravi portano a compromissione della coscienza e allo sviluppo di un coma.

Allo stesso tempo, viene eseguito un trattamento sintomatico, viene eseguita l'emodialisi e così via.

Va notato che per i pazienti che ricevono insulina, la nomina di Galvus Met non è un sostituto per l'insulina.

interazione

Vildagliptin non appartiene ai substrati degli enzimi del citocromo P450, non è un inibitore e un induttore di questi enzimi, quindi praticamente non interagisce con substrati, induttori o inibitori di P450. Tuttavia, il suo uso simultaneo con substrati di alcuni enzimi non influenza il tasso metabolico di questi componenti.

Inoltre, l'uso simultaneo di vildagliptin e altri farmaci prescritti per il diabete di tipo 2, ad esempio: Glibenclamide, pioglitazone, metformina e farmaci con un intervallo terapeutico ristretto - amlodipina, digossina, ramipril, simvastatina, Valsartan, warfarin non causano interazioni clinicamente significative.

La combinazione di furosemide e metformina ha un effetto reciproco sulla concentrazione di queste sostanze nel corpo. La nifedipina aumenta l'assorbimento e l'eliminazione di metformina nella composizione delle urine.

Cationi organici quali: amiloride, digossina, procainamide, chinidina, morfina, chinino, ranitidina, trimetoprim, vancomicina, triamterene e altri, quando interagiscono con metformina a causa della competizione per il trasporto generale dei tubuli renali, possono aumentare la sua concentrazione nel plasma sanguigno. Pertanto, l'uso di Galvus Met in tali combinazioni richiede cautela.

La combinazione del farmaco con tiazidici, altri diuretici, fenotiazine, preparazioni di ormoni tiroidei, estrogeni, contraccettivi orali, fenitoina, acido nicotinico, simpaticomimetici, calcio antagonisti e isoniazide può causare iperglicemia e ridurre l'efficacia degli agenti ipoglicemici.

Pertanto, quando tali farmaci sono prescritti o annullati allo stesso tempo, è necessario un attento monitoraggio dell'efficacia di metformina - la sua azione ipoglicemica e, se necessario, l'aggiustamento del dosaggio. È consigliato astenersi da combinazione con danazol per evitare la manifestazione della sua azione hyperglycemic.

Assunzione di alte dosi di clorpromazina può aumentare la glicemia, in quanto riduce il rilascio di insulina. Il trattamento neurolettico richiede anche la correzione del dosaggio e il controllo della concentrazione di glucosio.

La terapia combinata con agenti radiopachi contenenti iodio, per esempio, conducendo studi radiologici con il loro uso, spesso causa lo sviluppo di acidosi lattica nel diabete mellito e insufficienza renale funzionale.

I β2-simpaticomimetici iniettabili possono causare un aumento della glicemia come conseguenza della stimolazione dei recettori β2. Per questo motivo, è necessario controllare la glicemia, forse la nomina di insulina.

L'uso simultaneo di metformina e derivati ​​sulfonilurea, insulina, acarbosio, salicilati può aumentare l'effetto ipoglicemico.

Condizioni di vendita

Farmaco da prescrizione.

Condizioni di conservazione

Le compresse devono essere conservate in un luogo buio e asciutto, inaccessibile ai bambini, a temperature fino a 30 ° C.

GALVUS MET

Compresse rivestite con film giallo chiaro con una leggera sfumatura rosata, ovali, con bordi smussati; su un lato c'è l'etichetta "NVR", sull'altro lato c'è "LLO".

Eccipienti: Ipolosi - 49,5 mg, magnesio stearato - 6,5 mg, ipromellosa - 12,858 mg, biossido di titanio (E171) - 2,36 mg, macrogol 4000 - 1,283 mg, talco - 1,283 mg, ossido di ferro giallo (E172) - 0,21 mg, ferro ossido rosso (E172) - 0,006 mg.

6 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.

Compresse rivestite con film di colore giallo con un tenue colorazione grigiastro, ovale, con bordi smussati; su un lato c'è l'etichetta "NVR", sull'altro lato c'è "SEH".

Eccipienti: Ipolosi - 84,15 mg, magnesio stearato - 9,85 mg, ipromellosa - 18,58 mg, biossido di titanio (E171) - 2,9 mg, macrogol 4000 - 1,86 mg, talco - 1,86 mg, ossido di ferro giallo (E172) - 0,82 mg.

6 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.

Compresse rivestite con film di colore giallo scuro con sfumatura grigiastra, ovali con bordi smussati; su un lato c'è l'etichetta "NVR", sull'altro lato c'è "FLO".

Eccipienti: Iprolosi - 99 mg, magnesio stearato - 11 mg, ipromellosa - 20 mg, titanio diossido (E171) - 2,2 mg, macrogol 4000 - 2 mg, talco - 2 mg, ossido di ferro giallo (E172) - 1,8 mg.

6 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
6 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (1) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (3) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (5) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (6) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (12) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (18) - imballa il cartone.
10 pezzi - blister (36) - imballa il cartone.

La preparazione Galvus Met consiste di due agenti ipoglicemici con diversi meccanismi d'azione: vildagliptin, appartenente alla classe degli inibitori di dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) e metformina (sotto forma di cloridrato), un rappresentante della classe delle biguanidi. La combinazione di questi componenti consente di controllare in modo più efficace la concentrazione di glucosio nel sangue in pazienti con diabete mellito di tipo 2 (diabete di tipo 2) entro 24 ore.

Vildagliptin, un rappresentante della classe di stimolatori dell'apparato insulare del pancreas, inibisce selettivamente l'enzima DPP-4, migliorando il controllo glicemico. L'inibizione dell'attività di DPP-4 provoca un aumento sia dei livelli endogeni basali che postprandiali degli ormoni incretinici: tipo di peptide 1 glucagone-simile (GLP-1) e polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente (HIP). La metformina riduce la produzione di glucosio da parte del fegato, riduce l'assorbimento di glucosio nell'intestino e riduce la resistenza all'insulina aumentando l'assorbimento di glucosio e l'utilizzo dei tessuti periferici.

La metformina induce la sintesi del glicogeno intracellulare, agendo sulla glicogeno sintetasi e migliora il trasporto del glucosio da parte di alcune proteine ​​di trasferimento del glucosio di membrana (GLUT-1 e GLUT-4).

La sicurezza e l'efficacia dei singoli componenti del farmaco, nonché il loro uso simultaneo, sono stati studiati in precedenza in studi clinici, in cui è stato stabilito un ulteriore effetto positivo dell'aggiunta di vildagliptin al trattamento con metformina in pazienti con diabete di tipo 2 non adeguatamente controllato.

L'uso di vildagliptin in pazienti con diabete di tipo 2 porta ad un'inibizione rapida e completa dell'attività di DPP-4, che viene osservata per 24 ore.

Aumentando la concentrazione di GLP-1 e HIP, vildagliptin provoca un aumento della sensibilità delle cellule beta del pancreas al glucosio, il che porta ad un miglioramento della secrezione di insulina glucosio-dipendente. L'uso di vildagliptin in dosi di 50 mg e 100 mg al giorno in pazienti con diabete di tipo 2 ha causato un significativo miglioramento negli indicatori di funzionalità delle cellule beta.

Il grado di miglioramento della funzione delle β-cellule dipende dal grado del loro danno iniziale, quindi in individui senza diabete (con una normale concentrazione di glucosio nel plasma sanguigno), vildagliptin non stimola la secrezione di insulina e non riduce la concentrazione di glucosio. Aumentando la concentrazione di GLP-1 endogeno, vildagliptin aumenta la sensibilità delle cellule α al glucosio, il che porta a un miglioramento della regolazione glucosio-dipendente della secrezione di glucagone. Una diminuzione della concentrazione elevata di glucagone dopo un pasto, a sua volta, provoca una diminuzione della resistenza all'insulina.

Un aumento del rapporto insulina / glucagone sullo sfondo dell'iperglicemia, causato da un aumento della concentrazione di ormoni incretinici, provoca una diminuzione della produzione di glucosio da parte del fegato sia durante che dopo i pasti, il che porta ad una diminuzione della concentrazione plasmatica di glucosio.

Inoltre, sullo sfondo di vildagliptin, c'è stata una diminuzione della concentrazione plasmatica di lipidi dopo un pasto, che non è associata ad un miglioramento della funzione delle cellule pancreatiche insulari mediate dall'effetto di vildagliptin sull'attività degli ormoni incretinici.

È noto che un aumento della concentrazione di GLP-1 può portare ad uno svuotamento gastrico più lento, ma questo effetto non si osserva quando si usa vildagliptin.

La metformina migliora la tolleranza al glucosio nei pazienti con diabete di tipo 2, riducendo la concentrazione di glucosio nel plasma sanguigno sia prima che dopo i pasti.

A differenza dei derivati ​​sulfonilurea, la metformina non causa ipoglicemia in pazienti con diabete di tipo 2 o in individui sani (tranne in casi speciali).

La terapia farmacologica non porta allo sviluppo di iperinsulinemia. Quando si usa la secrezione di insulina metformina non cambia, mentre la concentrazione di insulina nel plasma sanguigno a stomaco vuoto e durante il giorno può diminuire.

Con l'uso di metformina in dosi terapeutiche negli studi clinici di durata media, nonché negli studi clinici a lungo termine, è stato notato un effetto favorevole sul metabolismo delle lipoproteine, indipendentemente dal suo effetto sulla glicemia: una diminuzione della concentrazione di colesterolo totale, colesterolo lipoproteico a bassa densità e trigliceridi.

Gli studi hanno mostrato bioequivalenza in termini di AUC e Cmax nel plasma sanguigno del farmaco Galvus Met in tre diversi dosaggi (50 mg + 500 mg, 50 mg + 850 mg e 50 mg + 1000 mg) e vildagliptin e metformina, assunti in dosi appropriate come compresse separate.

Il pasto non influenza il grado e il tasso di assorbimento di vildagliptin come parte di Galvus Met. Valori Cmax e AUC di metformina nella composizione del farmaco Galvus Met, quando somministrati contemporaneamente al cibo, sono diminuiti rispettivamente del 26% e del 7%. Inoltre, sullo sfondo dell'assunzione di cibo, l'assorbimento di metformina è stato rallentato, il che ha portato ad un aumento del tempo per raggiungere la massima concentrazione (Tmax, da 2 a 4 ore). Cambiamento simile conmax e l'AUC sullo sfondo dell'assunzione di cibo è stata osservata anche quando si utilizzava metformina separatamente, ma in quest'ultimo caso i cambiamenti erano meno significativi. L'effetto del cibo sulla farmacocinetica di vildagliptin e metformina come parte di Galvus Met non differiva da quello quando si assumevano entrambi i farmaci separatamente.

Se assunto a stomaco vuoto, vildagliptin viene rapidamente assorbito e la sua Cmax raggiunto a 1,75 h dopo la somministrazione.

Se assunto contemporaneamente al cibo, il tasso di assorbimento di vildagliptin diminuisce leggermente: c'è una diminuzione di Cmax del 19% e un aumento del suo tempo per raggiungere fino a 2,5 ore.Tuttavia, l'assunzione di cibo non influenza il grado di assorbimento e AUC. Vildagliptin viene rapidamente assorbito e la sua biodisponibilità assoluta dopo somministrazione orale è dell'85%. Cmax e l'AUC nell'intervallo terapeutico di dosi aumenta approssimativamente in proporzione alla dose.

Il grado di legame di vildagliptin alle proteine ​​plasmatiche è basso (9,3%). Il farmaco viene distribuito uniformemente tra il plasma e i globuli rossi. La distribuzione di vildagliptin si verifica presumibilmente in modo extravascolare, il volume di distribuzione nello stato di equilibrio dopo somministrazione endovenosa (Vss) è 71 l.

La biotrasformazione è la via principale dell'escrezione di vildagliptin. Nel corpo umano viene convertito il 69% della dose di droga. Il principale metabolita, LAY151 (57% della dose), è farmacologicamente inattivo ed è il prodotto dell'idrolisi del componente ciano. Circa il 4% della dose del farmaco subisce l'idrolisi dell'ammide.

Studi in vivo su animali con una carenza di DPP-4 hanno mostrato un effetto positivo parziale di questo enzima sull'idrolisi di vildagliptin. Vildagliptin non viene metabolizzato con la partecipazione di isoenzimi del citocromo P450. Secondo studi in vitro, vildagliptin non inibisce o induce gli isoenzimi del citocromo CYP450.

Dopo ingestione di vildagliptin radiomarcato, circa l'85% della dose viene escreta dai reni e il 15% attraverso l'intestino, l'escrezione renale di vildagliptin invariato è del 23%. Quando l'amministrazione I / V in volontari sani, l'emivita media (T1/2) raggiunge 2 h, la clearance plasmatica totale e la clearance renale di vildagliptin sono 41 l / he 13 l / h, rispettivamente. T1/2 dopo l'ingestione è di circa 3 ore, indipendentemente dalla dose.

Vildagliptin viene rapidamente assorbito, la biodisponibilità assoluta dopo somministrazione orale è dell'85%. Cmax e l'AUC di vildagliptin aumenta approssimativamente in proporzione alla dose quando viene usata nella gamma di dosi terapeutiche.

Farmacocinetica in casi speciali

Paul. Nei pazienti di sesso femminile e maschile di età diverse e con indice di massa corporea diverso (BMI), non sono stati osservati cambiamenti nella farmacocinetica di vildagliptin. Il grado di inibizione dell'attività di DPP-4 da parte di vildagliptin non varia a seconda del sesso.

L'obesità. Non è stato osservato alcun effetto dell'UTI sui parametri farmacocinetici di vildagliptin. Il grado di inibizione dell'attività di DPP-4 da parte di vildagliptin non varia a seconda dell'ampiezza del BMI.

Razza. L'etnia non influisce sulla farmacocinetica di vildagliptin.

Pazienti con insufficienza epatica. Nei pazienti con funzionalità epatica lieve e moderata (6-10 punti sulla scala di Child-Pugh) dopo una singola dose di vildagliptin per via orale in una dose di 100 mg, la biodisponibilità di vildagliptin è osservata rispettivamente dell'8% e del 20%. Nei pazienti con funzionalità epatica gravemente compromessa (12 punti nella scala di Child-Pugh), la biodisponibilità di vildagliptin è aumentata del 22%. La variazione massima della biodisponibilità di vildagliptin (aumento o diminuzione), in media fino al 30%, non è clinicamente significativa. Nessuna correlazione è stata trovata tra la gravità della disfunzione epatica e la biodisponibilità del farmaco.

Pazienti con funzionalità renale compromessa. Nei pazienti con funzionalità renale compromessa, l'AUC lieve, moderata o grave di vildagliptin è aumentata rispetto ai volontari sani di 1,4, 1,7 e 2 volte, rispettivamente. L'AUC del metabolita LAY151 è aumentata di 1,6, 3,2 e 7,3 volte e il metabolita BQS867 è aumentato di 1,4, 2,7 e 7,3 volte nei pazienti con insufficienza renale lieve, moderata e grave, rispettivamente. Dati limitati in pazienti con malattia renale cronica allo stadio terminale (CKD) indicano che gli indicatori in questo gruppo sono simili a quelli in pazienti con insufficienza renale grave. La concentrazione del metabolita LAY151 in pazienti con insufficienza renale cronica terminale aumentata di 2-3 volte rispetto alla concentrazione in pazienti con insufficienza renale grave. La rimozione di vildagliptin con emodialisi è limitata (3% durante la procedura che dura più di 3-4 ore 4 ore dopo una singola dose del farmaco).

Uso in pazienti di età ≥65 anni. Incremento massimo della biodisponibilità del 32% (aumento di Cmax del 18%), osservato in pazienti di età superiore a 70 anni senza patologia somatica durante l'assunzione di vildagliptin alla dose di 100 mg / die, non è clinicamente significativo e non influenza l'inibizione di DPP-4.

Uso in pazienti di età inferiore ai 18 anni. Le caratteristiche farmacocinetiche di vildagliptin nei bambini e negli adolescenti sotto i 18 anni di età non sono state stabilite.

La biodisponibilità assoluta di metformina quando somministrata per via orale in una dose di 500 mg a stomaco vuoto era del 50-60%. Cmax Raggiunto 2,5 ore dopo la somministrazione. Con un aumento di una singola dose del farmaco da 500 mg a 1500 mg e da 850 mg a 2250 mg per via orale, c'era una mancanza di dipendenza dei parametri farmacocinetici sulla dose.

Questo effetto è dovuto non tanto a un cambiamento nell'eliminazione del farmaco quanto a un rallentamento nel suo assorbimento. Sullo sfondo del consumo di cibo, anche l'entità e il tasso di assorbimento di metformina sono leggermente diminuiti. Dunque, con una dose sola della medicina in una dose di 850 mg con cibo c'è stata una diminuzione in C.max di circa il 40%, AUC del 25% e aumento di Tmax per 35 minuti

Il significato clinico di questi fatti non è stato stabilito.

Con una singola dose orale di 850 mg di V apparented La metformina è 654 ± 358 litri. La metformina non è praticamente legata alle proteine ​​plasmatiche, mentre i derivati ​​sulfonilurea si legano a loro di oltre il 90%. La metformina entra nei globuli rossi (probabilmente un aumento di questo processo nel tempo). Quando si utilizza metformina secondo lo schema standard (dose standard e frequenza di somministrazione) Css in plasma sanguigno è raggiunto tra 24-48 ore e, di regola, non supera 1 μg / ml. In studi clinici controllati conmax metformina nel plasma non superava 5 μg / ml (anche se assunta a dosi massime).

Con un singolo / nell'introduzione di metformina a volontari sani, viene espulso dai reni in forma invariata. In questo caso, il farmaco non viene metabolizzato nel fegato (nessun metabolita è stato identificato nell'uomo) e non viene escreto nella bile.

Poiché la clearance renale di metformina è circa 3,5 volte quella della creatinina (CK), la principale via di eliminazione del farmaco è la secrezione tubulare. Al momento dell'ingestione, circa il 90% della dose assorbita viene eliminata dai reni durante le prime 24 ore; con T1/2 di sangue è di circa 6,2 ore1/2 La metformina da sangue intero è di circa 17,6 ore, che indica l'accumulo di una parte significativa del farmaco negli eritrociti.

Farmacocinetica in casi speciali

Paul. Nei pazienti con maschi e femmine con diabete di tipo 2, non sono state riscontrate differenze significative nei parametri farmacocinetici di metformina. Allo stesso modo, negli studi clinici non sono stati osservati cambiamenti nell'effetto ipoglicemico della metformina negli uomini e nelle donne con diabete di tipo 2.

Pazienti con insufficienza epatica. Nei pazienti con funzionalità epatica compromessa, le caratteristiche farmacocinetiche di metformina non sono state studiate.

Pazienti con funzionalità renale compromessa. Nei pazienti con funzionalità renale compromessa (misurata con CC) T1/2 La metformina da plasma e sangue intero aumenta e la sua clearance renale diminuisce in proporzione alla diminuzione di CC.

Uso in pazienti di età ≥65 anni. In base ai dati limitati degli studi di farmacocinetica su volontari sani di età ≥65 anni, si è registrata una diminuzione della clearance plasmatica totale di metformina e un aumento di T1/2 e Cmax rispetto ai giovani volontari. Queste caratteristiche della farmacocinetica della metformina nelle persone di età superiore a 65 anni sono probabilmente correlate principalmente a cambiamenti nella funzione renale, e pertanto i pazienti di età superiore a 80 anni possono utilizzare il farmaco Galvus Met solo in CC normale.

Uso in pazienti di età inferiore ai 18 anni. Le caratteristiche farmacocinetiche di metformina nei bambini e negli adolescenti al di sotto dei 18 anni di età non sono state stabilite.

Uso in pazienti di diversa etnia. Non vi è alcuna prova dell'influenza dell'etnia dei pazienti sulle caratteristiche farmacocinetiche di metformina. Negli studi clinici controllati di metformina in pazienti con diabete mellito di tipo 2 di diversa etnia, l'effetto ipoglicemico del farmaco si è manifestato nella stessa misura.

Diabete di tipo 2 (in combinazione con terapia dietetica ed esercizio fisico):

- con insufficiente efficacia della monoterapia con vildagliptin o metformina;

- in pazienti che hanno precedentemente ricevuto una terapia di associazione con vildagliptin e metformina sotto forma di monoforme;

- in combinazione con derivati ​​sulfonilurea (terapia a tripla associazione) in pazienti precedentemente trattati con derivati ​​sulfonilurea e metformina senza raggiungere un adeguato controllo glicemico;

- in terapia di combinazione tripla con insulina in pazienti che hanno precedentemente ricevuto terapia insulinica in una dose stabile e in metformina senza raggiungere un adeguato controllo glicemico;

- come terapia iniziale nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 con insufficiente efficacia della terapia dietetica, esercizio fisico e necessità di migliorare il controllo glicemico.

- ipersensibilità a vildagliptin o metformina oa qualsiasi altro componente del farmaco;

- insufficienza renale o compromissione della funzionalità renale grave con una velocità di filtrazione glomerulare (GFR) di 5 mmol / l, nonché un aumento dell'intervallo anionico e un aumento del rapporto lattato / piruvato. Se si sospetta la presenza di lattacidosi, il trattamento con farmaci contenenti metformina deve essere interrotto e il paziente deve essere immediatamente ricoverato.

Controllo della funzione renale

L'uso simultaneo di farmaci che influenzano la funzione renale o la distribuzione di metformina. Si deve usare cautela se usato contemporaneamente a farmaci che possono influire sulla funzione renale, avere effetti emodinamici significativi o influenzare la distribuzione di metformina nel corpo, come i cationi organici, escreti dai reni mediante secrezione canalicolare.

L'uso di agenti radiopachi contenenti iodio per la somministrazione intravascolare. Nell'introduzione di agenti radiopachi contenenti iodio può provocare lo sviluppo di nefropatia indotta dal contrasto, che porta all'accumulo di metformina nell'organismo e un aumento del rischio di sviluppare acidosi lattica. L'assunzione di farmaci contenenti metformina (come Galvus Meth) dovrebbe essere temporaneamente annullata prima o durante la procedura; riprendere la ricezione dovrebbe essere non prima di 48 ore dopo la procedura, dopo aver ricevuto conferma di laboratorio di stabilizzazione della funzione renale.

È stato stabilito che l'etanolo aumenta l'effetto di metformina sul metabolismo del lattato. Il paziente deve essere avvertito circa l'inammissibilità dell'abuso di alcol durante l'uso di farmaci contenenti metformina (come Galvus Met). L'intossicazione alcolica è associata ad un aumentato rischio di acidosi lattica, in particolare con digiuno prolungato, malnutrizione e compromissione della funzionalità epatica.

Contenuto di vitamina B12

È stato dimostrato che la metformina causa una diminuzione asintomatica della concentrazione di vitamina B in circa il 7% dei casi.12 nel siero. Tale diminuzione in casi molto rari porta allo sviluppo di anemia. Dopo la sospensione di metformina e / o terapia sostitutiva con vitamina B12 concentrazione sierica di vitamina B12 rapidamente normalizzato. Nei pazienti che assumono farmaci contenenti metformina (come Galvus Met), almeno 1 volta all'anno, gli indicatori di analisi del sangue clinico generale devono essere monitorati. Se vengono rilevate deviazioni dai parametri ematologici dalla norma, l'eziologia di tali disturbi deve essere chiarita e deve essere effettuato un trattamento appropriato. In alcuni pazienti (ad esempio, pazienti con un'assunzione inadeguata o un assorbimento insufficiente di vitamina B12 o calcio) c'è una predisposizione a ridurre la concentrazione di vitamina B12 nel siero. In tali pazienti, determinazione della concentrazione di vitamina B12 nel siero almeno 1 volta in 2-3 anni può avere valore diagnostico.

Il collasso cardiovascolare (shock), l'insufficienza cardiaca acuta, l'infarto miocardico acuto e altre condizioni caratterizzate da ipossiemia sono associati all'acidosi lattica e possono anche contribuire all'azotemia prenenale. Se si verificano le condizioni di cui sopra, l'uso di farmaci contenenti metformina (come Galvus Met) deve essere immediatamente cancellato.

Al momento dell'intervento chirurgico con anestesia generale, spinale o epidurale (con l'eccezione di piccole operazioni non correlate alla restrizione di cibo e assunzione di liquidi), l'uso di farmaci contenenti metformina (come Galvus Met) deve essere annullato. La ripresa del farmaco è possibile non prima di 48 ore dopo l'intervento o dopo il ripristino dell'assunzione di cibo per via orale dopo aver ricevuto conferma di laboratorio della stabilizzazione della funzionalità renale.

Deterioramento di pazienti con diabete di tipo 2 che in precedenza hanno risposto alla terapia

Se vengono rilevati risultati di laboratorio anormali dalla norma o quando compaiono sintomi clinici di deterioramento delle condizioni generali (soprattutto se i sintomi non sono chiaramente espressi e sfocati) in pazienti con una risposta adeguata alla terapia, la diagnosi di laboratorio deve essere eseguita immediatamente per rilevare chetoacidosi e / o acidosi lattica. Se si rileva l'acidosi, è necessario interrompere immediatamente l'uso del farmaco e attuare le misure necessarie per correggere le condizioni del paziente.

Di norma, l'ipoglicemia non viene osservata in pazienti sottoposti a terapia solo con Galvus Met, ma può avvenire sullo sfondo di una dieta ipocalorica (quando l'esercizio fisico intenso non è compensato dall'assunzione di calorie) o sullo sfondo del consumo di alcol. Lo sviluppo dell'ipoglicemia è più probabile nei pazienti anziani, debilitati o debilitati, nonché sullo sfondo di ipopituitarismo, insufficienza surrenalica o intossicazione da alcool. Nei pazienti anziani e in quelli che ricevono beta-bloccanti, la diagnosi di ipoglicemia può essere difficile.

Ridurre l'efficacia degli agenti ipoglicemici

Sotto stress (febbre, trauma, infezione, chirurgia, ecc.) Che si sviluppa nei pazienti che ricevono agenti ipoglicemizzanti secondo lo schema standard, è possibile che per un certo periodo sia possibile ridurre drasticamente l'efficacia di quest'ultimo. In questo caso, potrebbe essere necessario annullare temporaneamente il farmaco Galvus Met e la terapia insulinica. La ripresa del trattamento con Galvus Met è possibile dopo la fine del periodo acuto.

Negli studi su animali, l'uso di vildagliptin in dosi 200 volte superiori a quelle raccomandate, non ha causato disturbi della fertilità.

Non sono stati osservati effetti negativi sulla fertilità nei maschi e nelle femmine quando si utilizzava metformina a dosi di 600 mg / kg al giorno, che è circa 3 volte superiore alla dose raccomandata per l'uomo (in termini di superficie corporea). Non sono stati condotti studi sull'effetto sulla fertilità nell'uomo.

Influenza sulla capacità di guidare il trasporto motorio e meccanismi di controllo

L'effetto di Galvus Met sulla capacità di guidare veicoli e meccanismi non è stato studiato. Con lo sviluppo di vertigini durante l'uso del farmaco dovrebbe astenersi dalla guida e meccanismi.

In studi sperimentali su animali con l'uso di vildagliptin in dosi 200 volte superiori a quelle raccomandate, il farmaco non ha causato compromissione dello sviluppo precoce dell'embrione e non ha avuto alcun effetto teratogeno. Usando vildagliptin in associazione con metformina in un rapporto 1:10, non è stato rilevato alcun effetto teratogeno.

Poiché non ci sono dati sufficienti sull'uso del farmaco Galvus Met in gravidanza, l'uso del farmaco in gravidanza è controindicato.

La metformina passa nel latte materno. Non è noto se vildagliptin sia escreto nel latte materno. L'uso del farmaco Galvus Met durante l'allattamento al seno è controindicato.

Uso controindicato del farmaco in caso di insufficienza renale o compromissione della funzionalità renale grave con velocità di filtrazione glomerulare (GFR) <30 мл/мин.

Altri Articoli Sul Diabete

Nonostante le prime tecnologie per la produzione di sostituti del saccarosio siano apparse all'inizio del secolo scorso, i benefici e gli svantaggi dello zucchero sostituiscono le persone sono ancora oggetto di discussioni e controversie attive.

Nel diabete di tipo 2, è importante dosare i carboidrati, controllare la quantità di proteine, sale e acqua. Inoltre, è necessario monitorare la quantità di grasso per ridurre gradualmente la massa grassa.

L'analisi della glicemia è l'indicatore più affidabile e obiettivo dello stato di salute delle persone con diabete. Decodificare i test della glicemia è necessario per capire quanto sia grave la situazione di una malattia così insidiosa come il diabete mellito, perché spesso non ci sono sintomi.