loader

Principale

Trattamento

Come trattare lo shock insulinico nel diabete mellito

Lo shock insulinico è un'improvvisa perdita di coscienza causata da una forte diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue. Questa è una condizione critica causata da un'insufficiente produzione di ormone-insulina da parte del pancreas. Si verifica solo con il diabete, in pericolo di vita, può portare alla morte. È necessario distinguere il coma diabetico dallo shock insulinico. Lo shock arriva istantaneamente e i precursori del coma si accumulano per diversi giorni.

Segni di shock insulinico

Debolezza generale, forte mal di testa, tremori alle estremità, linguaggio, battito cardiaco accelerato, sudorazione disturbata, crampi. La condizione della persona assomiglia a una febbre. Il comportamento può cambiare, l'isteria appare, urla, lacrime, aggressività. L'attacco è in grado di verificarsi durante la notte, quindi non capisci nemmeno cosa sia successo. Avrai la sensazione di un sonno molto inquieto e inquietante.

Se ciò accade, mangia subito qualcosa di dolce - caramelle, un pezzo di zucchero, succo di frutta. Tu, in linea di principio, conoscendo una tale situazione, dovresti avere questi prodotti con te o sapere dove si trova la tua ambulanza. Se non agisci in tempo, le condizioni della persona peggiorano: le cadute di pressione, il cuore rallenta le contrazioni, il corpo si rilassa, i riflessi si perdono, le pupille non reagiscono alla luce.

Può iniziare il vomito involontario, seguito da completa perdita di coscienza.

Le ragioni che provocano questo stato sono:

  1. Violazione della dose di insulina o introduzione scorretta (intramuscolare anziché sottocutanea).
  2. Pasti saltati, specialmente dopo un intenso lavoro fisico.
  3. Primo trimestre di gravidanza.
  4. Malattie dei reni e del fegato.
  5. Uso di alcol
  6. Forte stress nervoso

Insulin Shock - Primo soccorso

Il trattamento è la somministrazione di glucosio per via endovenosa o l'iniezione dell'ormone glucagone. L'introduzione di insulina è severamente vietata, può essere fatale. Questa condizione ha gravi conseguenze, il primo passo sarà chiamare un'ambulanza. Mentre i medici sono in viaggio, è probabile che sarà necessario condurre misure di rianimazione. Dovrebbe mettere una persona a suo agio. Controlla se c'è respiro, polso. In caso contrario, iniziare un massaggio cardiaco indiretto.

Se il paziente è cosciente, è necessario dargli qualcosa da mangiare, qualcosa di dolce. Puoi bere una bevanda dolce, ma ora le bibite dolci sono fatte con dolcificanti, il loro ricevimento sarà inutile. Se una persona è molto cattiva, versa un po 'di zucchero nella sua bocca delicatamente. Allo stesso tempo assicurati che lo zucchero, i dolci non cadano nel tratto respiratorio.

Shock di insulina in psichiatria

Esiste un metodo per il trattamento della schizofrenia con shock da insulina. Durante di esso, c'è un cambiamento nel metabolismo, fallimento del sistema nervoso, che può migliorare il corso di questa malattia. Il metodo viene applicato solo fermo, in quanto richiede un monitoraggio costante da parte di professionisti del settore medico.

Una persona è sottoposta a un forte calo dei livelli di zucchero nel sangue mediante iniezioni giornaliere. Poi, in un periodo di shock, ci sono fluttuazioni di eccitazione e inibizione, che portano ad un miglioramento dello stato mentale in vari tipi di schizofrenia clinica. Il paziente sotto la supervisione di un medico viene gradualmente rimosso dallo stato di shock. Nonostante il suo pericolo, la terapia insulinica raramente dà complicazioni.

Registra dal medico: +7 (499) 116-79-45

Lo shock insulinico è una condizione caratterizzata da una diminuzione della quantità di zucchero nel sangue (ipoglicemia) e un aumento dell'insulina, un ormone prodotto dal pancreas. Questa condizione patologica si sviluppa necessariamente sullo sfondo del diabete.

In un corpo sano, l'insulina e il glucosio sono sempre in livelli accettabili, ma nel diabete il metabolismo è disturbato e, se non trattato, può innescare lo sviluppo di shock insulinico. Altrimenti, può ancora essere chiamato crisi dello zucchero o coma ipoglicemico.

Questa condizione è acuta. Di norma, è preceduto da un periodo precursore, ma in alcuni casi dura così poco che anche il paziente non ha il tempo di notarlo. Di conseguenza, potrebbe esserci un'improvvisa perdita di coscienza e talvolta si verifica una violazione delle funzioni vitali, che sono regolate dal midollo.

La crisi dello zucchero si sviluppa rapidamente, con una forte diminuzione della concentrazione di glucosio nel sangue e un lento assorbimento del cervello. Lo stato predittivo è governato da tali meccanismi:

  1. Neuroglicopenia: riduzione del livello di zucchero nella sostanza del cervello. Manifestate da disturbi neurologici, vari disturbi comportamentali, perdita di coscienza, convulsioni. Di conseguenza, può andare in coma.
  2. Eccitazione del sistema simpatico-surrenale, che si manifesta sotto forma di ansia o paura crescente, tachicardia, vasospasmo, disturbi del sistema nervoso autonomo, reazioni polimorfiche, aumento della sudorazione.

sintomi

Lo sviluppo del coma ipoglicemico si verifica all'improvviso. Ma è preceduto da sintomi precursori. Durante una piccola diminuzione della concentrazione plasmatica di glucosio, il paziente può avvertire mal di testa, fame, vampate di calore. Accade sullo sfondo di debolezza generale. Inoltre, vi è un battito cardiaco accelerato, aumento della produzione di sudore, tremore degli arti superiori o di tutto il corpo.

In questa fase, far fronte a questa condizione è molto semplice, se si assumono carboidrati. I pazienti che conoscono la loro malattia portano sempre con sé tali preparazioni o cibi dolci (pezzi di zucchero raffinato, tè dolce o succo di frutta, dolci, ecc.). Quando si verificano i primi sintomi, è sufficiente usarli per normalizzare il livello di glucosio.

Se il trattamento viene effettuato dall'insulina con un'azione prolungata, la maggiore diminuzione del livello di glucosio nel sangue si verifica nella seconda metà della giornata e durante la notte. È in questo momento che lo shock insulinico può svilupparsi. Nei casi in cui questa condizione si sviluppa durante il sonno del paziente, un lungo periodo rimane inosservato.

Quando ciò accade, si verifica un disturbo del sonno, diventa superficiale, irrequieto e spesso gli incubi ne soffrono. Se un bambino soffre della malattia, può urlare o piangere nel sonno. Dopo che si è svegliato, c'è un'amnesia e una confusione retrograde.

Al mattino, i pazienti notano cattive condizioni di salute a causa del sonno irrequieto. Durante queste ore, la glicemia aumenta in modo significativo, che si chiama "glicemia reattiva". Durante la giornata, dopo uno shock di insulina durante la notte, il paziente rimane irritabile, capriccioso, nervoso, appare uno stato apatico, una sensazione di debolezza in tutto il corpo.

Direttamente nel periodo di coma ipoglicemico, si verificano i seguenti sintomi clinici:

  • pallore e umidità della pelle;
  • tachicardia;
  • ipertonio muscolare.

Allo stesso tempo, il turgore dei bulbi oculari rimane normale, la lingua è umida, la respirazione rimane ritmica, ma in assenza di cure mediche tempestive, gradualmente diventa superficiale.

Con una lunga permanenza in uno stato di crisi zuccherina, ipotensione, mancanza di tono muscolare, bradicardia, la temperatura corporea diventa inferiore alla norma. Inoltre, i riflessi possono essere significativamente indeboliti o completamente assenti. Gli studenti smettono di rispondere alla luce.

Se la diagnosi nella fase iniziale dello shock insulinico non è definita e non c'è assistenza medica, si osserva un netto deterioramento delle condizioni generali del paziente. Trisismo, convulsioni, nausea e vomito possono svilupparsi, il paziente diventa agitato e dopo un po 'si verifica la perdita di coscienza.

Quando si eseguono test di laboratorio nelle urine, non si rileva il glucosio. Allo stesso tempo, la sua reazione all'acetone può essere sia negativa che positiva. Il risultato dipende dal grado di compensazione del metabolismo dei carboidrati.

I sintomi dell'ipoglicemia possono disturbare i pazienti con diabete mellito per i pazienti lunghi, anche con livelli normali di glucosio nel plasma sanguigno o la sua elevazione. Ciò è dovuto a improvvisi cambiamenti negli indicatori glicemici, ad esempio da 18 mmol / la 7 mmol / lo viceversa.

motivi

Lo shock insulinico è più comune nei pazienti con forme gravi di diabete mellito insulino-dipendente. Inoltre, i seguenti fattori possono provocare lo sviluppo di questo stato:

  • L'introduzione della dose sbagliata d'insulina.
  • L'introduzione dell'ormone non è sottocutanea, ma per via intramuscolare. Questo può accadere se c'è un ago lungo nella siringa o se il paziente sta cercando di accelerare l'effetto del farmaco.
  • Attività fisica significativa, dopo la quale il consumo di alimenti ricchi di carboidrati non è stato seguito.
  • Se il paziente non ha mangiato dopo la somministrazione di insulina.
  • Bere alcolici
  • Massaggio del sito a cui è stata fatta l'iniezione.
  • Primo trimestre di gravidanza.
  • Insufficienza renale.
  • Degenerazione grassa del fegato.

Lo shock insulinico spesso preoccupa le persone che hanno il diabete si sviluppa sullo sfondo della patologia dei reni, intestino, fegato, sistema endocrino.

Spesso, una crisi dello zucchero si verifica dopo l'assunzione di salicilati o l'uso di questi farmaci insieme con sulfonamidi.

trattamento

Iniziare il trattamento del coma ipoglicemico somministrando glucosio per via endovenosa. Usando questa soluzione al 40% in una quantità di 20-100 ml. Il dosaggio dipende da quanto velocemente il paziente si riprende.

Nei casi più gravi si usa il glucagone, i glucocorticoidi vengono iniettati per via endovenosa o intramuscolare. Può anche essere usata una soluzione allo 0,1% di idrocloruro di adrenalina. Iniettato 1 ml per via sottocutanea.

Pur mantenendo il riflesso di deglutizione del paziente, è necessario bere bevande zuccherate o glucosio.

Con perdita di coscienza, mancanza di reazione delle pupille alla luce e riflesso di deglutizione, il paziente viene gocciolato sotto il glucosio della lingua in piccole gocce. Anche in stato comatoso, questa sostanza può essere assorbita direttamente dalla bocca. Fai questo con molta attenzione in modo che il paziente non soffochi. Ci sono analoghi sotto forma di gel. Puoi anche usare il miele.

In nessun caso l'insulina deve essere somministrata con coma ipoglicemico, poiché peggiorerà solo le condizioni del paziente e ridurrà significativamente le possibilità di recupero. L'uso di questo farmaco in tali situazioni può essere fatale.

Per evitare la somministrazione non necessaria di insulina, alcuni produttori forniscono siringhe con bloccaggio automatico.

Pronto soccorso

Per fornire correttamente le cure di emergenza, è necessario conoscere esattamente i segni dello shock insulinico. Se hai determinato esattamente che cosa esattamente si verifica questa condizione, procedi immediatamente per aiutare il paziente. Consiste delle seguenti fasi:

  1. Chiama un'ambulanza.
  2. Prima dell'arrivo della brigata di medici, aiuta il paziente a prendere una posizione comoda: sdraiato o seduto.
  3. Dagli qualcosa di dolce. Questo può essere zucchero, tè, caramelle, miele, gelato, marmellata. Di regola, i pazienti portano con sé.
  4. Se perdi conoscenza, metti sulla vittima un pezzo di zucchero sulla guancia. Anche con il coma diabetico, non fa particolarmente male alla salute.

Il ricovero di emergenza è necessario in questi casi:

  • La somministrazione ripetuta di glucosio non riporta il paziente alla coscienza, mentre il livello di glucosio nel sangue rimane basso.
  • Scosse insuliniche ripetute frequentemente.
  • Se è stato possibile superare lo shock ipoglicemico, ma sono stati osservati problemi con il sistema cardiovascolare e nervoso, sono comparsi disordini cerebrali, che prima erano assenti.

Lo shock insulinico è un disturbo abbastanza serio che può costare la vita di un paziente. Pertanto, è importante essere in grado di fornire cure urgenti e condurre il trattamento necessario.

Che cos'è il coma di insulina per il diabete?

Lo shock insulinico o il coma ipoglicemico si sviluppa quasi all'istante ed è il massimo grado di ipoglicemia. Perdita improvvisa di coscienza dovuta a grave ipoglicemia.

L'essenza del problema

A causa del fatto che le cellule e i muscoli del cervello perdono la nutrizione necessaria, tutte le funzioni vitali del corpo sono in uno stato di depressione. Lo shock insulinico si riferisce a condizioni critiche di emergenza, ad es. senza cure d'emergenza, può verificarsi la morte. Il livello di glucosio diminuisce al di sotto di 2,78 mmol / l.

Coma diabetico - che cos'è? A differenza dello shock insulinico, si sviluppa gradualmente, per diversi giorni, passando attraverso un periodo di precursori.

Quando ha iperglicemia, quando il pancreas non ha il tempo di produrre abbastanza insulina. Pertanto, il principio di trattamento qui è completamente diverso, il glucosio non viene introdotto, ce ne sono così tanti. I sintomi qui sono anche diversi dallo shock insulinico. Si verifica solo con il diabete.

Cause di insulina Shock

Lo stato di ipoglicemia può svilupparsi non solo nei diabetici, ma anche nelle persone sane con astinenza prolungata dal cibo. Lo shock insulinico nei pazienti con diabete può verificarsi per i seguenti motivi:

  1. Il paziente non è addestrato a prendere misure per identificare i primi segni di ipoglicemia e fermarli.
  2. Il paziente è incline all'alcol.
  3. La dose di insulina somministrata è stata sovrastimata, probabilmente per errore o in seguito a un calcolo errato.
  4. La somministrazione di insulina non è coerente con l'assunzione di carboidrati o l'esercizio fisico. Il paziente può volontariamente inserire qualsiasi carico, non coordinandoli in anticipo con il medico e sperando in una possibilità. Allo stesso tempo dovrebbe essere negoziato e metodi di ulteriori carboidrati.
  5. L'insulina invece dell'iniezione p / dermica è stata introdotta in / muscolare, perché è stata usata una siringa convenzionale al posto dell'insulina. Nelle siringhe convenzionali, l'ago è sempre più lungo e invece di un'iniezione sottocutanea, l'iniezione è intramuscolare. In tali casi, l'effetto dell'insulina è bruscamente accelerato.
  6. Massaggio conduttivo nel sito di insulina. Alcuni cominciano a puntare il punto con un tampone di cotone nel sito di iniezione - questo non è permesso.
  7. Il paziente ha un'epatosi grassa, insufficienza renale cronica, che rallenta il ritiro di insulina dal corpo.
  8. Nei primi 3 mesi di gravidanza.
  9. Dopo un sacco di stress.
  10. A causa del trattamento con salicilati e sulfonamidi, ma questo è raro e, soprattutto, negli anziani.
  11. Astinenza prolungata dal mangiare per vari motivi.
  12. Aumento dell'attività fisica.
  13. Disturbo intestinale con vomito e diarrea.

patogenesi

Il cervello ha bisogno del glucosio di più: rispetto ai muscoli, il suo bisogno è 30 volte superiore. Un altro problema è che il cervello non ha i suoi depositi di carboidrati, come il fegato, quindi è ipersensibile. Il cervello non è adatto all'uso di acidi grassi che circolano nel sangue.

Il sistema nervoso centrale consuma il 20% del glucosio in entrata. Quando non c'è una tale quantità di glucosio per 5-7 minuti, i neuroni corticali iniziano a morire. Cambiamenti irreversibili si verificano in loro. Smettono di espellere il glucosio e sono avvelenati da prodotti di decomposizione e si sviluppa l'ipossia cerebrale. Si verifica chetoacidosi

Le cellule più altamente differenziate muoiono per prime. In primo luogo, ci sono i precursori del coma (aura ipoglicemica), quindi il cervelletto, che è responsabile della coordinazione dei movimenti, è interessato. Se il glucosio non è ancora arrivato in questo momento, le strutture cerebrali sottostanti, il subcorticale-diencefalico, sono già colpite, e nella fase finale finale del coma, l'intero midollo allungato, in cui tutti i centri vitali sono concentrati (respirazione, circolazione sanguigna, digestione) - arriva coma. Lei è la corona dell'ipoglicemia non curata.

Lo stadio dei precursori può essere ridotto a tal punto che tutto si sviluppa all'improvviso in pochi minuti. Pertanto, l'assistenza dovrebbe essere fornita tempestivamente.

La sintomatologia dei precursori è diversa e si sviluppa su 2 meccanismi: il contenuto di glucosio nei neuroni diminuisce (neuroglicopenia); il secondo è lo sviluppo dell'eccitazione del sistema simpatico-surrenale.

Nella prima variante, i cambiamenti comportamentali, i sintomi neurologici, le convulsioni, la perdita di coscienza e il coma sono caratteristici. Il secondo modo sono le manifestazioni da parte dell'ANS: aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione sanguigna, iperidrosi, mialgia, salivazione, aumento di tensione e ansia, comparsa di una "pelle d'oca" - una reazione pilomotoria.

È anche possibile che un paziente con esperienza di diabete abbia un adattamento a un livello elevato di glucosio nel sangue, quindi riducendolo a un tasso normale provoca il deterioramento della condizione: cefalea e vertigini, debolezza e letargia. Questo è il cosiddetto. ipoglicemia relativa.

Un coma insulinico nei diabetici si sviluppa con una diminuzione della glicemia di oltre 5 unità, indipendentemente dai numeri originali. Questo suggerisce che per il sistema nervoso centrale sono i salti di glucosio che sono distruttivi.

Fasi e sintomi

  • forte sensazione di fame;
  • pianto e irritabilità;
  • cefalea, non alleviata dagli analgesici;
  • la pelle diventa umida, appare la tachicardia;
  • il comportamento è ancora adeguato.
  • il comportamento diventa inadeguato - c'è un'allegria o un'aggressività gratuita per procurarsi del cibo;
  • appaiono disturbi vegetativi - sudorazione abbondante, dolori muscolari, aumento della salivazione, tremore alle mani, diplopia.

Ipoglicemia - coinvolgimento della parte centrale del cervello:

  • aumenta il tono muscolare, che è irto di convulsioni;
  • i riflessi patologici si presentano (Babinski, proboscide);
  • le pupille si dilatano;
  • la pressione sanguigna aumenta;
  • persistono palpitazioni e sudorazione;
  • inizia il vomito.

In realtà, coma - in primo luogo, le prime sezioni superiori del midollo allungato di Medullaoblongata sono incluse nel processo, la coscienza è spenta. Tutti i riflessi tendinei sono elevati, le pupille si dilatano, il tono degli occhi aumenta. Ma la pressione sanguigna inizia a diminuire, sebbene il polso sia accelerato.

Deep coma: collega le sezioni inferiori di Medullaoblongata. Primo, l'iperidrosi si accumula, poi si ferma. A causa della diminuzione del tono muscolare arriva l'areflessia completa. La pressione sanguigna cade, il ritmo cardiaco viene bruscamente disturbato, compare la respirazione patologica, che poi si interrompe - si verifica la morte.

Quindi, a cosa dovrebbe essere prestata attenzione immediatamente:

  • estremità fredde;
  • la loro improvvisa sudorazione;
  • debolezza e letargia, stati pre-inconsci;
  • la pelle del viso diventa pallida e appare il blanching del triangolo n / lip; intorpidimento in quest'area.

Dalla psiche:

  • i pazienti diventano aggressivi, i loro stati d'animo cambiano, sono intolleranti, il paziente non riesce a concentrarsi e non ricorda nulla;
  • l'intelligenza può declinare alla demenza;
  • la disabilità è persa.

Con uno stato prolungato di abbassamento della glicemia, appare anche mancanza di respiro, il battito del cuore è superiore a 100-150 battiti / min, appare la diplopia, le mani si scuotono per prime e poi tutto il corpo scuote. Quando i movimenti del paziente sono disturbati, questo indica l'inizio di un coma. Se il paziente ha il tempo di assumere farmaci contenenti zucchero in precedenza, lo shock insulinico con i suoi sintomi passa gradualmente.

Quando viene rilevata l'ipoglicemia, è necessario reintegrare urgentemente il suo contenuto al livello normale per la persona. In questi casi, i carboidrati semplici sono i migliori: il loro volume non deve essere inferiore a 10-15 g.

Questi tipi di zuccheri includono zucchero, succhi di frutta, miele, marmellata, compresse di glucosio. Le bibite gassate non si adattano, perché al posto degli zuccheri ci sono molti sostituti dello zucchero e sono inutili. Dopo 10 minuti, è necessario misurare la glicemia; Con la tecnologia moderna può essere fatto immediatamente. Se il tasso non è stato ancora raggiunto, ripetere l'assunzione di carboidrati. Se perdi conoscenza, devi chiamare immediatamente un'ambulanza.

Pronto soccorso per il diabete: i diabetici con l'esperienza indossano sempre qualcosa di dolce per questi momenti. Al primo segno di shock insulinico, viene presa dolcezza. Coloro che ricevono insulina per iniezione devono ricordare che l'insulina il più spesso può portare la sera e la notte.

Durante il sonno, nessuno può notarlo. Ma il segnale allarmante diventa un sonno di scarsa qualità: sarà inquietante, con frequenti risvegli e superficiale, con incubi.

Dopo un sogno lo stato di salute peggiora. Aumenta la glicemia - questa è glicemia reattiva. Durante il giorno, c'è una debolezza, nervosismo, apatia.

Insulin Shock - Primo soccorso

Il trattamento è un getto urgente di glucosio al 40% in un volume di 20-100 ml o iniezione dell'ormone glucagone. Molto spesso, l'introduzione può essere iniziata da parenti che conoscono la diagnosi, quando un poliziotto trova una carta in tasca che indica il diabete, una brigata psichiatrica, che è stata irragionevolmente chiamata al paziente.

Nei casi più gravi, l'adrenalina, SCS può essere iniettata sotto la pelle in / muscolare o in / venosa. L'insulina è completamente eliminata. Se non c'è consapevolezza, non c'è respiro e non pulsare, dovrebbero essere avviati un massaggio cardiaco indiretto e una respirazione artificiale.

Se la coscienza è presente, versa un po 'di zucchero nella bocca della persona o metti un pezzo di zucchero sulla sua guancia. In presenza di deglutizione salvata e incapacità di fare un'iniezione, somministrare al paziente un succo dolce (senza polpa) o sciroppo.

Se non c'è riflesso di deglutizione, puoi gocciolare il glucosio sotto la lingua. Se non c'era nulla di dolce a portata di mano, è necessario infliggere forti irritazioni al dolore: è difficile poggiare sulle guance o sul pizzico. Questo funziona se si mantiene la sensibilità al dolore - in caso di coma leggero.

Shock di insulina in psichiatria

Questo è uno dei trattamenti per la schizofrenia. Quando ciò accade, si verifica uno spostamento nel lavoro del sistema nervoso centrale, i processi di inibizione e di eccitazione, che migliorano il decorso della malattia e i sintomi acuti possono essere rimossi.

La remissione dura a lungo. Viene utilizzato solo in condizioni stazionarie, poiché richiede l'osservazione 24 ore su 24 del personale.

Con iniezioni giornaliere di insulina, il paziente viene portato in uno stato di coma, dal quale viene poi rimosso. La terapia insulinica raramente causa complicazioni. Il corso del trattamento è di solito almeno 25 com.

Complicazioni di coma

Il più pericoloso è il gonfiore del cervello. L'ipoglicemia frequente può causare demenza, ictus e infarto.

Criteri biochimici per le fasi: riduzione dello zucchero a:

  • 3,33-2,77 mmol / l - compaiono i primi sintomi;
  • 2,77-1,66 mmol / l - tutti i segni di ipoglicemia sono evidenti;
  • 1,38-1,65 mmol / l e inferiore - perdita di coscienza. La cosa principale è la velocità della glicemia.

Come misura preventiva, è necessario misurare il livello di glucosio nel sangue nei pazienti con diabete ogni 10 giorni.

Ciò è particolarmente importante se il paziente assume tali farmaci come: anticoagulanti, salicilati, tetraciclina, beta-bloccanti, farmaci anti-tubercolosi. Il fatto è che questi farmaci aumentano la produzione di insulina. Inoltre, con una tendenza all'ipoglicemia dovrebbe abbandonare sigarette e alcol.

Pronto soccorso per diabetici. Cosa fare con shock da insulina e coma diabetico

Il diabete non è ben noto - e quindi ha paura di esso. Ma gli esperti sono unanimi: infatti, i diabetici e le persone vicine a lui hanno bisogno.

Nelle persone con diabete, ci può essere un netto peggioramento della salute - a causa di una forte diminuzione o aumento dello zucchero.

Glicemia alta - iperglicemia: accompagnata da sete, debolezza, mal di testa.

Come aiutare? Con un aumento di zucchero, il paziente necessita di un'iniezione urgente di insulina, non è possibile somministrare più di 2 unità di insulina alla volta. Dopo 2-3 ore, vale la pena misurare lo zucchero, se non è cambiato o abbassato leggermente, allora puoi ancora pungere.

Basso livello di zucchero nel sangue - ipoglicemia: manifestata da tremore e tremore delle mani, vertigini, debolezza e talvolta perdita della vista.

Come aiutare? Per cominciare, dovresti misurare lo zucchero e, a seconda del livello, assumere carboidrati: 5-15 g. I carboidrati devono essere veloci: succo, zucchero, miele, glucosio in compresse o ampolle. Dopo 5-10 minuti, si dovrebbe misurare nuovamente lo zucchero, se non sale, quindi assumere nuovamente 10-15 g di carboidrati.

Se una persona ha perso conoscenza, chiama immediatamente un'ambulanza.

Shock e coma

Una persona con diabete può sperimentare shock insulinico e coma diabetico.

Lo shock insulinico (crisi zuccherina) si verifica quando c'è troppo zucchero o troppa insulina nel corpo del paziente. Questo può accadere se il paziente non ha mangiato per lungo tempo o ha subito un sovraccarico fisico.

Come riconoscere? I sintomi dello shock insulinico comprendono annebbiamento della coscienza e pugnacità, vertigini, sudorazione profusa, polso debole e debole, pelle sudata e fredda, convulsioni.

Cosa fare Al primo segno di shock insulinico, è meglio chiamare immediatamente un medico. Se hai il glucagone a tua disposizione e sai come usarlo, dai al paziente un'iniezione. In caso contrario, consegna al paziente caramelle, zucchero puro, miele o crema per dolci. Puoi dare al paziente un succo di frutta o acqua con zucchero diluito (tre cucchiai per bicchiere).

Attenzione: se una persona è incosciente, in nessun caso prova a dargli da mangiare o da bere!

Se non sai se una persona diabetica ha zucchero alto o basso, dagli comunque zucchero. Con lo shock insulinico, puoi salvare la vita di una persona. E se lo shock è causato da un alto livello di zucchero, allora il tuo aiuto non gli farà più male.

Coma diabetico si verifica quando c'è troppo zucchero (glucosio) nel corpo e non abbastanza insulina ormonale prodotta dal pancreas.

Come riconoscere? Il coma diabetico si verifica lentamente ea volte questa condizione viene presa per intossicazione, perché il paziente ha un disturbo di coscienza e disorientamento. Altri sintomi includono sonnolenza, sete intensa, mancanza di respiro, pelle calda e secca.

Cosa fare Con il coma diabetico, la cura dovrebbe essere data il più rapidamente possibile. Se malato:

- insensato, chiamare immediatamente un'ambulanza. Controllare l'impulso, le pupille, ascoltare il respiro: se l'impulso non è palpabile e il paziente non respira, procedere a un massaggio cardiaco indiretto. Se c'è un polso e il paziente respira, assicurati di aver accesso all'aria, mettilo sulla tua sinistra e guardalo.

- il paziente è cosciente, quindi dargli cibo o bevande contenenti zucchero. Se il paziente non si sente meglio dopo 15 minuti, chiamare un'ambulanza.

raccomandazioni

Per evitare il coma diabetico e altre complicanze del diabete, si assisterà solo all'abitudine di un monitoraggio estremamente attento della propria salute.

È necessario avvertire tutti i parenti e gli amici che avete il diabete.

Inoltre, si raccomanda di indossare anche gioielli speciali che indicano la tua malattia - così gli estranei scopriranno di avere il diabete e saranno in grado di fare qualcosa al momento giusto.

Vale anche la pena di avere una scorta di glucagone a casa e di educare i propri cari a preparare e iniettare glucagone, secondo il libro di medicina "Book of the Medic".

Quando esci di casa, porta sempre con te carboidrati ad alta velocità.

Se stai aiutando un paziente diabetico, non aver paura di dare troppo zucchero - i dottori lo aggiusteranno.

Scossa di insulina e coma nel diabete: che cos'è?

Il diabete mellito è una malattia molto grave associata a compromissione del funzionamento del sistema endocrino del corpo. Molto spesso, il deterioramento si verifica a causa di una forte diminuzione o aumento del livello di glucosio nel corpo.

L'insorgenza di problemi con i livelli di zucchero nel sangue nel tempo può innescare lo sviluppo di un intero complesso di malattie nel corpo.

Nel corpo del paziente ci sono problemi con la condizione del cuoio capelluto, compaiono ulcere a lunga guarigione, cancrena e in alcuni casi il cancro può svilupparsi.

Cos'è l'ipoglicemia?

Una condizione in cui il contenuto di glucosio nel sangue scende bruscamente è chiamata ipoglicemia. Ha le seguenti caratteristiche esterne:

  • tremore e tremore nelle mani;
  • il verificarsi di vertigini;
  • l'apparenza di un sentimento di debolezza generale;
  • in alcuni casi, si verifica una perdita della vista.

Quando compaiono i primi segni di uno stato critico del corpo, è necessario misurare urgentemente il livello di glucosio nel corpo del paziente. Se viene rilevato un contenuto ridotto, è urgente riempire la concentrazione di quest'ultimo al livello normale per una persona. A tale scopo, è necessario utilizzare carboidrati veloci. La quantità di carboidrati veloci presi dovrebbe essere di 10-15 g Questo tipo di zuccheri contiene:

Dopo aver assunto una porzione di carboidrati, è necessario ri-misurare il livello di glucosio nel corpo umano dopo 5-10 minuti. Se una persona ha un'ulteriore goccia di zucchero nel sangue o il suo aumento è insignificante, devono essere presi anche altri 10-15 g di glucosio.

Se il paziente sviene quando si verifica la condizione critica o le sue condizioni non migliorano, è necessario chiamare immediatamente un'ambulanza. È anche importante avere un'idea di ciò che costituisce un pronto soccorso per il diabete.

L'ipoglicemia è un sintomo cronico che provoca lo sviluppo di uno stato comatoso, se necessario le misure preventive non vengono prese tempestivamente.

Qual è lo shock ipoglicemico?

Lo shock ipoglicemico o insulinico si verifica quando c'è una forte diminuzione della quantità di zucchero nel corpo di un paziente con diabete mellito o la quantità di aumenti di insulina. Tale situazione si verifica se il paziente non ha consumato cibo per un lungo periodo o ha sperimentato un aumento dello sforzo fisico.

Molto spesso, lo stato di shock può essere previsto e prevenuto lo sviluppo di una crisi dello zucchero. Tuttavia, in alcuni casi, la durata della crisi può essere talmente breve da non essere notata al paziente.

In questo modo, il paziente perde improvvisamente coscienza e ha disturbi nel funzionamento dei sistemi corporei che sono controllati dal midollo allungato. Ciò è dovuto al fatto che la caduta del glucosio nel corpo avviene in breve tempo e porta a un significativo rallentamento nella ricezione di quest'ultimo nel cervello.

I precursori della crisi dello zucchero sono:

  1. Una diminuzione significativa della quantità di glucosio nelle cellule cerebrali, che porta alla comparsa di nevralgie e una varietà di disturbi comportamentali. In questo momento, il paziente ha convulsioni e può verificarsi una perdita di coscienza.
  2. Arriva l'eccitazione del sistema simpato-surrenale del paziente. Il paziente appare e aumenta la sensazione di paura e c'è un restringimento del lume dei vasi sanguigni, la frequenza cardiaca aumenta e la quantità di sudore aumenta.

Nell'implementazione della terapia con insulina ad azione prolungata, il paziente deve essere consapevole che la quantità di zucchero nel corpo cambia di più al mattino e alla sera. È durante questi periodi che il coma ipoglicemico si sviluppa più spesso.

Se una crisi di zucchero si sviluppa in un sogno, allora il paziente soffre di sogni agonizzanti, e il suo sonno è superficiale e allarmato. Se un bambino soffre di diabete, quando si verifica una crisi durante il sonno, il bambino inizia a gridare e piangere, e dopo essersi svegliato la sua mente è confusa, spesso non ricorda cosa è successo durante la notte.

Cause di insulina Shock

Lo sviluppo di shock insulinico si verifica più spesso nei pazienti con diabete mellito insulino-dipendente grave. I principali fattori in grado di provocare una situazione in cui una persona sviluppa uno stato di ipoglicemia e in futuro coma sono i seguenti:

  1. L'introduzione nel corpo del paziente di una dose di insulina calcolata erroneamente.
  2. Introducendo l'ormone per via intramuscolare, non sotto la pelle. Questa situazione si verifica quando si utilizza un ago lungo o quando il paziente tenta di accelerare l'azione di un farmaco medico.
  3. Rendering sul corpo di un alto sforzo fisico, senza mangiare cibi ricchi di carboidrati.
  4. Mancanza di assunzione di cibo dopo la procedura per la somministrazione di un preparato di insulina al corpo del paziente.
  5. Abuso di bevande alcoliche
  6. Esecuzione di manipolazioni di massaggio nel sito di iniezione.
  7. Il trimestre di gravidanza iniziale.
  8. Il paziente ha insufficienza renale.
  9. Lo sviluppo del fegato grasso.

La crisi dello zucchero si verifica più spesso nei pazienti con diabete che soffrono di patologie renali, intestinali, del fegato e del sistema endocrino.

Abbastanza spesso, l'ipoglicemia e il coma si verificano a seguito di un uso simultaneo nel trattamento di salicilati e farmaci appartenenti al gruppo sulfanilamide.

Principi del trattamento dell'ipoglicemia

Se si è verificato un coma ipoglicemico, il paziente deve essere trattato con la procedura di iniezione endovenosa di glucosio. A tale scopo, si applica una soluzione al 40% in un volume da 20 a 100 ml. La quantità di farmaco usato dipende da quanto velocemente il paziente riprende conoscenza.

Se il coma è osservato in forma grave, è necessario utilizzare il glucagone, che viene somministrato per via endovenosa, per rimuovere il paziente da questo stato. Nei casi più gravi, è possibile utilizzare glucocorticoidi che vengono somministrati per via intramuscolare. Inoltre, una soluzione allo 0,1% di epinefrina cloridrato viene utilizzata per portare il paziente alla coscienza e stabilizzare la sua condizione. Il farmaco viene utilizzato in un volume di 1 ml e viene somministrato al paziente per via sottocutanea.

Se il paziente ha un riflesso di deglutizione, al paziente deve essere somministrata una bevanda dolce o una soluzione di glucosio.

Se un paziente ha un coma, non vi è alcuna reazione delle pupille alla luce e al riflesso della deglutizione, il paziente deve rilasciare glucosio sotto la lingua con piccole gocce di volume. Il glucosio è la sostanza che viene facilmente assorbita dal corpo direttamente dalla bocca. È necessario gocciolare molto attentamente in modo che il paziente non soffochi. Per facilitare questa procedura, puoi usare gel speciali o miele.

Se una persona ha un coma ipoglicemico, è vietato iniettare preparazioni di insulina nel corpo, poiché possono solo aggravare le condizioni del paziente. L'introduzione di farmaci contenenti insulina porterà solo a una diminuzione delle probabilità di recupero del paziente e ad un esito fatale per il paziente.

Quando si usa la terapia insulinica per prevenire l'insorgenza dell'ipoglicemia, si devono usare siringhe speciali che hanno un blocco che impedisce l'introduzione di insulina nel corpo in quantità eccessive.

Il coma dell'insulina è un disturbo molto pericoloso che può essere fatale. Per questo motivo, è molto importante essere in grado di fornire un primo aiuto urgente a un paziente con diabete. È molto importante fornire il trattamento necessario dopo il primo soccorso in modo tempestivo per ripristinare il corpo dopo aver ricevuto uno shock. Il video in questo articolo aiuterà a riconoscere un coma diabetico.

Cos'è lo shock insulinico: una descrizione del coma insulinico

Lo shock insulinico è uno stato di ipoglicemia, in cui il livello di glucosio nel sangue diminuisce e si verifica un aumento nell'insulina-ormone prodotta dal pancreas. Questa patologia si sviluppa solo con una malattia come il diabete.

Se il corpo è sano, il glucosio e l'insulina sono in equilibrio, tuttavia, il diabete mellito causa un disturbo dei processi metabolici nel corpo. Se il diabete non viene trattato, può verificarsi uno shock insulinico, chiamato anche coma ipoglicemico o crisi zuccherina.

La condizione è caratterizzata da manifestazione acuta. Fondamentalmente, lo shock può essere previsto, ma a volte la sua durata è così piccola che scorre inosservata dal paziente. Di conseguenza, il paziente può improvvisamente perdere conoscenza, e talvolta ci sono disfunzioni del corpo, regolate dal midollo.

Lo sviluppo del coma ipoglicemico si verifica in un breve periodo, quando la quantità di zucchero nel sangue diminuisce bruscamente e il flusso di glucosio al cervello rallenta.

Messaggeri della crisi dello zucchero:

  • Ridurre la quantità di glucosio nel cervello. Ci sono nevralgie, vari disturbi comportamentali, convulsioni, perdita di coscienza. Di conseguenza, il paziente può perdere conoscenza e arriva il coma.
  • Il sistema simpato-adrenalinico del paziente è eccitato. C'è un aumento di paura e ansia, c'è una contrazione dei vasi sanguigni, aumento del battito cardiaco, c'è una violazione del sistema nervoso, la regolazione del lavoro degli organi interni, i riflessi polimorfici, aumento della sudorazione.

Segni di

La crisi dello zucchero si verifica inaspettatamente, ma ha le sue reazioni sintomatiche preliminari. Con una leggera diminuzione della quantità di zucchero nel sangue, il paziente avverte mal di testa, malnutrizione, febbre.

Allo stesso tempo c'è uno stato debole generale del corpo. Inoltre, il cuore batte più velocemente, aumenta la sudorazione, le mani e tutto il corpo trema.

Non è difficile far fronte a questa condizione consumando carboidrati. Quelle persone che conoscono la loro malattia portano qualcosa di dolce con loro (zucchero, caramelle, ecc.). Al primo segno di shock insulinico, si dovrebbe prendere qualcosa di dolce per normalizzare la quantità di zucchero nel sangue.

Con la terapia insulinica a lunga durata d'azione, il livello di zucchero nel sangue è più ridotto di sera e di notte. Durante questo periodo può verificarsi coma ipoglicemico. Se una tale condizione si verifica in un paziente durante il sonno, allora può essere trascurata per un periodo piuttosto lungo.

Allo stesso tempo, il paziente ha un sonno cattivo, superficiale e disturbato e spesso la persona soffre di visioni agonizzanti. Se la malattia si osserva in un bambino, spesso urla e piange di notte, e dopo aver svegliato il bambino non ricorda cosa fosse prima dell'attacco, la sua mente è confusa.

Dopo il sonno, i pazienti sperimentano un deterioramento della salute generale. In questo momento, il livello di zucchero nel sangue aumenta in modo significativo, questa condizione è chiamata glicemia reattiva. Durante il giorno dopo la crisi dello zucchero sofferta di notte, il paziente è irritabile, nervoso, capriccioso, c'è uno stato di apatia, una significativa debolezza è avvertita nel corpo.

Durante lo shock insulinico, il paziente presenta le seguenti manifestazioni cliniche:

  1. la pelle diventa pallida in apparenza e umida;
  2. aumento della frequenza cardiaca;
  3. aumenta il tono muscolare

Allo stesso tempo, il turgore dell'occhio non cambia, la lingua rimane umida, la respirazione ininterrotta, tuttavia, se il paziente non viene fornito con assistenza specializzata nel tempo, quindi con il tempo la respirazione diventa superficiale.

Se il paziente è in shock insulinico per un lungo periodo, vi è uno stato di ipotensione, i muscoli perdono il tono, si manifesta una manifestazione di bradicardia e si verifica una diminuzione della temperatura corporea al di sotto dello stato normale.

Inoltre, c'è una perdita indebolente o completa dei riflessi. In un paziente, gli alunni non percepiscono i cambiamenti nella luce.

Se il paziente non viene diagnosticato tempestivamente e non viene fornita l'assistenza terapeutica necessaria, le condizioni del paziente possono cambiare notevolmente in peggio.

Possono esserci contrazioni, comincia a sentirsi male, c'è un trisma, vomito, il paziente entra in uno stato di ansia e dopo un po 'perde conoscenza. Tuttavia, questi non sono gli unici sintomi del coma diabetico.

Nell'analisi di laboratorio non viene rilevato lo zucchero nell'urina e la reazione dell'urina all'acetone, allo stesso tempo, può mostrare sia un risultato positivo che uno negativo. Dipende dalla misura in cui il metabolismo dei carboidrati viene compensato.

I sintomi di una crisi zuccherina possono essere osservati in quelle persone che sono state a lungo ammalate di diabete, mentre il livello di zucchero nel sangue può essere normale o elevato. Ciò dovrebbe essere spiegato da salti acuti nelle caratteristiche della glicemia, ad esempio da 7 mmol / la 18 mmol / lo viceversa.

prerequisiti

Coma ipoglicemico si verifica spesso in pazienti con grave dipendenza da insulina nel diabete mellito.

Le seguenti circostanze possono causare una tale condizione:

  1. Al paziente è stata somministrata la quantità sbagliata di insulina.
  2. L'ormone insulina non è stato iniettato sotto la pelle, ma per via intramuscolare. Questo può accadere se una siringa con un ago lungo o il paziente desidera accelerare l'effetto del medicinale.
  3. Il paziente ha sperimentato un intenso sforzo fisico e quindi non ha mangiato alimenti arricchiti con carboidrati.
  4. Quando il paziente non ha preso il cibo dopo l'introduzione dell'ormone.
  5. Il paziente ha consumato alcol.
  6. È stato effettuato un massaggio della parte del corpo in cui è stata iniettata l'insulina.
  7. Gravidanza nei primi tre mesi.
  8. Il paziente soffre di insufficienza renale.
  9. Il paziente ha una manifestazione di fegato grasso.

Crisi dello zucchero e coma si sviluppa spesso nei pazienti in cui il diabete mellito si verifica con malattie concomitanti del fegato, intestino, reni e il sistema endocrino.

Spesso, insulina shock e coma si verificano dopo che il paziente ha assunto salicilati o mentre assumeva questi agenti e sulfonamidi.

terapia

Sugar Crisis Therapy inizia con un'iniezione endovenosa di glucosio. Applicare 20-100 ml. Soluzione del 40%. La dose viene determinata in base alla rapidità con cui le condizioni del paziente migliorano.

In casi gravi, possono essere utilizzati glucagone per via endovenosa o iniezioni intramuscolari di glucocorticoidi. Inoltre, può essere utilizzata la somministrazione sottocutanea di 1 ml. Soluzione allo 0,1% di epinefrina cloridrato.

Se la capacità di deglutizione non è stata persa, al paziente può essere somministrato glucosio, o dovrebbe mangiare una bevanda dolce.

Se il paziente è incosciente, non viene osservata alcuna reazione della pupilla all'effetto della luce, non c'è riflesso di deglutizione, il paziente ha bisogno di glicemia per gocciolare sotto la lingua. E durante uno stato di incoscienza, il glucosio può essere assorbito dalla bocca.

Questo dovrebbe essere fatto con attenzione, in modo che il paziente non soffochi. Prodotto farmaci simili sotto forma di un gel. Puoi applicare e tesoro.

L'introduzione di insulina in uno stato di crisi dello zucchero è proibita, poiché questo ormone provoca solo un deterioramento e riduce significativamente la possibilità di recupero. L'uso di questo strumento in una situazione come il coma può portare alla morte.

Al fine di evitare l'introduzione tardiva dell'ormone, i singoli produttori forniscono alla siringa un sistema di blocco automatico.

Primo soccorso

Per un corretto primo soccorso, si dovrebbero comprendere le manifestazioni sintomatiche che il coma ipoglicemico dimostra. Quando si stabiliscono i segni esatti, è necessario fornire urgentemente il primo soccorso al paziente.

Fasi di cure di emergenza:

  • chiamare un'ambulanza;
  • prima dell'arrivo della squadra medica dovrebbe mettere una persona in una posizione comoda;
  • devi dargli qualcosa di dolce: zucchero, caramelle, tè o miele, marmellata o gelato.
  • se il paziente è svenuto, devi mettere un pezzo di zucchero sulla sua guancia. In uno stato di zucchero coma diabetico non fa male.

In queste circostanze sarà necessaria una visita urgente alla clinica:

  1. con ripetute iniezioni di glucosio, il paziente non riprende conoscenza, la quantità di zucchero nel sangue non aumenta, lo shock insulinico continua;
  2. le crisi zuccherine si ripetono spesso;
  3. se riesci a far fronte allo shock insulinico, ma ci sono deviazioni nel lavoro del cuore, dei vasi sanguigni, del sistema nervoso, dei disturbi cerebrali, che prima non c'erano.

Un coma ipoglicemico o una condizione ipoglicemica è un disturbo abbastanza significativo che può richiedere la vita di un paziente. Pertanto, il pronto soccorso tempestivo e un corso di terapia efficace sono particolarmente importanti.

Registra dal medico: +7 (499) 519-32-84

Il coma ipoglicemico è una condizione patologica del sistema nervoso causata da una grave carenza di glucosio nel sangue. Le cellule cerebrali, le fibre muscolari non ricevono un'alimentazione adeguata e, di conseguenza, le funzioni vitali del corpo sono inibite. Il pericolo della malattia è che la perdita di coscienza si verifica immediatamente, e se non è tempestivo fornire assistenza medica, una persona può morire.

Sintomi e segni

L'ipoglicemia è un sintomo cronico che prima o poi porterà al coma, se non agisci. Il quadro clinico della malattia è solitamente sfocato, poiché pochi pazienti prestano attenzione ai sintomi iniziali.

Il processo di comparsa dell'ipoglicemia è il seguente:

  • abbassa la glicemia e la fame del cervello;
  • le cellule iniziano a sintetizzare energia da sostanze di riserva che non sono destinate a questo;
  • c'è una debolezza e mal di testa che non può essere alleviata con antidolorifici.

Dopo una significativa diminuzione del glucosio, il corpo inizia a dare segnali più seri. I principali sintomi dell'ipoglicemia sono:

  • mani e piedi freddi;
  • palme e piedi di sudore;
  • violazione della termoregolazione;
  • stati pre-inconsci;
  • pallore, intorpidimento del triangolo naso-labiale.

Insieme con i sintomi fisiologici, si verificano psiconeurotic. I pazienti sono aggressivi, intolleranti, si notano oscillazioni dell'umore, la sfera intellettuale è disturbata, la memoria si deteriora e la capacità di lavoro si riduce notevolmente.

Con una diminuzione più lunga del livello di glucosio, si osserva una mancanza di respiro anche con sforzi leggeri, diminuisce l'acuità visiva, appare il tremore della mano e poi il resto dei muscoli del corpo. Nelle fasi successive, c'è una forte sensazione di fame, doppia visione, una violazione delle funzioni motorie. Queste condizioni possono essere considerate l'inizio di un coma ipoglicemico.

Se il paziente è in ospedale. Poi dovrebbe informare le infermiere e passare un esame del sangue per lo zucchero e l'urina per l'acetone. Oggi esistono metodi per la diagnosi immediata dei livelli di zucchero. Pertanto, nel rilevamento dell'ipoglicemia, i medici iniziano immediatamente il trattamento con farmaci per uniformare il livello di zucchero.

Un sintomo frequente di riduzione dello zucchero è la comparsa di battiti cardiaci superiori a 100-150 battiti al minuto. La tachicardia "si calma" dopo aver assunto droghe contenenti zucchero, tè dolce o caramelle. Anche altri sintomi di coma scompaiono.

motivi

L'ipoglicemia non è sempre una conseguenza del diabete mellito e si sviluppa per uno dei seguenti motivi:

  • un paziente con diabete non è addestrato a fermare l'ipoglicemia in una fase precoce in modo tempestivo;
  • il paziente consuma troppo alcol;
  • con l'introduzione della dose sbagliata di insulina: dose in eccesso,

non coerente con l'assunzione di carboidrati e l'attività fisica, può portare a un forte calo di zucchero nel sangue.

Accade spesso che la dose di insulina sia calcolata in modo errato. Ci sono diverse situazioni in cui la dose di insulina è aumentata:

  • errore nel dosaggio: invece di 40 U / ml, viene iniettato 100 U / ml, che è 2,5 volte più del necessario;
  • l'insulina viene somministrata per via intramuscolare, sebbene secondo le regole mediche venga somministrata solo per via sottocutanea. In questo caso, la sua azione è notevolmente accelerata;
  • dopo l'introduzione di insulina, il paziente dimentica di mangiare cibi a base di carboidrati;
  • il paziente non controlla il livello di attività fisica e rende le lezioni nella sua routine quotidiana, non concordate con il medico e senza ulteriori misurazioni del livello di glucosio;
  • un paziente ha una malattia del fegato, ad esempio, degenerazione grassa o insufficienza renale cronica, che rallenta l'astinenza da insulina.

palcoscenico

Il quadro clinico dell'ipoglicemia è caratterizzato da una brusca violazione delle principali funzioni del sistema nervoso centrale e autonomo. Il coma si sviluppa nelle seguenti fasi, che possono verificarsi in pochi minuti:

  • stadio corticale c'è una forte sensazione di fame, irritabilità, pianto;
  • il funzionamento delle strutture sottocorticali con la regione dell'ipotalamo viene interrotto. Vi sono pronunciate manifestazioni vegetative: violazione della termoregolazione, sudorazione, tremori, mal di testa e dolori muscolari, arrossamento o sbiancamento del viso, ma la coscienza non è disturbata;
  • il funzionamento delle strutture sottocorticali è disturbato, sorge un disturbo della coscienza. Ci possono essere delusioni, allucinazioni. I pazienti hanno uno scarso controllo su se stessi;
  • il midollo allungato è affetto, si manifesta la sindrome convulsiva e il paziente perde conoscenza;
  • colpisce le parti inferiori del midollo allungato, vi è un coma profondo con ipotensione, tachicardia, arresto respiratorio e cardiaco. In assenza di terapia urgente, si verifica la morte.

Pertanto, un attacco può avvenire contemporaneamente, pertanto i pazienti affetti da diabete devono controllare rigorosamente il livello di zucchero nel sangue e adottare misure urgenti quando vi è un accenno di ipoglicemia.

Cosa succede durante il coma ipoglicemico

La base della patogenesi della malattia è la cessazione dell'escrezione di glucosio da parte delle cellule del sistema nervoso centrale. Glucosio libero: il principale materiale energetico per il funzionamento delle cellule cerebrali. Con la mancanza di glucosio, c'è l'ipossia del cervello con una successiva violazione del metabolismo dei carboidrati e delle proteine.

Diverse parti del cervello sono interessate in modo sequenziale e i sintomi del coma sono in costante aumento, il che provoca un cambiamento nel quadro clinico originale in uno più grave e potenzialmente letale.

A causa della mancanza di glucosio, il cervello smette di essere rifornito di ossigeno, nonostante abbia 30 volte più bisogno di ossigeno rispetto ai muscoli. Ecco perché i principali sintomi del coma sono simili alla fame di ossigeno.

L'ipoglicemia spesso non significa un basso livello di glucosio nel siero. Accade che il sangue contenga abbastanza zuccheri, ma il processo di glucosio nelle cellule viene soppresso.

Negli stadi finali dell'ipoglicemia, si verificano convulsioni toniche e cloniche, ipercinesia, depressione dei riflessi, ansocoria, nistagmo. La tachicardia e altri sintomi autonomici caratteristici si verificano a causa di un aumento del sangue di adrenalina e noradrenalina.

Naturalmente, il corpo stesso inizia a combattere l'ipoglicemia. L'autoregolazione viene effettuata sul conto dell'ormone pancreatico - glucagone. Se il lavoro del pancreas o del fegato è compromesso, allora il coma si verifica più velocemente.

La compromissione funzionale è reversibile, è sufficiente solo per normalizzare il livello di glucosio nel sangue. Ma con l'ipoglicemia cronica e in assenza di assistenza tempestiva, le lesioni organiche si presentano sotto forma di necrosi o edema di varie regioni del cervello.

Poiché le cellule del sistema nervoso hanno una diversa sensibilità al deficit di glucosio, gli stati ipoglicemici si verificano a diversi livelli di glucosio: sotto 2-4 mmol / lo inferiore.

Se lo zucchero è alto (più di 20), l'ipoglicemia può essere diagnosticata a un livello di glucosio di 6-8 mmol / l. Ciò può causare difficoltà nella diagnosi, poiché un livello fino a 7 mmol / l è la norma per una persona sana.

Diagnostica e diagnostica differenziale

La diagnostica inizia con la raccolta dell'anamnesi: precedente diabete mellito, malattie del pancreas e così via. Considera il quadro clinico: la sensazione di fame, sovraeccitazione e altri sintomi autonomici.

Se sono disponibili dati pertinenti, vengono prescritte prove di laboratorio, inclusa la determinazione della glicemia. Il livello di zucchero, di regola, è nettamente abbassato, ma può essere compreso nell'intervallo normale se i suoi valori iniziali erano più di 20.

Se il paziente è incosciente, la diagnosi è complicata. Il medico esamina la presenza di segni esterni - pelle secca, pallore o arrossamento del viso, sudorazione dei piedi e dei palmi, nota la reazione delle pupille, la presenza di convulsioni e la depressione delle funzioni autonomiche del sistema nervoso.

Inoltre, uno specialista dovrebbe condurre una diagnosi differenziale, poiché il coma ipoglicemico ha metodi di trattamento leggermente diversi rispetto ai vari tipi di coma diabetico o shock insulinico.

Per determinare il tipo di coma, il medico esegue un test diagnostico: 40-60 ml di soluzione di glucosio al 40% viene iniettato in una vena. Se il coma è sufficientemente leggero, allora sarà sufficiente rimuovere una persona da tale stato e eliminare i sintomi dell'ipoglicemia. Per il coma profondo sarà necessario il glucosio per via endovenosa.

L'ipoglicemia viene diagnosticata al momento dell'occorrenza, poiché di solito si verifica al mattino dopo l'attività fisica, saltando i pasti o sotto eccessivo stress psicologico e fisico.

Per iniziare la triade di Whipple caratteristica di attacco:

  • un attacco si verifica spontaneamente a stomaco vuoto, dopo un pesante lavoro muscolare, o 5 ore dopo aver mangiato;
  • il glucosio scende a un livello inferiore a 2,8 mmol / l (50 mg%) secondo Hagedorn - Jensen e 1,7-1,9 mmol / l (30-35 mg%) secondo Somoji - Nelson; 3
  • il sequestro viene fermato dall'introduzione di glucosio.

Questa ipoglicemia si chiama organica e, di norma, è il tipo più lieve di malattia. Quando i sintomi funzionali dell'ipoglicemia (secondaria) sono associati a una diminuzione significativa dello zucchero nelle prime 3 ore dopo un pasto o nel range fino a 5 ore (ipoglicemia in stadio avanzato).

L'ipoglicemia funzionale è più pronunciata, poiché è causata da

stimolazione del sistema simpatico-adrenalinico e insorgenza di sintomi autonomi: sensazione di fame, sovreccitazione, sudorazione eccessiva, tachicardia, svenimento.

Alcuni test diagnostici sono usati per differenziare le diagnosi.

Campione n. 1. Per determinare la forma dell'ipoglicemia, determinare la quantità di zucchero nel sangue più volte di seguito: a stomaco vuoto e durante il giorno. Costruire un profilo glicemico in una dieta sicura.

Campione numero 2. Con la tolbutamide (rastinon), la leucina e la dieta proteica. Allo stesso tempo determinare il contenuto di zucchero nel sangue a stomaco vuoto: con ipoglicemia funzionale - non inferiore a 3,3 mmol / l, e con ipoglicemia organica - inferiore a 2,8 mmol / l. Il campione si svolge con cambiamenti pronunciati nel sangue. Succede che dia risultati falsi (approssimativamente nel 20% dei casi).

Campione numero 3. Campione veloce con diagnosi differenziale con shock insulinico. Viene eseguito in pazienti con iperfunzione del pancreas a rallentare il flusso di carboidrati dal cibo. Al paziente è permesso di bere acqua e tè non zuccherato. Il livello di zucchero è determinato 2 ore dopo il pasto finale, quindi ogni ora. Con un aumento dei sintomi dell'ipoglicemia - una volta ogni 30 minuti. Se c'è coma entro 24-72 ore, questo indica la presenza di insulinoma.

Nell'eseguire questo campione si possono ottenere informazioni inaccurate. Pertanto, durante il digiuno, è necessario non basarsi più sulle condizioni soggettive del paziente, ma sulla glicemia inferiore a 2,8 mmol / l.

Il test di dieta proteica è il più informativo e più semplice da eseguire. Nominato, di regola, per 3-7 giorni. In questi giorni, la razione consiste di 200 g di carne, fiocchi di latte, 250 ml di latte, 30 g di olio e 500 g di verdure (legumi e patate sono esclusi). Il livello di glucosio è determinato mensilmente, entro 3 giorni a stomaco vuoto.

La mancanza di normalizzazione del metabolismo dei carboidrati dopo una settimana indica la presenza di shock insulinico.

I campioni sono abbastanza istruttivi, anche se non senza difetti. È particolarmente difficile individuare l'ipoglicemia in pazienti con insufficienza renale, cardiaca ed epatica. L'ipoglicemia che si è manifestata nella sindrome di Simmonds e Skien, l'ipotiroidismo e la malattia di Addison richiede una diagnosi differenziale dal coma pituitario e ipotiroideo e dalla crisi di Addisonic.

Pronto soccorso per il coma ipoglicemico

Raramente, chi può prevedere il verificarsi di coma ipoglicemico, e in effetti è una cura di emergenza che consente al paziente di tornare alla coscienza e salvare la sua vita. Prima di tutto, è necessario dare al paziente qualcosa di dolce: tè, zucchero, ecc. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente che il paziente apra gli occhi. Dopo aver riportato in vita il paziente, devi portarlo all'ospedale più vicino e informare i suoi parenti.

Se non c'è un dolce a portata di mano, allora puoi riprendere conoscenza attivando il rilascio di catecolamine nel sangue. Per fare questo, applicare una forte irritazione del dolore, ad esempio, pizzicando la pelle, soffia sulle guance.

Questo metodo è buono per gli stati leggeri di coma quando viene preservata una risposta aspecifica alle forti irritazioni del dolore. Nelle forme gravi, solo un medico può rimuovere un paziente da un coma, ma la somministrazione di glucosio può preservare le funzioni del sistema nervoso e prevenire gravi danni cerebrali.

Trattamento e prognosi

Il trattamento della malattia consiste principalmente in una diagnosi tempestiva competente. Se un paziente misura gli zuccheri nel sangue in modo tempestivo, l'ipoglicemia non lo minaccia.

Nelle forme più lievi, senza perdita di conoscenza, è sufficiente che il paziente mangi 100 grammi di carboidrati lenti (pane, cereali) e beva una soluzione di zucchero (1 tabella è falsa per bicchiere d'acqua). Carboidrati veloci abbastanza rapidamente per aumentare il livello di glucosio nel sangue e riportare il paziente ai suoi sensi.

Per aumentare rapidamente il livello, puoi applicare marmellata, miele, caramelle. In caso di un attacco prolungato, è necessario assumere zucchero a intervalli di 10-15 minuti. Vale anche la pena misurare il livello di zucchero 1 volta in mezz'ora.

Nell'ipoglicemia grave, è indicato il trattamento ospedaliero. L'aiuto consiste in una iniezione di getto fino a 100 ml di soluzione di glucosio al 40%.

Non appena il livello di zucchero nel sangue raggiunge la norma, i sintomi della malattia scompaiono senza lasciare traccia. In assenza di un effetto, la somministrazione viene ripetuta. Se la coscienza non viene ripristinata, quindi ripetere la somministrazione endovenosa in modo flebo.

Vale la pena notare che nel coma più lieve sono caratteristici solo i disturbi funzionali del sistema nervoso e nelle lesioni gravi possono essere organici e causare ictus, arresto cardiaco, respirazione, ecc.

Nei casi più gravi, la terapia deve iniziare immediatamente con un'iniezione sottocutanea di 0,5-1 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1%, insieme a idrossilato o glucagone.

Se la coscienza non ritorna, allora viene diagnosticata la condizione ipoglicemica e continuano a ricevere il glucagone per via intramuscolare ogni 4 ore, 4 volte al giorno, il glucocorticoide viene gocciolato. È possibile utilizzare prednisone o altri ormoni di questo gruppo.

Per evitare l'intossicazione da acqua, viene iniettata una soluzione di glucosio nel cloruro di sodio isotonico. Se il coma viene stretto, viene iniettato mannitolo.
Il trattamento non di emergenza consiste nel migliorare il metabolismo del glucosio e iniettare 100 mg di cocarboxylase e 5 ml di una soluzione di acido ascorbico al 5% per via intramuscolare. Viene somministrato ossigeno idratato e terapia di mantenimento per il cuore e i vasi sanguigni.

Il successo del trattamento e la qualità della vita futura del paziente dipendono dalla tempestività della terapia. Il risultato è favorevole se il coma è rapido, ma la morte è possibile se non trattata. Un coma prolungato porta a cambiamenti irreversibili nel sistema nervoso centrale, che possono manifestarsi come paresi, ictus, edema cerebrale, emiplegia, infarto miocardico.

prevenzione

Nonostante il fatto che l'ipoglicemia sia piuttosto facilmente interrotta, è meglio evitare che si verifichi. La prevenzione consiste nell'osservare il corretto regime del giorno, abbandonando le cattive abitudini, controllando i livelli di zucchero nel sangue. Assicurati di impostare una dieta con una restrizione di carboidrati, in particolare zucchero.

Il paziente deve assumere farmaci per ridurre il livello di zucchero e monitorare costantemente il livello di glucosio nel sangue. Il paziente deve essere chiaro sui sintomi dell'ipoglicemia e portare carboidrati facilmente digeribili.

Se il paziente è incline all'ipoglicemia, è consentito un moderato eccesso del livello usuale di zucchero fino a 9-10 mmol / l. Questo eccesso è consentito nei pazienti con insufficienza coronarica e circolazione cerebrale.
Il valore di zucchero del cibo dovrebbe avere il 50% di proteine, grassi, carboidrati complessi. Richiede un rigoroso controllo del sangue: almeno 1 volta in 10 giorni.

È necessario monitorare da vicino il livello di zucchero, se il paziente è costretto a prendere i seguenti farmaci:

  • anticoagulanti;
  • beta-bloccanti;
  • salicilati;
  • tetraciclina;
  • farmaci anti-tubercolosi.

Questi farmaci stimolano la secrezione di insulina e possono avere un effetto ipoglicemico.
Per la prevenzione dell'ipoglicemia neurogena, è necessario prescrivere una dieta proteica e sostituire i monosaccaridi con carboidrati complessi. I pasti devono essere eseguiti in piccole porzioni fino a 8 volte al giorno, dopo un certo periodo di tempo. Assicurati di escludere zucchero, tè forte, caffè e spezie piccanti. L'alcol e il fumo sono controindicati nell'ipoglicemia.

Se l'ipoglicemia non è associata ad una mancanza di lavoro del pancreas, sono indicati pasti frequenti ricchi di carboidrati al momento dei principi ipoglicemici.

Di particolare importanza è la prevenzione dell'ipoglicemia nei neonati le cui madri hanno il diabete. Per fare questo, nella vena ombelicale, nei primi 15 minuti di vita, la soluzione di glucosio iniettata. Dopo i primi due giorni, quando il corpo del bambino si adatta alle nuove condizioni di vita, il rischio di ipoglicemia nei neonati diminuisce drasticamente.
Pertanto, il coma ipoglicemico è una complicanza piuttosto grave del diabete e di alcune altre malattie metaboliche. Le forme lievi di attacchi vengono rimosse dalla semplice introduzione del glucosio e quelle gravi richiedono un trattamento serio ea lungo termine. La prevenzione dovrebbe essere diretta al controllo e al trattamento della malattia di base.

Un unico centro di appuntamento per un medico per telefono +7 (499) 519-32-84.

Altri Articoli Sul Diabete

Il diabete mellito è una malattia di tutte le età. Questa malattia può essere trovata sia in una persona anziana che in un bambino. Il diabete è incurabile al 100%, ma può essere controllato.

Una dieta moderata con alto livello di zucchero nel sangue è un prerequisito per la normalizzazione dello stato del corpo. Se il paziente non vuole prendere medicine in futuro, dovrà mangiare bene ed esercitare regolarmente.

Alcuni endocrinologi nella loro selezione di un dolcificante si raccomandano di prestare attenzione al dolcificante Fitpard 7. Il produttore lo posiziona come un rimedio assolutamente naturale composto da ingredienti naturali.