loader

Esercizio terapeutico nel diabete

La terapia fisica (ginnastica) per il diabete mellito, in combinazione con altri elementi essenziali del trattamento (terapia insulinica, farmaci, dieta e autocontrollo), svolge un ruolo cruciale nel compensare la malattia e ha un effetto benefico sul paziente, aiutando a mantenere una buona salute ed efficienza.

Il ruolo della fisioterapia nel diabete mellito ^

L'allenamento fisico terapeutico nel diabete mellito (DM) è progettato per:

  • Intensificare e normalizzare il metabolismo ridotto di carboidrati, grassi e proteine ​​per prevenire il verificarsi di complicanze potenzialmente letali del diabete mellito come shock ipoglicemico e coma diabetico,
  • Fermare lo sviluppo di malattie concomitanti (ipertensione, aterosclerosi, lesioni cutanee pustolose, malattie renali, cancrena degli arti inferiori, infezioni, ecc.).

A causa della violazione del metabolismo delle proteine ​​e dei grassi, le sostanze tossiche si accumulano nel corpo e sono avvelenate da prodotti di combustione incompleta dei grassi. Inoltre, la violazione del metabolismo dei grassi porta al fatto che il sangue è pieno di grassi, aumenta il livello di colesterolo cattivo, a seguito del quale aumenta il rischio di sviluppare aterosclerosi e altre malattie cardiovascolari.

  • L'esercizio terapeutico è indicato non solo per tutti i tipi di diabete mellito (eccetto per i pazienti che sono impoveriti a causa di diabete non trattato o mal trattato), ma anche per lo stato pre-diabete.
  • La ricerca moderna dimostra che se si segue rigorosamente la dieta prescritta, la terapia fisica e si rinuncia alle cattive abitudini (eccesso di cibo, fumo e alcol), si può evitare la transizione al diabete prediabete.

Secondo i dati attualmente disponibili, l'eccesso di cibo contribuisce più spesso allo sviluppo e allo sviluppo del diabete mellito. Ecco perché le persone che sono inclini alla pienezza e che hanno disturbi metabolici dovrebbero capire che non appena il metabolismo dei carboidrati è coinvolto in un processo metabolico doloroso, il diabete mellito si svilupperà inevitabilmente.

A questo proposito, le persone in sovrappeso a rischio di diabete dovrebbero essere periodicamente esaminate per verificare la presenza di zucchero nel sangue e nelle urine al fine di individuare i primi sintomi della malattia e iniziare il trattamento nel tempo.

Oltre al sovrappeso, dovresti prestare attenzione ai seguenti sintomi frequenti del diabete mellito:

  • Guarigione delle ferite prolungata
  • Foruncolosi non trattabile,
  • prurito,
  • Gengive sanguinanti
  • Allentamento dei denti
  • Debolezza sessuale

Caratteristiche della terapia fisica ^

Gli obiettivi principali della terapia di esercizio nel diabete mellito:

  • Migliorare il sistema cardiovascolare e respiratorio;
  • Aumentare le prestazioni del paziente;
  • Riduzione dell'iperglicemia nel diabete insulino-indipendente (diabete di tipo 2) e aumento dell'attività insulinica nei pazienti insulino-dipendenti (diabete di tipo 1);
  • Contrastare lo sviluppo di micro e macroangiopatia.

Nel diabete, oltre alla carenza di insulina, i processi ossidativi nei muscoli sono disturbati, motivo per cui non possono utilizzare il glucosio. Durante l'attività fisica, l'attività ossidativa degli enzimi aumenta in modo significativo, le riserve alcaline nel sangue aumentano, aumentando così l'assorbimento e l'assunzione di zucchero, l'iperglicemia diminuisce e aumenta la tolleranza del corpo ai carboidrati.

Inoltre, gli esercizi fisici in combinazione con la terapia insulinica aumentano l'effetto terapeutico dell'insulina, rafforzano i sistemi nervoso e cardiovascolare del paziente, aumentano la resistenza del corpo e prevengono lo sviluppo di aterosclerosi.

Una caratteristica distintiva della terapia di esercizio nel diabete è che gli esercizi raccomandati dovrebbero essere eseguiti ad un ritmo moderato (lento), così come con lo sforzo muscolare. Allo stesso tempo, non si verificano processi anaerobici, ma ossidativi nel corpo, che contribuiscono ad un aumento del consumo di glucosio da parte dei muscoli.

  • Si consiglia di iniziare la ginnastica terapeutica con esercizi elementari per i muscoli delle gambe, delle braccia e del corpo senza oneri, combinandosi con esercizi di respirazione.
  • In futuro, puoi includere esercizi per caricare e resistere con l'aiuto di manubri o expander.
  • Oltre alla terapia fisica, sono utili la somministrazione di deambulazione, il canottaggio, il ciclismo, il nuoto, lo sci, il giardinaggio, il lavoro fisico leggero.

Quando fai fisioterapia, devi monitorare attentamente il tuo benessere:

  • Se dopo le lezioni c'è una sensazione di debolezza o affaticamento, il carico deve essere ridotto.
  • Se durante l'allenamento le tue mani cominciavano a tremare, c'era una sensazione di fame e forte debolezza, devi mangiare 1-2 pezzi di zucchero e smettere immediatamente di fare esercizio.
  • È possibile riprendere l'allenamento solo il giorno successivo alla scomparsa dei sintomi dell'ipoglicemia, riducendo al contempo il dosaggio.
  • I pazienti con diabete mellito che si trovano in terapia insulinica, in giorni di attività fisica prolungata e intensa, sono raccomandati per ridurre la dose di insulina (previa consultazione con il medico curante).

L'esercizio deve essere condotto in una stanza ben ventilata o all'aperto, la respirazione deve essere libera e ritmata attraverso il naso e l'espirazione nel tempo è più lunga dell'inalazione. L'esercizio deve essere alternato per diversi gruppi muscolari ed eseguire con una grande ampiezza nelle articolazioni.

  • Ripetere ogni esercizio dovrebbe essere 5-6 volte, in futuro, per quanto riguarda la forma fisica, è possibile aumentare il carico riducendo le pause, aumentando il ritmo e il numero di ripetizioni.
  • L'età non è un ostacolo alla terapia fisica, il controllo è solo il benessere del paziente e i cambiamenti nell'iperglicemia e nel peso.

Poiché il livello di zucchero nel sangue del paziente sale dopo una notte di sonno (che è in parte dovuta al resto del dormiente), la ginnastica, le passeggiate e lo sforzo fisico leggero al mattino sono più utili, poiché non solo abbassano il livello di glucosio, ma contribuiscono anche al rilascio di insulina in una quantità maggiore, che è più efficace in questo momento.

Ma, se possibile, cerca di allenarti e di sera (1.5-2 ore prima di andare a dormire) per garantire una quantità uguale di attività fisica durante il giorno.

Il complesso di esercizi terapeutici per il diabete mellito ^

Esercizio 1

  • Posizione di partenza: il rack principale.
  • Metti il ​​piede all'indietro, alza le mani - inspira, torna alla SP - espira.
  • Ripeti 4-5 volte.

Esercizio 2

  • Per 2-4 minuti, camminare alternativamente con un alto sollevamento della coscia, con movimenti delle braccia in alto e ai lati, con affondi.
  • Respira liberamente.

Esercizio 3

  • Stai con le mani dietro la testa, chiudi i gomiti davanti alla tua faccia.
  • Su un punteggio di 1-2, disperdere sul lato, inspirare.
  • A spese del 3-4, torna alla posizione di partenza, inclina la testa in avanti, espira.

Esercizio 4

  • Piedi alla larghezza delle spalle.
  • Allargare le braccia lateralmente, girare il corpo completamente a sinistra, la mano destra dovrebbe essere davanti al petto.
  • Quindi girare a destra in caso di fallimento (mano sinistra davanti al petto, lato destro retratto).
  • Piegarsi in avanti verso la gamba sinistra, raggiungendo un calzino con la mano destra.
  • Ripeti dall'altra parte.

Esercizio 5

  • Posizione di partenza: braccia laterali, gambe divaricate.
  • Fai inclinare la molla 3 verso sinistra (gamba destra piegata, mano sinistra dietro la schiena, destra sollevata verso l'alto).

Esercizio 6

  • Oscilla i tuoi piedi, allungando le mani davanti alle tue braccia.

Esercizio 7

  • Posizione di partenza: il rack principale.
  • Piegati in avanti, cercando di raggiungere il pavimento con i palmi delle mani, senza piegare le gambe.
  • Quindi vai al supporto, inginocchiato e, alternativamente, muovi le gambe all'indietro e prendi il supporto sdraiato.
  • Senza piegare le braccia e le gambe o spostandole dal sedile, sollevare il bacino più in alto inclinando in avanti, abbassare la testa tra le mani.
  • Abbassare il bacino, assumendo la posizione supina.
  • Poi alternativamente spostando le gambe in avanti, prendi il supporto sulle ginocchia, solleva il bacino, raddrizza gambe e braccia.

Esercizio 8

  • Smettila di sederti, le dita indietro.
  • Raggiungere all'indietro disteso.
  • Senza muovere i talloni e le mani dal sedile, sedersi ai piedi delle gambe piegate, quindi, senza togliere le mani dal pavimento, raddrizzare le gambe e metterle a parte.
  • Collegare e piegare le gambe, quindi raddrizzare (senza spostare i talloni dal sedile) e tornare alla posizione iniziale.
  • Ripeti 6-8 volte.

Esercizio 9

  • Sdraiati sulla schiena, le braccia piegate sul petto (gli avambracci sono paralleli uno sopra l'altro).
  • Sollevarli senza raddrizzarli e non separarli (inalare) e abbassarli in posizione (espirazione).

Esercizio 10

  • Sdraiati sullo stomaco, i palmi delle mani sotto le spalle.
  • Allargare le braccia lateralmente (posizionare i palmi delle mani sul pavimento), piegare le gambe all'indietro, quindi aprirle e piegarle, sollevando le gambe e le braccia dritte dal pavimento, con la testa girata all'indietro.
  • Tieni questa posizione per alcuni secondi, allarga le gambe e torna indietro, torna alla posizione di partenza.

Esercizio 11

  • Sdraiati sulla schiena, solleva le gambe in posizione verticale.
  • A scapito dell'1-2, allarga e allunga le gambe, a spese di 3-4 piegare e raddrizzare.
  • Ripeti 4-6 volte senza trattenere il respiro.

Esercizio 12

  • Posizione di partenza: il rack principale.
  • Alza le braccia verso le spalle (inspira), quindi rilassati "lascialo" a testa in giù e intorno alle spalle.

Esercizio 13

  • Passeggiate tranquille per 2 minuti.

Trattamento delle acque

Alla fine delle lezioni è utile fare una bella doccia, un bagno o un rubdown - attivano bene i processi ossidativi nel corpo:

  • La salvietta dovrebbe iniziare con un asciugamano inumidito con acqua a temperatura ambiente (non inferiore), abbassando gradualmente la temperatura dell'acqua di un grado per diversi giorni.
  • I movimenti di asciugatura dovrebbero essere diretti dalla periferia al cuore.

Nonostante il fatto che il diabete sia una malattia permanente, con un buon autocontrollo e l'osservanza di tutte le prescrizioni mediche, i diabetici possono condurre una vita lavorativa e socialmente utile alla pari con le persone sane e vivere in una vecchiaia estrema.

Esercizio terapia per il diabete di tipo 2: una serie di esercizi per un diabetico

Il diabete mellito è una malattia che si sviluppa a causa di una mancanza completa o relativa dell'insulina ormonale nel corpo umano. La malattia può essere associata a uno squilibrio sufficientemente significativo dei processi metabolici.

Stiamo parlando di problemi con lo scambio di carboidrati sullo sfondo di elevati livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia), così come la comparsa di glucosio nelle urine (glicosuria).

Come risultato dell'uso di zucchero da parte dei tessuti, si osservano i seguenti problemi:

  • disfunzione del sistema nervoso centrale;
  • insufficienza del sistema cardiovascolare;
  • malattia del fegato;
  • distrofia muscolare;
  • significativa riduzione delle prestazioni.

Diabetes Sports

La terapia sportiva nel diabete mellito è uno dei componenti di un sollievo completo dalla malattia. Grazie all'educazione fisica, il metabolismo dei tessuti sarà migliorato, il glucosio sarà utilizzato nel corpo di una persona malata e la quantità di zucchero nei muscoli diminuirà.

Nel corso della ricerca medica, è emerso che una serie di esercizi non solo riduce la concentrazione di zucchero, ma contribuisce anche al suo abbassamento a un livello normale.

Gli esercizi, se eseguiti in dosi, aiutano ad aumentare l'effetto dell'insulina e quindi a ridurre la dose. In presenza di un eccesso di peso, la terapia di esercizio contribuirà alla normalizzazione del metabolismo dei lipidi, che sarà un'eccellente prevenzione della deposizione di grasso.

Un paziente con diabete mellito di vario tipo può, attraverso lo sforzo fisico, migliorare la resistenza del corpo alle malattie virali, sopprimere la debolezza muscolare e le manifestazioni di adynamia.

Esercizi nel diabete mellito di varia gravità

In medicina, è consuetudine distinguere 3 principali forme di diabete mellito:

Se un paziente con diabete si trova in un ospedale, gli esercizi di fisioterapia saranno eseguiti secondo lo schema classico e con ogni volta successivo il carico aumenterà.

Di norma, la durata totale delle lezioni dipende dalla gravità del diabete:

  • 30-40 minuti con lieve;
  • 20-30 minuti con una media;
  • 10-15 minuti in forma grave.

Forma semplice

Se il paziente soffre di una forma lieve della malattia, allora in questo caso il complesso di esercizi includerà esercizi per assolutamente tutti i gruppi muscolari. Ognuno di essi deve essere eseguito con un'ampiezza sufficientemente alta. Questo dovrebbe accadere ad un ritmo medio e lento. Velocemente, dovresti eseguire esercizi mirati all'allenamento di piccoli muscoli.

Nella fase successiva, inizia l'introduzione di esercizi già più seri in termini di coordinamento. Di norma, comportano l'appesantimento e l'uso di proiettili speciali, ad esempio panchine o pareti ginniche.

La durata di tale addestramento è compresa tra 30 e 40 minuti e la densità è piuttosto elevata.

Oltre agli esercizi terapeutici per la malattia da zucchero, è importante usare camminare a ritmo sostenuto, che dovrebbe essere dosato. Ogni volta che la distanza dovrebbe essere aumentata. Se inizialmente sarà necessario percorrere 5 km, presto questo percorso dovrebbe essere portato a 12 km.

Un'opzione eccellente sarebbe una terapia di esercizio complessa per il diabete, che includerà diversi esercizi:

  • sci;
  • nuoto;
  • pattinaggio sul ghiaccio;
  • fare jogging;
  • nautica;
  • giochi sportivi (badminton, pallavolo, tennis).

È importante che tutte le attività sportive siano svolte sotto la stretta supervisione del medico curante!

La densità professionale raccomandata dai medici va dal 60 al 70 percento.

Forma media

In questa situazione, le lezioni mireranno a stabilizzare i dosaggi dei farmaci. In questo caso, l'intero complesso di esercizi sarà mirato al coinvolgimento di tutti i gruppi muscolari. L'intensità dovrebbe essere moderata o piccola.

Ogni lezione dovrebbe richiedere non più di 30 minuti di tempo. Oltre agli esercizi di ginnastica terapeutici con questa forma di diabete, è possibile praticare la dosed walking, ma non più di 7 km di distanza.

La densità delle classi dovrebbe essere compresa tra il 30 e il 40 percento (questa cifra è considerata al di sotto della media). Se la camminata è inclusa, dovrebbe essere eseguita con un'intensità da 110 a 120 passi al minuto.

Forma pesante

Se un paziente ha una forma grave di diabete, di solito è associato a problemi al cuore e ai vasi sanguigni. Per questo motivo, gli esercizi dovrebbero essere applicati in relazione a questa importante caratteristica.

Inoltre, il carico complessivo su un corpo indebolito dovrebbe essere controllato, perché dovrebbe essere piccolo o moderato. Sarà bello includere esercizi rivolti ai muscoli piccoli e medi nelle classi.

Non appena si verifica l'adattamento, il complesso di esercizi dovrà includere l'attività fisica su grandi gruppi muscolari.

Non dobbiamo dimenticare che il carico deve essere fatto a un ritmo lento, ma per molto tempo. Ciò consentirà di ridurre la glicemia, poiché con questo approccio non si sprecherà solo glicogeno muscolare, ma anche glucosio.

Qualunque sia la forma della malattia, la terapia fisica per il diabete deve essere fatta non prima di un'ora dopo la successiva iniezione di insulina e assunzione di cibo. Se questa sfumatura non viene presa in considerazione, la probabilità di insorgenza dell'ipoglicemia è alta e potrebbe esserci un coma ipoglicemico.

Con questa forma di diabete, l'esercizio può essere raccomandato a riposo a letto. Questi possono essere esercizi con l'inclusione obbligatoria di esercizi di respirazione.

È molto importante che tali esercizi non causino eccessivo lavoro eccessivo in una persona malata. Anche nel complesso delle attività, è possibile collegare attivamente le procedure di massaggio e di tempra del benessere.

Obiettivi della riabilitazione fisica e principali controindicazioni

Considerando questo punto, si dovrebbe notare che il carico sul corpo di un diabetico contribuirà a:

  1. riducendo il livello di iperglicemia (se il paziente è dipendente da insulina, la ricarica aiuterà l'insulina a funzionare);
  2. miglioramento della qualità dei sistemi respiratorio e cardiovascolare;
  3. aumentare l'efficienza;
  4. aggiustando lo stato mentale ed emotivo del diabetico.

La riabilitazione fisica verrà mostrata a condizione che:

  • c'è una risposta fisiologica del corpo al carico;
  • non ci sono fluttuazioni significative nella concentrazione di zucchero;
  • processo di compensazione si verifica (se è il diabete mellito di forma lieve o moderata).

L'esercizio terapeutico nel diabete è escluso se:

  1. c'è un severo diabete scompensato;
  2. basso livello di prestazioni diabetiche;
  3. ci sono cambiamenti drammatici nel livello di zucchero durante il carico attivo sul corpo, così come cattiva circolazione, malattia coronarica, ipertensione di secondo o terzo grado con disturbi ben marcati degli organi.

Terapia fisica complessa per la riabilitazione del diabetico

Ci sono diversi esercizi utili per un paziente con diabete. Tutti saranno mirati alla rapida normalizzazione del glucosio nel sangue.

Esercizio numero 1

Per eseguirlo, dovresti fare un passo con il piede sinistro indietro, quindi alzare le mani fino alla battuta. È necessario fare un respiro profondo e tornare alla posizione originale sull'espirazione. L'esercizio dovrebbe essere eseguito 5 volte di seguito.

Esercizio numero 2

Per 2 minuti devi alzare le ginocchia. Ciascuna di queste sollevazioni dovrebbe spostarsi su una passeggiata. Quindi, collegare le mani - portarle in alto, quindi in direzioni diverse. Respirazione impostata come se stessa, come nell'esercizio numero 1.

Esercizio numero 3

I palmi sono posizionati sul retro della testa, e poi allungano le braccia con il contatto obbligatorio dei gomiti. Gli arti superiori sono sparsi sui lati per segnare 1, 2. Successivamente, per segnare 3, 4 restringerli ed espirare.

Esercizio numero 4

Le gambe dovrebbero essere distanziate alla larghezza delle spalle con la diluizione simultanea delle braccia, che dovrebbe essere parallela al pavimento. Inoltre, il busto è girato fino alla battuta sul lato sinistro. In questo caso, la mano destra dovrebbe essere posizionata nel mezzo del torace. I movimenti vengono ripetuti sul lato destro e alla fine dell'esercizio (con la stessa disposizione delle mani parallela al pavimento), devi raggiungere le dita del piede sinistro con la mano destra e viceversa.

Esercizio numero 5

Accettare seduto con l'astrazione degli arti superiori indietro. In questo caso, le dita dovrebbero toccare la base del pavimento. Devi piegarti all'indietro e prendere una posizione prona. È importante che le mani e i talloni non si spostino dal punto di partenza.

Inoltre, le gambe sono unite e piegate, senza lacerare i talloni. Quindi porta le gambe nella posizione di partenza. Tali esercizi possono essere eseguiti 7-8 volte di seguito.

Esercizio numero 6

Sdraiati sulla schiena, piegare i gomiti e appoggiarli sul petto. È importante avere gli avambracci paralleli tra loro. Le mani si alzano, ma non si estendono allo stesso tempo (produci questo esercizio quando inspiri). Quando espiri le mani nella posizione originale.

Esercizio numero 7

Posizione di partenza - sdraiato a pancia in giù. I palmi sono posti sotto le spalle. Successivamente, dovresti allargare le braccia ai lati e abbassare i palmi verso la base del pavimento. Gli arti inferiori sono piegati all'indietro, e quindi li portano nella loro posizione originale. Il corpo dovrebbe essere arcuato indietro. La testa è inclinata nella stessa direzione e fissata in questa posizione per alcuni secondi.

Esercizio numero 8

Per eseguirlo, devi sdraiarti sulla schiena e allo stesso tempo sollevare le gambe. Devono essere rigorosamente perpendicolari al pavimento. Sul conteggio di 1, 2 gambe divaricate il più ampia possibile e fare un respiro profondo. A spese di 3, 4 portano il corpo nella sua posizione originale ed espirano.

È necessario fare una serie di esercizi più volte di seguito, cercando di respirare correttamente. Dopo il completamento, dovresti fare una passeggiata lenta.

4.3.2. Lfk con disturbi metabolici

I meccanismi dell'effetto terapeutico dell'esercizio fisico nei disordini metabolici sono principalmente associati all'effetto trofico della terapia fisica.

Come già notato, uno degli effetti più importanti dell'uso di esercizi fisici per qualsiasi disturbo e malattia è il cambiamento direzionale del metabolismo nei tessuti e negli organi a livello regionale associati ai corrispondenti muscoli o gruppi muscolari. Allo stesso tempo, i cambiamenti sottili nei processi redox dei tessuti sotto l'influenza del lavoro muscolare e la normalizzazione del metabolismo a livello cellulare e subcellulare sono di fondamentale importanza. Alla fine, i cambiamenti locali nel trofismo determinano i cambiamenti metabolici generali dell'intero organismo come risultato dello stato di regolazione delle funzioni fisiologiche che cambiano sotto l'influenza di esercizi fisici, il livello di rifornimento di sangue e linfatico, così come la normalizzazione del sistema endocrino. Con esercizi fisici sistematici, il corpo reagisce selettivamente all'assimilazione di varie sostanze che vi entrano: respinge e non elimina sostanze inutili e nocive e assimila quelle di cui il metabolismo ha bisogno in quel momento.

diabete mellito

Il diabete mellito (malattia dello zucchero) è una malattia endocrina associata a carenza di insulina assoluta o relativa con una malattia metabolica, prevalentemente carboidratica.

Il diabete è una malattia abbastanza diffusa: secondo varie fonti, dal 6 al 9% della popolazione adulta e anche fino all'1% dei bambini ne soffre. Le statistiche mostrano che nei paesi sviluppati il ​​numero di pazienti con diabete ha una tendenza al rialzo costante.

L'eziologia. Nella maggior parte dei casi, il diabete mellito ha un'origine geneticamente determinata, che può manifestarsi come una violazione della sintesi e della secrezione di insulina e nel modificare la sensibilità dei tessuti periferici all'insulina o la sua distruzione da parte dei tessuti antagonisti.

La predisposizione ereditaria ha un indubbio significato nello sviluppo del diabete, ma si realizza solo sotto una combinazione di determinate condizioni, la principale delle quali è la mancanza di movimento, un crescente standard di vita e un'alimentazione eccessiva e irrazionale.

Uno dei principali fattori che provocano lo sviluppo del diabete è il consumo eccessivo di zucchero raffinato (raffinato) 24.

Per la completa conversione dello zucchero nei prodotti finali, il corpo richiede circa una dozzina di vitamine, quasi altrettanti oligoelementi (il cromo è particolarmente importante qui) e circa una dozzina di enzimi. Quando si mangia cibo vegetale naturale, che è l'unica fonte di carboidrati naturali, il corpo non incontra problemi, perché tutti (o la maggior parte) componenti necessari per la loro trasformazione fanno parte del cibo stesso. Quando lo zucchero puro viene consumato, non esiste una fornitura adeguata per loro e il corpo devia le sostanze necessarie per la trasformazione dello zucchero da altri sistemi e processi funzionali. E il sistema che è progettato per regolare l'equilibrio dei carboidrati nel corpo, il pancreas, le isole di Langerhans, che producono insulina, ne soffre di più. Ma con l'assunzione eccessiva e prolungata di zuccheri raffinati, il pancreas lavora nella modalità di stress estremo, così che finalmente si verificano cambiamenti funzionali e morfologici nelle isole di Langerhans - si sviluppa il diabete.

Esistono due forme di malattia da zucchero:

• diabete della prima forma, o dell'infanzia e dell'adolescente (giovanile) - una malattia congenita, che si manifesta, di solito in una forma più grave, con sintomi pronunciati, ma trattata in generale è fondamentalmente la stessa del diabete per adulti;

• il diabete della seconda forma appare solo ad un'età sufficientemente avanzata, quindi è considerato età.

Patogenesi del diabete. Nella patogenesi del diabete mellito, il più delle volte il fattore principale è la carenza di insulina, che porta alla rottura del metabolismo di carboidrati, proteine, grassi e acqua minerale, poiché l'insulina è un ormone che colpisce tutti i lati del metabolismo.

La carenza di insulina distorce il metabolismo dei carboidrati e riduce il flusso di glucosio nelle cellule del muscolo e del tessuto adiposo. Non potendo utilizzare il glucosio, queste cellule usano l'energia invece dei grassi (glucosio), i cui prodotti della decomposizione causano la ri-acidificazione del sangue (chetoacidosi). L'incompleta ossidazione degli acidi grassi porta allo sviluppo di acetonemia e acidosi metabolica, che a loro volta contribuiscono alla perdita di acqua e sali e all'interruzione del metabolismo dell'acqua e dei minerali. La rottura delle proteine ​​e la sua ridotta sintesi dovuta alla violazione dei sistemi enzimatici portano a una profonda patologia del metabolismo delle proteine.

Nel diabete mellito si sviluppa una maggiore produzione di glucosio dai prodotti del metabolismo intermedio di proteine, grassi e carboidrati. Tuttavia, a causa della mancanza di insulina, questo eccesso di carboidrati non può passare attraverso la membrana cellulare e le cellule soffrono della sua carenza. L'incapacità di assorbimento del glucosio aumenta il suo contenuto nel sangue (iperglicemia) e parte di esso attraverso i meccanismi di filtrazione renale nelle urine (glicosuria).

Profondi disturbi biochimici dei processi metabolici portano infine a gravi danni agli organi interni e al sistema nervoso del paziente. Il diabete è spesso combinato con un aumento del colesterolo nel sangue, una diminuzione delle funzioni della ghiandola tiroidea e delle ghiandole surrenali, disturbi metabolici, malattie cardiache, gotta, osteocondrosi, obesità, esacerbazioni dell'apparato respiratorio, ecc. Spesso ci sono emorragie puntiformi associate alla rottura dei vasi sanguigni, incluso nel sistema vascolare dell'occhio. A causa del lento decorso dei processi di sintesi proteica, i processi di rigenerazione dei tessuti danneggiati sono notevolmente rallentati. Il paziente sviluppa adynamy (affaticamento), depressione (depressione) e molti altri fenomeni. La fermentazione dei carboidrati in eccesso viene attivata a livello intestinale e il suo ambiente biochimico cambia, il che porta alla soppressione della flora intestinale e del marciume proteico.

Nei diabetici, le pareti dei vasi sanguigni sono danneggiate, il metabolismo è disturbato, il prurito doloroso della pelle e le infezioni della pelle difficili da trattare (bolle) compaiono e l'immunità del corpo è ridotta.

Nei reni si sviluppano cambiamenti diabetici, manifestati da ipertensione, proteinuria (proteine ​​nelle urine), edema. Il fegato è ingrandito. I pazienti hanno spesso varie infezioni, foruncolosi. Le conseguenze dei disturbi metabolici (in assenza di trattamento) sono svenimenti, debolezza funzionale generale e aumento fino alla morte (coma diabetico).

Clinica. La malattia spesso inizia acutamente con il coma diabetico, ma può svilupparsi gradualmente.

Poiché il sangue viene filtrato dai reni, una maggiore quantità di zucchero entra nelle urine. La sua uscita dal corpo è accompagnata da perdita di liquidi, quindi i diabetici avvertono una costante sete, e la necessità di urinare (poliuria) diventa più frequente - questi sintomi sono spesso i primi segni di diabete.

Nei diabetici, 500 e più grammi di zucchero possono essere escreti con le urine al giorno. Questo spiega una rapida perdita di peso, "asciugatura" e una diminuzione delle prestazioni. Di conseguenza, il corpo ha bisogno di più cibo. Ciò si applica, di regola, ai diabetici dell'adolescenza, mentre il diabete più leggero correlato all'età si riscontra principalmente nelle persone in sovrappeso (a causa di un'alimentazione eccessiva), con il risultato che lo sviluppo della malattia è spesso associato al sovrappeso.

Il trattamento del diabete mellito è costruito in modo completo, tenendo conto dei disturbi metabolici esistenti, ed è finalizzato all'eliminazione o alla compensazione dell'insufficienza di insulina, alla normalizzazione dei processi metabolici, al ripristino delle prestazioni fisiche e mentali, alla prevenzione dei più importanti cambiamenti patologici degli organi interni, oftalmici e neurologici in un paziente.

Ci sono tre principi per il trattamento del diabete:

1) Idoneità e consumo di zucchero: una dieta con un contenuto di carboidrati calcolato con precisione e un'attività fisica adeguatamente organizzata;

2) stimolazione della produzione di insulina da parte dell'organismo con l'aiuto della terapia farmacologica e del lavoro muscolare;

3) somministrazione di insulina (iniezioni).

Esercizio terapeutico nel diabete. L'uso della terapia di esercizio nella terapia complessa contribuisce a una più rapida normalizzazione del metabolismo, che è associato ad effetti sia stimolanti che trofici dell'esercizio. Sotto l'influenza di quest'ultimo, il consumo muscolare aumenta glucosio, acidi grassi e corpi chetonici, che riduce il contenuto di queste sostanze nel sangue.

Con una moderata intensità del lavoro a breve termine, il consumo di carboidrati da parte dei muscoli è piccolo e non accompagnato da una diminuzione del livello di glucosio nel sangue. Con un lavoro muscolare prolungato (oltre 20-30 minuti) di intensità moderata, il livello di glucosio diminuisce. Il lavoro muscolare dosato durante le lezioni della durata di 30 minuti porta ad una diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue a causa del suo utilizzo da parte dei muscoli che lavorano. È estremamente importante che l'effetto collaterale di tale effetto duri per un tempo relativamente lungo. Un altro fattore degno di nota è che, grazie agli esercizi fisici, vi è un aumento dell'attività dell'insulina, così che quando somministrato su un carico muscolare dosato, la diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue è più pronunciata rispetto a riposo.

Pertanto, in caso di diabete nell'ambito della terapia complessa, gli esercizi fisici contribuiscono alla normalizzazione dei processi redox, aumentano la riorganizzazione metabolica compensatoria e prevengono anche le conseguenze patologiche di tale riarrangiamento sotto forma di accumulo di corpi chetonici. Inoltre, sotto l'influenza di esercizi fisici, la capacità del paziente di assorbire il glucosio (principalmente il tessuto muscolare) è migliorata e la resistenza del corpo al consumo di carboidrati aumenta, così che il rischio di coma diabetico si riduce. L'effetto normalizzante degli esercizi fisici nel diabete mellito si manifesta non solo in relazione ai carboidrati, ma anche ad altri tipi di metabolismo.

Obiettivi della terapia fisica nel diabete mellito:

1) stimolazione della produzione di insulina e aumento del suo livello di attività;

2) adattamento del paziente alla carenza di insulina e aumento della resistenza del corpo ai carboidrati;

3) normalizzazione dei processi metabolici nel corpo;

4) migliorare le prestazioni generali e professionali del paziente.

Con i pazienti diabetici compensati sono al dispensario sotto la supervisione di un endocrinologo. Sono autorizzati a praticare la cultura fisica in gruppi di salute e i bambini in un gruppo di medici speciali che lavorano in un istituto scolastico o in regime ambulatoriale. Il compito di tali esercizi è di contribuire alla compensazione stabile del processo e al mantenimento del livello raggiunto di adattamento ai carichi fisici.

Nei casi di forme gravi di diabete, la terapia fisica viene condotta direttamente in istituti medici.

Le controindicazioni all'esercizio della terapia nel diabete mellito sono ridotte alle seguenti disposizioni.

1. L'esercizio fisico non può essere applicato sullo sfondo di cattive condizioni di salute del paziente.

2. Nell'esercizio fisico, soprattutto nei primi periodi, è impossibile applicare esercizi di forza e di forza-natura: quando vengono eseguiti, viene generato un debito di ossigeno significativo che stimola i processi energetici anaerobici (in particolare, glicolisi e decomposizione del glicogeno) con l'accumulo di acido lattico e lo sviluppo di acidosi metabolica. In questo caso, può verificarsi una forte diminuzione della concentrazione di glucosio nel sangue (ipoglicemia), a causa della quale il cervello soffre soprattutto, le cui cellule, che non dispongono di riserve di substrati energetici, possono cadere in uno stato di inibizione limitante e il paziente può persino perdere conoscenza.

3. Un paziente con diabete mellito è controindicato per esercizi fisici con shock, tremori, ecc., Poiché il microtrauma, che è possibile in questo caso, a causa dei processi di rigenerazione a bassa corrente, è molto più difficile da eliminare.

4. Nel primo periodo, la terapia fisica dovrebbe astenersi dall'indurirsi con il metodo di contrasto, accompagnato da un significativo sforzo mentale.

Il mezzo più efficace di esercizio fisico nel diabete mellito è un carico muscolare di intensità moderata, che coinvolge muscoli medi e grandi con un numero significativo di ripetizioni. Con un tale lavoro per unità di tempo, il dispendio energetico corporeo è piccolo, ma a causa del lungo tempo di esercizio, il dispendio energetico totale è significativo. La modalità aerobica del lavoro contribuisce ad un adeguato assorbimento del glucosio dal sangue e alla sua completa combustione nei muscoli con una diminuzione della glicemia. Con una gravità lieve e moderata della malattia, l'allenamento regolare di resistenza aumenta l'efficacia del trattamento del diabete mellito, i livelli di glucosio nel sangue si stabilizzano, con conseguente riduzione (in media del 25%) dell'insulina iniettata.

Nel periodo introduttivo dell'esercizio aerobico, è possibile iniziare con la deambulazione e, se il paziente lo consente, correre (è possibile anche correre sul posto). Deve essere eseguito a un ritmo tale che l'impulso sia compreso tra 110 e 140 al minuto. Non aumentare la velocità di marcia - è pericoloso nel diabete; l'accento dovrebbe essere posto sull'aumento graduale del carico dovuto alla durata del cammino (corsa). Il criterio principale per l'accettabilità del carico eseguito è il benessere del paziente. È necessario portare gradualmente la durata del movimento fino a 40 - 60 minuti. In alcuni pazienti occorrono da due a tre mesi, in altri fino a 6-8 o anche più mesi. Ma ogni paziente dovrebbe avere il proprio, adatto solo a lui per aumentare il tempo di esecuzione del carico. All'aumentare della capacità funzionale dell'organismo, che può essere determinata dagli indici dell'impulso di lavoro, andrebbe eseguito un posto crescente nell'esecuzione di esercizi di resistenza anziché camminare.

È meglio eseguire circa un'ora e mezza o due dopo aver mangiato. Prima di fare jogging, puoi bere un bicchiere di succo di frutta o verdura. Nel primo periodo, nel caso di fare l'esercizio al di fuori della casa, il paziente dovrebbe prendere un pezzo di zucchero con lui, perché i diabetici fluttuano il loro contenuto di zucchero nel sangue, soprattutto durante il lavoro muscolare.

Tra la durata della camminata (corsa) e la frequenza delle lezioni, deve essere seguita la seguente relazione: fino a 7-10 minuti di esercizio - sei volte alla settimana, 15-20 minuti - cinque - sei volte, 20-30 minuti - quattro - cinque volte, 30-40 minuti - tre - quattro volte.

Negli stadi gravi del diabete, quando l'introduzione di insulina non può controllare il metabolismo dei carboidrati, la corsa è controindicata, in quanto può causare pericolose fluttuazioni nella concentrazione di glucosio nel sangue.

Oltre agli esercizi aerobici nel diabete, la terapia di esercizio viene utilizzata in combinazione con esercizi di respirazione, contribuendo all'attivazione della combustione dei grassi e alla normalizzazione del loro metabolismo e peso corporeo.

La selezione specifica di esercizi e la modalità della loro attuazione devono essere determinati dal regime motorio del paziente, nominato sulla base della valutazione delle condizioni generali, del quadro clinico e della gravità della carenza di insulina.

Il massaggio nel diabete mellito viene eseguito due o tre ore dopo i pasti con l'uso di tutte le tecniche della sequenza adottata, dolcemente, con calma, ritmicamente, senza impatto profondo. Completa gli esercizi di respirazione del massaggio. La durata del massaggio viene gradualmente aumentata da 20 a 40 minuti, viene effettuata ogni giorno.

Nel diabete mellito, lo shiatsu viene utilizzato in punti sul dorso (processi spinosi delle vertebre C7Th9) e nella regione epigastrica (epigastrica). Di regola, la tensione muscolare è determinata nell'area IX - XI dei segmenti toracici. Il rilassamento e il massaggio della regione epigastrica raggiunti con lo shiatsu aiutano a normalizzare le funzioni del pancreas.

Ginnastica terapeutica nel diabete mellito: serie di esercizi e raccomandazioni per la loro attuazione

Il diabete mellito è una grave malattia cronica endocrinologica. Per curare questa patologia è ancora completamente incapace di medicina.

Terapia supportata con pillole o iniezioni di insulina. Piede diabetico, polineuropatia, insufficienza renale sono frequenti complicanze della malattia.

Per ridurre la probabilità di questi effetti e migliorare la salute generale, i medici raccomandano la terapia fisica per il diabete.

I benefici e gli obiettivi della terapia fisica nel diabete mellito di tipo 1 e 2

La terapia sportiva o la terapia fisica è considerata parte integrante del trattamento dei pazienti con diabete. L'esercizio quotidiano stimola i processi metabolici e l'utilizzo del glucosio.

Gli scienziati della ricerca dimostrano che l'attività fisica somministrata aiuta a ridurre significativamente la concentrazione di zucchero fino allo standard. Pertanto, i pazienti con una forma lieve di patologia possono rifiutare le pillole.

I benefici della terapia di esercizio per le persone con la prima o la seconda forma di diabete sono:

  • ridurre il grasso corporeo. Molti pazienti con disturbi endocrini sono sovrappeso. Complesso correttamente selezionato consente di normalizzare il metabolismo dei lipidi e sbarazzarsi di chili in più;
  • migliorare l'azione dell'ormone insulina. Questo rende possibile l'uso del farmaco a dosaggi più bassi;
  • riducendo la glicosuria e l'iperglicemia. A causa di ciò, i sintomi caratteristici del diabete diventano meno pronunciati;
  • migliorare le condizioni delle arterie e la prevenzione delle complicanze vascolari;
  • effetti benefici sul funzionamento del sistema nervoso centrale, che soffre molto nella patologia endocrina;
  • aumentare le prestazioni umane, resistenza ai fattori avversi;
  • stimolando la sintesi di endorfine che migliorano l'umore;
  • riduzione della debolezza muscolare, adynamia;
  • prevenire lo sviluppo di ipertensione, aterosclerosi, disturbi renali, piede diabetico.

I compiti principali della terapia fisica nel diabete:

  • stabilizzazione dello stato psico-emotivo;
  • stimolare l'azione dell'insulina nella prima forma di patologia;
  • riduzione dell'iperglicemia nella seconda forma della malattia;
  • aumentare le prestazioni;
  • ripristino del funzionamento del cuore;
  • indurimento delle arterie;
  • miglioramento del sistema respiratorio.

Esercitare complessi a seconda della gravità della malattia

Specialisti nel campo della diabetologia hanno sviluppato un elenco di esercizi che è adatto per i pazienti con la prima o seconda forma di patologia. A seconda della gravità della malattia, si raccomandano diversi complessi. L'allenamento dovrebbe avvenire con una certa intensità.

Forma semplice

Con il diabete mite durante l'esercizio, dovrebbero essere coinvolti tutti i gruppi muscolari. I movimenti sono eseguiti ad un ritmo lento (medio) con un'ampiezza elevata.

Vale la pena iniziare con semplici esercizi, aggiungendo gradualmente quelli più complessi in termini di coordinamento. Classi consigliate con oggetti.

Di seguito è riportato un efficace complesso per il diabete:

  • camminare elastico dal fianco. La schiena dovrebbe essere diritta e respirare, ritmicamente attraverso il naso. Durata: da 5 a 7 minuti;
  • allungando un bastone ginnico di fronte a te;
  • camminare alternativamente su tacchi e calzini. Le mani mentre si fanno i movimenti dovrebbero essere separate;
  • piste con una presa sul giro di un respiro profondo. Quando si ritorna alla posizione originale, espirare;
  • rotolare il bastone sul pavimento con la pianta degli arti inferiori;
  • diffondendo le mani in direzioni diverse e compiendo movimenti rotazionali nei gomiti (prima da te, poi da te). i muscoli hanno bisogno della massima tensione;
  • sdraiato a pancia in giù, chinati per un respiro profondo e inginocchiati;
  • massaggio con le orecchie pizzicato per circa un minuto;
  • calmo camminando sul posto.

La durata totale della formazione non supera i 40 minuti. Il suddetto complesso dovrebbe essere eseguito giornalmente.

Forma media

Con il diabete moderato, l'esercizio dovrebbe durare non più di 30 minuti ad un ritmo moderato. È necessario fare pause tra esercizi per diversi gruppi muscolari.

Complesso consigliato:

  • movimenti circolari dei fianchi a destra, a sinistra;
  • oscillare gambe e braccia in avanti, indietro e lateralmente;
  • camminare a una distanza di 2-7 km;
  • squat a gamba larga;
  • push up sulle ginocchia (la schiena deve essere mantenuta dritta);
  • gira il busto a destra / sinistra;
  • il sollevamento alternato ha raddrizzato le gambe in posizione supina;
  • camminare sul posto.

Forma pesante

Una caratteristica del diabete grave è la presenza di disturbi vascolari e cardiaci. Pertanto, la prima sessione di allenamento dovrebbe essere supervisionata da uno specialista. Durata della lezione - non più di 10-13 minuti. Il carico dovrebbe scegliere il minimo.

Permesso di eseguire questi esercizi:

  • sedersi sul pavimento, gambe divaricate. Appoggiati sull'inalazione alternativamente alle calze, sull'espirazione - raddrizza;
  • sdraiato sul pavimento per fare l'esercizio "bici";
  • strofinare l'addome e le gambe con un bastoncino. I movimenti dovrebbero essere fatti in senso orario.

In primo luogo, vengono eseguiti esercizi per gruppi muscolari medi e piccoli. Dopo l'adattamento dell'organismo al carico fisico, è permesso includere grandi gruppi muscolari nel lavoro.

Esercizio per l'obesità

Il seguente è un insieme di esercizi che aiuteranno un diabetico a rimuovere il grasso corporeo in eccesso:

  • normale camminare sul posto ad un ritmo tranquillo;
  • camminando sulle dita dei piedi, con alti fianchi di sollevamento;
  • sdraiati sulla schiena e con le ginocchia piegate, alza il bacino;
  • jogging lento;
  • busto in diverse direzioni;
  • il corpo gira a destra e a sinistra;
  • esercitare "bici";
  • flessioni da terra;
  • sdraiati sulla schiena sollevare le gambe dritte.

Raccomandazioni metodiche "LFC nel diabete"

Affrettati a usufruire di sconti fino al 50% sui corsi "Infurok"

Il diabete mellito (DM) è una malattia endocrina associata a carenza di insulina relativa o assoluta. Dopo l'obesità, è la malattia metabolica più comune, e ogni anno la frequenza del diabete è in costante aumento, colpendo principalmente le persone in età lavorativa. Gravi complicanze, soprattutto del sistema cardiovascolare, accompagnate da un'elevata disabilità e mortalità, determinano il significato sociale di questa malattia e l'importanza della riabilitazione dei pazienti con diabete.

Esistono due forme di diabete:

• diabete insulino-dipendente (tipo I, IDDM). Nel tipo I, l'insulina non viene prodotta nel corpo o in quantità molto piccole. Ciò impone l'uso di iniezioni di insulina per il trattamento.

• diabete non insulino-dipendente (tipo II, TIDD, diabete obeso). Allo stesso tempo, potrebbe esserci un eccesso di insulina nel sangue del paziente, ma il corpo non reagisce adeguatamente alla formazione di glicogeno nei muscoli e nel fegato a causa di una diminuzione della sensibilità dei tessuti ad esso e al glucosio. Di regola, le compresse sono utilizzate nel trattamento qui.

Complicanze del diabete: coma iperglicemico, coma ipoglicemico, microangiopatia diabetica (microangiopatia retinica (retinopatia), nefropatia diabetica), macroangiopatia diabetica (cardiopatia coronarica, claudicazione intermittente, piede diabetico), neuropatia diabetica (cardiopatia periferica orale, peripoprofia orale).

Il trattamento completo dei pazienti con diabete mellito comprende nutrizione terapeutica, terapia farmacologica, allenamento fisico terapeutico, massaggio, fisioterapia, uso interno ed esterno di acqua minerale e fangoterapia.

Dieta - la base del trattamento del diabete, in particolare di tipo II. Dovrebbe corrispondere all'età, al peso corporeo, al livello di attività fisica.

Quando è necessario INZSD: l'esclusione di tutti i tipi di zuccheri; riduzione dell'apporto calorico totale. Dovrebbe contenere acidi grassi polinsaturi e maggiore contenuto di fibre.

La natura frazionata della nutrizione è desiderabile (4-5 volte al giorno), che contribuisce a fluttuazioni meno significative dei livelli di zucchero nel sangue e ad un aumento del metabolismo basale.

Con IDDM è necessario: assunzione giornaliera di carboidrati (almeno 100 g al giorno, con una predominanza di complessi); preferibilmente il loro consumo allo stesso tempo, il che facilita la capacità di controllare e regolare i livelli di zucchero nel sangue con l'insulina; ridurre il consumo di cibi grassi, che nei pazienti con diabete di tipo 1 facilita lo sviluppo della chetoacidosi.

Esercitare la terapia per il diabete

Tra i fattori terapeutici nel trattamento del diabete mellito, grande importanza è attribuita all'attività fisica, che ha un effetto terapeutico multilaterale dovuto ad un aumento dell'attività funzionale di vari organi e sistemi del corpo umano.

Gli obiettivi principali nel trattamento del diabete con la terapia di esercizio sono:

• miglioramento dello stato funzionale dei sistemi cardiovascolare e respiratorio;

• regolazione della glicemia;

• prevenire lo sviluppo di complicazioni diabetiche acute e croniche;

• mantenimento del peso corporeo normale (nei pazienti con diabete di tipo II, di norma, perdita di peso);

• ampliare la gamma di capacità adattive del paziente allo sforzo fisico;

• miglioramento dello stato psico-emotivo del paziente;

• garantire un'alta qualità della vita.

Il lavoro muscolare, che richiede soprattutto la resistenza, assicura la comparsa dei seguenti cambiamenti positivi nel corpo: una diminuzione del livello di glicemia; ridotto fabbisogno di insulina; aumento della sensibilità cellulare all'insulina; una diminuzione del contenuto di catecolamine nel sangue; riduzione della pressione alta; un aumento della rete di capillari che migliorano la microcircolazione nel miocardio e in altri organi e tessuti; riduzione dell'adesione degli eritrociti; una diminuzione della concentrazione di trigliceridi e un aumento della concentrazione di lipoproteine ​​ad alta densità; riduzione del grasso corporeo e del peso corporeo; ridurre il rischio di osteoporosi; aumento dell'immunità e maggiore resistenza alle infezioni; espansione ed economicizzazione

capacità funzionali del corpo; miglioramento dello stato psico-emotivo e adattamento sociale.

Tuttavia, uno sforzo fisico inadeguato può portare alle seguenti complicazioni: ipoglicemia, iperglicemia, emorragia retinica nella retinopatia diabetica, alto rischio di ulcerazione nelle lesioni del piede diabetico e degli arti inferiori in neuropatia periferica e macroangiopatia, condizioni acute del sistema cardiovascolare infarto del miocardio, ictus, crisi ipertensiva).

Il principale mezzo di esercizio fisico nel diabete è l'allenamento della salute sotto forma di esercizi fisici ciclici nella zona aerobica di intensità. Tuttavia, nella riabilitazione dei pazienti, specialmente nelle fasi iniziali o in presenza di complicanze locali, vengono utilizzate anche altre forme di terapia fisica: UHG, LH, idrochinesiterapia, ecc.

Stadio stazionario Spesso, il trattamento regolare del diabete con la terapia di esercizio inizia dopo che il paziente è stato rimosso dallo stato di coma diabetico. Il paziente, di regola, ha fenomeni di astenia per diversi giorni, quindi durante gli esercizi LH, vengono utilizzati esercizi elementari (3-5 volte) per i principali gruppi muscolari degli arti superiori e inferiori, alternandoli con la respirazione (statica e dinamica). Forse l'inclusione nella procedura del massaggio LH degli arti e dell'area del colletto. Attivando i processi metabolici nel corpo, contribuiscono a una certa diminuzione del glucosio, alla normalizzazione dello stato funzionale del sistema nervoso centrale e del sistema cardiovascolare.

La posizione iniziale nell'impiego di LH - supina. Man mano che la condizione generale migliora, la posizione di partenza può essere seduta e in piedi.

Quindi gli esercizi per i grandi gruppi muscolari sono inclusi negli esercizi, ripetuti fino a 10 volte. A seconda del livello di preparazione, gli esercizi con gli oggetti possono essere inclusi nelle classi: un bastone ginnico, palline gonfiabili e gonfiabili, manubri fino a 1-2 kg e persino lavorare su simulatori nella zona aerobica. Si alternano a esercizi di respirazione dinamica. Il numero di ripetizioni - 10-12 volte e respiratorio - 2-3 volte in 2-3 esercizi per quelli o altri gruppi muscolari. La durata delle lezioni è di 20-30 minuti. Le classi non dovrebbero causare affaticamento significativo. Durante le lezioni con pazienti giovani, i giochi all'aperto sono inclusi nella procedura.

Un modo efficace per alleviare la fatica dopo la procedura LH è una sessione di allenamento autogeno di 5-10 minuti, durante la quale con sufficiente efficacia è possibile limitarsi a utilizzare solo le prime 2 formule standard di livello inferiore ("gravità" e "calore").

Quindi, dopo un periodo di 4-6 settimane di implementazione del programma introduttivo di camminata leggera o di lavoro sul cicloergometro, viene avviato l'allenamento fisico per l'esercizio aerobico ("aerobica"), che è lo strumento principale nella riabilitazione fisica dei pazienti diabetici. I pazienti con uno stato di salute soddisfacente possono iniziare immediatamente questo tipo di allenamento.

I requisiti principali per il carico in "aerobica" sono: la durata dell'allenamento è di almeno 20 minuti (preferibilmente di 30 minuti), alla gamma di impulsi ottimale per ciascun paziente, 3 volte a settimana (preferibilmente 4 volte). Riscaldamento obbligatorio e parte finale, almeno 5 minuti (per le persone in sovrappeso a causa della predisposizione a lesioni del sistema muscolo-scheletrico per 7-10 minuti). Pertanto, la durata minima dell'allenamento fisico per i diabetici è di 30-40 minuti 3-4 volte a settimana.

Nel trattamento del diabete, un fattore molto importante è l'esercizio regolare con l'uso dello sforzo fisico, poiché una pausa di oltre 2 giorni nell'allenamento porta a una diminuzione dell'ipersensibilità delle cellule muscolari all'insulina, ottenuta con un precedente allenamento.

Selezione dei pazienti per le classi che usano l'allenamento fisico: si tratta principalmente di pazienti con diabete mite e moderato con compenso soddisfacente, obesità delle fasi I-III. e deformando l'artrosi senza significativa disfunzione delle articolazioni.

Controindicazioni per l'allenamento fisico:

• grave decorso del diabete, scompenso;

• micro e macroangiopatie con disturbi trofici significativi;

• retinopatia proliferativa, accompagnata da una diminuzione della vista;

• malattia ipertensiva di PB e III st;

• insufficienza circolatoria di IB st e superiori;

• cardiopatia ischemica delle classi funzionali III e IV;

• a riposo, la frequenza cardiaca è superiore a 100-110 al minuto;

• aritmie cardiache scarsamente controllate;

• reazione patologica al carico, principalmente sotto forma di forti fluttuazioni del livello di glicemia durante l'esercizio fisico (fino a 5-6 mmol / l dall'iniziale).

Al fine di individuare il programma di riabilitazione fisica per un paziente con diabete, dovrebbero condurre un esame completo. Include una valutazione delle condizioni del paziente con i seguenti parametri:

• la gravità e lo stato di compensazione del diabete;

• presenza di complicanze del diabete e della loro gravità;

• presenza di malattie concomitanti;

• stato funzionale del CCC;

• il grado di idoneità del paziente;

• adeguatezza della risposta all'attività fisica

Inizia l'allenamento fisico con un programma di dosa a piedi o di lavoro su un ergometro da bicicletta (tapis roulant). Questi tipi di attività motoria sono adeguati anche per le persone sedentarie anziane. Ti permettono di intraprendere gradualmente allenamenti aerobici regolari usando altri tipi di esercizi. Questo è importante da un punto di vista psicologico. Tuttavia, oltre ai parametri energetici, è necessario tenere conto di alcune importanti caratteristiche di questi carichi, che possono contribuire o, al contrario, ostacolare il loro uso per il trattamento del diabete. Ad esempio, correndo, fornendo maggiore energia, è associato ad un aumentato rischio di lesioni al sistema muscolo-scheletrico, danni ai piedi nella neuropatia periferica, complicanze oculari. Questo limita la sua portata nei pazienti.

il diabete. Commenti simili si applicano allo sci di fondo, alla danza aerobica e ai simulatori che simulano la camminata. Mentre nuota, con il suo basso rischio di lesioni al sistema muscolo-scheletrico, richiede buone capacità di nuoto e un costante monitoraggio del personale medico in piscina per garantire il livello richiesto di esercizio aerobico.

Prevenzione dell'iperglicemia durante l'allenamento fisico Se, prima di eseguire attività fisica, i livelli di glucosio nel sangue superano il 240 mg%, verificare la presenza di chetoni nelle urine. Se sono disponibili e se il contenuto di glucosio nel sangue supera il 300 mg%, è necessario abbandonare la sessione di allenamento.

In assenza di chetoni (glucosio da 240 a 300 mg%), è possibile un allenamento fisico, poiché riducono la concentrazione di glucosio. Tuttavia, con questo livello di glicemia, è difficile prevedere dove porterà l'attività fisica - il livello di zucchero nel sangue può sia diminuire che aumentare con l'aspetto dell'acetone nelle urine. Pertanto, è richiesto il controllo dello zucchero dopo il carico.

Prevenzione dell'ipoglicemia durante l'allenamento fisico

Il modo più efficace per prevenire l'ipoglicemia consiste nel controllare il contenuto di glucosio nel sangue prima e dopo aver eseguito il carico per diverse sessioni. Successivamente, è possibile valutare le peculiarità della risposta del corpo all'attività fisica, tenendo conto del livello iniziale di glucosio. Quindi è possibile condurre tali studi meno frequentemente, concentrandosi su cambiamenti insoliti nel benessere.

Se prima dell'allenamento la concentrazione di glucosio nel sangue è di circa 100 mg% e inferiore, è necessario consumare una piccola quantità di cibo 20-30 minuti prima dell'inizio dell'allenamento. È possibile ridurre la dose di insulina ad azione rapida somministrata prima dell'esercizio.

È imperativo che il paziente abbia in allenamento bevande a base di carboidrati concentrati - succhi, limonata, coca-cola, ecc., Che possono essere consumati abbastanza rapidamente quando compaiono i primi segni di ipoglicemia. A volte la reazione ipoglicemica viene ritardata e si verifica 1-3 ore dopo la fine del carico, pertanto, durante questo periodo, è necessaria la vigilanza del paziente sui segni di ipoglicemia caratteristici di lui. Ciò è particolarmente vero per i pazienti con una lunga storia della malattia, che a volte hanno una sensibilità ridotta alle sensazioni dei precursori di uno stato ipoglicemico. Quando è severamente vietato l'uso di carichi

alcol, che riduce farmacologicamente la sensibilità del cervello alla carenza di glucosio.

Come criteri per l'efficacia del trattamento possono essere utilizzati: indicatori fisiologici che indicano l'economizzazione dei sistemi cardiovascolare e respiratorio, aumentando la soglia di tolleranza all'esercizio fisico, lo studio del livello di glicemia a riposo e nel processo di ergometria in bicicletta.

Ginnastica medica per i piedi

Un punto separato e più importante nelle classi di terapia fisica con pazienti diabetici è LG per i piedi. Il piede diabetico è una delle complicanze più gravi e invalidanti del diabete, che richiede un trattamento estremamente costoso. Lo sviluppo del piede diabetico è il risultato di una combinazione di tre fattori tipici del diabete: ischemia, neuropatia e infezione. La condizione clinica dipende da quale di questi fattori prevale. Insegnare ai pazienti come prevenire il piede diabetico riduce significativamente il rischio di insorgenza e in questa direzione il ruolo della ginnastica terapeutica è essenziale.

All'esame del piede, si nota l'assottigliamento e l'aridità della pelle, il suo pallore, la deformità delle articolazioni (specialmente la metatarso-falangea), l'atrofia dei piccoli muscoli del piede. Palpazione - piede freddo. Impulso sul piede posteriore - debole. La sensibilità vibratoria e tattile è ridotta, sebbene il paziente sia spesso preoccupato per le spiacevoli sensazioni di intorpidimento, formicolio e bruciore.

Gli esercizi fisici per il piede sono il mezzo più importante per prevenire il piede diabetico, quindi tutti i pazienti dovrebbero essere addestrati in questa ginnastica. Oltre a migliorare il flusso sanguigno e rafforzare i muscoli del piede e della gamba, serve a prevenire i piedi piatti, che stanno rapidamente progredendo nei pazienti con diabete, a causa dell'indebolimento dei muscoli dell'arto inferiore.

Ip seduto su una sedia. I piedi poggiano sul pavimento. Nelle prime procedure di LH, una serie di esercizi può essere fatta nella posizione iniziale mentre si trova sul retro.

1. Mentre le gambe sono allungate, eseguire alternativamente la schiena e la flessione plantare dei piedi. Durante la flessione plantare, il movimento viene eseguito con una tensione moderata, dal momento che a volte ci sono convulsioni del muscolo gastrocnemio.

2. Lo stesso di 1 esercizio, ma movimenti nell'articolazione della caviglia lungo una traiettoria arbitraria (circolare, sotto forma di figura otto, ecc.). È necessario avvertire il paziente sulla necessità di evitare

posizioni leg-to-leg che i pazienti utilizzano per facilitare l'esercizio (il flusso sanguigno nella parte inferiore della gamba e del piede è significativamente peggiorato).

3. I.p. - Fermati sul pavimento. Alternativamente (o simultaneamente) alzando e abbassando le calze delle gambe destra e sinistra. I loro movimenti circolari.

4. I.p. - lo stesso. Alternativamente (o simultaneamente) alzando e abbassando i talloni delle gambe destra e sinistra. I loro movimenti circolari.

5. I.p. - lo stesso. Sollevare i bordi interni dei piedi in modo che le piante siano rivolte l'una verso l'altra. Quindi sollevare i bordi esterni del piede.

6. Diluzione delle dita con un ritardo di 5-6 secondi e ritorno alla posizione di partenza.

7. Spremere le dita di una pallina di gomma.

8. Le dita dei piedi raccolgono un pezzo di stoffa o un foglio di carta (giornale) in una palla, poi lo lisciano con i piedi. L'esercizio può essere eseguito sottoforma di afferrare le dita di alcuni piccoli oggetti sparsi sul pavimento o raccogliere le dita nelle pieghe di un pezzo di stoffa, ecc.

9. Rolling con oggetti cilindrici gambe, preferibilmente sotto forma di un rullo con punte di gomma da un massaggiatore del piede o una palla di riccio massaggio. In questo caso, il movimento dei vari piani del piede dalla punta al tallone dovrebbe essere piuttosto lento, quindi il flusso sanguigno e linfatico migliora in modo più efficiente.

10. In piedi, mettiti in punta di piedi e affondare lentamente.

. Tutti gli esercizi vengono eseguiti 10-12 volte a un ritmo moderato. Il complesso viene eseguito 2-3 volte al giorno.

Le condizioni più comuni per il diabete che richiedono il massaggio sono: sovrappeso, micro- e macro-angiopatie, artropatia diabetica e neuropatia periferica. La terapia mirata completa, incluso il massaggio, spesso porta allo sviluppo inverso del processo patologico.

• aumento del metabolismo generale;

• miglioramento della circolazione sanguigna e linfatica negli arti inferiori;

• prevenzione dell'osteoporosi e dell'artropatia diabetica;

• miglioramento della conduzione del nervo periferico;

• riduzione del dolore e dell'affaticamento durante la deambulazione;

• miglioramento della condizione psico-emotiva e generale del paziente. Indicazioni per il massaggio: obesità, angiopatia diabetica I e II

stadi, artropatia diabetica e polineuropatia periferica. Controindicazioni:

• angiopatia diabetica con disturbi trofici;

• esacerbazione di artropatia diabetica;

• complicazioni diabetiche acute (ipoglicemia e iperglicemia);

• esacerbazione di malattie somatiche associate al diabete. Glicemia moderatamente alta non lo è

Il massaggio per il diabete può essere effettuato in due versioni.

• Il massaggio generale è generalmente prescritto per l'obesità concomitante. Sullo sfondo di tale massaggio, viene effettuato uno studio delle corrispondenti zone segmentali e quindi un massaggio degli arti colpiti. La frequenza delle procedure è 2 volte a settimana, la durata è 30-40 minuti. Data l'alta frequenza dei disturbi vascolari cerebrali, è consigliabile accentuare il massaggio dell'area del collare secondo il metodo di trattamento dell'ipertensione.

• Il massaggio privato è consigliato per i disturbi più localizzati (neuropatia periferica e autonomica, piede diabetico, ecc.) E include effetti sulle zone segmentali, solitamente lombosacrale, e in assenza di disturbi trofici locali, massaggio degli arti e dei tessuti molli. Questo massaggio della durata di 10-15 minuti può essere eseguito ogni giorno.

Il corso del trattamento è 10-15 procedure.

La maggior parte dei disturbi locali nel diabete è rilevata negli arti inferiori, quindi l'enfasi nel massaggio è posta sulla regione lombosacrale. Poiché il diabete mellito è una malattia comune, di solito accompagnata dall'obesità, il massaggio generale viene anche usato nella terapia complessa. Massaggiare direttamente

le gambe, specialmente quelle che riguardano i piedi, vengono eseguite solo nella fase iniziale della malattia, quando prevalgono soprattutto i disturbi funzionali.

Prima dell'inizio della procedura di massaggio, è necessario più attentamente rispetto ad altre malattie per esaminare la pelle del corpo, che nei pazienti con diabete differiscono da secchezza, facilità di comparsa di dermatiti e piodermite. Particolare attenzione è rivolta alla valutazione della pelle del piede e della gamba, la natura dell'impulso sul piede posteriore, nella fossa poplitea, regione inguinale per identificare il livello e l'estensione della lesione del sistema vascolare del paziente, la presenza di disturbi trofici.

Data l'alta frequenza di macro e microangiopatia e artropatia diabetica, maggiore attenzione viene rivolta agli effetti segmentali, attivando i processi metabolici negli arti. Per gli arti superiori, questo è un massaggio della zona del collo. Gli effetti segmentali sono effettuati sulla colonna vertebrale toracica, attenuando così le manifestazioni di neuropatia autonomica. Per migliorare il funzionamento del sistema respiratorio, viene prestata attenzione al massaggio dei muscoli respiratori.

Durante la procedura, gli effetti puntuali possono essere inclusi nella regione sovrascapolare, nonché paravertebrali nella regione interscapolare e nella regione toracica inferiore, suggerendo la possibilità di attivare il pancreas. Pur mantenendo almeno una minima funzione endocrina, il miglioramento della microcircolazione, i processi trofici nel parenchima pancreatico stimolano la produzione di insulina.

Altri Articoli Sul Diabete

Diabeton e metformina

Trattamento

Ci sono differenze tra i farmaci "Diabeton" e "Metformin", e quale è meglio, è di interesse per molti pazienti con diabete. Questi prodotti medici sono progettati per ridurre il livello di zucchero a valori ottimali, ma quale dovrebbe essere scelto nella lotta contro la malattia "dolce" dovrebbe essere determinato direttamente da un medico qualificato.

Molto spesso, sulla base di indicatori del livello di glucosio nel sangue, determinano lo stato di vari sistemi e organi del corpo umano. Normalmente, lo zucchero non deve eccedere 8,8-9,9 mmol per 1 litro.

Una dieta a basso contenuto calorico con elevata insulina nel sangue ha lo scopo di ridurre il livello di zucchero, normalizzare il pancreas e perdere peso del paziente. Con lo zucchero alto, il rifiuto di mangiare può essere dannoso in futuro.