loader

Principale

Motivi

Test di tolleranza al glucosio

Sinonimi: test di tolleranza al glucosio, GTT, test di tolleranza al glucosio, curva dello zucchero.

Il test di tolleranza al glucosio è un test di laboratorio che identifica 3 importanti indicatori nel sangue: insulina, glucosio e C-peptide. Lo studio viene eseguito due volte: prima e dopo il cosiddetto "carico".

Il test di tolleranza al glucosio consente di valutare un numero di importanti indicatori che determinano se un paziente ha una grave condizione pre-diabetica o diabete mellito.

Informazioni generali

Il glucosio è un semplice carboidrato (zucchero) che entra nel corpo con cibi comuni e viene assorbito nel sangue nell'intestino tenue. È questo sistema che fornisce al sistema nervoso, al cervello e ad altri organi interni e sistemi del corpo energia vitale. Per il normale benessere e una buona produttività, i livelli di glucosio dovrebbero rimanere stabili. Gli ormoni del pancreas regolano i suoi livelli ematici: insulina e glucagone. Questi ormoni sono antagonisti - l'insulina abbassa il livello di zucchero, e il glucagone, al contrario, aumenta.

Inizialmente, il pancreas produce una molecola di proinsulina, che è divisa in 2 componenti: insulina e C-peptide. E se l'insulina dopo la secrezione rimane nel sangue fino a 10 minuti, il peptide C ha un'emivita più lunga - fino a 35-40 minuti.

Nota: fino a poco tempo fa si credeva che il C-peptide non avesse valore per il corpo e non svolgesse alcuna funzione. Tuttavia, i risultati di recenti studi hanno rivelato che le molecole di C-peptide hanno recettori specifici sulla superficie che stimolano il flusso sanguigno. Quindi, determinare il livello di C-peptide può essere usato con successo per rilevare i disturbi nascosti del metabolismo dei carboidrati.

testimonianza

Il rinvio all'analisi può essere rilasciato da un endocrinologo, nefrologo, gastroenterologo, pediatra, chirurgo, terapeuta.

Il test di tolleranza al glucosio è assegnato nei seguenti casi:

  • glicosuria (livello di zucchero elevato nelle urine) in assenza di sintomi di diabete mellito e un livello normale di glucosio nel sangue;
  • sintomi clinici del diabete, ma i livelli di zucchero nel sangue e di urina sono normali;
  • predisposizione genetica al diabete;
  • determinazione della resistenza all'insulina nell'obesità, disturbi metabolici;
  • glucosuria sullo sfondo di altri processi:
    • tireotossicosi (aumento della secrezione di ormoni tiroidei della tiroide);
    • disfunzione epatica;
    • malattie infettive delle vie urinarie;
    • la gravidanza;
  • la nascita di bambini grandi di 4 kg (l'analisi viene eseguita e la donna e il neonato);
  • prediabete (biochimica del sangue preliminare per il livello di glucosio ha mostrato un risultato intermedio di 6,1-7,0 mmol / l);
  • la paziente incinta è a rischio di sviluppare il diabete mellito (il test viene eseguito, di regola, nel 2 ° trimestre).

Nota: di grande importanza è il livello del peptide C, che consente di valutare il grado di funzionamento delle cellule che secernono l'insulina (isole di Langerhans). A causa di questo indicatore, viene determinato il tipo di diabete mellito (insulino-dipendente o indipendente) e, di conseguenza, il tipo di terapia utilizzata.

GTT non è consigliabile eseguire nei seguenti casi

  • un recente infarto o ictus;
  • recente (fino a 3 mesi) intervento chirurgico;
  • la fine del 3o trimestre in donne incinte (preparazione per parto), parto e la prima volta dopo di loro;
  • biochimica del sangue preliminare ha mostrato un contenuto di zucchero superiore a 7,0 mmol / l.

Test di tolleranza al glucosio (come passare, risultati e velocità)

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) è utilizzato non solo come uno dei metodi di laboratorio per diagnosticare il diabete, ma anche come uno dei metodi di autocontrollo.

A causa del fatto che riflette il livello di glucosio nel sangue con l'uso di un minimo di mezzi, è facile e sicuro da usare non solo per i diabetici o le persone sane, ma anche per le donne in gravidanza che sono a lungo termine.

La relativa semplicità del test lo rende facilmente disponibile. Può prendere sia gli adulti che i bambini dai 14 anni di età e, in base a determinati requisiti, il risultato finale sarà il più chiaro possibile.

Quindi, qual è questo test, perché è necessario, come prenderlo e qual è la norma per i diabetici, le persone sane e le donne incinte? Capiamo

Tipi di test di tolleranza al glucosio

Seleziono diversi tipi di test:

  • orale (PGTT) o orale (OGTT)
  • endovenoso (VGTT)

Qual è la loro differenza fondamentale? Il fatto è che tutto sta nel metodo di introdurre i carboidrati. Il cosiddetto "carico di glucosio" viene prodotto dopo pochi minuti nel campo della prima raccolta di sangue, mentre vi verrà chiesto di bere acqua addolcita o riceverete una soluzione di glucosio per via endovenosa.

Il secondo tipo di HTT è usato molto raramente, perché la necessità di introdurre carboidrati nel sangue venoso è dovuta al fatto che il paziente non è in grado di bere acqua dolce da solo. Questa necessità sorge non così spesso. Ad esempio, in caso di grave tossicosi nelle donne in gravidanza, una donna può essere offerta per eseguire un "carico di glucosio" per via endovenosa. Inoltre, in quei pazienti che lamentano disturbi gastrointestinali, soggetti a una violazione rilevata dell'assorbimento di sostanze nel processo del metabolismo nutrizionale, è anche necessaria la somministrazione forzata di glucosio direttamente nel sangue.

Indicazioni GTT

I seguenti pazienti che potrebbero essere diagnosticati possono ricevere un referral per un'analisi da un terapeuta, ginecologo o endocrinologo e notare i seguenti disturbi:

  • sospetto diabete mellito di tipo 2 (nel processo di diagnosi), con l'effettiva presenza della malattia, nella selezione e regolazione del trattamento della "malattia da zucchero" (quando si analizzano risultati positivi o nessun effetto del trattamento);
  • diabete di tipo 1, nonché in autogestione;
  • sospetto diabete gestazionale o se è effettivamente presente;
  • prediabete;
  • sindrome metabolica;
  • alcuni malfunzionamenti nel lavoro dei seguenti organi: pancreas, ghiandole surrenali, ipofisi, fegato;
  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • l'obesità;
  • altre malattie endocrine.

Il test si è mostrato bene non solo nel processo di raccolta dei dati in caso di sospette malattie endocrine, ma anche nella conduzione dell'autocontrollo.

Per tali scopi, è molto conveniente utilizzare analizzatori di sangue biochimici portatili o misuratori di glucosio nel sangue. Certo, a casa è possibile analizzare solo sangue intero. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticare che qualsiasi analizzatore portatile consente una certa percentuale di errori e se si decide di donare il sangue venoso per analisi di laboratorio, gli indicatori saranno diversi.

Per mantenere l'autocontrollo, sarà sufficiente utilizzare analizzatori compatti, che, tra le altre cose, possono riflettere non solo il livello glicemico, ma anche il volume di emoglobina glicata (HbA1c). Ovviamente, il glucometro è un po 'più economico rispetto all'analizzatore biochimico del sangue espresso, che espande le possibilità di autocontrollo.

Controindicazioni per l'esecuzione di GTT

Non tutti sono autorizzati a fare questo test. Ad esempio, se una persona ha:

  • intolleranza al glucosio individuale;
  • malattie del tratto gastrointestinale (ad esempio, esacerbazione della pancreatite cronica si è verificata);
  • malattia infiammatoria o infettiva acuta;
  • tossicosi forte;
  • dopo il periodo operativo;
  • la necessità di riposare a letto.

Caratteristiche GTT

Abbiamo già capito in quali circostanze è possibile ottenere un rinvio per la consegna di un test tollerante al glucosio da laboratorio. Ora è il momento di capire come superare correttamente questo test.

Una delle caratteristiche più importanti è il fatto che il primo prelievo di sangue è fatto a stomaco vuoto e come una persona si è comportata prima che la donazione di sangue influenzi certamente il risultato finale. A causa di ciò, GTT può essere tranquillamente chiamato "capricci", perché è influenzato da quanto segue:

  • l'uso di bevande contenenti alcol (anche una piccola dose di alcol distorce i risultati);
  • fumo di tabacco;
  • lo sforzo fisico o la mancanza di ciò (se pratichi sport o conduca uno stile di vita inattivo);
  • quanto si mangia cibi zuccherati o si beve acqua (le abitudini alimentari influenzano direttamente questo test);
  • situazioni stressanti (frequenti esaurimenti nervosi, esperienze lavorative, a casa durante l'ammissione a un istituto di istruzione, nel processo di acquisizione di conoscenze o di esami, ecc.);
  • malattie infettive (ARI, ARVI, lieve raffreddore o rinite, influenza, mal di gola, ecc.);
  • condizione postoperatoria (quando una persona si riprende da un'operazione, è vietato per lui fare questo tipo di test);
  • farmaci (che influenzano lo stato mentale del paziente; farmaci ipoglicemizzanti, ormonali, stimolanti il ​​metabolismo e simili).

Come possiamo vedere, l'elenco delle circostanze che influenzano i risultati del test è molto lungo. È meglio informare il medico di quanto sopra.

A questo proposito, in aggiunta ad esso o come un tipo separato di diagnosi, vengono utilizzati

Può anche essere assunto durante la gravidanza, ma può mostrare un risultato falsamente alto a causa del fatto che si verificano cambiamenti troppo rapidi e gravi nel corpo di una donna incinta.

Come prendere

Questo test non è così difficile, anche se dura per 2 ore. La convenienza di un così lungo processo di raccolta dei dati è giustificata dal fatto che il livello di glucosio nel sangue non è costante, e il modo in cui è regolato dal pancreas dipende dal verdetto con cui il medico si ritroverà.

Effettuare il test di tolleranza al glucosio in più fasi:

1. prelievo di sangue a stomaco vuoto

Questa regola è obbligatoria per la conformità! Il digiuno dovrebbe durare da 8 a 12 ore, ma non oltre le 14 ore. Altrimenti, otterremo risultati inaffidabili, perché l'indicatore primario non è soggetto a ulteriori considerazioni e con esso sarà impossibile verificare l'ulteriore crescita e il declino della glicemia. Ecco perché donano sangue la mattina presto.

2. Carico di glucosio

Entro 5 minuti, il paziente beve "sciroppo di glucosio" o gli viene somministrata una soluzione dolce per via endovenosa (vedere Tipi di DTH).

Quando la soluzione di glucosio speciale al 50% VGTT viene somministrata per via endovenosa gradualmente da 2 a 4 minuti. O preparare una soluzione acquosa, che ha aggiunto 25 g di glucosio. Se parliamo di bambini, l'acqua dolce viene preparata al ritmo di 0,5 g / kg di peso corporeo ideale.

Quando PGTT, OGTT persone entro 5 minuti devono bere acqua calda dolce (250 - 300 ml), che ha sciolto 75 g di glucosio. Per le donne incinte, il dosaggio è diverso. Si dissolvono da 75 g a 100 g di glucosio. 1,75 g / kg di peso corporeo vengono sciolti in acqua nei bambini, ma non più di 75 g.

Gli asmatici o quelli che hanno l'angina, hanno avuto un ictus o un attacco di cuore, si raccomanda di usare 20 g di carboidrati veloci.

Il glucosio per l'impasto tollerante al glucosio è venduto in farmacia sotto forma di polvere

Non puoi caricare i carboidrati da solo!

Assicurati di consultare il medico prima di trarre conclusioni affrettate e di condurre un GTT non autorizzato con un carico a casa!

Con l'autocontrollo, è meglio prendere sangue la mattina a stomaco vuoto, dopo ogni pasto (non prima di 30 minuti) e prima di andare a dormire.

3. Raccolta del sangue ripetuta

In questa fase, produrre diversi campioni di sangue. In 60 minuti più volte prenderanno del sangue per l'analisi, e sarà possibile controllare le fluttuazioni del glucosio nel sangue, sulla base del quale sarà possibile trarre conclusioni.

Se almeno sai come vengono digeriti i carboidrati (cioè sai come assumere il metabolismo dei carboidrati), allora sarà facile intuire che il glucosio più veloce è consumato - meglio è il nostro pancreas. Se la "curva dello zucchero" rimane al picco per un tempo piuttosto lungo e praticamente non diminuisce, allora possiamo già parlare almeno dei prediabetes.

Anche se il risultato è stato positivo e in precedenza diagnosticato con diabete, non è un motivo per sconvolgere prima del tempo.

In effetti, il test di tolleranza al glucosio richiede sempre un nuovo test! Chiamalo molto preciso - è impossibile.

Il medico prescriverà la riconsegna dell'analisi, che, in base alle prove ottenute, sarà in grado di consigliare il paziente in qualche modo. Tali casi non sono infrequenti, quando l'analisi doveva essere eseguita da una a tre volte se non erano stati utilizzati altri metodi di diagnosi del diabete di tipo 2 o se non erano stati segnalati fattori precedentemente descritti nell'articolo (farmaci, donazione di sangue non a stomaco vuoto o ecc).

Risultati dei test, norma nel diabete e durante la gravidanza

metodi di test del sangue e dei suoi componenti

Diciamo subito che è necessario riconciliare la testimonianza, tenendo conto del tipo di sangue analizzato durante il test.

Può essere considerato come un intero sangue capillare e venoso. Tuttavia, i risultati non differiscono così tanto. Per esempio, se guardiamo al risultato dell'analisi del sangue intero, saranno un po 'meno di quelli ottenuti durante il test dei componenti del sangue ottenuti da una vena (nel plasma).

Con il sangue intero, tutto è chiaro: hanno punzecchiato un dito con un ago, preso una goccia di sangue per l'analisi biochimica. Per questi scopi, il sangue non richiede molto.

Il sistema venoso è un po 'diverso: il primo sangue viene prelevato da una vena in un tubo freddo (è meglio, ovviamente, utilizzare un tubo a vuoto, quindi non saranno necessarie frodi extra con conservazione del sangue), che contiene conservanti speciali che consentono di salvare il campione prima di testarlo. Questa è una fase molto importante, dal momento che i componenti in eccesso non devono essere mescolati con il sangue.

I conservanti di solito usano diversi:

  • fluoruro di sodio al tasso di 6 mg / ml di sangue intero

Rallenta i processi enzimatici nel sangue, e con tale dosaggio praticamente li ferma. Perché è necessario? Innanzitutto, non è per niente che il sangue viene inserito in un tubo freddo. Se hai già letto il nostro articolo sull'emoglobina glicata, allora sai che sotto l'azione del calore, l'emoglobina è "zuccherata", a condizione che il sangue contenga molto tempo una grande quantità di zucchero.

Inoltre, sotto l'azione del calore e con l'effettivo accesso dell'ossigeno, il sangue inizia a "deteriorarsi" più velocemente. Si ossida, diventa più tossico. Per evitare che ciò si verifichi, oltre al fluoruro di sodio, viene aggiunto un altro ingrediente al tubo.

Previene la coagulazione del sangue.

Quindi il tubo viene posto nel ghiaccio e viene preparata un'attrezzatura speciale per la separazione del sangue in componenti. Il plasma è necessario per farlo usando una centrifuga e, scusami per la tautologia, ha centrifugato il sangue. Il plasma è posto in un'altra provetta e l'analisi diretta sta già iniziando.

Tutte queste frodi devono essere eseguite rapidamente e entro un intervallo di trenta minuti. Se il plasma viene separato più tardi di questo tempo, allora il test può essere considerato fallito.

Inoltre, per quanto riguarda l'ulteriore processo di analisi del sangue capillare e venoso. In laboratorio possono utilizzare diversi approcci:

  • metodo della glucosio ossidasi (norma 3.1 - 5.2 mmol / litro);

Per dirla in modo molto semplice e approssimativo, si basa sull'ossidazione enzimatica con glucosio ossidasi, quando si forma il perossido di idrogeno in uscita. L'ortotolidina precedentemente incolore, sotto l'azione della perossidasi, acquisisce una tinta bluastra. Circa la concentrazione di glucosio "dice" la quantità di particelle pigmentate (dipinte). Più di loro - più alto è il livello di glucosio.

  • metodo di orthotoluidine (norma 3,3 - 5,5 mmol / litro)

Se nel primo caso esiste un processo ossidativo basato su una reazione enzimatica, qui l'azione avviene in un mezzo già acido e l'intensità della colorazione avviene sotto l'azione di una sostanza aromatica derivata dall'ammoniaca (questa è ortotoluidina). Si verifica una reazione organica specifica a seguito della quale le aldeidi glucidiche vengono ossidate. La quantità di glucosio è indicata dalla saturazione del colore della "sostanza" della soluzione ottenuta.

Il metodo dell'ortotoluidina è considerato più accurato, di conseguenza, è più spesso utilizzato nel processo di analisi del sangue al GTT.

In generale, ci sono molti metodi per determinare la glicemia, che sono usati per i test, e tutti sono divisi in diverse grandi categorie: colorimetrico (il secondo metodo, da noi considerato); enzimatico (il primo metodo da noi considerato); reduktometricheskie; elettrochimica; strisce reattive (utilizzate nei misuratori di glicemia e altri analizzatori portatili); misto.

il tasso di glucosio nelle persone sane e nel diabete

Divideremo immediatamente gli indici normalizzati in due sottosezioni: la norma del sangue venoso (analisi del plasma) e la norma del sangue intero capillare prelevato da un dito.

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza: quanto tempo e come passare?

Fin dall'inizio del periodo di gravidanza, cambiamenti significativi nei processi metabolici si verificano nel corpo della donna, compresi quelli di carboidrati. Per rilevare le violazioni di quest'ultimo, vengono utilizzate la determinazione del livello di zucchero nel sangue e il test di tolleranza al glucosio orale durante la gravidanza. Rispetto agli uomini, il diabete tra le donne è molto più comune e vi è una chiara associazione con il periodo gestazionale e il parto - GDM (diabete mellito gestazionale).

Metodi per rilevare il metabolismo dei carboidrati compromessa

La prevalenza del diabete tra le donne incinte è in media del 4,5% in Russia nel loro numero totale. Nel 2012, il Consenso Nazionale Russo ha definito il GDM e raccomandato per l'applicazione pratica nuovi criteri per la sua diagnosi, così come il trattamento e l'osservazione post-partum.

Il diabete in gravidanza è una malattia caratterizzata da un alto livello di zucchero nel sangue, che viene rilevato per la prima volta, ma non soddisfa i criteri adottati per la malattia (manifesta) di nuova diagnosi. Questi criteri sono i seguenti:

  • il tenore di zucchero a digiuno è superiore a 7,0 mmol / l (di seguito denominati gli stessi nomi di unità) o uguale a tale valore;
  • la glicemia, confermata nella rianalisi, che è in qualsiasi momento durante il giorno e indipendentemente dalla dieta, è uguale o superiore a 11,1.

In particolare, se una donna ha un livello di zucchero a digiuno nel plasma venoso inferiore a 5,1 e quando viene somministrata per via orale per la tolleranza al glucosio, 1 ora dopo il carico è inferiore a 10,0, dopo 2 ore - inferiore a 8,5, ma superiore a 7,5 - Queste sono le opzioni standard per le donne incinte. Allo stesso tempo, per le donne non gravide, questi risultati indicano una violazione del metabolismo dei carboidrati.

Quanto dura il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza?

Il rilevamento del metabolismo dei carboidrati avviene in fasi:

  1. È richiesto un sondaggio di Fase I. Viene nominato alla prima visita di un medico di qualsiasi profilo da una donna per un massimo di 24 settimane.
  2. Allo stadio II, il test di tolleranza al glucosio orale viene eseguito con 75 grammi di glucosio al momento di 24-28 settimane di gestazione (in modo ottimale, 24-26 settimane). In alcuni casi (vedi sotto), tale studio è possibile fino a 32 settimane; se c'è un rischio elevato - da 16 settimane; nel rilevamento dello zucchero nei test delle urine - da 12 settimane.

La Fase I deve condurre uno studio di laboratorio sul glucosio plasmatico a digiuno dopo un digiuno di 8 ore (non meno). È anche possibile studiare il sangue e indipendentemente dalla dieta. Se le norme vengono superate, ma il contenuto di glucosio nel sangue è inferiore a 11,1, allora questa è un'indicazione per ripetere lo studio a stomaco vuoto.

Se i risultati del test soddisfano i criteri per il diabete (manifest) diagnosticato di recente, la donna si rivolge immediatamente a un endocrinologo per ulteriori osservazioni e trattamenti appropriati. In caso di contenuto di glucosio a digiuno superiore a 5,1, ma inferiore a 7,0 mmol / l, viene diagnosticata la GSD.

Come condurre un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

testimonianza

Il test per la tolleranza al glucosio viene effettuato a tutte le donne nei seguenti casi:

  1. L'assenza di anomalie nei risultati della prima fase dell'indagine all'inizio della gravidanza.
  2. La presenza di almeno uno dei segni di alto rischio di HSD, segni ecografici di disturbi del metabolismo dei carboidrati nel feto o alcune dimensioni ecografiche del feto. In questo caso, il test può includere la 32a settimana.

I segnali ad alto rischio includono:

  • alto grado di obesità: indice di massa corporea è 30 kg / m 2 e superiore;
  • la presenza di diabete mellito nei parenti prossimi (nella prima generazione);
  • la presenza nel passato di diabete mellito gestazionale o di qualsiasi interruzione del metabolismo dei carboidrati; in questo caso, i test vengono effettuati alla prima visita dai medici (a partire da 16 settimane).

Il test di tolleranza al glucosio è pericoloso durante la gravidanza?

Questo studio non presenta rischi per donne e feti fino a 32 settimane. Trattenerlo dopo il periodo specificato può essere pericoloso per il feto.

Il test non viene condotto nei seguenti casi:

  • tossicosi precoce delle donne in gravidanza;
  • osservanza del riposo a letto;
  • la presenza di malattie dello stomaco operato;
  • la presenza di colecistopancreatite cronica nella fase acuta;
  • la presenza di malattia infiammatoria acuta infettiva o acuta.

formazione

Le condizioni per il test di tolleranza al glucosio includono:

  1. Nutrizione normale durante i precedenti 3 (almeno) giorni con un contenuto di carboidrati giornaliero di almeno 150 g.
  2. Contenuto di carboidrati obbligatorio nella quantità di 30-50 g nell'ultimo pasto.
  3. Digiunare (ma non limitare l'assunzione di acqua) per 8-14 ore notturne prima del test.
  4. Esclusione (se possibile) di assunzione di farmaci contenenti zucchero (preparati farmaceutici di vitamine e ferro, antitosse, ecc.), Nonché preparati beta-bloccanti, beta-adrenomimetici e glucocorticosteroidi; devono essere prelevati dopo il prelievo di sangue o informare il medico circa la necessità di riceverli prima del test (per un'adeguata interpretazione dei risultati del test).
  5. Avvertire il medico circa il test sullo sfondo di assunzione di progesterone.
  6. Smettere di fumare e posizionare il paziente in posizione seduta fino alla fine del test.

Fasi di

  1. Prendendo il primo campione di sangue da una vena e conducendo la sua analisi. Nel caso in cui i risultati indichino la presenza di diabete mellito di nuova diagnosi o gestazionale, lo studio è terminato.
  2. Condurre il carico di zucchero con i normali risultati del primo stadio. Consiste del paziente che riceve 75 g di polvere di glucosio sciolta in 0,25 l di acqua calda (37-40 ° C) per 5 minuti.
  3. Successiva campionatura e analisi di campioni successivi dopo 60 minuti e poi dopo 120 minuti. Se il risultato della seconda analisi indica la presenza di GSD, la terza raccolta di sangue viene annullata.

Interpretazione dei risultati del test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Quindi, se la concentrazione di glucosio a digiuno nel sangue è inferiore a 5,1, questa è la norma, e sopra 7,0 è il diabete manifesto; se supera il 5.1, ma allo stesso tempo, sotto 7.0 o 60 minuti dopo il carico di glucosio - 10.0, o dopo 120 minuti - 8.5 - questo è GSD.

Tab. 1 Soglia di glucosio plasmatico venoso per la diagnosi di GSD

Tab. 2 Valori soglia di glucosio del plasma venoso per la diagnosi di diabete manifesto durante la gravidanza

L'approccio corretto per identificare e trattare il diabete (se necessario) riduce notevolmente i rischi di complicazioni durante la gravidanza e il parto e il grado di rischio di sviluppare diabete in un futuro lontano tra le donne predisposte.

Test di tolleranza al glucosio

Il test di tolleranza al glucosio (test di tolleranza al glucosio) è un metodo di ricerca che rivela una ridotta sensibilità al glucosio e nelle prime fasi consente di diagnosticare una condizione pre-diabetica e una malattia - diabete mellito. Viene anche effettuato durante la gravidanza e ha la stessa preparazione per la procedura.

Concetti generali

Esistono diversi modi per introdurre il glucosio nel corpo:

  • orale, o per bocca, bevendo una soluzione di una certa concentrazione;
  • endovenosa, o con un contagocce o un'iniezione in una vena.

Lo scopo del test di tolleranza al glucosio è:

  • conferma della diagnosi di diabete;
  • diagnosticare l'ipoglicemia;
  • diagnosi di sindrome da assorbimento del glucosio nel lume del tratto gastrointestinale.

formazione

Prima della procedura, il medico deve condurre una conversazione esplicativa con il paziente. Spiega in dettaglio la preparazione e rispondi a tutte le tue domande. Il tasso di glucosio per ciascuno ha il suo valore, quindi è necessario conoscere le misurazioni precedenti.

  1. Il medico deve informarsi sui farmaci assunti dal paziente ed escludere quelli che possono modificare i risultati del test. Se la cancellazione dei farmaci è impossibile, allora vale la pena scegliere un'alternativa o tener conto di questo fattore per decifrare i risultati.
  2. Entro 3 giorni prima della procedura, non si dovrebbe limitare il consumo di carboidrati, il cibo dovrebbe essere normale. La quantità di carboidrati dovrebbe essere 130-150 grammi (questa è la norma per la dieta).
  3. L'ultima sera prima della procedura è di ridurre la quantità di carboidrati a 50-80 grammi.
  4. Immediatamente prima del test di tolleranza al glucosio stesso, dovrebbero passare 8-10 ore di digiuno. È permesso bere solo acqua non gassata. È vietato fumare e bere alcolici e caffè.
  5. L'esercizio non deve essere estenuante. Tuttavia, si dovrebbe evitare l'ipodinia (ridotta attività fisica).
  6. La sera prima del test dovresti evitare uno sforzo fisico pesante.
  7. Durante una consultazione con un medico, è necessario scoprire il luogo esatto e il momento del prelievo di sangue da una vena prima della somministrazione di glucosio (usando la somministrazione orale o endovenosa).
  8. Durante il prelievo di sangue, sono possibili disagio, vertigini, nausea, irritazione dovuta all'uso di un laccio emostatico.
  9. Deve informare immediatamente il medico o il personale medico minore sullo stato di ipoglicemia (nausea, vertigini, sudorazione eccessiva, crampi alle mani e ai piedi).

Procedura di prova

  1. Al mattino, di solito alle 8, viene prelevato del sangue dal paziente. Prima c'era un veloce di 8-10 ore, quindi questo campione sarà il controllo. Il sangue viene prelevato da un dito (capillare) o da una vena. Utilizzando il metodo endovenoso di somministrazione di glucosio, piuttosto che la somministrazione orale, viene utilizzato un catetere, che rimane in vena fino alla fine del test.
  2. Viene misurato il livello di glucosio nelle urine. Un vaso di analisi può essere portato al paziente da solo, oppure possono essere testati direttamente in ospedale.
  3. Al paziente viene dato di bere 75 grammi di glucosio disciolto in 300 ml di acqua calda pura non gassata. Si raccomanda di bere il volume di liquido entro 5 minuti. Da questo momento in poi, la ricerca inizia e il tempo scorre.
  4. Quindi ogni ora e, se necessario, ogni 30 minuti, il sangue viene raccolto per l'analisi. Utilizzando la via di somministrazione orale - da un dito, per via endovenosa - da una vena usando un catetere.
  5. Inoltre, l'urina viene presa a intervalli regolari.
  6. Per formare una quantità sufficiente di urina, si raccomanda di bere acqua calda e pura.
  7. Se durante il test il paziente si ammala, è necessario sdraiarlo sul divano.
  8. Dopo lo studio, lo staff medico deve verificare che il paziente abbia mangiato bene, senza escludere i carboidrati dalla dieta.
  9. Subito dopo lo studio, vale la pena riprendere a prendere farmaci che potrebbero influenzare il risultato dell'analisi.

Durante la gravidanza, il test non viene eseguito se la concentrazione di glucosio prima di un pasto è superiore a 7 mmol / l.

Anche durante la gravidanza è quello di ridurre la concentrazione di glucosio nella bevanda. Nel terzo trimestre, l'uso di 75 mg è inaccettabile, poiché influenzerà la salute del bambino.

Valutazione dei risultati

Nella maggior parte dei casi, i risultati sono forniti per il test di tolleranza, che è stato effettuato utilizzando la somministrazione orale di glucosio. Ci sono 3 risultati finali per i quali viene fatta una diagnosi.

  1. La tolleranza al glucosio è normale. È caratterizzato dal livello di zucchero nel sangue venoso o capillare 2 ore dopo l'inizio dello studio, non più di 7,7 mmol / l. Questa è la norma.
  2. Tolleranza al glucosio alterata. È caratterizzato da valori da 7,7 a 11 mmol / l due ore dopo aver bevuto la soluzione.
  3. Il diabete mellito. I valori dei risultati in questo caso sono superiori a 11 mmol / l dopo 2 ore, utilizzando la via orale della somministrazione di glucosio.

Cosa può influenzare il risultato del test

  1. Inosservanza delle norme in materia di nutrizione e attività fisica. Qualsiasi deviazione dai limiti richiesti comporterà una modifica del risultato del test di tolleranza al glucosio. Con certi risultati, è possibile fare una diagnosi errata, sebbene in realtà non ci sia patologia.
  2. Malattie infettive, raffreddori, portatili al momento della procedura o pochi giorni prima.
  3. Gravidanza.
  4. Età. Particolarmente importante è l'età pensionabile (50 anni). Ogni anno diminuisce la tolleranza al glucosio, che influisce sui risultati del test. Questa è la norma, ma dovrebbe essere presa in considerazione al momento di decifrare i risultati.
  5. Rifiuto dai carboidrati per un certo periodo (malattia, dieta). Il pancreas, che non è abituato a rilasciare regolarmente insulina per il glucosio, non è in grado di adattarsi rapidamente a un forte aumento del glucosio.

Condurre un test di gravidanza

Il diabete gestazionale è una condizione simile al diabete mellito che si verifica durante la gravidanza. Tuttavia, è probabile che la condizione rimanga dopo la nascita del bambino. Questo è lontano dalla norma e tale diabete durante la gravidanza può influire negativamente sulla salute sia del bambino che della donna stessa.

Il diabete gestazionale è associato agli ormoni secreti dalla placenta, quindi anche una concentrazione elevata di glucosio non dovrebbe essere percepita come non normale.

Il test durante la gravidanza per la tolleranza al glucosio viene effettuato non prima di 24 settimane. Tuttavia, ci sono fattori per i quali è possibile effettuare i primi test:

  • l'obesità;
  • la presenza di parenti con diabete di tipo 2;
  • rilevazione del glucosio nelle urine;
  • disturbi precoci o reali del metabolismo dei carboidrati.

Il test di tolleranza al glucosio non viene eseguito con:

  • tossicosi precoce;
  • incapacità di alzarsi dal letto;
  • malattie infettive;
  • esacerbazione di pancreatite.

Il test di tolleranza al glucosio è il metodo di ricerca più affidabile, i cui risultati possono indicare con precisione la presenza di diabete mellito, predisposizione ad esso o l'assenza di esso. Durante la gravidanza, il diabete gestazionale appare nel 7-11% di tutte le donne, il che richiede anche tale studio. Per superare il test di tolleranza al glucosio dopo 40 anni vale ogni tre anni, e in presenza di una predisposizione - più spesso.

Suggerimenti chiave su come prepararsi per un test tollerante al glucosio: cosa si può e non si può mangiare e bere prima dell'analisi

Il test di tolleranza al glucosio non è solo un metodo diagnostico informativo, che consente di diagnosticare il diabete con elevata precisione.

Questa analisi è ideale anche per l'auto-monitoraggio. Questo studio consente di testare le prestazioni del pancreas e determinare con precisione il tipo di patologia.

L'essenza del test è ridotta all'introduzione nel corpo di una certa dose di glucosio e al controllo di porzioni di sangue per controllarne il contenuto di zucchero. Il sangue è preso da una vena.

La soluzione di glucosio, a seconda del benessere e delle capacità fisiche del paziente, può essere ingerita naturalmente o introdotta attraverso una vena.

La seconda opzione viene solitamente utilizzata in caso di avvelenamento e gravidanza, quando la gestante ha tossicosi. Per ottenere un risultato accurato dello studio, è necessario prepararsi adeguatamente.

L'importanza di una preparazione adeguata per il test di tolleranza al glucosio

Sia la prima che la seconda versione sono distorte e non possono riflettere lo stato reale delle cose.

Di conseguenza, la protezione del corpo dalle influenze esterne è la chiave per ottenere il risultato corretto. Per eseguire la formazione, è sufficiente osservare alcune semplici regole, che saranno discusse di seguito.

Come prepararsi per il test di tolleranza al glucosio?

Durante questo periodo, è necessario monitorare la dieta.

Si tratta di mangiare solo quei cibi, l'indice glicemico di cui è medio o alto.

I prodotti con un basso contenuto di carboidrati per questo periodo dovrebbero essere messi da parte. La dose giornaliera di carboidrati nel processo di preparazione dovrebbe essere di 150 g, e all'ultimo pasto - non più di 30-50 g.

L'aderenza a una dieta a basso contenuto di carboidrati è inaccettabile. Una carenza di questa sostanza nel cibo innescherà lo sviluppo di ipoglicemia (basso contenuto di zucchero), in conseguenza della quale i dati ottenuti saranno inadatti per il confronto con i test successivi.

Cosa non puoi mangiare prima dell'analisi e quanto tempo dovrebbe essere dopo una pausa dopo un pasto?

Circa un giorno prima del passaggio del test del glucosio-ternato, è auspicabile abbandonare i dessert. Tutti i dolci sono banditi: dolci, gelati, torte, marmellate, gelatine, zucchero filato e molti altri tipi di cibi preferiti.

Dovresti anche escludere dalla dieta bevande dolci: tè e caffè zuccherati, succhi di tetrapack, Coca-Cola, Fantu e altri.

Per prevenire i picchi di zucchero, l'ultimo pasto dovrebbe essere di 8-12 ore prima della comparsa in laboratorio. Il digiuno più lungo del periodo specificato non è raccomandato, perché in questo caso il corpo soffrirà di ipoglicemia.

Il risultato saranno indicatori distorti che non sono adatti per il confronto con i risultati di parti del sangue prelevate in seguito. Durante il periodo di "sciopero della fame", puoi usare acqua naturale.

Cosa può influenzare i risultati dello studio?

Oltre ad aderire a un programma dietetico specifico, è anche importante monitorare l'adempimento di alcune altre prescrizioni, che possono anche avere un impatto sulla glicemia.

Per eliminare la distorsione degli indicatori, osservare i seguenti punti:

  1. la mattina prima del test, non puoi lavarti i denti o rinfrescare il respiro con il chewing gum. Sia nel dentifricio che nel chewing gum c'è lo zucchero, che penetra immediatamente nel sangue, innescando lo sviluppo dell'iperglicemia. Se c'è un bisogno urgente, puoi sciacquarti la bocca dopo aver dormito con acqua pura;
  2. se il giorno prima dovevi essere abbastanza nervoso, rimanda lo studio per un giorno o due. Lo stress nel modo più imprevedibile può influenzare il risultato finale, innescando sia un aumento che una diminuzione del livello di zucchero nel sangue;
  3. Non dovresti sottoporti a un test di tolleranza al glucosio se dovessi sottoporti a una radiografia, una procedura trasfusionale e una fisioterapia. In questo caso, non otterrai risultati accurati e la diagnosi fatta da uno specialista sarà errata;
  4. Non sottoporsi al test se hai il raffreddore. Anche se la temperatura corporea è normale, con un'affluenza in laboratorio è meglio aspettare. Con il raffreddore, il corpo lavora in una modalità avanzata, producendo attivamente ormoni. Di conseguenza, il livello di zucchero nel sangue può anche aumentare fino a quando lo stato di salute ritorna normale;
  5. Non è necessario fare passeggiate nei periodi tra i campioni di sangue. L'attività fisica abbasserà i livelli di zucchero. Per questo motivo, è meglio stare in posizione seduta per 2 ore nella clinica. Per non annoiarti, puoi prendere una rivista, un giornale, un libro o un gioco elettronico da casa.

Il paziente può bere acqua?

Se è acqua normale, che non contiene dolcificanti, aromi o altri agenti aromatizzanti, allora puoi bere questa bevanda durante l'intero periodo di "sciopero della fame" e anche al mattino prima di fare il test.

L'acqua minerale non gassata o gassata non è adatta per l'uso durante la preparazione attiva.

Le sostanze contenute in esso possono in modo inaspettato influenzare il livello di glicemia.

Come preparare una soluzione per l'analisi della tolleranza al glucosio?

La polvere per la preparazione della soluzione di glucosio può essere acquistata presso una farmacia normale. Ha un prezzo accessibile e viene venduto quasi ovunque. Pertanto, problemi con il suo acquisto non saranno.

La proporzione in cui la polvere è mescolata con l'acqua può essere diversa. Tutto dipende dall'età e dalle condizioni del paziente. Le raccomandazioni riguardo alla scelta dei volumi di fluido danno al medico. Di norma, gli specialisti usano le seguenti proporzioni.

Polvere per la preparazione della soluzione di glucosio

Nel corso del test, i pazienti ordinari dovrebbero consumare 75 g di glucosio, diluiti in 250 ml di acqua pura senza gas e aromi.

Se parliamo di un paziente bambino, il glucosio viene diluito a una velocità di 1,75 g per chilogrammo di peso. Se il paziente pesa più di 43 kg, viene utilizzata la proporzione totale per lui. Per le donne incinte, la proporzione è uguale a 75 g di glucosio, diluiti in 300 ml di acqua.
Si consiglia di bere la soluzione per 5 minuti, dopo di che il tecnico preleverà il sangue da voi per lo zucchero ogni 30 minuti per monitorare il lavoro del pancreas.

In alcune istituzioni mediche, la preparazione della soluzione di glucosio viene effettuata dal medico stesso.

Pertanto, il paziente non deve preoccuparsi della proporzionalità corretta.

Se si passa il test presso una struttura medica pubblica, potrebbe essere richiesto di portare acqua e polvere per preparare la soluzione e tutte le azioni necessarie per la preparazione della soluzione saranno eseguite dal medico stesso.

Come condurre un test per la tolleranza al glucosio - le indicazioni per lo studio e l'interpretazione dei risultati

Le conseguenze della malnutrizione, sia nelle donne che negli uomini, possono essere una violazione della produzione di insulina, che è piena dello sviluppo del diabete, quindi è importante prendere periodicamente il sangue da una vena per condurre un test di tolleranza al glucosio. Dopo aver decifrato gli indicatori, la diagnosi di diabete o diabete gestazionale in donne in gravidanza è sospettata o confutata. Familiarizzare con la procedura di preparazione per l'analisi, il processo di conduzione del campione e la decodifica degli indicatori.

Test di tolleranza al glucosio

Il test del glucosio-tollerante (GTT) o del test di tolleranza al glucosio si riferisce a specifici metodi di esame che aiutano a identificare l'atteggiamento del corpo nei confronti dello zucchero. Con il suo aiuto, viene determinata la propensione al diabete mellito, il sospetto di malattia latente. Sulla base di indicatori, è possibile intervenire nel tempo ed eliminare le minacce. Esistono due tipi di test:

  1. La tolleranza al glucosio orale o orale - il carico di zucchero viene effettuato pochi minuti dopo il primo prelievo di sangue, al paziente viene chiesto di bere acqua addolcita.
  2. Endovenoso - quando è impossibile usare indipendentemente l'acqua, viene iniettato per via endovenosa. Questo metodo è utilizzato per le donne in gravidanza con grave tossicosi, i pazienti con disturbi gastrointestinali.

Indicazioni per

Ottenere un rinvio da un medico, ginecologo, endocrinologo per testare la tolleranza al glucosio durante la gravidanza o il sospetto di diabete mellito può pazienti che hanno notato i seguenti fattori:

  • sospetto di diabete di tipo 2;
  • l'effettiva presenza del diabete;
  • per la selezione e l'adeguamento del trattamento;
  • se sospetti o hai il diabete gestazionale;
  • prediabete;
  • sindrome metabolica;
  • malfunzionamenti del pancreas, delle ghiandole surrenali, dell'ipofisi, del fegato;
  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • obesità, malattie endocrine;
  • autogestione del diabete.

Come eseguire un test di tolleranza al glucosio

Se il medico sospetta una delle malattie sopra elencate, darà indicazioni per il test di tolleranza al glucosio. Questo metodo di indagine è specifico, sensibile e "capriccioso". Dovresti prepararti con cura per non ottenere risultati falsi, quindi scegliere un trattamento insieme al tuo medico per eliminare i rischi e le possibili minacce, le complicazioni durante il corso del diabete.

Preparazione per la procedura

Prima del test, devi prepararti attentamente. Le misure di preparazione includono:

  • un divieto di assunzione di alcol per diversi giorni;
  • giorno non fumatori il giorno del test;
  • informi il medico del livello di attività fisica;
  • per il giorno, non mangiare cibi zuccherati, il giorno della consegna delle analisi, non bere molta acqua, seguire la dieta corretta;
  • considerare lo stress;
  • Non eseguire il test per malattie infettive, condizioni post-operatorie;
  • tre giorni per interrompere l'assunzione di farmaci: ipoglicemico, ormonale, stimolante del metabolismo, deprimente della psiche.

Sangue a digiuno

Il test per glicemia dura due ore, perché durante questo periodo è possibile raccogliere informazioni ottimali sul livello di glicemia nel sangue. Il primo stadio del test è il prelievo di sangue, che dovrebbe essere fatto a stomaco vuoto. Il digiuno dura 8-12 ore, ma non più di 14, altrimenti c'è il rischio di risultati inaccurati della GTT. Vengono testati nelle prime ore del mattino in modo che sia possibile verificare la crescita o il declino dei risultati.

Carico di glucosio

Il secondo passo è prendere il glucosio. Il paziente beve lo sciroppo dolce o gliene somministrato per via endovenosa. Nel secondo caso, una soluzione speciale al 50% di glucosio viene somministrata lentamente per 2-4 minuti. Per la preparazione viene utilizzata una soluzione acquosa con 25 g di glucosio, per i bambini, la soluzione viene preparata alla velocità di 0,5 g per chilogrammo di peso corporeo, ma non più di 75 g, quindi viene donato il sangue.

Con una prova orale in cinque minuti, una persona beve 250-300 ml di acqua calda dolce con 75 g di glucosio. Le gravide si sciolgono nella stessa quantità di 75-100 grammi. Per gli asmatici, i pazienti con angina pectoris, ictus o infarto, si consiglia di assumere solo 20 g. Il carico di carboidrati non viene effettuato da solo, sebbene la polvere di glucosio sia venduta senza ricetta nelle farmacie.

Raccolta ripetuta di sangue

Nell'ultima fase, vengono eseguiti diversi esami del sangue ripetuti. Per un'ora, il sangue viene prelevato da una vena diverse volte per controllare le fluttuazioni del glucosio. Secondo i loro dati, le conclusioni sono già state tratte, viene fatta una diagnosi. Il test richiede sempre il ricontrollo, soprattutto se ha dato un risultato positivo e la curva dello zucchero ha mostrato stadi del diabete. È necessario superare i test come prescritto da un medico.

Risultati del test di tolleranza al glucosio

In base ai risultati del test sullo zucchero, viene determinata la curva dello zucchero, che mostra lo stato del metabolismo dei carboidrati. 5,5-6-6 mmol per litro di sangue capillare e 6,1-7 venoso sono considerati normali. Gli indicatori di zucchero sopra indicati indicano prediabete e possibile compromissione della funzione di tolleranza al glucosio, fallimento del pancreas. Con una percentuale di 7,8-11,1 di un dito e oltre 8,6 mmol per litro di vena, viene diagnosticato il diabete. Se dopo il primo prelievo di sangue il numero è superiore a 7,8 dal dito e 11,1 dalla vena, è vietato condurre il test a causa dello sviluppo del coma iperglicemico.

Cause di indicatori errati

Un risultato falso positivo (alto in sano) è possibile con il riposo a letto o dopo un lungo digiuno. Le ragioni per le indicazioni false-negative (livello di zucchero in un paziente è normale) sono:

  • assorbimento del glucosio alterato;
  • dieta ipocalorica - una restrizione nei carboidrati o nel cibo prima del test;
  • aumento dell'attività fisica.

Controindicazioni

Non è sempre consentito condurre un test per la determinazione della tolleranza al glucosio. Le controindicazioni per il superamento del test sono:

  • intolleranza individuale allo zucchero;
  • malattie del tratto gastrointestinale, esacerbazione di pancreatite cronica;
  • malattia infiammatoria o infettiva acuta;
  • tossicosi forte;
  • il periodo postoperatorio;
  • conformità con il riposo a letto standard.

Test del glucosio durante la gravidanza

Durante la gestazione, il corpo di una donna incinta è sottoposto a un forte stress, c'è una carenza di oligoelementi, minerali, vitamine. Le donne in gravidanza seguono una dieta, ma alcuni possono consumare una maggiore quantità di alimenti, in particolare i carboidrati, che possono portare a diabete gestazionale (iperglicemia prolungata). Per rilevarlo e prevenirlo, analizzano anche la sensibilità al glucosio. Mantenendo un livello elevato di glucosio nel sangue nel secondo stadio, la curva dello zucchero indica lo sviluppo del diabete.

Gli indicatori indicano la malattia: il livello di zucchero a stomaco vuoto è superiore a 5,3 mmol / l, un'ora dopo l'ingestione è superiore a 10, dopo due ore è 8,6. Una volta rilevata la condizione gestazionale, il medico prescrive un secondo test per la donna per confermare o confutare la diagnosi. Alla conferma, viene prescritto un trattamento in base alla durata della gravidanza, il travaglio viene eseguito alla settimana 38. 1,5 mesi dopo la nascita del bambino, l'analisi della tolleranza al glucosio viene ripetuta.

video

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Come eseguire il test di tolleranza al glucosio (istruzioni, decodifica)

Più della metà della nutrizione della maggior parte delle persone è costituita da carboidrati, sono assorbiti nel tratto gastrointestinale e rilasciati come glucosio nel sangue. Il test di tolleranza al glucosio ci fornisce informazioni sulla misura in cui e quanto velocemente il nostro corpo è in grado di elaborare questo glucosio, utilizzandolo come energia per il sistema muscolare.

Il termine "tolleranza" in questo caso indica quanto efficientemente le cellule del nostro corpo sono in grado di assumere glucosio. Test tempestivi possono prevenire il diabete e una serie di malattie causate da disordini metabolici. Lo studio è semplice, ma informativo e ha un minimo di controindicazioni.

È consentito a tutti i maggiori di 14 anni e durante la gravidanza è generalmente obbligatorio e si svolge almeno una volta durante il trasporto del bambino.

Metodi per il test di tolleranza al glucosio

L'essenza del test per la tolleranza al glucosio (GTT) è la misurazione ripetuta del glucosio nel sangue: la prima volta con una carenza di zuccheri - a stomaco vuoto, quindi - qualche tempo dopo che il glucosio è entrato nel sangue. In questo modo, puoi vedere se le cellule del corpo lo percepiscono e quanto tempo ci vuole per farlo. Se le misurazioni sono frequenti, è anche possibile costruire una curva di zucchero che rifletta visivamente tutte le possibili violazioni.

Più spesso per GTT, il glucosio è assunto per via orale, cioè, semplicemente bevono la sua soluzione. Questo percorso è il più naturale e riflette pienamente la trasformazione degli zuccheri nel corpo del paziente dopo, ad esempio, un dessert ricco. È possibile immettere il glucosio direttamente in una vena con un'iniezione. La somministrazione per via endovenosa viene utilizzata nei casi in cui non sia possibile eseguire il test di tolleranza al glucosio orale - con avvelenamento e vomito concomitante, durante la tossicosi durante la gravidanza, così come con malattie dello stomaco e dell'intestino, che distorcono l'assorbimento nel sangue.

Quando è necessario GTT?

Lo scopo principale del test è prevenire i disordini metabolici e prevenire l'insorgenza del diabete. Pertanto, il test del glucosio tollerante è necessario per tutte le persone a rischio, così come per i pazienti con malattie che possono essere causate da uno zucchero a lungo termine, ma leggermente elevato:

  • sovrappeso, BMI;
  • ipertensione sostenuta, in cui la pressione è superiore a 140/90 per gran parte della giornata;
  • malattie articolari causate da disturbi metabolici, come la gotta;
  • diagnosticata vasocostrizione dovuta alla formazione di placca e placche sulle loro pareti interne;
  • sospetta sindrome metabolica;
  • cirrosi epatica;
  • nelle donne - ovaie policistiche, dopo casi di aborto, malformazioni, nascita di bambini troppo grandi, diabete mellito gestazionale;
  • tolleranza al glucosio precedentemente identificata per determinare la dinamica della malattia;
  • frequenti processi infiammatori nella cavità orale e sulla superficie della pelle;
  • danno ai nervi, la cui causa non è chiara;
  • assunzione di diuretici, estrogeni, glucocorticoidi della durata di più di un anno;
  • diabete o sindrome metabolica nella famiglia - genitori e fratelli;
  • iperglicemia, una volta registrata durante lo stress o malattia acuta.

Un medico, un medico di famiglia, un endocrinologo e anche un neurologo con un dermatologo possono dare indicazioni per un test di tolleranza al glucosio - tutto dipende da quale specialista sospetta un disturbo metabolico del glucosio in un paziente.

Quando GTT è bannato

Il test si arresta se, a stomaco vuoto, il livello di glucosio in esso contenuto (GLU) supera la soglia di 11,1 mmol / l. L'integrazione del dolce in questo stato è pericolosa, causa un disturbo della coscienza e può portare al coma iperglicemico.

Controindicazioni per il test di tolleranza al glucosio:

  1. In malattie infettive o infiammatorie acute.
  2. Nell'ultimo trimestre di gravidanza, soprattutto dopo 32 settimane.
  3. I bambini fino a 14 anni.
  4. Nel periodo di esacerbazione della pancreatite cronica.
  5. In presenza di malattie endocrine che causano un aumento del glucosio nel sangue: malattia di Cushing, aumento dell'attività della ghiandola tiroidea, acromegalia, feocromocitoma.
  6. Durante l'assunzione di farmaci che possono alterare i risultati del test - ormoni steroidei, COC, diuretici del gruppo idroclorotiazide, diacarb e alcuni farmaci antiepilettici.

Nelle farmacie e negozi di attrezzature mediche è possibile acquistare una soluzione di glucosio, glucometri economici e anche analizzatori biochimici portatili, che determinano 5-6 conteggi ematici. Nonostante questo, un test di tolleranza al glucosio domestico è vietato senza supervisione medica. In primo luogo, tale indipendenza può portare ad un netto deterioramento della condizione fino alla chiamata di un'ambulanza.

In secondo luogo, l'accuratezza di tutti i dispositivi portatili è insufficiente per questa analisi, pertanto gli indicatori ottenuti in laboratorio possono variare in modo significativo. È possibile utilizzare questi dispositivi per determinare lo zucchero a stomaco vuoto e dopo il carico naturale di glucosio - il pasto abituale. È conveniente con il loro aiuto identificare i prodotti che hanno il massimo effetto sui livelli di zucchero nel sangue e fare una dieta personale per la prevenzione del diabete o il suo compenso.

Inoltre, è indesiderabile sottoporsi a test di tolleranza del glucosio per via orale e endovenosa spesso, poiché è un carico grave per il pancreas e, se eseguito regolarmente, può portare al suo esaurimento.

Fattori che influenzano l'affidabilità della GTT

Quando si passa il test, la prima misurazione della quantità di glucosio viene fatta a stomaco vuoto. Questo risultato è considerato il livello con cui verranno confrontate le altre misurazioni. Il secondo e i successivi indicatori dipendono dalla corretta somministrazione di glucosio e dalla precisione dell'attrezzatura utilizzata. Non possiamo influenzarli. Ma i pazienti stessi sono pienamente responsabili per l'affidabilità della prima misurazione. Un certo numero di motivi può falsare i risultati, quindi, un'attenzione particolare dovrebbe essere prestata alla preparazione del GTT.

L'imprecisione dei dati ottenuti può derivare da:

  1. Alcol alla vigilia dello studio.
  2. Diarrea, calore intenso o insufficiente assunzione di acqua che ha portato alla disidratazione.
  3. Difficile lavoro fisico o allenamento intensivo per 3 giorni prima del test.
  4. Cambiamenti drastici nella dieta, in particolare associati alla restrizione dei carboidrati, il digiuno.
  5. Fumare di notte e al mattino prima di GTT.
  6. Situazioni stressanti
  7. Raffreddori, inclusi i polmoni.
  8. Processi di recupero nel corpo nel periodo postoperatorio.
  9. Riposo a letto o brusco calo nella normale attività fisica.

Dopo aver ricevuto un rinvio per l'analisi del medico curante, è necessario informare su tutti i farmaci presi, comprese vitamine e contraccettivi. Sceglierà quale di loro dovrà essere annullato 3 giorni prima del GTT. Di solito si tratta di farmaci che riducono lo zucchero, i contraccettivi e altri farmaci ormonali.

Procedura di prova

Nonostante il test di tolleranza al glucosio sia molto semplice, il laboratorio dovrà impiegare circa 2 ore, durante le quali verrà analizzata la variazione del livello di zucchero. Andare a fare una passeggiata in questo momento non funzionerà, come il necessario controllo del personale. Di solito, ai pazienti viene chiesto di aspettare su una panca nel corridoio del laboratorio. Non vale neanche la pena di giocare a giochi entusiasmanti al telefono: i cambiamenti emotivi possono influire sull'assorbimento del glucosio. La scelta migliore è un libro informativo.

Fasi di rilevamento della tolleranza al glucosio:

  1. La prima donazione di sangue viene effettuata necessariamente al mattino, a stomaco vuoto. Il periodo dall'ultimo pasto è strettamente regolato. Non deve essere inferiore a 8 ore per i carboidrati consumati da smaltire e non più di 14, in modo che il corpo non inizi a morire di fame e ad assorbire il glucosio in quantità non standard.
  2. Il carico di glucosio è un bicchiere di acqua dolce che è necessario bere entro 5 minuti. La quantità di glucosio in esso è determinata rigorosamente individualmente. Di solito, 85 g di glucosio monoidrato vengono sciolti in acqua, che corrisponde a 75 grammi puri. Per le persone tra i 14 ei 18 anni, il carico richiesto viene calcolato in base al loro peso: 1,75 g di glucosio puro per chilogrammo di massa. Con un peso superiore a 43 kg, è consentita la normale dose per adulti. Per le persone obese, il carico è aumentato a 100 g. Quando somministrato per via endovenosa, la dose di glucosio è notevolmente ridotta, il che consente di tener conto della sua perdita durante la digestione.
  3. Dare ripetutamente sangue 4 volte - ogni mezz'ora dopo l'esercizio. Secondo la dinamica della riduzione dello zucchero, è possibile giudicare le violazioni nel suo metabolismo. Alcuni laboratori eseguono il prelievo del sangue due volte - a stomaco vuoto e dopo 2 ore. Il risultato di questa analisi potrebbe essere inaffidabile. Se il picco di glicemia cade in un momento precedente, rimarrà non registrato.

Un dettaglio interessante è che l'acido citrico viene aggiunto allo sciroppo dolce o semplicemente viene data una fetta di limone. Perché il limone e come influenza la misurazione della tolleranza al glucosio? Non ha alcuna influenza sul livello di zucchero, ma consente di eliminare la nausea dopo una singola assunzione di una grande quantità di carboidrati.

Test del glucosio di laboratorio

Attualmente, il sangue dal dito quasi non prende. Nei laboratori moderni, lo standard è lavorare con il sangue venoso. Analizzandolo, i risultati sono più accurati, poiché non è mescolato con fluido extracellulare e linfa, come il sangue capillare da un dito. Al giorno d'oggi, la recinzione da una vena non perde e nella morbilità della procedura - aghi laser affilati rendono la puntura quasi indolore.

Quando viene prelevato il sangue per il test di tolleranza al glucosio, viene posto in provette speciali trattate con conservanti. L'opzione migliore è l'uso di sistemi di vuoto, il sangue in cui scorre uniformemente a causa della differenza di pressione. Ciò consente di evitare la distruzione dei globuli rossi e la formazione di coaguli che possono distorcere i risultati del test o addirittura renderne impossibile la conduzione.

Il compito del tecnico in questa fase è di evitare danni al sangue - ossidazione, glicolisi e coagulazione. Per prevenire l'ossidazione del glucosio, il fluoruro di sodio è nelle provette. Gli ioni di fluoro in esso impediscono la rottura della molecola di glucosio. I cambiamenti nell'emoglobina glicata vengono evitati usando tubi freddi e quindi ponendo i campioni al freddo. L'EDTA o il citrato di sodio sono usati come anticoagulanti.

Quindi il tubo viene posto in una centrifuga, divide il sangue in plasma e elementi sagomati. Il plasma viene trasferito in una nuova provetta e in esso si verificherà la determinazione del livello di glucosio. Molti metodi sono stati sviluppati per questo scopo, ma ora due di questi sono utilizzati nei laboratori: glucosio ossidasi ed esochinasi. Entrambi i metodi sono enzimatici, la loro azione si basa sulle reazioni chimiche degli enzimi con glucosio. Le sostanze ottenute come risultato di queste reazioni sono studiate usando un fotometro biochimico o su analizzatori automatici. Un processo di analisi del sangue così consolidato e ben sviluppato consente di ottenere dati affidabili sulla sua composizione, confrontando i risultati di diversi laboratori, utilizzando norme uniformi dei livelli di glucosio.

Prestazioni GTT normali

Norme di glucosio per il primo prelievo di sangue presso GTT

Altri Articoli Sul Diabete

Per cominciare, vorrei dire alcune parole gentili in difesa del Sucracite. La mancanza di calorie e il prezzo accessibile sono i suoi indubbi vantaggi. Il sostituto dello zucchero di saccarosio è una miscela di saccarina, acido fumarico e bicarbonato di sodio.

Il trattamento di prescrizione post-diagnosi per il diabete di tipo 2 (che, a differenza del diabete di tipo 1, non è insulino-dipendente) prevede un'ampia selezione di metodi costituiti sia da ricette popolari che da preparati medici.

Molti sono abituati ad usare le cipolle come ingrediente principale per friggere, combinandolo con successo con le carote. Inoltre, una verdura calda viene aggiunta ad insalate e snack, è bollita, in umido e cotta al forno.