loader

Principale

Complicazioni

Test di tolleranza al glucosio

Sinonimi: test di tolleranza al glucosio, GTT, test di tolleranza al glucosio, curva dello zucchero.

Il test di tolleranza al glucosio è un test di laboratorio che identifica 3 importanti indicatori nel sangue: insulina, glucosio e C-peptide. Lo studio viene eseguito due volte: prima e dopo il cosiddetto "carico".

Il test di tolleranza al glucosio consente di valutare un numero di importanti indicatori che determinano se un paziente ha una grave condizione pre-diabetica o diabete mellito.

Informazioni generali

Il glucosio è un semplice carboidrato (zucchero) che entra nel corpo con cibi comuni e viene assorbito nel sangue nell'intestino tenue. È questo sistema che fornisce al sistema nervoso, al cervello e ad altri organi interni e sistemi del corpo energia vitale. Per il normale benessere e una buona produttività, i livelli di glucosio dovrebbero rimanere stabili. Gli ormoni del pancreas regolano i suoi livelli ematici: insulina e glucagone. Questi ormoni sono antagonisti - l'insulina abbassa il livello di zucchero, e il glucagone, al contrario, aumenta.

Inizialmente, il pancreas produce una molecola di proinsulina, che è divisa in 2 componenti: insulina e C-peptide. E se l'insulina dopo la secrezione rimane nel sangue fino a 10 minuti, il peptide C ha un'emivita più lunga - fino a 35-40 minuti.

Nota: fino a poco tempo fa si credeva che il C-peptide non avesse valore per il corpo e non svolgesse alcuna funzione. Tuttavia, i risultati di recenti studi hanno rivelato che le molecole di C-peptide hanno recettori specifici sulla superficie che stimolano il flusso sanguigno. Quindi, determinare il livello di C-peptide può essere usato con successo per rilevare i disturbi nascosti del metabolismo dei carboidrati.

testimonianza

Il rinvio all'analisi può essere rilasciato da un endocrinologo, nefrologo, gastroenterologo, pediatra, chirurgo, terapeuta.

Il test di tolleranza al glucosio è assegnato nei seguenti casi:

  • glicosuria (livello di zucchero elevato nelle urine) in assenza di sintomi di diabete mellito e un livello normale di glucosio nel sangue;
  • sintomi clinici del diabete, ma i livelli di zucchero nel sangue e di urina sono normali;
  • predisposizione genetica al diabete;
  • determinazione della resistenza all'insulina nell'obesità, disturbi metabolici;
  • glucosuria sullo sfondo di altri processi:
    • tireotossicosi (aumento della secrezione di ormoni tiroidei della tiroide);
    • disfunzione epatica;
    • malattie infettive delle vie urinarie;
    • la gravidanza;
  • la nascita di bambini grandi di 4 kg (l'analisi viene eseguita e la donna e il neonato);
  • prediabete (biochimica del sangue preliminare per il livello di glucosio ha mostrato un risultato intermedio di 6,1-7,0 mmol / l);
  • la paziente incinta è a rischio di sviluppare il diabete mellito (il test viene eseguito, di regola, nel 2 ° trimestre).

Nota: di grande importanza è il livello del peptide C, che consente di valutare il grado di funzionamento delle cellule che secernono l'insulina (isole di Langerhans). A causa di questo indicatore, viene determinato il tipo di diabete mellito (insulino-dipendente o indipendente) e, di conseguenza, il tipo di terapia utilizzata.

GTT non è consigliabile eseguire nei seguenti casi

  • un recente infarto o ictus;
  • recente (fino a 3 mesi) intervento chirurgico;
  • la fine del 3o trimestre in donne incinte (preparazione per parto), parto e la prima volta dopo di loro;
  • biochimica del sangue preliminare ha mostrato un contenuto di zucchero superiore a 7,0 mmol / l.

Test di tolleranza al glucosio: cos'è e quali sono i tipi

La glicemia è un importante indicatore del funzionamento dell'ambiente interno del corpo. La deviazione del valore dalla norma in una direzione o in un'altra non può essere accompagnata da alcun sintomo clinico, ma si manifesta sullo sfondo di danni significativi a vari organi. Pertanto, il test di tolleranza al glucosio è stato sviluppato e introdotto con successo nella pratica clinica, che consente una diagnosi tempestiva del periodo preclinico del diabete e delle sue forme latenti.

Che cos'è un test di tolleranza al glucosio

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) è un metodo di laboratorio per diagnosticare vari disturbi del metabolismo del glucosio nel corpo umano. Con l'aiuto di questo studio, è possibile stabilire la diagnosi di diabete mellito di tipo 2, ridotta tolleranza al glucosio. È usato in tutti i casi dubbi, con valori al contorno della glicemia, nonché in presenza di segni di diabete sullo sfondo del normale contenuto di zucchero nel plasma sanguigno.

GGT valuta la capacità del corpo umano di scomporre e assimilare i componenti del glucosio dalle cellule di organi e tessuti.

Il metodo consiste nel determinare la concentrazione di glucosio a stomaco vuoto, quindi 1 e 2 ore dopo il carico glicemico. Cioè, il paziente è invitato a bere 75 grammi di glucosio secco sciolto in 200-300 millilitri di acqua calda per 3-5 minuti. Per le persone con una massa corporea maggiore, è richiesto un volume aggiuntivo di glucosio, calcolato dalla formula 1 grammo per chilogrammo, ma non superiore a 100.

Per meglio tollerare lo sciroppo risultante, è possibile aggiungere succo di limone ad esso. Nei pazienti gravemente ammalati che hanno subito un infarto miocardico acuto, ictus, stato asmatico, è consigliabile non introdurre glucosio, è invece consentita una piccola colazione contenente 20 grammi di carboidrati facilmente digeribili.

Per completezza, le misurazioni di zucchero nel sangue possono essere effettuate ogni mezz'ora (per un totale di 5-6 volte). Questo è necessario per compilare un profilo glicemico (grafico della curva dello zucchero).

Il materiale dello studio è 1 ml di siero prelevato dal letto venoso. Si ritiene che il sangue venoso sia il più informativo e fornisce prestazioni accurate e affidabili secondo gli standard internazionali. Il tempo richiesto per completare il test è di 1 giorno. Lo studio è condotto in condizioni appropriate, in conformità con le regole di asepsi, ed è disponibile in quasi tutti i laboratori biochimici.

GTT è un test altamente sensibile con praticamente nessuna complicazione o effetti collaterali. Se ce ne sono, sono correlati alla reazione del sistema nervoso instabile del paziente alla puntura della vena e al prelievo di un campione di sangue.

Re-test è permesso di effettuare non prima di 1 mese.

Tipi di test di tolleranza al glucosio

A seconda del metodo di introduzione del glucosio nel corpo, il test di tolleranza al glucosio è diviso in due tipi:

  • orale (per bocca, per bocca);
  • parenterale (endovenoso, iniezione).

Il più comune è il primo metodo, a causa della sua minore invasività e semplicità di esecuzione. Il secondo viene involontariamente fatto ricorso a varie violazioni dei processi di assorbimento, motilità ed evacuazione nel tratto gastrointestinale, nonché in condizioni post-chirurgiche (ad esempio, gastrectomia).

Inoltre, il metodo parenterale è efficace per valutare la propensione all'iperglicemia nei parenti della prima linea di parentela in pazienti con diabete mellito di tipo 1. In questo caso, la concentrazione di insulina può essere determinata ulteriormente nei primi minuti dopo l'iniezione di glucosio.

La tecnica di iniezione di GTT è la seguente: per 2-3 minuti, la soluzione di glucosio al 25-50% viene somministrata per via endovenosa al paziente in 2-3 minuti (0,5 grammi per 1 chilo di peso corporeo). I campioni di sangue per misurare i livelli vengono prelevati da un'altra vena a 0, 10, 15, 20, 30 minuti dopo l'inizio dello studio.

Quindi viene redatto un grafico che mostra la concentrazione di glucosio secondo l'intervallo di tempo dopo il carico di carboidrati. Il valore clinico e diagnostico è il tasso di diminuzione dei livelli di zucchero, espresso in percentuale. In media, è 1,72% al minuto. Nelle persone anziane e anziane, questo valore è un po 'meno.

Qualsiasi tipo di test del glucosio tollerante viene eseguito solo con la direzione del medico curante.

Curva dello zucchero: indicazioni per GTT

Il test consente di rivelare il decorso latente dell'iperglicemia o del prediabete.

È possibile sospettare tale stato e assegnare GTT dopo che la curva dello zucchero è stata determinata nei seguenti casi:

  • la presenza di diabete mellito nei parenti più prossimi;
  • obesità (indice di massa corporea superiore a 25 kg / m2);
  • nelle donne con patologia della funzione riproduttiva (aborto, insorgenza prematura del travaglio);
  • nascita di un bambino con una storia di anomalie dello sviluppo;
  • ipertensione arteriosa;
  • violazione del metabolismo lipidico (ipercolesterolemia, dislipidemia, ipertrigliceridemia);
  • gotta;
  • episodi di aumento dei livelli di glucosio in risposta a stress, malattia;
  • malattie cardiovascolari;
  • nefropatia di eziologia sconosciuta;
  • danno al fegato;
  • sindrome metabolica stabilita;
  • neuropatia periferica di gravità variabile;
  • frequenti lesioni cutanee pustolose (foruncolosi);
  • patologia della tiroide, ghiandole surrenali, ipofisi, ovaie nelle donne;
  • emocromatosi;
  • stati ipoglicemici;
  • uso di agenti che aumentano la glicemia nel sangue;
  • età oltre 45 anni (con una frequenza di ricerca 1 volta in 3 anni);
  • 3 ° trimestre di gravidanza ai fini dell'ispezione di routine.

GTT è indispensabile per ottenere il risultato dubbio di un test glicemico di routine.

Regole per la preparazione per il test

Il test di tolleranza al glucosio deve essere eseguito al mattino, a stomaco vuoto (il paziente deve smettere di mangiare almeno 8 ore, ma non più di 16).

Consentito usare l'acqua Allo stesso tempo, durante i tre giorni precedenti, dovresti osservare la solita modalità di attività fisica, assumere abbastanza carboidrati (almeno 150-200 grammi al giorno), smettere completamente di fumare e bere bevande alcoliche, non raffreddare eccessivamente, evitare disordini psico-emotivi.

Nella dieta la sera prima dello studio devono essere necessariamente presenti 30-60 grammi di carboidrati. È severamente vietato bere caffè il giorno dello studio.

Durante il prelievo di un campione di sangue, la posizione del paziente deve essere sdraiata o seduta, in uno stato calmo, dopo un breve riposo (5-10 minuti). Nella stanza in cui viene condotto lo studio, devono essere rispettati adeguati requisiti di temperatura, umidità, luce e altri requisiti igienici, che possono essere assicurati solo in un laboratorio o in una sala di manipolazione presso il reparto ospedaliero di un ospedale.

Affinché la curva dello zucchero sia visualizzata in modo oggettivo, GTT dovrebbe essere posticipata ad una data successiva se:

  • la persona esaminata è nel periodo prodromico o acuto di qualsiasi malattia infiammatoria infettiva;
  • negli ultimi giorni è stato effettuato un intervento chirurgico;
  • c'era una grave situazione stressante;
  • il paziente è ferito;
  • Alcuni farmaci sono stati presi (caffeina, calcitonina, adrenalina, dopamina, antidepressivi).

Risultati errati possono essere ottenuti con carenza di potassio nel corpo (ipopotassiemia), anormale funzionalità epatica e organi del sistema endocrino (iperplasia surrenale, morbo di Cushing, ipertiroidismo, adenoma ipofisario).

Le regole di preparazione per il metodo parenterale di GTT sono simili a quelle che assumono il glucosio attraverso la bocca.

Tolleranza al glucosio negli uomini e nelle donne

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda che i seguenti valori di zucchero nel sangue siano considerati normali:

  • digiuno - inferiore a 6,1 mmol / l ( <109,8 мг/дл);
  • 1 ora dopo GTT orale - inferiore a 7,8 mmol / l ( <140,4 мг/дл);
  • 2 ore dopo GTT orale - inferiore a 7,8 mmol / l ( <140,4 мг/дл).

Secondo l'American Diabetes Association (ADA), questi valori sono leggermente diversi:

  • digiuno - inferiore a 5,6 mmol / l ( <100,8 мг/дл);
  • 2 ore dopo GTT orale - inferiore a 7,0 mmol / l ( <126 мг/дл).

La tolleranza al glucosio è considerata compromessa se la glicemia a digiuno è di 6,1 - 6,9 mmol / l, 2 ore dopo il carico - 7,8-11,0 mmol / l secondo l'OMS. I valori proposti da ADA sono rappresentati dai seguenti valori: a stomaco vuoto - 5,6-6,9 mmol / l, dopo 2 ore - 7,0-11,0 mmol / l.

donne

Nelle donne, i livelli di glucosio sono coerenti con gli standard generalmente accettati. Tuttavia, questi valori sono più soggetti a fluttuazioni durante il giorno, a causa dell'influenza dello sfondo ormonale, una percezione emotiva più pronunciata. Lo zucchero può aumentare leggermente durante i giorni critici della gravidanza, che è considerato un processo assolutamente fisiologico.

maschi

Gli uomini sono anche caratterizzati da concentrazioni che non differiscono da standard classici e categorie di età. Se il soggetto è a rischio di diabete e tutti gli indicatori sono normali, è consigliabile condurre un sondaggio con una frequenza di almeno 1 volta all'anno.

I valori normali nei bambini di età inferiore ai 14 corrispondono a 3,3-5,6 mmol / l, e nei neonati, 2,8-4,4 mmol / l.

Per i bambini, il calcolo del volume richiesto di glucosio anidro secco per GTT viene effettuato come segue: 1,75 g per 1 chilogrammo di peso corporeo, ma nel volume totale non più di 75 grammi. Se il bambino pesa 43 chilogrammi e più, usa il solito dosaggio, come per gli adulti.

Il rischio di sviluppare iperglicemia è aumentato nei bambini con sovrappeso e un fattore di rischio aggiuntivo per il diabete mellito (ereditarietà gravata, bassa attività fisica, dieta malsana, ecc.). Tuttavia, tali violazioni sono spesso transitorie e richiedono una definizione dinamica.

Indicatori di glucosio nel diabete

Secondo i dati forniti dall'Organizzazione mondiale della sanità, la diagnosi di diabete mellito è confermata dai seguenti valori di glucosio nel siero:

  • a digiuno - 7 o più mmol / l (≥126 mg / dL);
  • 2 ore dopo GTT - 11,1 o più mmol / l (≥200 mg / dl).

I criteri per l'American Diabetic Association sono pienamente coerenti con quanto sopra.

Il processo diagnostico prevede la determinazione ripetuta della glicemia negli altri giorni. Nel debutto dello stato patologico e del suo scompenso, le misurazioni per la tolleranza al glucosio vengono effettuate con particolare frequenza.

Immediatamente, la diagnosi viene effettuata in caso di sintomi classici della malattia (polidipsia, secchezza delle fauci, aumento della minzione, perdita di peso, acuità visiva) e misurazioni casuali del glucosio (indipendentemente dall'assunzione di cibo, ora del giorno) superiori a 11,1 mmol / l dall'assunzione di cibo.

Misurare la glicemia per confermare o escludere il diabete non è pratico da eseguire:

  • in caso di esordio o esacerbazione di qualsiasi malattia, infortunio o intervento chirurgico;
  • con uso a breve termine di farmaci che aumentano la glicemia (glucocorticosteroidi, ormoni tiroidei, statine, diuretici tiazidici, beta-bloccanti, contraccettivi orali, trattamento dell'HIV, acido nicotinico, alfa e beta-adrenomimetici);
  • in pazienti con danno epatico cirrotico.

In assenza di iperglicemia non ambigua, il risultato è confermato da un altro test.

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Nelle donne in gravidanza con diabete mellito non precedentemente stabilito, lo studio per identificare la variante gestazionale della malattia viene effettuato alla settimana 24-28 utilizzando il test di tolleranza al glucosio (misurazione dei livelli di glucosio plasmatico di 2 ore con un carico di 75-100 grammi di glucosio) e valutando il significato diagnostico.

I valori della glicemia durante la gravidanza sono normalmente:

  • a stomaco vuoto - inferiore a 5,1 mmol / l ( <91,8 мг/дл);
  • 1 ora dopo GTT - inferiore a 10 mmol / l ( <180 мг/дл);
  • 2 ore dopo GTT - inferiore a 8,5 mmol / l ( <153 мг/дл).

Il diabete mellito gestazionale è stabilito al ricevimento di tali risultati:

  • a stomaco vuoto - 5,1 mmol / l ed oltre (≥91,8 mg / dl), ma inferiore a 7,0 mmol / l (126 mg / dl);
  • 1 ora dopo GTT - 10 mmol / L e oltre (≥180 mg / dL);
  • 2 ore dopo GTT - 8,5 mmol / L e più (≥153 mg / dL), ma meno di 11,1 mmol / L (200 mg / dL).

Una vigilanza speciale e una frequenza più alta di esame dovrebbero essere nelle donne in gravidanza alle seguenti condizioni:

  • superare il valore consentito dell'indice di massa corporea (superiore a 30 kg / m2);
  • la presenza di diabete gestazionale in gravidanze precedenti;
  • predisposizione genetica (la famiglia immediata ha il diabete);
  • la nascita di un feto grande più di 4 chilogrammi nell'anamnesi;
  • ipertensione arteriosa (pressione arteriosa sistolica superiore a 140 mm Hg, diastolica - superiore a 90 mm Hg);
  • sindrome dell'ovaio policistico;
  • dermatosi (escrescenze cutanee scure nelle pieghe ascellari, cervicali, inguinali).

Non è consigliabile eseguire GTT se:

  • la gravidanza soffre di tossicosi, accompagnata da vomito e nausea;
  • una donna è costretta a mantenere il riposo a letto costante;
  • è presente una fase attiva della malattia pancreatica infiammatoria;
  • ci sono segni di un periodo acuto di una malattia infettiva.

Va tenuto presente che le donne incinte sono inclini a condizioni in cui i livelli di glucosio possono essere abbassati. Ad esempio, lo sforzo fisico può portare a questo stato, poiché il corpo sta intensivamente spendendo riserve di energia.

Quale medico contattare con i risultati del test

Dopo aver ricevuto i risultati di GTT, il paziente può rivolgersi a un medico generico, un medico generico per interpretare i test e determinare ulteriori tattiche o direttamente a un endocrinologo.

Lo specialista trarrà una conclusione sulla base della quale potrebbe essere necessario un ulteriore esame (per esempio, determinare il livello di emoglobina glicosilata, peptide C), chiarire o smentire la diagnosi, formulare raccomandazioni riguardanti modifiche dello stile di vita, farmaci e ulteriore controllo della concentrazione di zucchero nel sangue.

In altri casi, nefrologi, cardiologi, ginecologi, neuropatologi e altri medici possono prescrivere un test di tolleranza al glucosio, poiché l'iperglicemia è caratterizzata da danni a un'ampia gamma di organi e sistemi.

Test di tolleranza al glucosio: test di tolleranza

Il test di tolleranza al glucosio è uno studio speciale che consente di testare le prestazioni del pancreas. La sua essenza si riduce al fatto che una certa dose di glucosio viene iniettata nel corpo e, dopo 2 ore, il sangue viene prelevato per l'analisi. Tale test può anche essere indicato come test di carico del glucosio, caricamento dello zucchero, GTT e anche GNT.

Nel pancreas di una persona, si verifica la produzione di una speciale insulina ormonale, che è in grado di monitorare qualitativamente il livello di zucchero nel sangue e ridurla. Se una persona ha il diabete, allora l'80 o anche il 90 percento di tutte le cellule beta ne risentirà.

Il test di tolleranza al glucosio è orale e per via endovenosa e il secondo tipo è estremamente raro.

Chi è il test del glucosio?

Il test di tolleranza al glucosio per la resistenza allo zucchero deve essere eseguito a livelli normali e borderline di glucosio. Questo è importante per la differenziazione del diabete mellito e la rilevazione del grado di tolleranza al glucosio. Questa condizione può ancora essere definita prediabete.

Inoltre, il test di tolleranza al glucosio può essere prescritto a coloro che hanno avuto iperglicemia almeno una volta durante situazioni stressanti, come infarto, ictus o polmonite. La GTT verrà eseguita solo dopo la normalizzazione della condizione della persona malata.

Parlando di norme, un buon indicatore a stomaco vuoto sarà compreso tra 3,3 e 5,5 millimoli per litro di sangue umano. Se, come risultato del test, si otterrà una cifra superiore a 5,6 millimoli, allora in tali situazioni sarà una questione di glicemia a digiuno compromessa, e con un risultato di 6.1, il diabete si svilupperà.

A cosa prestare particolare attenzione?

Va notato che i risultati usuali dell'uso dei glucometri non saranno rivelatori. Possono fornire risultati abbastanza medi, e sono raccomandati solo durante il trattamento del diabete mellito per controllare il livello di glucosio nel sangue del paziente.

Non dobbiamo dimenticare che il sangue viene prelevato dalla vena e dal dito cubitale contemporaneamente e a stomaco vuoto. Dopo aver preso lo zucchero del cibo è perfettamente digerito, il che porta ad una diminuzione del suo livello fino a 2 millimoli.

Il test è uno stress test piuttosto serio ed è per questo che non è consigliabile produrlo senza particolari esigenze.

Chi è il test controindicato

Le principali controindicazioni del test di tolleranza al glucosio includono:

  • grave condizione generale;
  • processi infiammatori nel corpo;
  • violazioni del processo di alimentazione dopo l'intervento chirurgico allo stomaco;
  • ulcere acide e morbo di Crohn;
  • ventre acuto;
  • esacerbazione di ictus emorragico, edema cerebrale e infarto;
  • malfunzionamento del fegato;
  • uso insufficiente di magnesio e potassio;
  • uso di steroidi e glucocorticosteroidi;
  • contraccettivi preformati;
  • Malattia di Cushing;
  • ipertiroidismo;
  • ricevere beta-bloccanti;
  • acromegalia;
  • feocromocitoma;
  • prendendo fenitoina;
  • diuretici tiazidici;
  • uso di acetazolamide.

Come preparare il corpo per la qualità del test di tolleranza al glucosio?

Affinché i risultati del test sulla resistenza del corpo al glucosio siano corretti, è necessario in anticipo, vale a dire pochi giorni prima, mangiare solo quegli alimenti che sono caratterizzati da livelli normali o elevati di carboidrati.

Stiamo parlando del cibo in cui il loro contenuto è da 150 grammi e più. Se si aderisce a un test dietetico a basso contenuto di carboidrati, questo sarà un grave errore, perché il risultato sarà un livello di zucchero nel sangue eccessivamente basso del paziente.

Inoltre, circa 3 giorni prima dello studio previsto non è raccomandato l'uso di tali farmaci: contraccettivi orali, diuretici tiazidici e glucocorticosteroidi. Almeno 15 ore prima del GTT non puoi bere alcolici e mangiare cibo.

Come viene eseguito il test?

Il test di tolleranza al glucosio per il livello di zucchero viene effettuato al mattino a stomaco vuoto. Inoltre, è anche impossibile fumare sigarette prima della fine del test.

In primo luogo, produce sangue dalla vena cubitale a stomaco vuoto. Successivamente, il paziente deve bere 75 grammi di glucosio, precedentemente disciolto in 300 millilitri di acqua pura senza gas. Tutto il liquido deve essere consumato in 5 minuti.

Se stiamo parlando del bambino studiato, allora in questo caso il glucosio viene diluito a un tasso di 1,75 grammi per chilogrammo di peso del bambino, ed è necessario sapere qual è il livello di zucchero nel sangue nei bambini. Se il suo peso è superiore a 43 kg, è necessario un dosaggio standard per un adulto.

Il livello di glucosio dovrà essere misurato ogni mezz'ora per evitare di saltare i picchi di zucchero nel sangue. In qualsiasi momento, il suo livello non deve superare i 10 millimoli.

Vale la pena notare che durante il test del glucosio, viene mostrata qualsiasi attività fisica, e non solo sdraiati o seduti in un posto.

Perché è possibile ottenere risultati errati?

I seguenti fattori possono portare a risultati falsi negativi:

  • violazione dell'assorbimento di glucosio nel sangue;
  • restrizione assoluta di sé nei carboidrati alla vigilia del test;
  • attività fisica eccessiva.

Un risultato falso positivo può essere ottenuto nel caso di:

  • digiuno prolungato del paziente esaminato;
  • a causa dell'osservanza della modalità pastello.

Come valutare i risultati del test per il glucosio?

Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità del 1999, i risultati del test di tolleranza al glucosio, eseguito sulla base del sangue intero capillare, saranno i seguenti:

18 mg / dl = 1 millimole per 1 litro di sangue,

100 mg / dl = 1 g / l = 5,6 millimoli,

per = decilitatore = 0,1 l.

A stomaco vuoto:

  • il tasso sarà: inferiore a 5,6 mmol / l (inferiore a 100 mg / dL);
  • con glucosio a digiuno alterato: compreso tra 5,6 e 6,0 millimoli (da 100 a meno di 110 mg / dL);
  • per il diabete mellito: la norma è superiore a 6,1 mmol / l (più di 110 mg / dl).

2 ore dopo aver bevuto glucosio:

  • norma: meno di 7,8 millimole (meno di 140 mg / dL);
  • tolleranza alterata: dal livello di 7,8 a 10,9 millimole (da 140 a 199 mg / dL);
  • diabete: più di 11 millimoli (maggiore o uguale a 200 mg / dl).

Quando si determina il livello di zucchero dal sangue raccolto dalla vena cubitale, a stomaco vuoto, le cifre saranno le stesse e dopo 2 ore questa cifra sarà di 6.7-9.9 millimoli per litro.

Test di gravidanza

Il test tollerante al glucosio descritto sarà erroneamente confuso con quello che viene effettuato nelle donne in gravidanza nel periodo da 24 a 28 settimane del termine. Viene nominato dal ginecologo per identificare i fattori di rischio per il diabete latente nelle donne in gravidanza. Inoltre, tale diagnosi può essere raccomandata da un endocrinologo.

Nella pratica medica, ci sono varie opzioni di test: ogni ora, due ore e una progettata per 3 ore. Se parliamo degli indicatori che dovrebbero essere stabiliti durante il digiuno del prelievo di sangue, queste cifre saranno non inferiori a 5.0.

Se una donna è diabetica, i seguenti indicatori parleranno di lui:

  • dopo 1 ora - maggiore o uguale a 10,5 millimoli;
  • dopo 2 ore - più di 9,2 mmol / l;
  • dopo 3 ore - maggiore o uguale a 8.

Durante la gravidanza, è estremamente importante monitorare costantemente i livelli di zucchero nel sangue, perché in questa posizione il bambino nell'utero è soggetto a raddoppiare il carico, e in particolare il pancreas. Inoltre, tutti si domandano se il diabete sia ereditato.

Come condurre un test per la tolleranza al glucosio - le indicazioni per lo studio e l'interpretazione dei risultati

Le conseguenze della malnutrizione, sia nelle donne che negli uomini, possono essere una violazione della produzione di insulina, che è piena dello sviluppo del diabete, quindi è importante prendere periodicamente il sangue da una vena per condurre un test di tolleranza al glucosio. Dopo aver decifrato gli indicatori, la diagnosi di diabete o diabete gestazionale in donne in gravidanza è sospettata o confutata. Familiarizzare con la procedura di preparazione per l'analisi, il processo di conduzione del campione e la decodifica degli indicatori.

Test di tolleranza al glucosio

Il test del glucosio-tollerante (GTT) o del test di tolleranza al glucosio si riferisce a specifici metodi di esame che aiutano a identificare l'atteggiamento del corpo nei confronti dello zucchero. Con il suo aiuto, viene determinata la propensione al diabete mellito, il sospetto di malattia latente. Sulla base di indicatori, è possibile intervenire nel tempo ed eliminare le minacce. Esistono due tipi di test:

  1. La tolleranza al glucosio orale o orale - il carico di zucchero viene effettuato pochi minuti dopo il primo prelievo di sangue, al paziente viene chiesto di bere acqua addolcita.
  2. Endovenoso - quando è impossibile usare indipendentemente l'acqua, viene iniettato per via endovenosa. Questo metodo è utilizzato per le donne in gravidanza con grave tossicosi, i pazienti con disturbi gastrointestinali.

Indicazioni per

Ottenere un rinvio da un medico, ginecologo, endocrinologo per testare la tolleranza al glucosio durante la gravidanza o il sospetto di diabete mellito può pazienti che hanno notato i seguenti fattori:

  • sospetto di diabete di tipo 2;
  • l'effettiva presenza del diabete;
  • per la selezione e l'adeguamento del trattamento;
  • se sospetti o hai il diabete gestazionale;
  • prediabete;
  • sindrome metabolica;
  • malfunzionamenti del pancreas, delle ghiandole surrenali, dell'ipofisi, del fegato;
  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • obesità, malattie endocrine;
  • autogestione del diabete.

Come eseguire un test di tolleranza al glucosio

Se il medico sospetta una delle malattie sopra elencate, darà indicazioni per il test di tolleranza al glucosio. Questo metodo di indagine è specifico, sensibile e "capriccioso". Dovresti prepararti con cura per non ottenere risultati falsi, quindi scegliere un trattamento insieme al tuo medico per eliminare i rischi e le possibili minacce, le complicazioni durante il corso del diabete.

Preparazione per la procedura

Prima del test, devi prepararti attentamente. Le misure di preparazione includono:

  • un divieto di assunzione di alcol per diversi giorni;
  • giorno non fumatori il giorno del test;
  • informi il medico del livello di attività fisica;
  • per il giorno, non mangiare cibi zuccherati, il giorno della consegna delle analisi, non bere molta acqua, seguire la dieta corretta;
  • considerare lo stress;
  • Non eseguire il test per malattie infettive, condizioni post-operatorie;
  • tre giorni per interrompere l'assunzione di farmaci: ipoglicemico, ormonale, stimolante del metabolismo, deprimente della psiche.

Sangue a digiuno

Il test per glicemia dura due ore, perché durante questo periodo è possibile raccogliere informazioni ottimali sul livello di glicemia nel sangue. Il primo stadio del test è il prelievo di sangue, che dovrebbe essere fatto a stomaco vuoto. Il digiuno dura 8-12 ore, ma non più di 14, altrimenti c'è il rischio di risultati inaccurati della GTT. Vengono testati nelle prime ore del mattino in modo che sia possibile verificare la crescita o il declino dei risultati.

Carico di glucosio

Il secondo passo è prendere il glucosio. Il paziente beve lo sciroppo dolce o gliene somministrato per via endovenosa. Nel secondo caso, una soluzione speciale al 50% di glucosio viene somministrata lentamente per 2-4 minuti. Per la preparazione viene utilizzata una soluzione acquosa con 25 g di glucosio, per i bambini, la soluzione viene preparata alla velocità di 0,5 g per chilogrammo di peso corporeo, ma non più di 75 g, quindi viene donato il sangue.

Con una prova orale in cinque minuti, una persona beve 250-300 ml di acqua calda dolce con 75 g di glucosio. Le gravide si sciolgono nella stessa quantità di 75-100 grammi. Per gli asmatici, i pazienti con angina pectoris, ictus o infarto, si consiglia di assumere solo 20 g. Il carico di carboidrati non viene effettuato da solo, sebbene la polvere di glucosio sia venduta senza ricetta nelle farmacie.

Raccolta ripetuta di sangue

Nell'ultima fase, vengono eseguiti diversi esami del sangue ripetuti. Per un'ora, il sangue viene prelevato da una vena diverse volte per controllare le fluttuazioni del glucosio. Secondo i loro dati, le conclusioni sono già state tratte, viene fatta una diagnosi. Il test richiede sempre il ricontrollo, soprattutto se ha dato un risultato positivo e la curva dello zucchero ha mostrato stadi del diabete. È necessario superare i test come prescritto da un medico.

Risultati del test di tolleranza al glucosio

In base ai risultati del test sullo zucchero, viene determinata la curva dello zucchero, che mostra lo stato del metabolismo dei carboidrati. 5,5-6-6 mmol per litro di sangue capillare e 6,1-7 venoso sono considerati normali. Gli indicatori di zucchero sopra indicati indicano prediabete e possibile compromissione della funzione di tolleranza al glucosio, fallimento del pancreas. Con una percentuale di 7,8-11,1 di un dito e oltre 8,6 mmol per litro di vena, viene diagnosticato il diabete. Se dopo il primo prelievo di sangue il numero è superiore a 7,8 dal dito e 11,1 dalla vena, è vietato condurre il test a causa dello sviluppo del coma iperglicemico.

Cause di indicatori errati

Un risultato falso positivo (alto in sano) è possibile con il riposo a letto o dopo un lungo digiuno. Le ragioni per le indicazioni false-negative (livello di zucchero in un paziente è normale) sono:

  • assorbimento del glucosio alterato;
  • dieta ipocalorica - una restrizione nei carboidrati o nel cibo prima del test;
  • aumento dell'attività fisica.

Controindicazioni

Non è sempre consentito condurre un test per la determinazione della tolleranza al glucosio. Le controindicazioni per il superamento del test sono:

  • intolleranza individuale allo zucchero;
  • malattie del tratto gastrointestinale, esacerbazione di pancreatite cronica;
  • malattia infiammatoria o infettiva acuta;
  • tossicosi forte;
  • il periodo postoperatorio;
  • conformità con il riposo a letto standard.

Test del glucosio durante la gravidanza

Durante la gestazione, il corpo di una donna incinta è sottoposto a un forte stress, c'è una carenza di oligoelementi, minerali, vitamine. Le donne in gravidanza seguono una dieta, ma alcuni possono consumare una maggiore quantità di alimenti, in particolare i carboidrati, che possono portare a diabete gestazionale (iperglicemia prolungata). Per rilevarlo e prevenirlo, analizzano anche la sensibilità al glucosio. Mantenendo un livello elevato di glucosio nel sangue nel secondo stadio, la curva dello zucchero indica lo sviluppo del diabete.

Gli indicatori indicano la malattia: il livello di zucchero a stomaco vuoto è superiore a 5,3 mmol / l, un'ora dopo l'ingestione è superiore a 10, dopo due ore è 8,6. Una volta rilevata la condizione gestazionale, il medico prescrive un secondo test per la donna per confermare o confutare la diagnosi. Alla conferma, viene prescritto un trattamento in base alla durata della gravidanza, il travaglio viene eseguito alla settimana 38. 1,5 mesi dopo la nascita del bambino, l'analisi della tolleranza al glucosio viene ripetuta.

video

Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

Come testare la tolleranza al glucosio

La diagnostica del corpo per la tolleranza al glucosio è uno speciale metodo di laboratorio per determinare il diabete mellito (DM) e il suo stato precedente. Ci sono due tipi:

  • test del glucosio per via endovenosa;
  • studio di tolleranza al glucosio orale.

L'analisi mostra come il corpo umano dissolve il glucosio nel sangue. Le sfumature, i metodi e la fattibilità del test per la tolleranza al glucosio sono discussi di seguito. Imparerai qual è la norma di questo studio e le sue insidie.

A cosa serve un test di tolleranza al glucosio?

Il glucosio è un monosaccaride usato dal corpo per mantenere l'energia vitale. Se una persona ha il diabete che non è mai stato trattato, c'è una grande quantità di sostanza nel sangue. Il test è necessario per la diagnosi tempestiva della malattia e l'inizio del trattamento in una fase precoce. Di seguito viene descritto come viene condotta una ricerca sulla tolleranza.

Se l'analisi mostra un livello elevato, la persona ha il diabete di tipo 2. Le donne incinte non dovrebbero essere spaventate, perché la concentrazione di zucchero nel sangue aumenta nella "posizione interessante".

Il test per la tolleranza al glucosio è una procedura semplice che dovrebbe essere eseguita regolarmente come misura preventiva.

Perché prendere e a chi viene prescritto un test

Il valore dello studio è difficile da sovrastimare. L'analisi rivela la fattibilità di altre manipolazioni necessarie per la diagnosi del diabete. Particolare attenzione è rivolta alle donne in gravidanza e alle persone soggette a diabete. Fai un test per la sicurezza e la salute.

Preparazione per il test

L'analisi è preceduta da un'accurata preparazione. Prima del primo studio sulla tolleranza al glucosio, i medici raccomandano di seguire la dieta: eliminare cibi grassi e piccanti e cibi ricchi di carboidrati dalla dieta. Mangiare 4-5 volte al giorno (colazione, pranzo, cena e 1-2 snack) senza eccessi e digiuni - la saturazione del corpo con sostanze utili per la vita normale dovrebbe essere completa.

Come testare la tolleranza al glucosio? Esclusivamente a stomaco vuoto: in 8 ore escludere l'uso del cibo. Ma non dovresti esagerare: il digiuno è consentito non più di 14 ore.

Il giorno prima del test di tolleranza al glucosio, abbandonare completamente alcol e sigarette.

Prima di iniziare la preparazione per lo studio, consultare il proprio medico circa l'assunzione di farmaci. Il campione sarà impreciso quando si usano pillole che influenzano la glicemia. Questi includono farmaci che contengono:

  • caffeina;
  • adrenalina;
  • sostanze glucocorticoidi;
  • serie diuretici tiazidici, ecc.

Come condurre un test per la tolleranza al glucosio

Come fare un test per la tolleranza al glucosio - spiega il medico che condurrà la procedura. Diremo brevemente le caratteristiche del test. Innanzitutto, considera le specifiche del metodo orale.

Un campione di sangue viene prelevato per l'analisi. Il paziente beve acqua contenente una certa quantità di glucosio (75 grammi). Quindi il medico prende il sangue per analisi ogni mezz'ora. La procedura richiede circa 3 ore.

Il secondo metodo è usato abbastanza raramente. Si chiama "test della glicemia per via endovenosa". La sua caratteristica è quella di vietare l'uso per la diagnosi di diabete. Un esame del sangue con questo metodo viene eseguito come segue: la sostanza viene iniettata nella vena del paziente per tre minuti, dopo aver determinato il livello di insulina.

Dopo aver fatto l'iniezione, il medico conta il 1 ° e 3 ° minuto dopo l'iniezione. Il tempo di misurazione dipende dal punto di vista del medico e dal metodo della procedura.

Sentimenti durante il test

Quando si esegue un test di tolleranza al glucosio, il disagio non è escluso. Non preoccuparti: questa è la norma. Per caratteristica di ricerca:

  • aumento della sudorazione;
  • mancanza di respiro;
  • leggera nausea;
  • svenimento o pre-inconscio.

Come dimostra la pratica, il test di tolleranza al glucosio causa effetti collaterali piuttosto rari. Prima di eseguire il test, calmati ed esegui l'auto-allenamento. Il sistema nervoso è stabilizzato e la procedura passerà senza complicazioni.

Qual è il tasso di test di tolleranza al glucosio

Prima dello studio, rivedere gli standard di analisi per comprendere i risultati approssimativi. Unità di misura: milligrammi (mg) o decilitri (dl).

La norma a 75 gr. ingredienti:

  • 60-100 mg - il risultato iniziale;
  • 200 mg dopo 1 ora;
  • fino a 140 mg in un paio d'ore.

Ricorda che le unità per determinare i livelli di zucchero nel sangue dipendono dal laboratorio - consulta il tuo medico per queste informazioni.

Il test a volte non mostra risultati incoraggianti. Non scoraggiarti se gli indicatori non sono stati all'altezza della norma. Devi scoprire la causa e risolvere il problema.

Se il livello di zucchero nel sangue supera i 200 mg (dm), il paziente ha il diabete.

La diagnosi è fatta esclusivamente da un medico: alti livelli di zucchero sono possibili con altre malattie (sindrome di Cushing, ecc.).

L'importanza dell'analisi è difficile da sovrastimare. Il benessere umano dipende dal livello di glucosio, questo indicatore deve essere tenuto sotto controllo. Se vuoi goderti la vita e essere costantemente attivo, non ignorare lo zucchero nel sangue.

Test di tolleranza al glucosio (test di tolleranza al glucosio): norma di interpretazione Significato durante la gravidanza

Condividi nuove informazioni in:

contenuto:

Test di tolleranza al glucosio. Cos'è questo?

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) è un metodo di ricerca di laboratorio utilizzato in endocrinologia per la diagnosi di ridotta tolleranza al glucosio (pre-diabete) e diabete. In sostanza, viene determinata la capacità del corpo di assorbire il glucosio (zucchero)

Con il metodo di somministrazione di glucosio si distinguono:

  • orale (da lat. per os) (oGTT) e
  • test di tolleranza al glucosio per via endovenosa.

Determinazione del livello di glucosio nel plasma sanguigno a stomaco vuoto e ogni 30 minuti per 2 ore dopo il carico di carboidrati, utilizzato per la diagnosi di diabete mellito, ridotta tolleranza al glucosio.

Metodi per analizzare la tolleranza al glucosio

  • Al paziente viene dato di consumare una certa quantità di zucchero (glucosio). Questa quantità è chiamata il carico di carboidrati standard, è 75 g di glucosio (50 e 100 g sono usati meno frequentemente)
  • Vale la pena notare che durante l'analisi, il livello di glucosio viene misurato a stomaco vuoto e quindi ogni 30 minuti per 2 ore dopo il carico di carboidrati (glucosio).
  • Pertanto, l'analisi viene eseguita su 5 punti: a stomaco vuoto, quindi dopo 30, 60, 90 e 120 minuti (test classico).
  • A seconda della situazione, l'analisi può essere eseguita su tre o due punti.

Qual è la ridotta tolleranza al glucosio?

  • moderato aumento della glicemia a digiuno (al di sotto della soglia diagnostica per il diabete),
  • comparsa episodica di glucosio nelle urine senza aumento di glucosio a digiuno,
  • sintomi del diabete senza iperglicemia o glicosuria registrata,
  • l'aspetto del glucosio nelle urine durante la gravidanza,
  • tireotossicosi,
  • malattia del fegato o infezioni
  • neuropatia o
  • retinopatia di origine sconosciuta.

Valori OK

I valori sono normali (nessun diabete)

Decifrare il risultato

Concentrazione di glucosio 2 ore dopo l'ingestione di glucosio:

  • 11,1 mmol / l - diabete

Motivi per l'aumento dei livelli di glucosio:

  • ridotta tolleranza al glucosio;
  • diabete mellito;
  • un risultato falso positivo è una recente malattia acuta, un intervento chirurgico o qualche altra situazione stressante.

Cause di bassi livelli di glucosio:

  • diabete compensato.

Come passare l'analisi?

Si raccomanda di donare il sangue al mattino (da 8 a 11 ore), rigorosamente a stomaco vuoto (almeno 8 e non più di 14 ore di digiuno, si può bere acqua). Alla vigilia evitare il sovraccarico di cibo.
  • Durante i 3 giorni precedenti il ​​giorno del test tollerante il glucosio, è necessario seguire la dieta abituale senza limitare i carboidrati; eliminare i fattori che possono causare la disidratazione dell'organismo (regime di consumo inadeguato, aumento dell'attività fisica, presenza di disturbi intestinali).
  • Tre giorni prima dello studio, è necessario astenersi dall'assumere farmaci, il cui uso può influenzare il risultato dello studio (salicilati, contraccettivi orali, tiazidici, corticosteroidi, fenotiazina, litio, metapirone, vitamina "C", ecc.).
  • Attenzione! L'annullamento di medicine è fatto solo dopo consultazione preliminare del paziente con un dottore!
  • Alla vigilia delle 24 ore precedenti allo studio è controindicato l'alcol.
  • Il test di tolleranza al glucosio non viene eseguito su bambini sotto i 14 anni di età.

Indicazioni per

  • Quando si esaminano pazienti con fattori di rischio per diabete mellito (stile di vita sedentario, obesità, presenza di un paziente diabetico con un parente di prima linea, ipertensione e altre malattie del sistema cardiovascolare, disturbi dello spettro lipidico, ridotta tolleranza al glucosio).
  • Sovrappeso (peso corporeo).
  • L'aterosclerosi.
  • Ipertensione.
  • Gotta.
  • Parenti stretti di pazienti con diabete.
  • Donne che hanno avuto aborti spontanei, parto prematuro, neonati molto grandi o bambini con disabilità dello sviluppo, neonati nati morti, diabete mellito durante la gravidanza.
  • Sindrome metabolica
  • Malattia epatica cronica.
  • Ovaio policistico.
  • Neuropatia di eziologia poco chiara.
  • Uso a lungo termine di diuretici, glucocorticoidi, estrogeni sintetici.
  • Paradontosi cronica e foruncolosi.

Analisi per la tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Quando si registra e si raccolgono informazioni sulla salute di una donna incinta, può essere possibile superare tale test prima, all'inizio della gravidanza. Con un risultato positivo, queste donne osservano l'intera gravidanza e scrivono le raccomandazioni e le procedure necessarie per regolare il livello di glucosio nel corpo.

Esiste un certo gruppo di rischio, che attira principalmente l'attenzione al momento della registrazione. Include le donne incinte che hanno:

  • il diabete mellito può essere rintracciato per ereditarietà (non acquisito, ma congenito);
  • la presenza di eccesso di peso in una donna incinta e il grado di obesità;
  • ci furono primi aborti e morti di nascite;
  • la presenza di un grande feto durante l'ultimo parto (preso in considerazione se il peso del feto superava i quattro chilogrammi);
  • tardiva preeclampsia, presenza di malattie infettive croniche del sistema urinario;
  • gravidanza tardiva (vengono contate le donne sopra i trentacinque anni).

Quelle donne che non rientrano in questa lista, superano il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza solo all'inizio del terzo trimestre, all'inizio della ventottesima settimana.

Condividi nuove informazioni con amici e conoscenti in:

Test per la tolleranza al glucosio, curva dello zucchero: analisi e velocità, come passare, i risultati

Tra gli studi di laboratorio studiati per rilevare le violazioni del metabolismo dei carboidrati, un posto molto importante è stato acquisito dal test di tolleranza al glucosio, il test di tolleranza al glucosio (GT), o come spesso non molto ben chiamato - "curva dello zucchero".

La base di questo studio è la risposta insulare all'assunzione di glucosio. Indubbiamente, abbiamo bisogno di carboidrati, tuttavia, per poter svolgere la loro funzione, dare forza ed energia, è necessaria l'insulina, che regola il loro livello, limitando il contenuto di zucchero se una persona rientra nella categoria dei denti dolci.

Test semplice e affidabile

In altri casi, abbastanza spesso (insufficienza dell'apparato insulare, aumento dell'attività degli ormoni contro-insulari, ecc.), Il livello di glucosio nel sangue può aumentare in modo significativo e portare a una condizione chiamata iperidremia. Il grado e la dinamica dello sviluppo degli stati iperglicemici possono essere influenzati da molti agenti, tuttavia, il fatto che il deficit di insulina sia la causa principale di un aumento inaccettabile di zucchero nel sangue non è più un dubbio - questo è il motivo per il test di tolleranza al glucosio, la "curva dello zucchero", il test HGT o il test di tolleranza al glucosio È ampiamente usato nella diagnosi di laboratorio del diabete. Sebbene il GTT sia usato e aiuta anche nella diagnosi di altre malattie.

Il test più comodo e comune per la tolleranza al glucosio è considerato un carico singolo con carboidrati assunti per via orale. Il calcolo è il seguente:

  • 75 g di glucosio, diluito con un bicchiere di acqua tiepida, vengono somministrati a una persona non gravata da chili in più;
  • Le persone con un peso corporeo elevato e le donne in stato di gravidanza aumentano la dose a 100 g (ma non più!);
  • I bambini cercano di non sovraccaricare, quindi il numero viene calcolato rigorosamente in base al loro peso (1,75 g / kg).

2 ore dopo aver bevuto il glucosio, il livello di zucchero è controllato, prendendo come parametro iniziale il risultato dell'analisi ottenuta prima del carico (a stomaco vuoto). La norma di glicemia dopo ingestione di uno "sciroppo" così dolce non dovrebbe superare il livello di 6,7 mmol / l, sebbene in alcune fonti possa essere indicata una cifra inferiore, ad esempio 6,1 mmol / l, pertanto, nel decifrare le analisi, si dovrebbe concentrarsi su uno specifico test di conduzione di laboratorio.

Se dopo 2-2,5 ore il contenuto di zucchero sale a 7,8 mol / l, allora questo valore dà già motivo di registrare una violazione della tolleranza al glucosio. Indicatori superiori a 11,0 mmol / l - deludono: il glucosio alla sua norma non è particolarmente di fretta, continua a rimanere a valori elevati, il che ti fa pensare a una cattiva diagnosi (diabete), che fornisce al paziente NON una vita dolce - con glucosimetro, dieta, pillole e regolare visita l'endocrinologo.

Ed ecco come il cambiamento di questi criteri diagnostici appare nella tabella a seconda dello stato del metabolismo dei carboidrati di alcuni gruppi di persone:

Nel frattempo, usando una singola determinazione dei risultati in violazione del metabolismo dei carboidrati, puoi saltare il picco della "curva dello zucchero" o non aspettare che scenda al suo livello iniziale. A questo proposito, i metodi più affidabili considerano la misurazione della concentrazione di zucchero 5 volte entro 3 ore (1, 1,5, 2, 2,5, 3 ore dopo l'assunzione di glucosio) o 4 volte ogni 30 minuti (l'ultima misurazione dopo 2 ore).

Torneremo alla domanda su come viene condotta l'analisi, tuttavia, le persone moderne non sono più soddisfatte semplicemente affermando l'essenza della ricerca. Vogliono sapere cosa sta succedendo, quali fattori possono influenzare il risultato finale e cosa deve essere fatto in modo da non essere registrati con un endocrinologo, come pazienti che scrivono regolarmente prescrizioni gratuite per medicinali usati nel diabete.

Norma e deviazioni del test di tolleranza al glucosio

La norma del test di carico del glucosio ha un limite superiore di 6,7 mmol / l, il valore più basso è assunto come valore iniziale dell'indicatore a cui tende il glucosio presente nel sangue - nelle persone sane ritorna rapidamente al risultato originale e nei diabetici si blocca ad alti numeri. A questo proposito, il limite inferiore della norma, in generale, non esiste.

Una diminuzione del test di carico del glucosio (che significa che il glucosio non ha la capacità di ritornare alla sua posizione digitale originale) può indicare varie condizioni patologiche del corpo, portando a un metabolismo dei carboidrati alterato ea una diminuzione della tolleranza al glucosio:

  1. Diabete mellito di tipo II, che non manifesta i sintomi della malattia in un ambiente normale, ma ricorda i problemi del corpo in circostanze avverse (stress, traumi, avvelenamento e intossicazione);
  2. Lo sviluppo della sindrome metabolica (sindrome da insulino-resistenza), che a sua volta comporta una patologia piuttosto grave del sistema cardiovascolare (ipertensione arteriosa, insufficienza coronarica, infarto miocardico), che spesso porta alla morte prematura di una persona;
  3. Eccessivo lavoro attivo della ghiandola tiroidea e della ghiandola pituitaria anteriore;
  4. Sofferenza del sistema nervoso centrale;
  5. Il disturbo dell'attività regolatoria (la predominanza dell'attività di uno dei reparti) del sistema nervoso autonomo;
  6. Diabete gestazionale (durante la gravidanza);
  7. Processi infiammatori (acuti e cronici) localizzati nel pancreas.

Chi minaccia di ottenere un controllo speciale

Il test di tolleranza al glucosio è principalmente richiesto per le persone a rischio (sviluppo del diabete di tipo II). Alcune condizioni patologiche periodiche o permanenti, ma nella maggior parte dei casi portano alla rottura del metabolismo dei carboidrati e allo sviluppo del diabete, sono nella zona di particolare attenzione:

  • Casi di diabete in famiglia (diabete nei parenti di sangue);
  • Sovrappeso (BMI - indice di massa corporea superiore a 27 kg / m2);
  • Storia ostetrica aggravata (aborto spontaneo, nati morti, feto grande) o diabete gestazionale durante la gravidanza;
  • Ipertensione arteriosa (pressione sanguigna superiore a 140/90 mm Hg. St);
  • Violazione del metabolismo dei grassi (parametri di laboratorio dello spettro lipidico);
  • Malattia vascolare dal processo aterosclerotico;
  • Iperuricemia (aumento dell'acido urico nel sangue) e gotta;
  • Un aumento episodico di zucchero nel sangue e urina (con stress psico-emotivo, chirurgia, un'altra patologia) o una diminuzione periodica irragionevole del suo livello;
  • Decorso cronico a lungo termine delle malattie di reni, fegato, cuore e vasi sanguigni;
  • Manifestazioni della sindrome metabolica (diverse opzioni - obesità, ipertensione, metabolismo dei lipidi, coaguli di sangue);
  • Infezioni croniche;
  • Neuropatia di origine sconosciuta;
  • L'uso di farmaci diabetogeni (diuretici, ormoni, ecc.);
  • Età dopo 45 anni.

Il test per la tolleranza al glucosio in questi casi è consigliabile eseguire, anche se la concentrazione di zucchero nel sangue assunto a stomaco vuoto non supera i valori normali.

Cosa influenza i risultati di GTT

Una persona sospettata di ridotta tolleranza al glucosio dovrebbe sapere che molti fattori possono influenzare i risultati della "curva dello zucchero", anche se in realtà il diabete non minaccia ancora:

  1. Se ti concedi quotidianamente farina, torte, caramelle, gelati e altre prelibatezze dolci, il glucosio che entra nel corpo non avrà il tempo di essere utilizzato senza guardare il lavoro intenso dell'apparato insulare, cioè, un amore speciale per i cibi dolci può riflettersi in una diminuzione della tolleranza al glucosio;
  2. L'intenso carico muscolare (allenamento in atleti o lavoro fisico pesante), che non viene annullato il giorno prima e il giorno dell'analisi, può portare a una ridotta tolleranza al glucosio e alla distorsione dei risultati;
  3. I fan del fumo di tabacco rischiano di diventare nervosi a causa del fatto che emerge una "prospettiva" di una violazione del metabolismo dei carboidrati, se non c'è abbastanza tempo prima che sia sufficiente abbandonare una cattiva abitudine. Ciò è particolarmente vero per coloro che fumano un paio di sigarette prima dell'esame, e poi si precipitano a capofitto nel laboratorio, causando così un doppio danno (prima di prendere il sangue, è necessario sedersi per mezz'ora, riprendere fiato e calmarsi, perché lo spiccato stress psico-emotivo porta anche alla distorsione dei risultati);
  4. Durante la gravidanza è incluso il meccanismo protettivo dell'ipoglicemia sviluppato nel corso dell'evoluzione che, secondo gli esperti, porta più danni al feto rispetto allo stato iperglicemico. A questo proposito, la tolleranza al glucosio può naturalmente essere ridotta in qualche modo. I risultati "cattivi" (diminuzione della glicemia) possono anche essere presi come cambiamenti fisiologici nel metabolismo dei carboidrati, che è dovuto al fatto che gli ormoni del pancreas del bambino che hanno iniziato a funzionare sono inclusi nel lavoro;
  5. L'eccesso di peso non è un segno di salute, l'obesità è a rischio per un numero di malattie in cui il diabete, se non apre la lista, non è nell'ultimo posto. Nel frattempo, un cambiamento negli indicatori del test non è per il meglio, è possibile ottenere da persone gravate da chili in più, ma non ancora affetti da diabete. A proposito, i pazienti, che nel tempo si sono raccolti e hanno seguito una dieta rigida, non solo sono diventati magri e belli, ma hanno anche abbandonato il numero di potenziali pazienti endocrinologi (la cosa principale è non crollare e aderire alla dieta corretta);
  6. I punteggi del test di tolleranza gastrointestinale possono essere significativamente influenzati da problemi gastrointestinali (motilità e / o assorbimento alterati).

Questi fattori, che sebbene si riferiscono (a vari livelli) a manifestazioni fisiologiche, possono renderti piuttosto preoccupato (e, molto probabilmente, non invano). Cambiare i risultati non può sempre essere ignorato, perché il desiderio di uno stile di vita sano è incompatibile con cattive abitudini, o con eccesso di peso, o mancanza di controllo sulle proprie emozioni.

Il corpo può sopportare a lungo gli effetti a lungo termine di un fattore negativo, ma a un certo punto può rinunciare. E poi una violazione del metabolismo dei carboidrati può diventare non immaginaria, ma presente, e il test per la tolleranza al glucosio può testimoniare a questo. Dopotutto, anche una condizione così fisiologica, come una gravidanza, ma che comporta una ridotta tolleranza al glucosio, può portare a una diagnosi definitiva (diabete mellito).

Come eseguire un test di tolleranza al glucosio per ottenere i risultati corretti.

Per ottenere risultati affidabili del test di carico del glucosio, la persona alla vigilia del viaggio in laboratorio dovrebbe seguire alcuni semplici suggerimenti:

  • 3 giorni prima dello studio, non è auspicabile cambiare in modo significativo qualcosa nel proprio stile di vita (lavoro normale e riposo, attività fisiche usuali senza indebita diligenza), ma la dieta deve essere in qualche modo controllata e attenersi alla quantità di carboidrati raccomandata dal medico al giorno (≈ 125 -150 g) ;
  • L'ultimo pasto prima dello studio dovrebbe essere completato entro e non oltre 10 ore;
  • Niente sigarette, caffè e bevande contenenti alcol dovrebbero durare almeno mezza giornata (12 ore);
  • Non puoi caricare te stesso con un'attività fisica eccessiva (lo sport e le altre attività ricreative dovrebbero essere posticipate per un giorno o due);
  • È necessario saltare alla vigilia dell'assunzione di singoli farmaci (diuretici, ormoni, neurolettici, adrenalina, caffeina);
  • Se il giorno dell'analisi coincide con il mensile nelle donne, lo studio dovrebbe essere posticipato per un'altra volta;
  • Il test può mostrare risultati errati se il sangue è stato donato durante forti esperienze emotive, dopo l'intervento chirurgico, al culmine del processo infiammatorio, con cirrosi epatica (alcolica), lesioni infiammatorie del parenchima epatico e malattie del tratto gastrointestinale che si verificano con disturbi di assorbimento del glucosio.
  • Valori GTT digitali errati possono verificarsi con una diminuzione del potassio nel sangue, una violazione delle capacità funzionali del fegato e alcune patologie endocrine;
  • 30 minuti prima del prelievo di sangue (prelevato dal dito), la persona che è arrivata per l'esame dovrebbe sedere tranquillamente in una posizione comoda e pensare a qualcosa di buono.

In alcuni casi (dubbi), il carico di glucosio viene eseguito somministrandolo per via endovenosa, quando si deve fare proprio questo - decide il medico.

Come viene eseguita l'analisi?

La prima analisi viene eseguita a stomaco vuoto (i risultati vengono presi come posizione iniziale), quindi il glucosio viene somministrato per bere, la cui quantità verrà assegnata in base alle condizioni del paziente (infanzia, persona obesa, gravidanza).

In alcune persone, uno sciroppo zuccherino dolce assunto a stomaco vuoto può causare una sensazione di nausea. Per evitare questo, si consiglia di aggiungere una piccola quantità di acido citrico, che impedirà sensazioni spiacevoli. Per lo stesso scopo nelle cliniche moderne può offrire una versione aromatizzata del cocktail di glucosio.

Dopo la "bevanda" ricevuta, la persona sottoposta a indagine viene inviata a "camminare" non lontano dal laboratorio. Quando arriveremo alla prossima analisi, gli operatori sanitari diranno, dipenderà dagli intervalli e dalla frequenza con cui lo studio avrà luogo (in mezz'ora, un'ora o due? 5 volte, 4, 2 o anche una sola volta?). È chiaro che i pazienti menzogneri "curva dello zucchero" sono fatti nel reparto (l'assistente di laboratorio viene da solo).

Nel frattempo, i singoli pazienti sono così curiosi da cercare di condurre la ricerca da soli, senza uscire di casa. Bene, un'analisi dello zucchero a casa può essere considerata in qualche misura un'imitazione del THG (misurazione a stomaco vuoto con un glucometro, colazione, corrispondente a 100 grammi di carboidrati, controllo dell'elevazione e diminuzione del glucosio). Naturalmente, è meglio per il paziente non contare i coefficienti adottati per l'interpretazione delle curve glicemiche. Conosce semplicemente i valori del risultato atteso, lo confronta con il valore ottenuto, lo scrive per non dimenticare e in seguito informa il medico su di loro al fine di presentare il quadro clinico della malattia in modo più dettagliato.

In condizioni di laboratorio, la curva glicemica ottenuta dopo un esame del sangue per un certo tempo e che riflette un'immagine grafica del comportamento del glucosio (aumento e diminuzione), calcola iperglicemico e altri fattori.

Il coefficiente di Baudouin (K = B / A) è calcolato in base al valore numerico del livello glicemico più alto (picco) durante il tempo dello studio (B - max, numeratore) alla concentrazione iniziale di zucchero nel sangue (Aisch, denominatore a digiuno). Normalmente, questo indicatore è nell'intervallo da 1,3 a 1,5.

Il coefficiente di Rafaleski, che è chiamato postglicemico, è il rapporto del valore di concentrazione di glucosio 2 ore dopo che una persona ha bevuto un liquido saturo di carboidrati (numeratore) all'espressione numerica del livello di zucchero a digiuno (denominatore). Per le persone che non conoscono problemi con il metabolismo dei carboidrati, questo indicatore non va oltre i limiti della norma stabilita (0.9 - 1.04).

Ovviamente, il paziente stesso, se lo desidera, può anche esercitarsi, disegnare qualcosa, calcolare e assumere, tuttavia, deve tenere presente che in laboratorio vengono utilizzati altri metodi (biochimici) per misurare la concentrazione di carboidrati nel tempo e tracciare il grafico.. Il glucometro utilizzato dai diabetici è destinato a una rapida analisi, pertanto i calcoli basati sulle sue indicazioni possono essere errati e solo confusi.

Altri Articoli Sul Diabete

Ogni persona, adulta o piccola, dovrebbe periodicamente sottoporsi a vari esami. Questo vale anche per i test per il diabete. Il tasso di zucchero nel sangue nei bambini è un indicatore di cui i genitori devono essere consapevoli in modo che quando vengono testati dai bambini dell'analisi, è facile determinare se le loro briciole sono in ordine.

La medicina tradizionale ha molti aderenti, e questo non è sorprendente, perché il trattamento non convenzionale è stato praticato per oltre mille anni.

Nel trattamento del diabete mellito, oltre ai farmaci, una dieta scelta correttamente svolge un ruolo importante. Oggi è stata sviluppata una speciale dieta per diabetici 9, il cui scopo è normalizzare la glicemia e ottenere tutte le vitamine, i nutrienti e gli oligoelementi necessari per i pazienti diabetici.