loader

Principale

Trattamento

Beneficio o danno è il dolcificante sodio saccarinato E954

Nel contesto dei moderni standard di bellezza, le persone sono sempre più interessate alla possibilità di ridurre il contenuto calorico del cibo consumato. Uno dei modi per sbarazzarsi della principale fonte di carboidrati - lo zucchero - era l'uso di dolcificanti artificiali, come il sodio saccarinato.

Il suo uso da parte dei diabetici è dovuto alla loro limitata capacità di utilizzare prodotti contenenti glucosio. Le principali questioni di preoccupazione per il consumatore finale dell'additivo alimentare saccarinato di sodio: che cos'è, qual è il rapporto tra danno e beneficio dal suo utilizzo, quali analoghi del prodotto sono sul mercato.

descrizione

Il saccarinato di sodio (noto anche come sodiumsaccharin) fu sintetizzato accidentalmente alla fine del XIX secolo dal chimico tedesco Konstantin Falberg. Allo stesso tempo, il suo uso come additivo alimentare iniziò, ma fino a poco tempo fa la sua produzione era troppo costosa, quindi l'uso della sostanza nell'industria alimentare su larga scala cominciò solo verso la metà del secolo scorso, quando fu trovato un metodo più vantaggioso per la sintesi del saccarinato.

Questo sostituto dello zucchero ha una storia piuttosto complicata. L'apertura del saccarinato ha coinciso con il periodo di formazione e formazione di grandi aziende impegnate nella produzione di prodotti alimentari. La distribuzione attiva del dolcificante artificiale ha avuto un impatto negativo sulle vendite, informazioni non confermate apparse sulla stampa sui pericoli dell'invenzione e la popolarità del saccarinato ha iniziato a diminuire. Tuttavia, i periodi di guerra (primo e secondo mondo) dovuti al basso costo del dolcificante e all'incapacità di produrre zucchero naturale in grandi quantità hanno provocato una nuova ondata di domanda per la sostanza.

Il dolcificante è disponibile sotto forma di compresse bianche. L'additivo alimentare ha ricevuto tale popolarità a causa del fatto che è più dolce dello zucchero di oltre 500 volte.

Ciò consente di utilizzare la sostanza in piccole quantità, il che è sufficiente per raggiungere il livello richiesto di dolcezza. È praticamente insolubile in acqua e alcool, non risponde al calore e non reagisce con altri partecipanti del processo digestivo sotto l'influenza di enzimi gastrici e intestinali.

Il sodio saccarinato non è un carboidrato e, quindi, non partecipa ai processi metabolici e non aumenta il livello di zucchero nel sangue, che è una proprietà indispensabile per le persone che soffrono di diabete o pre-diabete, non di calorie. La sostanza viene eliminata dal corpo praticamente non trasformato nel processo di digestione.

Nell'industria alimentare, l'additivo ha il suo simbolo - E954 (iv) o sale di sodio. Se usato in grandi quantità, si nota l'aggiunta di un caratteristico gusto metallico, quindi, a volte nell'industria alimentare e farmaceutica il saccarinato viene usato in combinazione con altri dolcificanti.

L'additivo alimentare e954 viene utilizzato nella produzione di:

  • chewing gum (Orbit, Dirol);
  • soda dolce, caffè istantaneo 3 in 1, succhi;
  • prodotti per persone che soffrono di varie forme di diabete;
  • dolciaria;
  • prodotti dietetici.

Inoltre, E954 è utilizzato in cosmetologia nella produzione di dentifricio e nell'industria come componente dei toner per stampanti.

Harm e Benefit

Gli aspetti positivi dell'utilizzo di un dolcificante sono evidenti:

  • la saccarina di sodio non è un alimento calorico e non è un carboidrato, il che gli consente di essere utilizzato in alimenti da persone che soffrono di sovrappeso o semplicemente amanti dimagranti di dolciumi;
  • la sostanza non subisce processi metabolici e non si disintegra nel corpo, il che è estremamente conveniente per i diabetici per i quali improvvisi picchi di glicemia non sono desiderabili.
  • il dolcificante non è la causa della carie, a differenza dello zucchero naturale.

Prima di tutto, vale la pena notare che l'effetto sul corpo di E954 è studiato in modo incompleto, anche più di tutti gli altri edulcoranti.

Circa 70 anni fa, un gruppo di scienziati ha condotto degli studi durante i quali è stato dimostrato che il sodio saccarinato provoca lo sviluppo di malattie oncologiche. Come parte dell'esperimento, una quantità illimitata di un sostituto dello zucchero è stata somministrata ai ratti, a seguito della quale una parte significativa degli animali ha sviluppato l'oncologia della vescica.

Successivamente, l'accuratezza dei risultati dell'esperimento è stata confutata a causa del fatto che nessuno è stato in grado di ottenere gli stessi risultati, tuttavia, la dose massima ammissibile di una sostanza che può essere consumata durante il giorno - 5 mg per 1 kg di peso è stata rilevata. Una quantità di sale di sodio che non eccede i limiti della norma giornaliera non porta a malattie ed è innocua.

A causa della natura della sintesi e del principio di partecipazione dell'additivo nel processo digestivo, ha controindicazioni:

  • donne incinte (per evitare lo sviluppo del diabete gestazionale);
  • persone con malattie della colecisti e delle vie biliari;
  • neonati.

I bambini non sono raccomandati a mangiare dolcificante per il cibo a causa del rischio di allergia, accompagnato dai seguenti sintomi:

  • mal di testa ricorrenti;
  • mancanza di respiro (mancanza di respiro);
  • sgabello sconvolto;
  • eruzione cutanea.

I benefici e i rischi della saccarina sodica dovrebbero essere valutati soggettivamente da ciascun consumatore specifico. È importante ricordare che un rifiuto totale dello zucchero in assenza di indicazioni mediche può innescare lo sviluppo di varie patologie nel corpo.

Usare con il diabete

Il consumo di sodio saccarinato nel diabete è dovuto al fatto che, se ingerito, non risponde all'effetto enzimatico e quindi non aumenta i livelli di zucchero nel sangue.

Un integratore alimentare è uno dei pochi analoghi zuccherini da utilizzare dai diabetici. È ampiamente utilizzato nell'industria dolciaria nella produzione di dessert per persone con elevati livelli di glucosio.

L'uso di E954 migliora la qualità della vita dei diabetici e consente loro di diversificare significativamente il menu giornaliero, che deve rispettare regole severe. Non è dimostrato che la sostanza sia benefica per il corpo, ma l'effetto emotivo positivo per le persone con diabete è ovvio.

Utilizzare per la perdita di peso

L'uso di saccarina per problemi di eccesso di peso rende possibile per le persone che stanno perdendo peso per sbarazzarsi della principale fonte di carboidrati - zucchero. Per molti, il rifiuto del gusto dolce nel cibo e nelle bevande viene dato troppo pesantemente. Il dolcificante risolve questo problema - non ci sono carboidrati, ma il gusto è lì. Ma, sfortunatamente, i vantaggi della sostanza finiscono qui.

È stato dimostrato che il consumo eccessivo di qualsiasi sostituto dello zucchero porta a disturbi nei processi metabolici e stimola l'accumulo di depositi di grasso. Ciò è dovuto alle peculiarità del funzionamento del corpo umano. Quando percepisce il linguaggio del gusto dolce, il cervello riceve un impulso con informazioni sul fatto che una certa quantità di calorie è entrata nel corpo, che deve essere elaborata. Il segnale viene reindirizzato al pancreas, che a sua volta inizia a produrre insulina. Ma dopo tutto, le calorie non sono state ricevute, quindi l'insulina rimane nel sangue. L'effetto dannoso del processo di ripetizione è espresso nel fatto che:

  • l'iperinsulinemia può svilupparsi a causa di una quantità eccessiva di insulina nel sangue;
  • il sistema endocrino funzionerà male e smetterà di rispondere a tali azioni, quindi quando si utilizza zucchero naturale, il pancreas non produrrà insulina, che minaccia lo sviluppo del diabete.

analoghi

Il nome commerciale del dolcificante alla saccarina è Sucrezit. Questo è un prodotto fatto in Israele che è integrato con soda e acido fumarico per migliorare la solubilità e neutralizzare il gusto amaro.

Il saccarinato di sodio prodotto in Germania si chiama Milford SUSS. I produttori tedeschi hanno aggiunto sodio saccarina, sodio ciclamato e fruttosio. Disponibile sotto forma di compresse e in forma liquida per l'uso nell'industria dolciaria.

Il prodotto RioGold è l'equivalente cinese di Milford SUSS.

Saccarina di sodio si riferisce a dolcificanti sintetici. Tra i suoi analoghi sono:

  • L'integratore alimentare E951 (NutraSweet) differisce dalla saccarina in assenza di sapore sgradevole, si scompone in elementi durante l'esposizione termica, è vietato per l'uso da parte di persone con forme epatiche di glicogenosi;
  • L'additivo alimentare E950 (SweetOne) è utilizzato nella produzione di bevande gassate, influenza negativamente il sistema cardiovascolare, inibisce il sistema nervoso centrale, è controindicato nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento, così come i bambini;
  • l'additivo alimentare E952 (ciclamato), è vietato sul territorio della Russia e in numerosi altri paesi a causa del fatto che il corpo si scompone in componenti, uno dei quali è la sostanza tossica cicloesilamina.

L'uso di sostituti dello zucchero è conveniente per le persone con disabilità nell'uso dello zucchero, ma è importante ricordare che anche i dolcificanti naturali non dovrebbero essere abusati. Un dolcificante può essere solo una misura temporanea. Se una condizione medica prescrive una rinuncia di zucchero, è meglio farlo. Inoltre, un rifiuto totale dell'effetto deprimente dello zucchero naturale sull'attività cerebrale, sui processi mentali.

I benefici e i rischi della saccarina di sodio nel diabete

La popolarità dei sostituti dello zucchero sta aumentando notevolmente. Per lo più sono consumati dalle persone quando hanno bisogno di perdere peso e diabetici.

Esistono molti tipi di dolcificanti con vari gradi di calorie. Il saccarinato di sodio è considerato uno dei primi di tali prodotti.

Cos'è?

Il saccarinato di sodio è un dolcificante artificiale insulino-indipendente, uno dei tipi di sali di saccarina.

È una polvere cristallina trasparente e inodore. Fu ricevuto alla fine del 19 ° secolo, nel 1879. E solo nel 1950 iniziò la sua produzione di massa.

Per dissolvere completamente la saccarina, il regime di temperatura deve essere elevato. La fusione avviene a +225 gradi.

È usato sotto forma di sale di sodio, che è ben solubile in acqua. Una volta nel corpo, il dolcificante si accumula nei tessuti e solo una frazione lascia inalterata.

Destinatari focalizzati sui sostituti dello zucchero:

  • persone con diabete;
  • persone sedute su una dieta;
  • Persone che sono passate al cibo senza zucchero.

Il saccarinato è disponibile in compresse e in polvere in combinazione con altri sostituti dello zucchero e separatamente. È più dolce dello zucchero semolato più di 300 volte ed è resistente al calore. Mantiene le sue proprietà durante il trattamento termico e il congelamento. Una compressa contiene circa 20 g di sostanza e, in base alla dolcezza del gusto, corrisponde a due cucchiai di zucchero. Con l'aumento del dosaggio dà un sapore metallico al piatto.

L'uso di sostituto dello zucchero

La saccarina nell'industria alimentare è indicata come E954. Il dolcificante è usato in cucina, farmacologia, cibo e industrie domestiche. Può essere combinato con altri dolcificanti.

Il saccarinato è usato in questi casi:

  • quando si conservano alcuni prodotti;
  • nella fabbricazione di medicinali;
  • per la preparazione della nutrizione diabetica;
  • nella produzione di dentifrici;
  • nella produzione di chewing gum, sciroppi, bevande gassate come componente dolce.

Tipi di Saccarina Sali

Esistono tre tipi di sali di saccarina utilizzati nell'industria alimentare. Si dissolvono bene in acqua, ma non vengono assorbiti dal corpo. Hanno esattamente lo stesso effetto e proprietà (eccetto la solubilità) con la saccarina.

Gli edulcoranti di questo gruppo includono:

  1. Sale di potassio, diversamente il saccarinato di potassio. Formula: C7H4KNO3S.
  2. Sale di calcio, diversamente il saccarinato di calcio. Formula: C14H8CaN2O6S2.
  3. Sale di sodio, diversamente sodio saccarinato. Formula: C7H4NNaO3S.

Diabete mellito

Il saccharin dai primi anni '80 al 2000 è stato vietato in alcuni paesi. Gli studi condotti sui ratti hanno dimostrato che la sostanza ha provocato la crescita delle cellule tumorali.

Ma nei primi anni '90 il divieto è stato revocato, spiegando che la fisiologia dei ratti differisce dalla fisiologia umana. Dopo una serie di studi, è stata determinata la dose giornaliera di sicurezza. In America, non c'era il divieto della sostanza. Sulle etichette del prodotto con il contenuto dell'additivo è stata indicata solo un'etichetta di avvertenza speciale.

L'uso del dolcificante ha alcuni vantaggi:

  • dona ai piatti diabetici un sapore dolce;
  • non distrugge lo smalto dei denti e non provoca carie;
  • durante la dieta è insostituibile - non influenza il peso;
  • non si applica ai carboidrati, che è importante per il diabete.

Molti piatti diabetici contengono saccarinato. Ti permette di saturare il gusto e diversificare il menu. Per eliminare il gusto amaro si può mescolare con il ciclammato.

La saccarina non influisce negativamente sul paziente con diabete. In dosi moderate, i medici permettono che sia incluso nella vostra dieta. La dose giornaliera consentita è di 0,0025 g / kg. La sua combinazione con il ciclammato sarà ottimale.

A prima vista, sembra che la saccarina, insieme ai vantaggi, abbia solo un inconveniente: un sapore amaro. Ma per qualche ragione, i medici non raccomandano di usarlo sistematicamente.

Uno dei motivi: la sostanza è considerata cancerogena. Capace di accumulare praticamente in tutti gli organi. Inoltre, è stato attribuito alla soppressione del fattore di crescita epidermico.

Alcuni continuano a considerare il dolcificante sintetico pericoloso per la salute. Nonostante la comprovata sicurezza in piccole dosi, non è consigliabile utilizzare il saccarinato ogni giorno.

Il contenuto calorico di saccarina è zero. Questo spiega la domanda di un dolcificante per la perdita di peso nelle persone con diabete.

Il dosaggio consentito di saccarina al giorno è calcolato prendendo in considerazione il peso corporeo utilizzando la formula:

NS = MT * 5 mg, dove HC - il tasso giornaliero di saccarina, MT - peso corporeo.

Per non calcolare male il dosaggio, è importante studiare attentamente le informazioni sull'etichetta. Nei succedanei dello zucchero complessi, la concentrazione di ciascuna sostanza è presa in considerazione separatamente.

Controindicazioni

Tutti i dolcificanti artificiali, compresa la saccarina, hanno un effetto coleretico.

Tra le controindicazioni all'uso della saccarina sono le seguenti:

  • gravidanza e allattamento;
  • intolleranza additiva;
  • malattia del fegato;
  • età da bambini;
  • reazioni allergiche;
  • insufficienza renale;
  • malattia della cistifellea;
  • malattia renale.

analoghi

Oltre al saccarinato, ci sono una serie di altri sottolivelli sintetici.

La loro lista include:

  1. L'aspartame è un dolcificante che non dà sapore in più. È più dolce dello zucchero 200 volte. Non aggiungere durante la cottura, perché perde le sue proprietà quando riscaldato. Designazione - E951. La dose giornaliera consentita è fino a 50 mg / kg.
  2. Acesulfame Potassio è un altro additivo sintetico di questo gruppo. Più dolce dello zucchero 200 volte. L'abuso è irto di funzioni compromesse del sistema cardiovascolare. Dose ammissibile - 1 g Designazione - E950.
  3. I ciclamati sono un gruppo di dolcificanti sintetici. La caratteristica principale è la stabilità termica e buona solubilità. In molti paesi, viene utilizzato solo il ciclamato di sodio. Il potassio è proibito. Dose ammissibile - fino a 0,8 g, la designazione - E952.

I sostituti dello zucchero naturale possono essere analoghi alla saccarina: stevia, fruttosio, sorbitolo, xilitolo. Tutti loro sono ipercalorici, tranne la stevia. Lo xilitolo e il sorbitolo non sono dolci come lo zucchero. I diabetici e le persone con aumento della massa corporea non sono raccomandati per applicare fruttosio, sorbitolo, xilitolo.

La stevia è un dolcificante naturale che si ottiene dalle foglie della pianta. Il supplemento non influenza i processi metabolici ed è permesso nel diabete. Più dolce dello zucchero 30 volte, non ha valore energetico. Si scioglie bene in acqua e quasi mai perde il suo sapore dolce quando riscaldato.

Durante la ricerca si è scoperto che il dolcificante naturale non ha un effetto negativo sul corpo. L'unica limitazione è un'intolleranza a una sostanza o un'allergia. Usare con cautela durante la gravidanza.

Videostoria con una recensione dei sostituti dello zucchero:

La saccarina è un dolcificante artificiale che viene utilizzato attivamente dai diabetici per dare un sapore dolce ai piatti. Ha un debole effetto cancerogeno, ma in piccole quantità non provoca danni alla salute. Tra i vantaggi - non distrugge lo smalto e non influisce sul peso corporeo.

Il dolcificante è dannoso per la saccarina di sodio (E954)?

Buona giornata, amici! Molto spesso, le malattie o lo stile di vita ci fanno adeguare la nostra dieta e la prima cosa a cui prestiamo attenzione sono i carboidrati.

Sostituendo la fonte principale di carboidrati (zucchero) con un additivo alimentare, un nuovo surrogato è apparso sulle nostre tavole. Il dolcificante Saccharin Sodium (E954), i cui benefici e danni hanno agitato la mente dei consumatori per molti anni, è pronto a rivelare la formula strutturale, il contenuto calorico e l'effetto sul corpo. Sono sicuro che dopo aver letto leggerete più attentamente le etichette delle merci nel negozio.

Caratterizzazione e produzione di dolcificante con saccarina di sodio

La saccarina è il primo dolcificante artificiale al mondo ed è un idrato di sodio e sale cristallino.

Esternamente, si tratta di cristalli trasparenti con scarsa solubilità in acqua (1: 250) e alcool (1:40), con un punto di fusione di 225 ° C. I cristalli di saccarina di sodio sono inodori e più dolci dello zucchero di barbabietola naturale da 300 a 500 volte.

La formula strutturale di un integratore alimentare è la seguente: C7H5NO3S. Nell'industria alimentare, l'additivo è meglio conosciuto come E954. Nella foto si vede come appare la formula della saccarina.

Il dolcificante fu ottenuto per la prima volta nel 1879 come risultato di uno studio della 2-toluensulfonamide: nel 1884 fu brevettato un metodo per produrre saccarina, ma la sua produzione di massa iniziò solo dopo il 1950 dalla società agricola Maumee Chemical Company (Ohio).

La saccarina si ottiene in vari modi:

  1. da toluene, acido clorosolfonico solfonante (il metodo è considerato non efficace);
  2. il secondo metodo è basato sulla reazione del benzilcloruro (a sua volta, è cancerogeno e mutageno (causa cambiamenti ereditari);
  3. il terzo, e il modo più efficiente di produzione in produzione, si basa sulla reazione dell'acido antranilico e di altri 4 prodotti chimici.
al contenuto

Tipi di Saccarina Sali

Nei prodotti ha permesso l'uso di diversi tipi di sali di saccarina. Richiama brevemente la loro formula strutturale e nomi comuni.

Nomi ricorrenti: calcio saccarinato, saccarina di calcio, saccarinato di calcio, saccarina di calcio, sale di calcio imidico solfobenzoico, sale di calcio di scacina.

  • Sale di potassio di saccarina (C7H4KNO3S), nell'industria, indicato con E954 (iii).

Nomi ricorrenti: saccarinato di potassio, saccarina di potassio, sacharin di potassio, sale di potassio sacharin.

  • Saccarina sale sodico (C7H4NNaO3S), l'industria ha indicato E954 (iv).

I nomi comuni includono saccarina di sodio, saccarina di sodio, saccarina solubile, saccarinato di sodio, saccarina solubile, saccarina di sodio, sale di saccarina sodico, sale di o-benzoilsulfimide sodi.

Le compresse di sodio saccarinato si trovano più comunemente sul mercato. Si trova sia in forma pura che in combinazione con nariya ciclamato e aspartame.

Scriverò ancora sulla prima sostanza, iscriverò ai nuovi articoli del blog e c'è già un meraviglioso articolo sull'aspartame, che consiglio di leggere. Si chiama "Il danno e i benefici dell'aspartame"

Diabete Saccarina: beneficio o danno

La saccarina, più di altri dolcificanti artificiali, viene utilizzata al posto dello zucchero in caso di diabete mellito o come sostituto (surrogato) di zucchero per le persone che stanno perdendo peso.

L'uso o meno di questo integratore alimentare è necessario per tutti personalmente, ma in ogni caso va ricordato che la saccarina è una xenobiotica (sostanza estranea per un organismo vivente). E anche se scienziati e produttori ci assicurano la sicurezza, tuttavia di tanto in tanto sono evidenti gli effetti dannosi della saccarina sul corpo umano e non c'è fumo senza fuoco.

Qual è la via d'uscita? È più sicuro usare la stevia o le bacche dolci nella dieta dei diabetici.

Saccarina calorica

Poiché questo dolcificante è intensivo, il che significa che ha bisogno di pochissimo per rendere il cibo dolce, il contenuto calorico della saccarina è zero. Inoltre, non influisce sul livello di glucosio e insulina nel sangue.

Consumo giornaliero

Ma se, dopo tutto, la saccarina è apparsa nella tua dieta, vale la pena ricordare la sua dose giornaliera e il suo contenuto calorico:

  • 5 milligrammi / 1 kg di peso corporeo.
  • Il valore calorico per 100 g del prodotto è 360,00 kcal.

L'uso quotidiano è controindicato e dimagrante e affetto da diabete, nonostante il fatto che la saccarina non sia assorbita dall'organismo.

L'uso della saccarina sostitutiva dello zucchero

Dal 1981 al 2000, la saccarina è stata vietata in alcuni paesi o su beni con il loro uso si è notato che con il suo uso il corpo può essere a rischio.

Successivamente è stato provato sperimentalmente che la saccarina non ha sostanze utili e non è cancerogena in piccole quantità. Nel 1991, la FDA ha ufficialmente revocato il divieto di utilizzare la saccarina.

Attualmente, l'additivo alimentare viene utilizzato in vari settori.

  • Industria alimentare: la saccarina viene aggiunta alle bevande gassate, ai dolciumi, ai chewing gum, ai prodotti per diabetici, ai fast food, ai succhi istantanei e ai prodotti da forno.
  • Prodotti farmaceutici: l'additivo è incluso in farmaci anti-infiammatori e antibatterici.
  • Industria: utilizzato per la produzione di stampanti laser, toner per stampanti a colori, colla per macchine.
  • I derivati ​​della saccarina sono usati per produrre diserbanti e fungicidi.

Questo sostituto fa parte di marchi come: Cologran e Sucrezit.

Controindicazioni all'uso della saccarina

Tutti i dolcificanti artificiali hanno un effetto coleretico. Pertanto, sono controindicati nei seguenti gruppi:

  • persone che hanno malattie della cistifellea e dei dotti;
  • donne in gravidanza e in allattamento;
  • per cucinare alimenti per l'infanzia.

Al momento di decidere l'introduzione della saccarina nella dieta, ricorda che dovrebbe essere usato in piccole quantità e diluito in piatti dopo la bollitura o l'ebollizione (nel caldo, appare un sapore amaro metallico).

Vi auguro sempre buona salute e prudenza nella scelta degli edulcoranti.

Con calore e cura, l'endocrinologa Dilyara Lebedeva

Cos'è il saccarinato di sodio: i benefici e i danni della saccarina nel diabete

Il saccarinato (saccarina) è il primo sostituto dello zucchero artificiale, che è circa 300-500 volte più dolce dello zucchero. È ampiamente noto come additivo alimentare E954 ed è raccomandato per l'uso da parte dei diabetici. Inoltre, le persone che osservano il loro peso possono usare il dolcificante saccarina per il loro cibo.

Come sapeva il mondo del sostituto saccarinato?

Come ogni cosa unica, la saccarina è stata inventata per caso. Questo accadde nel 1879 in Germania. Il famoso chimico Falberg e il professor Remsen hanno fatto delle ricerche, dopo di che si sono dimenticati di lavarsi le mani e hanno trovato una sostanza che ha un sapore dolce su di loro.

Qualche tempo dopo, fu pubblicato un articolo scientifico sulla sintesi del saccarinato, e presto fu ufficialmente brevettato. Da quel giorno iniziò la popolarità del sostituto dello zucchero e del suo consumo di massa.

Ben presto si è scoperto che il modo in cui la sostanza veniva estratta non era sufficientemente efficace, e solo negli anni '50 del secolo scorso è stata sviluppata una tecnica speciale che consente di sintetizzare la saccarina su scala industriale con il massimo risultato.

Principali proprietà e uso della sostanza

Saccarina di sodio è un cristallo completamente bianco, inodore. È piuttosto dolce ed è caratterizzato da scarsa solubilità in liquido e fusione a una temperatura di 228 gradi Celsius.

La sostanza saccarina di sodio non è in grado di essere assorbita dal corpo umano e da essa deriva nel suo stato immutato. Questo è ciò che rende possibile parlare delle sue proprietà benefiche, che aiutano i pazienti diabetici a vivere una qualità superiore, senza rinnegare se stessi cibo dolce.

È stato ripetutamente provato che l'uso di saccarina nel cibo non può essere la causa dello sviluppo di lesioni cariose dei denti, e non ci sono calorie che causano un eccesso di peso e un salto nel livello di glucosio nel sangue, ci sono segni di glicemia alta. Tuttavia, vi è un fatto non dimostrato che questa sostanza contribuisce alla perdita di peso.

Numerosi esperimenti sui ratti hanno dimostrato che il cervello non è in grado di ottenere il necessario apporto di glucosio mediante un sostituto dello zucchero. Le persone che usano attivamente la saccarina, non possono raggiungere la saturazione, anche dopo il pasto successivo. Non cessano di perseguire la costante sensazione di fame, che diventa la causa dell'eccesso di cibo eccessivo.

Dove e come viene utilizzato il saccarinato?

Se parliamo della pura forma di saccarina, allora in tali stati ha un gusto amaro metallico. Per questo motivo, la sostanza è usata solo in miscele basate su di essa. Ecco un elenco di quegli alimenti che contengono il supplemento E954:

  • gomma da masticare;
  • succo istantaneo;
  • soda alla rinfusa con sostanze aromatizzanti non naturali;
  • colazioni veloci;
  • prodotti per diabetici;
  • latticini;
  • confetteria e prodotti da forno.

La saccarina ha trovato il suo uso in cosmetologia, perché è la base di molti dentifrici. La farmacia produce da esso farmaci anti-infiammatori e antibatterici. È interessante notare che l'industria usa anche la sostanza per i propri scopi. Grazie a lui, è diventato possibile produrre colla per macchine, gomma e fotocopiatrici.

In che modo il saccareno influenza gli esseri umani e il loro corpo?

Quasi tutta la seconda metà del XX secolo non ha attenuato il dibattito sui pericoli di questo sostituto dello zucchero naturale. Periodicamente, è apparso l'informazione che l'E954 è un potente agente causale del cancro. Come risultato degli studi condotti sui ratti, è stato dimostrato che, dopo un uso prolungato della sostanza, si sviluppano lesioni cancerose del sistema urinario. Tali conclusioni divennero la ragione del divieto del saccarinato in molti paesi del mondo, così come nell'URSS. In America, non si è verificato un rifiuto completo dell'additivo, ma ogni prodotto che includeva la saccarina era contrassegnato con una marcatura speciale sulla confezione.

Dopo un po 'di tempo, i dati sulle proprietà cancerogene del dolcificante sono stati confutati, perché è stato stabilito che i ratti da laboratorio sono morti solo quando hanno consumato saccarinato in quantità illimitata. Inoltre, gli studi sono stati condotti senza prendere in considerazione tutte le caratteristiche della fisiologia umana.

Solo nel 1991, il divieto di E954 è stato completamente revocato, e oggi la sostanza è considerata completamente sicura e consentita in quasi tutti i paesi del mondo come sostituti dello zucchero.

dosaggio

Parlando di dosi giornaliere ammissibili, normalmente consumerà saccarina per 5 mg per chilogrammo di peso umano. Solo in questo caso, il corpo non riceverà conseguenze negative.

Nonostante la mancanza di prove complete del danno alla saccarina, i medici moderni raccomandano di non essere coinvolti nel farmaco, perché il consumo eccessivo di un integratore alimentare causa lo sviluppo dell'iperglicemia. In altre parole, l'uso non dosato di una sostanza causa un aumento del livello di zucchero nel sangue umano.

Saccarinato di sodio: beneficio e danno

Oggigiorno, sostituendo lo zucchero naturale con l'additivo alimentare E954, non pensiamo nemmeno che questo sia un nuovo surrogato.

Saccarinato di sodio è:

  • Cristalli incolori dal sapore dolciastro, quasi insolubili in acqua.
  • È costituito da sodio cristoidrato.
  • Non contiene calorie.
  • Più dolce del solito zucchero 450 volte.

Additivo alimentare E954

La saccarina, o sottopartito E954, è uno dei primi sostituti dello zucchero di origine non naturale.

Questo integratore alimentare ha iniziato ad essere usato ovunque:

  • Aggiungi al cibo di tutti i giorni.
  • Nel negozio di panetteria.
  • In bevande gassate

Problemi con la tiroide e livelli ormonali compromessi di TSH, T3 e T4 possono portare a gravi conseguenze come il coma ipotiroideo o la crisi tireotossica, che sono spesso fatali. Ma l'endocrinologo Alexander Ametov assicura che è facile curare la ghiandola tiroidea anche a casa, hai solo bisogno di bere. Leggi di più »

Come hai saputo del sostituto saccarinato?

Il chimico tedesco K. Falberg venne a conoscenza della sua esistenza nel 1879, quando condusse ricerche con 2-toluensulfonamide. Dopo 5 anni, ha ricevuto un brevetto per la saccarina e ha iniziato a produrlo su scala industriale.

Proprietà principali e sua applicazione

Il sodio saccarinato ha quasi le stesse proprietà dello zucchero - è cristalli trasparenti che non si dissolvono in acqua. Questa proprietà della saccarina è ben applicata nell'industria alimentare, poiché il sostituto dello zucchero è completamente escreto dal corpo quasi invariato.

  • È usato da persone con diabete.
  • Questo integratore alimentare molto economico è entrato saldamente nelle nostre vite grazie alla sua stabilità per preservare la dolcezza con forti congelamenti e trattamenti termici.
  • È utilizzato nella produzione di alimenti dietetici.
  • L'E954 si trova nel chewing gum, in varie limonate, sciroppi, in pasticceria, in verdure e frutta in scatola, specialmente nelle bevande gassate.
  • Il sodio saccarinato si trova in alcune medicine e in vari cosmetici.

In che modo il saccareno influenza gli esseri umani e il loro corpo?

I benefici

Non vale la pena aspettare la saccarina di sodio, in quanto è un additivo sintetico. Ma nonostante ciò, può essere utile sostituirlo con lo zucchero.

Fondamentalmente, la saccarina di sodio nel diabete è usata ovunque:

  • Integratori alimentari come la saccarina danno una sensazione di dolcezza nel cibo e, inoltre, sono completamente eliminati dal corpo senza indugiare in esso.
  • La dose, raccomandata dai medici quando si usa un sostituto dello zucchero 5 mg per 1 kg di peso umano.
  • Se il paziente osserva questo dosaggio, è possibile dare una garanzia di uso sicuro del sodio saccarinato.
  • Il saccarinato non porta alla carie. Fa parte del chewing gum, che ha un sapore molto dolce, ma non causa la carie, come si dice nella pubblicità. Questo vale la pena di credere.

Danno alla saccarina

Tuttavia, il danno da esso è più che buono. Poiché l'additivo alimentare E954 è cancerogeno, può portare alla comparsa di cancro. Tuttavia, fino alla fine di questo potenziale impatto non è stato studiato fino ad ora. Negli anni '70, sono stati condotti esperimenti su ratti nei laboratori. Hanno rivelato una connessione tra l'uso di sodio saccarinato e la comparsa di un tumore maligno nella vescica dei topi.

Poi, dopo un po 'di tempo, si scoprì che il cancro appariva solo nei roditori, ma nelle persone che consumavano la saccarina non venivano rilevati neoplasmi maligni. Questa dipendenza è stata confutata, la dose di sodio saccarinato era troppo grande per i topi da laboratorio, quindi il loro sistema immunitario non poteva farcela. E per le persone è stata calcolata una percentuale diversa di 5 mg per 1000 g del corpo.

Controindicazioni all'uso della saccarina

L'uso di sodio saccarinato è severamente vietato alle donne in gravidanza, ai neonati e ai bambini piccoli. Varie eruzioni apparvero sul corpo, i bambini divennero più irritabili. Gli studi hanno dimostrato che nei bambini che hanno consumato sodio saccarinato, il danno ha superato il beneficio.

I sintomi possono essere diversi, come ad esempio:

Il dolcificante saccarina di sodio non viene assorbito dal corpo, ma il suo sapore zuccherino dà un segnale falso al nostro cervello per elaborare il cibo, ma se ciò non accade, l'intestino lavora inattivo e il corpo è insensibile a tali circostanze. Quando una nuova porzione di cibo entra nel corpo, il nostro cervello produce insulina molto più velocemente, il che è dannoso per i diabetici.

Saccarinato di sodio per perdita di peso

I medici raccomandano l'uso di questo integratore alimentare per una malattia come il diabete, ma molti usano la saccarina come mezzo per perdere peso:

  • L'additivo E954 non è calorico.
  • È adatto per la dieta.
  • Il rischio di aumento di peso scompare.
  • Puoi aggiungere al tè o al caffè invece dello zucchero normale.

Quando consumiamo zucchero comune, i nostri carboidrati vengono trasformati in energia. Ma se è un dolcificante, non viene assorbito dal corpo, e il segnale che entra nel nostro cervello dà origine alla produzione di insulina nel sangue. Il risultato - i grassi sono depositati in quantità maggiori di quelle necessarie per il corpo. Pertanto, se si segue una dieta, è meglio mangiare cibi con un contenuto inferiore di zucchero ordinario rispetto al suo sostituto.

Mancanza di sostituti dello zucchero e consumo giornaliero

  1. Lo zucchero naturale supporta il normale metabolismo del corpo, quindi non è possibile rimuoverlo completamente dall'uso;
  2. Si raccomanda l'uso di qualsiasi edulcorante solo dopo aver visitato un medico.

Se si decide ancora di abbandonare l'uso di zucchero convenzionale, è necessario conoscere altri sostituti dello zucchero, ad eccezione del sodio saccarinato. Come fruttosio o glucosio. Il fruttosio è meno calorico ed è molto più lento processato dal corpo. Al giorno, puoi usare 30 g di fruttosio.

Ci sono tali sostituti dello zucchero che hanno un effetto malsano sul corpo umano:

  • Nell'insufficienza cardiaca, non dovresti assumere acesulfame di potassio.
  • Con la fenilchetonuria, limitare l'uso di aspartame,
  • il ciclomato di sodio è vietato per i pazienti che soffrono di insufficienza renale.

Esistono due tipi di sostituti dello zucchero:

  1. Alcoli di zucchero La dose raccomandata di 50 g al giorno;
  2. Amminoacidi sintetici. Il tasso di 5 mg per 1 kg del corpo adulto.

La saccarina appartiene al secondo gruppo sostitutivo. Molti medici non raccomandano di usarlo tutti i giorni, ma il sodio saccarinato non è così difficile da acquistare. È venduto in qualsiasi farmacia. Saccarinato come sostituto dello zucchero ha un effetto coleretico. I pazienti con lesioni alle vie biliari possono sviluppare una esacerbazione della malattia, pertanto la saccarina è controindicata in tali pazienti.

Alto contenuto di sostituti dello zucchero, come prodotto economico, nelle bevande analcoliche. I bambini li comprano ovunque. Di conseguenza, gli organi interni soffrono. Se l'uso di zucchero normale è completamente vietato a causa del diabete, allora è possibile sostituirlo con frutta o bacche o vari tipi di frutta secca. Avrà anche un sapore dolce e molto più sano.

Risultato dell'applicazione

In generale, i sostituti dello zucchero ordinario non apparivano molto tempo fa. Pertanto, è troppo presto per pensare al risultato dell'impatto, il loro effetto non è stato completamente studiato.

  • Da un lato, è un sostituto economico dello zucchero naturale.
  • D'altra parte, questo integratore alimentare è dannoso per l'organismo.

Il sostituto dello zucchero è stato approvato in tutto il mondo. Se ci avviciniamo al problema dell'utilizzo di un sostituto, possiamo concludere. I benefici dell'applicazione dipendono dall'età della persona, dal suo stato di salute e dal tasso di consumo.

I produttori di dolcificanti sono interessati solo ad ottenere alti profitti e non sempre scrivono sulle etichette, che uno o l'altro edulcorante è dannoso.

Pertanto, in primo luogo, la persona stessa deve determinare se stesso per mangiare lo zucchero normale, il suo sostituto naturale o gli additivi sintetici.

saccarina

La saccarina o saccarina di sodio è il primo dolcificante artificiale, circa 300-500 volte più dolce dello zucchero. Questa sostanza, nota anche come additivo alimentare E954, è indicata per l'uso da parte di persone affette da diabete ed è utilizzata attivamente da chi guarda la propria figura, inoltre in alcuni alimenti è inclusa la dolcificante della saccarina. Il sodio saccarinato è un'alternativa sicura e ipocalorica allo zucchero normale?

Come è stata ottenuta la saccarina, le sue proprietà

Nel 1879 la saccarina fu scoperta per caso da un chimico tedesco, Konstantin Falberg, che, sotto la guida del professor Remssen, condusse uno studio sull'ossidazione del 2-toluene sulfonamide e, dimenticandosi di lavarsi le mani prima di mangiare, attirò l'attenzione sul gusto dolce della sostanza ottenuta. Falberg pubblica un articolo sulla sintesi della saccarina e brevetta la sua scoperta - da quel momento inizia il consumo di massa di questa sostanza. Ma il metodo che usava per ottenere un sostituto dello zucchero era inefficiente, solo nel 1950, lo staff della Maumee Chemical Company riuscì a sviluppare un metodo che permettesse di sintetizzare il sodio saccarinato su scala industriale.

La saccarina è un cristallo bianco, dal sapore dolce e inodore, scarsamente solubile in acqua e il punto di fusione è 228 ° C.

La saccarina non viene assorbita dal corpo e viene escreta con le urine invariate, motivo per cui viene utilizzata dai diabetici. È dimostrato che l'uso della saccarina di sodio non causa la carie e la mancanza di calorie rende questo prodotto popolare tra coloro che seguono la figura. Tuttavia, il fatto che il dolcificante saccarina aiuti a perdere peso, causa dubbi nella maggior parte dei medici e nutrizionisti. Gli studi condotti sui ratti hanno stabilito che il nostro cervello non riceve il glucosio di cui ha bisogno quando usa un sostituto dello zucchero artificiale. Ecco perché coloro che hanno completamente abbandonato lo zucchero sono ossessionati da una costante sensazione di fame, provocando un eccesso di cibo.

Il dolcificante saccarina nella sua forma pura ha un sapore metallico, amaro, quindi è più spesso usato in miscele di sostituti dello zucchero. Tra i prodotti che contengono l'additivo alimentare E954, va notato:

  • bevande gassate più economiche con aromi artificiali;
  • succo istantaneo;
  • prodotti destinati a pazienti con diabete;
  • gomma da masticare;
  • confetteria e prodotti da forno;
  • colazioni veloci;
  • latticini

In cosmetologia, la saccarina è usata come parte dei dentifrici, la farmacologia lo usa per creare farmaci antibatterici e antinfiammatori e nell'industria questa sostanza viene utilizzata nella produzione di attrezzature per copiatura, gomma e colla per macchine.

L'effetto della saccarina sul corpo umano

I pensieri sul possibile danno della saccarina non hanno dato pace a molti scienziati. Nella seconda metà del 20 ° secolo, le masse iniziarono a ricevere informazioni sul fatto che questo sostituto dello zucchero artificiale era il più potente cancerogeno. Nel 1977 sono stati condotti studi che hanno evidenziato un aumento dell'incidenza del cancro del sistema urinario nei ratti di laboratorio, che sono stati mangiati con lo yogurt alla saccarina. Ciò ha spinto la FDA americana (Food and Drug Administration) a vietare l'uso della saccarina nell'industria alimentare. Il Canada e l'URSS hanno seguito immediatamente questa raccomandazione e il governo degli Stati Uniti ha obbligato i produttori a indicare sul confezionamento dei prodotti contenenti questa sostanza potenzialmente pericolosa, un avvertimento sul possibile rischio di cancro.

Dopo un po 'di tempo, i dati sul danno della saccarina sono stati confutati. Risultò che gli animali da laboratorio avevano davvero un cancro, ma solo se la quantità di sodio saccarinato che ricevevano era uguale al loro stesso peso. Inoltre, gli studi sono stati condotti senza tenere conto delle peculiarità della fisiologia umana. Nel 1991 fu ritirata una proposta di vietare l'uso del dolcificante artificiale.

Ad oggi, la saccarina è riconosciuta sicura e approvata per l'uso in oltre 90 paesi in tutto il mondo, inclusa la Russia. La dose giornaliera ammissibile è di 5 mg per 1 kg di peso corporeo, in questo caso il sostituto dello zucchero non rappresenta un pericolo per la salute.

Nonostante il fatto che attualmente non vi siano prove di danni alla saccarina, i medici consigliano di non abusare di questo integratore, poiché l'uso regolare di un dolcificante artificiale è irto di rischio di ipoglicemia (basso livello di glucosio nel sangue).

Sostituto zucchero alla saccarina

L'uso di dolcificanti artificiali è spesso giustificato da varie malattie o dalla necessità di ridurre il peso.

Tuttavia, non porterà benefici indubbi al corpo, e oggi parlerò di come la saccarina, un sostituto dello zucchero normale, sia utile o dannosa.

Imparerai anche non solo la sua storia di origine, ma anche un affascinante modo di diventare nell'industria farmaceutica.

Ho già parlato di un sostituto dello zucchero artificiale qui (si trattava di acesulfame sodico), oggi imparerai la storia di uno degli scopritori dell'era "salata".

Saccarina: composizione, formula strutturale

La saccarina di sodio E 954 o solfammato è un dolcificante sintetizzato artificialmente, che è un derivato dell'acido aminosolfonico. Sono cristalli bianchi simili a zucchero, con una dolcezza che supera le 300-500 volte, ma con un retrogusto metallico sgradevole.

Formula strutturale

Lo schema della sostanza che vedi nella foto sotto, la formula - C7H5NO3S.

Altri nomi comuni per il dolcificante alla saccarina:

  • nariya saccarinato;
  • suite 10;
  • gemello shuger;
  • dolce basso;
  • spruzzare suite;
  • Il nome latino della sostanza è Saccharinum (genere Saccharini).

La saccarina di sodio è termostabile, cioè, mentre si cuociono i dolci nel forno, la loro dolcezza rimarrà la stessa.

È scarsamente solubile in acqua (a freddo 1: 290, a caldo 1:25) o alcool (1:31), ei cristalli iniziano a sciogliersi solo a 228 ° C.

Calorie, GI, indicazioni per l'uso

Questo sostituto dello zucchero non viene assorbito dal nostro corpo ed è escreto attraverso i reni invariati, rispettivamente, il contenuto calorico della saccarina è zero, così come l'indice glicemico.

Ciò significa che quando entra nel corpo, la saccarina non fa saltare l'insulina, quindi è ampiamente usata come dolcificante per il diabete e consente a tutti coloro che vogliono perdere peso di ridurre il contenuto energetico del cibo rimuovendo lo zucchero dal menu.

Consumo giornaliero

Nonostante il contenuto calorico zero, l'assunzione giornaliera raccomandata è di sole 3 compresse.

  • Per gustare, 2 compresse di questo sostituto dello zucchero equivalgono a un pezzo di zucchero o 1 cucchiaino di zucchero semolato naturale.

Nelle gravi malattie dei reni e del fegato, l'uso di edulcorante è severamente proibito.

Acquisizione e storia dello sviluppo del dolcificante saccarina

La saccarina è il più antico dei dolcificanti sintetizzati in laboratorio. Fu aperto nel 1879 dall'università di J. Hopkins dall'emigrante russo Konstantin Falberg.

Lavorando senza guanti su derivati ​​del toluene, che a sua volta erano sintetizzati da lui dal catrame di carbone, Falberg scoprì la sera a cena che c'era un strano retrogusto dolciastro sulle dita. Si è rivelato essere il futuro saccarina di sodio.

Per diversi anni, lo scienziato lottò per organizzare la sua produzione e nel 1884 ci riuscì: Falberg brevettò la sua invenzione. L'anno seguente, una nuova sostanza fu introdotta nel mondo come antisettico e conservante e con l'avvento del nuovo secolo la saccarina sodica apparve sul mercato come un dolcificante alternativo per zucchero autorizzato per l'uso dai diabetici.

È interessante notare che quando la legislazione alimentare fu approvata negli Stati Uniti nel 1906, il dolcificante era sotto la minaccia di un divieto e i produttori si rivolgevano direttamente al presidente Roosevelt, che era diabetico e utilizzava attivamente la saccarina.

Il dolcificante mantenne la sua posizione di leader sul mercato fino al 1911, quando, a seguito di una potente società, fu deciso di abbandonarlo. Le vendite di saccarina sono crollate fino all'inizio della prima guerra mondiale.

Insieme a lei è arrivato il deficit totale di zucchero, che ci ha fatto ricordare di un edulcorante economico ed economico.

Fino al 1977, la saccarina era commercialmente disponibile, e quindi si è riscontrato che in una quantità 1000 volte superiore alla dose giornaliera ammissibile, provoca il cancro della vescica nei ratti di laboratorio. Il dolcificante è stato bandito dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

In quel momento, i consumatori americani si trovarono di fronte al fatto che non avevano alternative all'insulina non calorica e senza sovratensioni. Ciò ha causato una tempesta di proteste, che a sua volta ha portato a una moratoria sulla decisione della FDA, che potrebbe essere prorogata fino al 1991.

A quel punto, sono state eseguite molte ricerche aggiuntive, durante le quali è stato dimostrato che il danno della saccarina, anche se lo è, non è paragonabile al suo beneficio.

Saccarinato di sodio

Saccarina (immide di acido orto-sulfobenzoico, immide di acido 2-solfobenzoico, orto-sulfobenzimide) - cristalli incolori di sapore dolce, scarsamente solubili in acqua. Venduto "saccarina" è un sale di sodio cristallino, che è 300-500 volte più dolce dello zucchero. La saccarina non viene assorbita dal corpo (escreta nelle urine).

contenuto

Storia di

La saccarina fu scoperta per caso nel 1879 nello studio dell'ossidazione della 2-toluensulfonamide, condotta da K. Falberg nel laboratorio del prof. A. Remsen alla Johns Hopkins University. Nel 1884 Falberg brevettò un metodo per produrre saccarina e iniziò la sua produzione industriale.

Proprietà fisiche e produzione

La saccarina ha l'aspetto di cristalli incolori di sapore dolce, scarsamente solubile in acqua (1: 250) e alcol (1:40). Il punto di fusione dei cristalli è 228-229 ° C.

La saccarina può essere ottenuta in diversi modi. Inizialmente, Remsen e Faldberg l'hanno ottenuto dal toluene mediante solfonazione con acido clorosolfonico. Il cloruro acido risultante è stato convertito in un'ammide, che è stata ossidata con permanganato di potassio. Questo metodo era inefficace.

Solo nel 1950 nella società Maumee Chemical Company (Toledo, Ohio) è stato sviluppato un metodo che consente di produrre saccarina su scala industriale. Questo metodo si basa sulla reazione dell'acido antranilico con acido nitroso, biossido di zolfo, cloro e ammoniaca. Un altro metodo, sviluppato nel 1967, si basa sulla reazione del cloruro di benzile.

applicazione

La saccarina è usata al posto dello zucchero per il diabete, oltre che un surrogato di zucchero.

Nell'industria alimentare, la saccarina è registrata come additivo alimentare E954, come dolcificante. Come altri dolcificanti, la saccarina non ha proprietà nutrizionali ed è un tipico xenobiotico.

Allo stato attuale, l'uso alimentare della saccarina è notevolmente ridotto, anche se gli edulcoranti sono prodotti sulla saccarina (Sucrasite) e le miscele di dolcificanti sono utilizzate nelle bevande e in altri prodotti, poiché essendo utilizzata da sola, la saccarina dà un sapore metallico non molto piacevole.

Inoltre, i derivati ​​immidici dell'acido 2-solfobenzoico sono usati come fungicidi, erbicidi e farmaci antibatterici. L'acido 2-solfobenzoico, nonché i suoi sali di calcio e di zinco, fanno parte delle composizioni utilizzate per la produzione di stampanti laser e di fotocopiatrici. Si noti che piccole aggiunte di acido imidico 2-solfobenzoico possono influenzare il corso di vulcanizzazione delle gomme usando perossidi.

Il prodotto dell'interazione di tetraidrochinolina e acido imidico 2-solfobenzoico viene utilizzato in composizioni a base di metacrilati, che vengono utilizzati come adesivi per metalli.

Ruolo biologico

Carcinogenicità della saccarina

Negli anni '60, apparve la notizia che la saccarina era presumibilmente cancerogena. Gli studi condotti nel 1977 hanno mostrato un aumento dell'incidenza del cancro alla vescica tra i ratti di laboratorio alimentati con grandi dosi di saccarina. Nello stesso anno, la FDA americana ha proposto di vietare l'uso della saccarina nell'industria alimentare, come hanno fatto il Canada e l'Unione Sovietica. Tuttavia, il Congresso degli Stati Uniti, invece di un divieto, ha imposto il requisito che tutti i prodotti contenenti saccarina contengano un avvertimento sulla possibilità di cancro sul pacchetto.

Tuttavia, in seguito queste ipotesi sono state confutate - gli animali da laboratorio hanno avuto il cancro, ma solo se sono stati nutriti con saccarina in quantità paragonabili al loro stesso peso. [1] Sono stati espressi anche giudizi secondo cui gli studi del 1977 sono stati condotti senza una metodologia ben sviluppata [2] e senza riguardo alla fisiologia del corpo umano. [3]

Nel 1991, la FDA ritirò la sua proposta di vietare la saccarina, e nel 2000 il Congresso abrogò una legge che dichiarava possibili danni alla salute sui pacchetti.

Tuttavia, nel 1999, i prodotti contenenti zucchero con un'etichetta che avvertiva che la saccarina causa il cancro nei roditori sperimentali continuavano a essere venduti sui banchi dei supermercati statunitensi.

Ora la saccarina è approvata dal comitato misto di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) dell'Organizzazione mondiale della sanità e dal comitato scientifico dell'alimentazione dell'Unione europea, autorizzato in più di 90 paesi (compresa la Russia [4]). JECFA ha raccomandato una dose giornaliera di 5 mg per 1 kg di peso corporeo. Si ritiene che se si osserva questa dose, il prodotto non presenta rischi per la salute. Inoltre, è emerso che la saccarina può contrastare lo sviluppo di un tumore che è già apparso [5]

Altri Articoli Sul Diabete

Un basso livello di zucchero nel sangue influenza significativamente il benessere umano. Quando si raggiunge un livello critico, c'è il rischio di coma, che è in pericolo di vita.

Aspen (tremolo tremolante) è un albero deciduo che appartiene alla famiglia del salice. Ampiamente distribuito in Europa e Asia. Sin dai tempi antichi, la corteccia di pioppo è stata considerata un eccellente agente ipoglicemizzante, grazie al quale viene utilizzata nella lotta contro il diabete mellito.

È importante capire che di solito il contenuto di glucosio nel sangue di donne e uomini ha gli stessi indicatori della norma. Il livello può variare in base all'età, alla presenza di una particolare malattia e alle caratteristiche femminili dell'organismo.