loader

Principale

Trattamento

Complicazioni del diabete sul sistema respiratorio

Non sono state osservate lesioni specifiche del sistema broncopolmonare nel diabete mellito. Tuttavia, i pazienti hanno spesso malattie allergiche da freddo infiammatorie e infettive, che spesso si verificano con una componente asmatica. Sono caratterizzati da una tendenza a infezioni respiratorie acute, bronchiti, polmonite con decorso protratto, malattie polmonari croniche non specifiche, processi suppurativi, tubercolosi polmonare.

I pazienti con diabete mellito determinano cambiamenti nella funzione della respirazione esterna in assenza di lesioni degli organi respiratori e del sistema cardiovascolare. Si manifestano con un aumento della ventilazione polmonare, una diminuzione della capacità vitale dei polmoni, una diminuzione della loro massima ventilazione e respirazione aritmica. Per i pazienti con diabete mellito, l'ipossia è caratteristica a causa delle lesioni dei chemocettori e dei barocettori dei polmoni, delle corrispondenti fibre interorecettive, una diminuzione degli impulsi afferenti, dell'attività del centro respiratorio, ipoventilazione polmonare, indebolimento dell'ossigenazione del sangue, sviluppo di ipossiemia arteriosa.

Le violazioni della funzione respiratoria indicano insufficienza respiratoria. L'iperventilazione in questa posizione è un indicatore di insufficienza respiratoria associata al deterioramento dell'assorbimento di ossigeno dall'aria, la difficoltà della sua diffusione attraverso le membrane alveolo-capillare. I cambiamenti nella funzione della respirazione esterna nei pazienti con diabete mellito grave si verificano già nei primi anni della malattia, aggravati durante il lungo corso della malattia.

I pazienti notano anche una violazione dell'emodinamica nella circolazione polmonare, manifestata da un aumento della resistenza e della pressione sistolica. L'aumento della pressione nell'arteria polmonare porta a insufficienza cardiaca con un volume alto minuto del cuore, tachicardia, accelerazione del flusso sanguigno. In caso di esaurimento delle capacità compensatorie, l'ipodynamia cardiaca si sviluppa, la sua capacità contrattile diminuisce, il volume minuto diminuisce e la congestione appare nella circolazione polmonare.

Il substrato morfologico degli organi respiratori nel diabete mellito è la microangiopatia diabetica. La sconfitta dei capillari, dei setti alveolari, delle arteriole pleuriche e polmonari si manifesta con plasmorragia, ispessimento delle membrane basali, ialinosi dei vasi sanguigni. L'angiopatia diabetica nei polmoni è meno pronunciata, si sviluppa in seguito, si manifesta con il danneggiamento delle strutture morfologiche che svolgono la funzione di scambio di gas.

Il posto principale tra le malattie respiratorie nei pazienti con diabete è la tubercolosi polmonare. Si sviluppa nel 4-7% dei pazienti, procede più attivamente. Nel 70-85% dei casi, il diabete mellito precede la tubercolosi, nel 15-20% entrambe le malattie vengono diagnosticate contemporaneamente e nel 5-10% il diabete è associato a tubercolosi polmonare. La tubercolosi attiva nei pazienti con diabete mellito si riscontra più volte più spesso che nei soggetti con tolleranza intestinale ai carboidrati.

Il principale fattore nello sviluppo della tubercolosi è la presenza di un disturbo metabolico pronunciato. I cambiamenti nei processi metabolici interferiscono con la normale funzione dei leucociti, è un importante elemento di protezione efficace contro la tubercolosi. Carenza di vitamine, alterato metabolismo proteico, indebolimento delle proprietà immunobiologiche sono di particolare importanza. L'emergenza della tubercolosi contribuisce al corso labile del diabete mellito, il coma. La chetoacidosi viola i sistemi protettivi e adattativi del corpo, riduce il livello di immunità anti-tubercolare.

Spesso vedere una combinazione di diabete e polmonite. Il diabete mellito si sviluppa sullo sfondo della polmonite, caratterizzato da natura oligosintomatica e progressiva. La polmonite si verifica con una sintomatologia scarsa, senza indicatori pronunciati di infiammazione. Sono caratterizzati da una diminuzione della reattività immunologica e generale dell'organismo, differiscono per infiltrazione peribronchiale e perivascolare, sono combinati con una componente asmatica e suppurazione.

La polmonite acuta nei pazienti con diabete mellito è caratterizzata da un'ampia diffusione del processo, una gravità considerevole, un decorso protratto e una pronunciata tendenza a ripetersi.

Complicazioni del diabete. Polmoni diabetici, cuore, vasi. Sintomi, prevenzione diabetici

Quali complicazioni minacciano un diabetico. Come ritardarli (10+)

Complicazioni del diabete. panoramica

Quando si parla di diabete, ci sono due tipi di complicazioni: presto e tardi. I primi arrivano direttamente a seguito di una violazione dell'assorbimento di glucosio. Questi includono iperglicemia (elevati livelli di zucchero nel sangue), ipoglicemia (diminuzione del glucosio) e chetoacidosi. Puoi leggere di più su di loro ai link:

Le complicazioni tardive si verificano a causa di una prolungata esposizione del corpo ad alti livelli di zucchero nel sangue, nonché a una serie di altri fattori che non sono stati completamente studiati dalla medicina. Perché sto parlando di altri fattori. Le complicazioni tardive nella maggior parte dei diabetici si sviluppano anche se il controllo glicemico è perfetto, sebbene ciò avvenga dieci volte più lentamente.

Quando le persone parlano delle complicazioni tardive del diabete, di solito capiscono:

e anomalie nel lavoro dei reni (non ho ancora scritto un articolo su questa piaga. Iscriviti alle notizie per ricevere notifiche sui nuovi articoli)

Ma ora voglio parlare di altre, meno conosciute, ma non meno pericolose complicazioni. Il diabete distrugge tutto il corpo, ma alcuni organi sono particolarmente sensibili ai suoi effetti.

Polmoni diabetici

Se si osservano le statistiche sulla mortalità dei diabetici, diventa chiaro che i problemi polmonari sono uno dei principali modi di morire nel diabete, insieme a insufficienza cardiaca o renale e vari ictus. Infatti, il tessuto polmonare è molto sottile, forato con piccoli capillari. Quando i capillari vengono distrutti, si formano aree del polmone, che sono ostruite dall'accesso di ossigeno e dalle cellule attive del sistema immunitario. In queste aree, l'infiammazione o le cellule oncologiche possono sembrare che il corpo non può far fronte, in quanto semplicemente non può trasferire i suoi combattenti ad esso.

Segue immediatamente il percorso di prevenzione.

In primo luogo, controlla il livello di zucchero. Mantenere lo zucchero normale dieci volte rallenta la distruzione dei capillari.

In secondo luogo, esercizio fisico regolare e esercizio fisico moderato. Comunicando con il mio amico, un pneumologo, ha guardato una mappa della Russia con note sull'intensità delle malattie polmonari in diverse regioni. Ho notato che nella regione di Astrakhan l'incidenza è molto alta, mentre nel vicino Daghestan non ci sono praticamente malattie polmonari. Il dottore ha risposto alla mia domanda semplicemente. Il delta del Volga è sotto il livello del mare, la pressione atmosferica è sempre molto alta. Perché abbiamo bisogno di polmoni lì, è possibile assorbire l'ossigeno attraverso la pelle. E nelle montagne del Daghestan senza polmoni buoni, puoi soffocare. La mancanza di ossigeno è molto utile per i polmoni. Se hai l'opportunità di vivere o almeno riposare in montagna, questo sarà di grande aiuto. Se questo non è possibile, allora ha senso ricorrere a esercizi di respirazione e / o nuoto.

In terzo luogo, il blocco capillare di solito si verifica a causa del distacco di coaguli di sangue o ispessimento del sangue. Ha senso assicurarsi di non avere coaguli di sangue sulle pareti dei vasi, che possono staccarsi facendo un'ecografia dei vasi. Per ridurre la viscosità del sangue ci sono farmaci speciali a base di acido acetilsalicilico. È stato stabilito che l'uso di questi farmaci ha portato ad un serio aumento dell'aspettativa di vita. Questi farmaci non sono mostrati a tutti, quindi ha senso consultare il proprio medico. Aumento della viscosità del sangue e coaguli di sangue si verificano spesso con eccesso di peso. Guarda il tuo peso.

In quarto luogo, respirare aria fresca. Smetti di fumare. Quanto l'uomo dannoso sia da fumare, inalato di tanto in tanto, rimane una domanda aperta, ma il flusso di fumo ogni poche ore distrugge definitivamente i polmoni. Per respirare aria pulita nel nostro tempo, è necessario fare sforzi speciali. Speciali depuratori d'aria, sia fissi (per il vostro appartamento) che portatili (per la vostra auto), sono stati sviluppati e sono in vendita. Io uso questo. Quanto contribuirà a mantenere i miei polmoni dagli effetti dannosi del diabete, non posso dirlo, ma mi ha salvato dalle allergie.

L'ultimo Se il processo negativo nei polmoni è già iniziato, allora in una fase iniziale puoi farcela, quindi non trascurare l'esame medico regolare. Ricorda che molti problemi polmonari in una fase precoce possono essere asintomatici.

Vasi diabetici e cuore

Con il diabete, la viscosità del sangue aumenta e si manifesta una tendenza alla trombosi. Un trombo è un grande pericolo, anche se non blocca il flusso sanguigno. Può staccarsi e bloccare il vaso del cuore (infarto) o del cervello (ictus). E può gradualmente crollare, piccoli pezzi si staccano da esso e tappano i capillari. Dovresti controllare regolarmente le tue navi per la presenza di tali bombe a orologeria. Rivolgersi al proprio medico, vi farà riferimento alle prove necessarie.

I vasi di zucchero alto perdono elasticità, che può essere la causa della pressione alta, soprattutto perché il danno renale contribuisce anche ad alta pressione. Per la prevenzione di questi problemi, sono utili uno sforzo fisico moderato e regolare e un controllo costante della pressione, che consentirà di rilevare e correggere le manifestazioni ipertensive nel tempo.

La presenza di coaguli di sangue dormienti e l'ipertensione possono perdere inosservato. Non si dovrebbe aspettare il deterioramento della salute, da esaminare.

C'è una circostanza gioiosa. La distruzione diretta del muscolo cardiaco sotto l'influenza del diabete è estremamente rara, solo in condizioni di zucchero completamente incontrollato. Quindi fai attenzione ai coaguli di sangue e alla pressione, e il tuo cuore andrà tutto bene.

Caratteristiche della polmonite patologica nel diabete mellito

Una malattia come il diabete è una piaga del nostro tempo. In tutto il mondo, ogni anno muore un numero enorme di persone con diabete. Tuttavia, non la stessa malattia è terribile, ma quelle complicazioni che può provocare in una persona.

Tale predisposizione a malattie di vario genere è dovuta al fatto che i diabetici hanno un sistema immunitario indebolito e disturbi metabolici. Di conseguenza, una varietà di piaghe si aggrappa costantemente ai diabetici, come infarti, infezioni intestinali e polmonite.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata proprio a tale complicazione nel diabete come polmonite. Un'enorme percentuale di persone con diabete si trova di fronte a questa grave complicanza che, se ritardata, può essere fatale.

Cause e sintomi di polmonite nei diabetici

Nelle persone con diabete, il rischio di polmonite è molto più alto che nelle persone che non hanno la malattia. Questo è preceduto dai seguenti motivi:

  • a causa di una malattia metabolica in via di sviluppo nel corpo, nei pazienti c'è una diminuzione delle funzioni protettive del corpo. Di conseguenza, l'immunità di una persona diminuisce e diventa più suscettibile alle infezioni. Quindi, anche un raffreddore o un'influenza minori possono portare alla polmonite;
  • altre malattie che accompagnano il diabete possono anche innescare l'insorgenza di polmonite;
  • qualsiasi cambiamento patologico che si verifica nei polmoni può causare un processo infiammatorio nel tessuto polmonare del paziente;
  • i diabetici hanno un'alta probabilità di penetrazione di varie infezioni nel tratto respiratorio;
  • l'iperglicemia può peggiorare la salute e causare la polmonite;
  • batteri come la mensola intestinale, micoplasma, pneumococco, clamidia, funghi e vari virus possono provocare patologie;
  • malattie infettive e virali intempestive o non completamente guarite possono anche causare un processo infiammatorio nel tessuto polmonare diabetico.

È importante dire che, sullo sfondo di un'immunità indebolita nei diabetici, la polmonite porta a un decorso piuttosto grave della malattia ea un trattamento più lungo. Il principale pericolo è che la polmonite possa provocare una forma più complessa di diabete e peggiorare le condizioni del paziente.

Nella maggior parte dei casi, i sintomi della malattia nei diabetici sono esattamente gli stessi di quelli che non hanno il diabete. L'unica cosa che è molto più pronunciata nei pazienti con diabete quando si verifica la polmonite è la gravità dei sintomi. Prestare particolare attenzione alla salute se il diabetico presenta tali segni della malattia come:

  • alta temperatura costante che raggiunge i 39 gradi e oltre;
  • brividi e febbre persistenti;
  • tosse secca persistente, trasformandosi gradualmente in una tosse con espettorato;
  • mal di testa e dolori muscolari che non scompaiono nemmeno col tempo;
  • possono verificarsi gravi capogiri;
  • mancanza di appetito;
  • dolore durante la deglutizione;
  • in un paziente con diabete, la polmonite è accompagnata da grave sudorazione;
  • possibile grave mancanza di respiro, sensazione di mancanza d'aria durante l'inspirazione e annebbiamento della coscienza. Caratteristica della fase più avanzata della polmonite;
  • ci sono dolori caratteristici nella zona del polmone del paziente, aggravati da tosse intensa o movimento del paziente;
  • come per la tosse, può durare per un periodo piuttosto lungo, fino a diversi mesi;
  • il paziente sperimenta la stanchezza, si stanca rapidamente anche con un leggero sforzo fisico;
  • la pelle intorno al naso e alla bocca acquista gradualmente una caratteristica sfumatura di colore bluastro;
  • mal di gola è anche uno dei sintomi della polmonite;
  • nei diabetici con polmonite, c'è un forte blu nelle unghie;
  • quando si respira, specialmente con respiri forti, nella zona del petto compaiono spiacevoli sensazioni dolorose.

Nei diabetici, l'infiammazione è più spesso osservata nei lobi inferiori o nei segmenti posteriori dei lobi superiori. In questo caso, il polmone destro, a causa della sua specifica anatomia, è affetto molto più spesso della sinistra.

L'infezione può penetrare nel sangue, poiché i processi metabolici nel corpo dei diabetici si verificano molto peggio che in una persona sana. Di conseguenza, la probabilità di gravi complicazioni, inclusa la morte, aumenta in modo significativo.

Se una persona con diabete reagisce in tempo al suo stato di salute e si rivolge a un pneumologo per diagnosticare la malattia, sarà in grado di evitare le molte spiacevoli conseguenze associate alla polmonite.

Caratteristiche del trattamento

Al fine di evitare complicazioni che non sono soggette a trattamento con metodi conservativi, è necessario sottoporsi a terapia in tempo. Come in tutti gli altri casi, il trattamento della polmonite nel diabete inizia con il farmaco:

  • La prima cosa che un medico prescrive sono gli antibiotici. Il dosaggio e il tipo di antibiotici sono selezionati individualmente, tenendo conto dei singoli indicatori del paziente con diabete. È importante notare che il decorso del trattamento antibiotico può essere ritardato, anche se tutti i sintomi della polmonite sono stati completamente eliminati. Questa misura è necessaria per escludere la probabilità di una ricaduta;
  • non può fare nel trattamento della polmonite nei pazienti con diabete senza assunzione di farmaci antibatterici. Quando prescrivono questi farmaci, viene presa in considerazione anche la gravità del diabete, così come l'intolleranza personale dei componenti del farmaco, che non consente di provocare reazioni allergiche;
  • Al fine di alleviare il paziente dallo stato febbrile, abbassare la temperatura elevata e alleviare il dolore, vengono prescritti farmaci antipiretici e analgesici;
  • poiché la polmonite è associata a tosse persistente, farmaci espettoranti e medicine per la tosse vengono prescritti al paziente;
  • l'ossigenoterapia è prescritta per facilitare la respirazione;
  • i farmaci antivirali sono prescritti solo se il processo infiammatorio nei polmoni è causato da batteri;
  • nei casi più complicati, il paziente può richiedere una maschera di ossigeno;
  • quando c'è un abbondante accumulo di liquido nei polmoni, è necessaria una procedura per rimuoverlo;
  • Il trattamento è consolidato da un massaggio drenante, un corso di speciali procedure fisioterapiche e una terapia fisica.

Durante il trattamento della polmonite, il paziente con diabete deve seguire tutte le raccomandazioni del medico, in particolare, per rispettare il riposo a letto, bere molti liquidi e abbandonare cattive abitudini. Il trattamento può avvenire senza ricovero, ma negli stadi più gravi della polmonite, il paziente dovrà essere sotto la costante supervisione del medico curante.

Per quanto riguarda la prevenzione, il paziente dovrà riconsiderare completamente il proprio stile di vita:

  • abbandonare le cattive abitudini, prima di tutto, dal fumo;
  • essere all'aria aperta di più;
  • subire una vaccinazione antinfluenzale annuale;
  • Devo fare una vaccinazione una tantum contro la polmonite da pneumococco.

È interessante notare che la vaccinazione è il modo più efficace per evitare la recidiva di polmonite.

Vale sempre la pena ricordare che anche il comune raffreddore, per un paziente diabetico, può alla fine provocare una malattia come la polmonite.

Polmoni con diabete

Il diabete mellito complica qualsiasi malattia dell'apparato respiratorio. La sconfitta del sistema circolatorio nel diabete favorisce la sconfitta dei polmoni. Inoltre, la funzione dell'assorbimento del glucosio è disturbata, vi è una carenza di insulina ormonale, una violazione di tutto il metabolismo, che porta ad una diminuzione dell'immunità. Tutto ciò insieme rende il sistema respiratorio un "anello debole". E le malattie infiammatorie dell'apparato respiratorio influenzano negativamente il sistema endocrino.

Come il diabete colpisce i polmoni

Il diabete non ha un effetto diretto sugli organi respiratori, tuttavia, poiché il normale funzionamento del corpo è interrotto, anche i polmoni ne soffrono. Nel diabete, la rete capillare viene distrutta, compresi i capillari dei polmoni. Ciò porta al fatto che le aree dei polmoni con capillari danneggiati non ricevono più nutrimento sufficiente e gli indici delle funzioni di respirazione esterna si deteriorano. I pazienti hanno i seguenti processi patologici:

  • ridotta capacità polmonare;
  • capacità inspiratoria;
  • si sviluppa l'ipossia (mancanza di ossigeno);
  • ritmo respiratorio disturbato.
Torna al sommario

Quali malattie sono scatenate dal diabete?

I pazienti con diabete dovrebbero prestare seria attenzione allo stato dell'apparato respiratorio. L'immunità di queste persone è ridotta, quindi sono soggette a raffreddori e malattie infettive dell'apparato respiratorio, bronchite. Nel 30% dei pazienti, il diabete è associato all'asma, entrambe le malattie sono autoimmuni. In questi pazienti la polmonite è più grave e sono possibili processi suppurativi nei polmoni. Più comunemente, il diabete viene diagnosticato con la tubercolosi.

Trattamento e prevenzione

Per la diagnosi precoce della tubercolosi, è necessario sottoporsi a fluorografia regolare. Se non ci sono complicazioni serie, il paziente deve sforzarsi di migliorare il lavoro del sistema respiratorio, aumentare il volume dei polmoni. Assicurati di smettere di fumare, anche senza inalare passivamente il fumo. Per respirare aria pulita, spesso cammina, ma non lungo la strada, ma dove c'è un minimo di inquinamento, polvere. È utile rilassarsi in montagna, nelle località polmonari.

Un effetto positivo dà esercizi di respirazione, esercizio moderato, che consente ai polmoni di essere meglio saturati con l'ossigeno. Allo stesso tempo, i principi di graduale e costante queste misure preventive sono importanti. Tutti i sistemi del corpo sono interconnessi e per proteggere i polmoni dalle lesioni, è necessario monitorare anche l'indicatore della viscosità del sangue, per prevenire la formazione di coaguli di sangue. È importante monitorare costantemente i livelli di zucchero nel sangue.

Pericolo di complicanze polmonari

È importante identificare una malattia comorbida in tempo e iniziare il trattamento. Ad esempio, la polmonite in questo caso ha sintomi sfocati, è più difficile da trattare e aumenta la probabilità di ricaduta. La più grave complicanza dell'apparato respiratorio è la tubercolosi. Il trattamento in questo caso è effettuato in condizioni stazionarie, la terapia antibatterica e antidiabetica è applicata in combinazione con gli effetti collaterali di preparazioni. La dieta dovrebbe tenere conto dei requisiti per il cibo in entrambe le malattie.

Le cause della polmonite nel diabete mellito

Il rischio di diabete è in presenza di alcune comorbidità, inclusa la polmonite al secondo posto. Tra le cause più comuni che portano allo sviluppo della polmonite nei pazienti con diabete mellito, vale la pena evidenziare quanto segue:

  • debolezza del corpo e bassa immunità;
  • rischio di infezione nel tratto respiratorio;
  • iperglicemia, complicando il decorso della malattia;
  • cambiamenti patologici che si verificano nei vasi polmonari;
  • malattie associate.


Questi fattori, combinati con un controllo insufficiente della glicemia, sono le condizioni ideali per il danno alle vie aeree. Penetrando nei polmoni, l'infezione aggrava ulteriormente la situazione di un organismo già indebolito, portando a complicazioni e ad un aumento del periodo di recupero.

Pensare al possibile sviluppo della polmonite nei pazienti con diabete mellito dovrebbe essere un fenomeno come:

  • brividi e febbre fino a un punto alto;
  • tosse persistente fino a 2 mesi dopo il recupero;
  • sensazione di dolore toracico durante l'inalazione;
  • aumento della sudorazione;
  • debolezza, affaticamento, perdita di appetito;
  • annebbiamento della coscienza;
  • mal di gola e difficoltà di respirazione;
  • Acquisizione della tinta bluastra della pelle (vicino al naso e alle labbra).

Peculiarità della polmonite nei pazienti con diabete mellito


Secondo le statistiche mediche, la polmonite nei diabetici si sviluppa nei lobi inferiori o nelle regioni posteriori dei lobi superiori dei polmoni (il più delle volte nel polmone destro). Necrosi e ascessi estesi completano il quadro della malattia. Ma il principale pericolo di polmonite nel diabete mellito è che un'infezione batterica possa penetrare nel sistema circolatorio, e questo è già fatale.

Trattamento della polmonite nei pazienti con metabolismo compromesso

La prescrizione di antibiotici è la principale misura terapeutica nello sviluppo della polmonite nei diabetici. In questo caso, il medico dovrebbe considerare 2 fattori:

  1. la gravità del diabete;
  2. la presenza di reazioni allergiche.


Nel trattamento della polmonite, incluso il diabete mite o moderato, asintomatico, tali farmaci come l'amoxicillina, la claritromicina e l'azitromicina sarebbero appropriati, in quanto ben tollerati dai pazienti. Quando si utilizza il paziente, è necessario monitorare il livello di glucosio nel sangue, evitando la comparsa di complicanze e effetti avversi. Inoltre, uno specialista può prescrivere analgesici, gocce per la tosse e farmaci antivirali.

Infiammazione dei polmoni con diabete

La polmonite ospedaliera è un'infezione del tratto respiratorio superiore che si verifica al di fuori di un ospedale o di un'altra struttura medica. Di norma, la trasmissione dell'agente patogeno è effettuata da goccioline trasportate dall'aria. Dopo che il patogeno si è stabilizzato negli alveoli, inizia una reazione infiammatoria.

Nel caso classico, la malattia include una fase di congestione (restringimento del lume nei polmoni a causa del rigonfiamento della mucosa straripante di sangue), obesità polmonare rossa e grigia e, infine, recupero quasi senza tracce (cicatrici) sui polmoni. Il tasso di mortalità varia dal 5 al 10%, ma può raggiungere il 50% per le forme gravi della malattia.

Il diabete mellito è un gruppo di disordini metabolici caratterizzati da uno stato di iperglicemia cronica a seguito di un difetto nella secrezione di insulina, l'azione dell'insulina o entrambi. Colpisce la prevalenza della malattia nel mondo.

La patogenesi delle principali complicanze è associata al processo microangiopatico e alla glicosilazione non enzimatica delle proteine ​​dei tessuti. Una vasta gamma di funzioni dei neutrofili e dei macrofagi è interessata da questo disturbo. Pertanto, le cellule immunitarie non sono in grado di eseguire azioni protettive:

  • chemiotassi;
  • adesione;
  • fagocitosi;
  • neutralizzazione di microrganismi fagocitati.

La scissione intracellulare dei microbi con l'aiuto di superossidi e perossido di idrogeno (burst respiratorio) è compromessa. Nei pazienti con questa malattia ci sono violazioni nelle catene dell'immunità acquisita. Come risultato dell'iperglicemia cronica, le funzioni dell'endotelio capillare cambiano, la rigidità dei globuli rossi e la curva di dissociazione dell'ossigeno viene convertita. Tutto ciò influenza la capacità del corpo di resistere alle infezioni. Di conseguenza, i pazienti con diabete a lungo termine sono più suscettibili alle infezioni.

Agenti causativi di polmonite nei pazienti con diabete

Staphylococcus aureus (Staphylococcusaureus) è l'agente più comune che provoca polmonite non ospedaliera e nosocomiale nei pazienti con diabete. La polmonite batterica nel diabete mellito causata da Klebsiellapneumoniae e Staphylococcus aureus è molto difficile. Tali pazienti spesso richiedono un supporto respiratorio da parte del ventilatore (Potgieter PD, Hammond JM, 1992).

Prevenzione speciale

Le persone con questa malattia cronica muoiono tre volte più spesso di influenza e polmonite. L'infiammazione dei polmoni è una malattia abbastanza grave per tutti, ma se un paziente ha problemi con la produzione o l'attività dell'insulina, allora soffre più a lungo e può morire di polmonite.

La vaccinazione è un vero aiuto per questi pazienti. La preparazione include un polisaccaride pneumococcico 23-valente che protegge contro vari tipi di batteri pneumococcici. Questo batterio provoca spesso gravi infezioni in adulti e bambini, tra cui polmonite, meningite e avvelenamento del sangue.

Poiché un numero crescente di agenti patogeni diventa resistente agli antibiotici, è molto importante vaccinare i pazienti con un sistema immunitario indebolito.

La vaccinazione per polmonite è raccomandata:

  • bambini sotto i 2 anni;
  • adulti oltre i 65 anni;
  • pazienti con malattie croniche (diabete, asma);
  • pazienti immunocompromessi (infetti da HIV, pazienti oncologici sottoposti a chemioterapia).

Il vaccino contro la polmonite è sicuro, in quanto non contiene batteri vivi. Ciò significa che non c'è possibilità di ottenere polmonite dopo l'immunizzazione.

Particolari fattori di rischio

Confrontando i pazienti con polmonite, che soffrono di diabete e quelli che non hanno problemi con il metabolismo dei carboidrati, puoi trovare dettagli interessanti. La maggior parte dei diabetici soffre di polmonite atipica di origine virale (Saibal MA, Rahman S, Nishat L, 2012), e quindi un'infezione batterica si unisce a essa.

Le caratteristiche cliniche predominanti dei pazienti con polmonite nel diabete sono cambiamenti nello stato mentale e ipotensione. E in un gruppo tipico di pazienti, i sintomi di una malattia respiratoria tipica sono osservati. Le manifestazioni di polmonite nelle persone con diabete sono più difficili, ma ciò può essere dovuto alla maggiore età dei pazienti in questo gruppo.

Uno studio indipendente di scienziati spagnoli ha dimostrato che la pleurite si sviluppa più spesso nei diabetici. Ciò è dovuto ad un aumento della permeabilità capillare, una risposta immunitaria meno vigorosa, una funzione distorta di neutrofili e macrofagi.

L'infezione da stafilococco, l'infezione da Klebsiellapneumoniae, un fungo del genere Cryptococcus e Coccidioides in pazienti con ridotta produzione di insulina è anche più grave che nelle persone senza questa malattia cronica. Inoltre, il diabete è un fattore di rischio per riattivare la tubercolosi.

Lo squilibrio metabolico rende più difficile il funzionamento del sistema immunitario, quindi aumenta il rischio di batteriemia asintomatica, ascesso polmonare e morte.

Diabete polmonare

Il tessuto polmonare ha una grande riserva funzionale, quindi il danno polmonare nei pazienti con diabete mellito è subclinico ei medici hanno meno probabilità di pensare a un danno polmonare nei pazienti con diabete rispetto ai danni ai reni, al cuore o ai piedi.

In un sondaggio di circa 1,8 milioni di persone negli Stati Uniti con e senza diabete, il diabete è stato accompagnato da una polmonite 2 volte più spesso, il 54% ha aumentato la fibrosi nei polmoni, il 22% ha sviluppato la BPCO e l'8% di asma bronchiale.

Il tessuto polmonare è definito come un altro organo bersaglio per il diabete a causa di cambiamenti specifici nel "polmone diabetico". Queste anomalie si manifestano con una riduzione accelerata della funzione respiratoria, una diminuzione del volume respiratorio dei polmoni, una diminuzione della capacità di diffusione dei polmoni, un deterioramento nel controllo della ventilazione, il tono bronchiale e l'innervazione neuroadrenergica dei bronchioli. I pazienti con diabete di tipo 2 e insufficiente controllo glicemico avevano un volume espiratorio forzato inferiore 1 e una capacità polmonare forzata.

Il tasso di declino della funzione respiratoria nei diabetici è da due a tre volte superiore a quello dei non fumatori ordinari. Tali segni sono descritti in un polmone che invecchia, il che indica che il "polmone diabetico" può anche essere considerato un modello di invecchiamento accelerato.

L'insufficienza respiratoria è aggravata dall'obesità, dal fumo e dalle malattie polmonari, da insufficienza cardiaca e insufficienza renale. è osservato. La posizione elevata del diaframma in un paziente con obesità contribuisce a una ridotta ventilazione, una diminuzione della profondità della respirazione, compromissione della clearance mucociliare.

Nei pazienti con scarso controllo metabolico, è stata trovata la condizione di fibrosi - aumento dell'accumulo di collagene, invecchiamento accelerato, aumento della rigidità sia del parenchima polmonare che della parete toracica. Mentre la perdita di elasticità dei polmoni porta ad un collasso dinamico delle piccole vie aeree durante l'espirazione. Un altro potenziale meccanismo di malattia polmonare è associato a una diminuzione della forza muscolare. Le alterazioni miopatiche e / o neuropatiche che interessano i muscoli respiratori possono compromettere l'efficienza della ventilazione e quindi contribuire ai difetti funzionali dei polmoni.

Confrontando i pazienti con BPCO e diabete / sindrome metabolica, sono state rivelate le seguenti caratteristiche della malattia:

  • Spesso ci sono lamentele di tosse con abbondante espettorato muco-purulento,
  • cianosi diffusa (36,4%), tachicardia (75%), rima secco nei polmoni (90,3%), fegato ingrossato ed edema periferico (36,5%), sintomo della partecipazione alla respirazione dei muscoli ausiliari (24, 5%).
  • Nel 56% dei pazienti con patologia concomitante, è stato rivelato un rafforzamento del pattern polmonare dovuto all'infiltrazione infiammatoria delle pareti bronchiali.
  • Segni di sovraccarico del cuore destro durante l'elettrocardiografia sono registrati nel 29% dei pazienti con BPCO e sindrome metabolica e 11% in pazienti con BPCO senza diabete. Gonfiore delle gambe e dei piedi
  • Esiste una grande frequenza di esacerbazioni della BPCO e della loro durata.
  • la cardiopatia ischemica si forma 9,8 anni prima.
  • più spesso, sono stati registrati vari disturbi del ritmo e della conduzione: aritmia sinusale di notte - del 25,6%, blocco transitorio atrioventricolare e senoatriale - del 31,3%, del 29,8%. Le aritmie erano più spesso registrate sullo sfondo di periodi prolungati (fino a 76,5 ± 2,6 min / giorno) di ischemia miocardica, che coincidevano nel tempo con periodi di peggioramento della pervietà bronchiale e la maggiore diminuzione della saturazione del sangue (secondo pulsossimetria).
  • calcificazione delle arterie coronarie si verifica in una data precedente rispetto ai pazienti senza SM.
  • L'aderenza della sclerosi multipla alla BPCO aumenta il rischio di complicanze cardiovascolari di 1,5 volte all'età di 50-59 anni e 3,5 volte all'età di 40-49 anni rispetto ai pazienti con BPCO isolata.
  • Nei pazienti con BPCO e SM, i disturbi acuti della circolazione cerebrale sono stati registrati del 12,3% più spesso che in assenza di SM, oltre a disturbi del sonno e mal di testa.

La BPCO è un fattore di rischio per il diabete. Nel 29,7% dei pazienti, i sintomi della BPCO hanno preceduto la diagnosi di diabete di 5,4 anni e nell'8,4% della diagnosi di diabete è stata stabilita durante l'ospedalizzazione. Lo studio sulla salute degli infermieri dello studio ha dimostrato che nei pazienti con BPCO il rischio di sviluppare il diabete è 1,8 volte superiore. La riduzione degli indicatori spirometrici (FEV1) è considerata un fattore di rischio per lo sviluppo del diabete. Sindrome metabolica, ridotta tolleranza al glucosio, iperinsulinemia sono rilevati nel 57,5% dei pazienti con BPCO. L'obesità addominale è osservata nel 52,2%, ipertensione arteriosa - nel 77,2%, iperglicemia - nel 46,7% dei pazienti con BPCO.
(Romashov B. B., Polyakova N. V. Peculiarità di patogenesi, clinica e trattamento di una combinazione di malattia polmonare che fa dell'ostruzionismo cronica e diabete mellito // Giovane scienziato. - 2015. - No. 13. - P. 310-314)

  • Polmoni DM [Karachunsky M. A., et al., 1997] Cambiamenti nelle cellule endoteliali: edema, formazione di vacuolo, gonfiore mitocondriale, espansione del canale del reticolo endoplasmatico, cellule endoteliali con un gran numero di vescicole citofocitiche, ribosomi e polis.
  • Nel diabete grave, nella formazione di grandi vacuoli, nei distrofici e distruttivi cambiamenti degli organelli fino alla distruzione delle cellule, i cambiamenti nell'interstizio erano caratterizzati da gonfiore e gonfiore della sostanza sottostante e del tessuto connettivo.
  • Aumento dell'osmofilia della matrice mitocondriale, destabilizzazione e allentamento della componente membranosa degli organelli, presenza di aree illuminate del citoplasma. Nei casi più gravi, vi è stato un netto declino nei processi di preparazione e distruzione significativa del plasma e delle membrane intracellulari, pulizia e gonfiore del citoplasma, danni all'apparato nucleare.
  • In condizioni di trattamento complesso del diabete mellito e normalizzazione del metabolismo dei carboidrati, "la completa riparazione dei sistemi a membrana non si verifica"

La contrazione della superficie respiratoria si accumula gradualmente. La causa principale sono i disturbi del microcircolo caratteristici del diabete. Ipertensione polmonare più grave. I microrganismi resistenti e gli enterobatteri possono essere potenziali patogeni di esacerbazione.

Viene descritta la storia di un paziente di 20 anni con chetoacidosi diabetica, che ha sviluppato una zigomicosi polmonare. L'ostruzione bronchiale è una complicazione riconosciuta della zigomicosi polmonare. Oltre alle infezioni causate da Zigomiceti, micobatteri, virus e batteri, le complicanze polmonari descritte nei pazienti con diabete includono edema polmonare, apnea del sonno e una diminuzione delle proprietà elastiche dei polmoni, capacità di diffusione dei polmoni per il monossido di carbonio e broncospasmo. Altre complicazioni riportate includono alcalosi respiratoria, arresto cardio-respiratorio, pneumotorace, pneumomediastino, ostruzione delle vie aeree da muco e polmonite da aspirazione associata a gastroparesi diabetica. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2505001

Credo che la patologia polmonare nella stessa misura rifletta la risposta del corpo all'azione eccessiva di insulina sulle cellule endoteliali, aumentata sensibilità in condizioni di prolungata mancanza di energia e plastica.

Polmonite nel diabete mellito: trattamento e sintomi di complicanze

Il diabete si verifica sullo sfondo di un fallimento nei processi metabolici, in cui il paziente è costantemente sovrastimato indicatore di zucchero nel sangue. Ci sono 2 forme principali della malattia. Nel primo caso, il pancreas non produce insulina, nel secondo - l'ormone viene prodotto, ma non viene percepito dalle cellule del corpo.

La particolarità del diabete è che le persone non muoiono a causa della malattia stessa, ma delle complicazioni causate da iperglicemia cronica. Le conseguenze dello sviluppo sono interconnesse con il processo microangiopatico e la glicosilazione delle proteine ​​del tessuto. Come risultato di tale violazione, il sistema immunitario non adempie alle sue funzioni protettive.

Anche nel diabete, i cambiamenti si verificano nei capillari, negli eritrociti e nel metabolismo dell'ossigeno. Questo rende il corpo suscettibile alle infezioni. Qualsiasi organo o sistema, inclusi i polmoni, può essere interessato.

La polmonite nel diabete si verifica quando il sistema respiratorio è infetto. Spesso, la trasmissione dell'agente patogeno è effettuata da goccioline trasportate dall'aria.

Cause e fattori di rischio

Spesso, la polmonite si sviluppa sullo sfondo di un raffreddore o influenza stagionale. Ma ci sono altre cause di polmonite nei diabetici:

  • iperglicemia cronica;
  • immunità indebolita;
  • microangiopatia polmonare, in cui si verificano cambiamenti patologici nei vasi degli organi respiratori;
  • tutti i tipi di malattie correlate.

Poiché lo zucchero elevato crea un ambiente favorevole nel corpo del paziente affinché i diabetici possano penetrare l'infezione, è necessario sapere quali microrganismi patogeni possono provocare infiammazione polmonare.

Lo stafilococco aureo è l'agente causale più comune della polmonite nosocomiale e non ospedaliera. E l'infiammazione batterica dei polmoni nei diabetici causa non solo un'infezione da stafilococco, ma anche Klebsiella pneumoniae.

Spesso, nei pazienti con iperglicemia cronica, si sviluppa prima la polmonite atipica causata dal virus. Dopo che è unito da un'infezione batterica.

La peculiarità del processo infiammatorio nei polmoni nel diabete è l'ipotensione e un cambiamento dello stato mentale, mentre nei pazienti ordinari i sintomi della malattia sono simili a quelli di una semplice infezione respiratoria. Inoltre, nei diabetici, il quadro clinico è più pronunciato.

Anche con disturbi, come l'iperglicemia nel diabete mellito, l'edema polmonare si verifica più spesso. Ciò è dovuto al fatto che i capillari diventano più perspicaci, la funzione dei macrofagi e dei neutrofili è distorta e il sistema immunitario è indebolito.

È interessante notare che la polmonite causata da funghi (Coccidioides, Cryptococcus), Stafilococco e Klebsiella in persone con una ridotta produzione di insulina, procede molto più difficile rispetto ai pazienti che non hanno problemi con i processi metabolici. Aumenta anche significativamente la probabilità di tubercolosi.

Anche le interruzioni metaboliche hanno un effetto negativo sul sistema immunitario. Di conseguenza, aumenta la probabilità di ascesso polmonare, batteriemia asintomatica e persino la morte.

Sintomo di disturbo: mancanza di respiro nel diabete mellito e una lista di malattie polmonari a cui può essere indicato

Le cause più comuni di morte per i pazienti con diabete mellito sono ictus, insufficienza renale o cardiaca, nonché problemi alle vie respiratorie. Questo è dimostrato dalle statistiche.

Per quanto riguarda quest'ultimo caso, questo è dovuto al fatto che il tessuto polmonare è estremamente sottile e ha molti piccoli capillari.

E quando vengono distrutti, si formano tali aree a cui è difficile accedere alle cellule attive del sistema immunitario e all'ossigeno. Di conseguenza, in tali luoghi possono insorgere infiammazioni o cellule oncologiche che il corpo non è in grado di sopportare a causa della mancanza di accesso. Il diabete e la malattia polmonare sono una combinazione mortale.

Relazione tra malattie

Il diabete non influisce direttamente sul tratto respiratorio. Ma la sua presenza in qualche modo destabilizza le funzioni di tutti gli organi. A causa della malattia, le reti capillari vengono distrutte, a causa della quale le parti danneggiate dei polmoni non sono in grado di ricevere una nutrizione sufficiente, il che porta a un deterioramento dello stato e alla funzione della respirazione esterna.

I pazienti di solito presentano i seguenti sintomi:

  • inizia lo sviluppo dell'ipossia;
  • si verificano disturbi del ritmo respiratorio;
  • diminuisce la capacità vitale dei polmoni.

Quando il diabete si verifica nei pazienti, c'è spesso un indebolimento del sistema immunitario, che influisce sulla durata della malattia.

A causa della polmonite, c'è un significativo aumento dei livelli di zucchero nel sangue, che è una esacerbazione del diabete. Quando viene rilevata questa condizione, è necessario trattare contemporaneamente due diagnosi.

Infiammazione dei polmoni

La polmonite nelle persone con diabete è causata dall'infezione del sistema respiratorio.

La trasmissione dell'agente patogeno avviene per mezzo di goccioline trasportate dall'aria. A causa dell'aumento del livello di glucosio nel sangue umano, si creano condizioni favorevoli per la penetrazione di varie infezioni nel corpo.

Una caratteristica del corso di polmonite nel diabete è l'ipotensione, così come i cambiamenti nello stato mentale di una persona. In altri pazienti, tutti i sintomi della malattia sono simili ai segni di una normale infezione respiratoria.

I diabetici con iperglicemia possono causare edema polmonare. Questo processo è dovuto al fatto che i capillari del corpo diventano i più permeabili, il sistema immunitario è anche significativamente indebolito e la funzione dei macrofagi e dei neutrofili è distorta.

Quando la polmonite viene rilevata nei pazienti diabetici, si possono osservare i seguenti sintomi della malattia:

  • aumento della temperatura corporea fino a 38 gradi, può essere osservata febbre (degno di nota è che i pazienti anziani generalmente non hanno un aumento della temperatura corporea, e questo è dovuto al fatto che il loro corpo è fortemente indebolito);
  • tosse secca, che diventa gradualmente umida (con una forte tosse nella regione del dolore polmonare interessato può verificarsi);
  • brividi;
  • forte mal di testa;
  • mancanza di respiro;
  • completa mancanza di appetito;
  • frequenti capogiri;
  • disagio muscolare;
  • aumento della fatica

Nei diabetici, le parti inferiori dei polmoni sono più spesso colpite e la tosse diabetica non può durare più di 60 giorni in tali processi infiammatori.

La prevenzione più efficace della polmonite è la vaccinazione:

  • bambini piccoli (fino a 2 anni);
  • pazienti con malattie croniche come il diabete e l'asma;
  • pazienti con immunità gravemente danneggiata in malattie come: infezione da HIV, cancro e chemioterapia;
  • adulti la cui fascia di età supera i 65 anni.

Il vaccino usato è sicuro perché non contiene batteri vivi. Non c'è possibilità di ottenere polmonite dopo l'immunizzazione.

tubercolosi

La tubercolosi diventa spesso una delle complicanze più gravi del diabete. È noto che tali pazienti sono affetti dalla malattia molto più spesso di altri, e gli uomini di età compresa tra i 20 ei 40 anni sono per lo più colpiti.

Grave tubercolosi si verifica nei diabetici a causa di disturbi metabolici e la caduta del sistema immunitario. Le due malattie considerate si influenzano a vicenda. Quindi, con un corso complesso di diabete e tubercolosi sarà molto difficile. E lui, a sua volta, contribuisce allo sviluppo di varie complicanze diabetiche.

Molto spesso, la tubercolosi consente di determinare la presenza del diabete, il suo grave effetto sul corpo aggrava i sintomi diabetici. Rilevalo, di regola, con un esame del sangue casuale per lo zucchero.

I primi segni della presenza di tubercolosi nel corso del diabete mellito:

  • un forte calo di peso;
  • esacerbazione dei sintomi del diabete;
  • debolezza costante;
  • mancanza o diminuzione dell'appetito.

In medicina, ci sono un certo numero di teorie diverse circa l'insorgenza della tubercolosi nei pazienti con diabete.

Tuttavia, non esiste una ragione precisa, perché vari fattori possono influenzare l'emergere e lo sviluppo della malattia:

  • esaurimento del corpo, causato dal diabete;
  • decompensazione prolungata dei processi metabolici;
  • soppressione della fagocitosi con un forte indebolimento delle proprietà immunobiologiche dell'organismo;
  • mancanza di vitamine;
  • vari disturbi delle funzioni del corpo e dei suoi sistemi.

I diabetici con tubercolosi attiva sono trattati nei dispensari della tubercolosi.

Prima di prescrivere la terapia necessaria, il phthisiatrician dovrà raccogliere molte informazioni sulla condizione del corpo del paziente: le caratteristiche della malattia endocrina, il dosaggio, nonché il periodo di tempo per l'assunzione di farmaci antidiabetici, la presenza di varie complicanze diabetiche, la funzionalità epatica e renale.

pleurite

La pleurite è un processo infiammatorio dei fogli pleurici dei polmoni.

Sorgono quando una placca consistente in prodotti di decomposizione della coagulazione del sangue (fibrina) si forma sulla loro superficie, o a causa dell'accumulo di fluido nel piano pleurico di diversa natura.

È noto che questa condizione si sviluppa spesso con il diabete. La pleurite nei diabetici si verifica più spesso una seconda volta ed è una malattia complicata dei polmoni.

In medicina, ci sono questi tipi di diagnosi:

  • sierosa.
  • putrida.
  • sieroso emorragico.
  • purulenta.
  • cronica.

Di regola, la malattia si sviluppa a causa di complicazioni di una malattia polmonare. Nei diabetici, il suo decorso è molto difficile e progredisce rapidamente.

La presenza di pleurite è contrassegnata dai seguenti sintomi:

  • un brusco deterioramento delle condizioni generali;
  • aumento della temperatura corporea;
  • dolori al petto e nella zona colpita dalla malattia;
  • aumento della sudorazione;
  • aumento della mancanza di respiro.

Il trattamento di una forma purulenta di pleurite nel diabete mellito viene effettuato principalmente con metodi conservativi. A tal fine, la terapia antibatterica, i servizi igienico-sanitari dell'albero bronchiale e la disintossicazione sono più spesso utilizzati. Tale trattamento è abbastanza efficace e ti consente di ottenere il risultato atteso.

Gli antibiotici sono usati per trattare la pleurite.

Nella forma cronica di empiema pleurico, il trattamento chirurgico è più spesso usato. In questo caso, la terapia conservativa non darà il risultato desiderato, non può curare il paziente da una forma così grave della malattia.

La chirurgia viene eseguita in un reparto medico specializzato e, di norma, vengono utilizzati i seguenti metodi operativi:

  • drenaggio aperto;
  • decorticazione;
  • toracoplastica.

prevenzione

Esistono diversi modi per prevenire la malattia polmonare nei pazienti con diabete:

  • richiede un monitoraggio costante dei livelli di zucchero nel sangue. La manutenzione regolare degli indicatori rallenta la distruzione dei capillari circa 10 volte;
  • esame speciale con ultrasuoni per la presenza di coaguli di sangue sulle pareti dei vasi sanguigni. Il blocco capillare si verifica a causa del distacco di coaguli di sangue o ispessimento del sangue. Per abbassare la sua viscosità, ha senso usare droghe speciali a base di acido acetilsalicilico. Tuttavia, senza consultare il medico, non è consentito l'uso di droghe;
  • esercizio (moderato) costante ed esercizio fisico regolare;
  • lunghe passeggiate all'aria aperta sono anche una buona misura preventiva. Inoltre, è necessario abbandonare completamente la nicotina e utilizzare un purificatore d'aria nella stanza.

Video correlati

Il diabete ha paura di questo rimedio, come il fuoco!

Hai solo bisogno di applicare.

Sul corso della tubercolosi polmonare nel diabete nel video:

Le malattie dei polmoni nel diabete mellito possono influenzare negativamente le condizioni del paziente, in alcuni casi, anche fatale. Pertanto, è molto importante utilizzare misure preventive per prevenire il loro verificarsi. Ciò è particolarmente vero per i diabetici, perché a causa della loro diagnosi, il corpo è indebolito e più suscettibile alla penetrazione delle infezioni.

  • Stabilizza a lungo i livelli di zucchero
  • Ripristina la produzione di insulina da parte del pancreas

Complicazioni del diabete. Polmoni diabetici, cuore, vasi. Sintomi, prevenzione diabetici

Quali complicazioni minacciano un diabetico. Come ritardarli (10+)

Complicazioni del diabete. panoramica

Quando si parla di diabete, ci sono due tipi di complicazioni: presto e tardi. I primi arrivano direttamente a seguito di una violazione dell'assorbimento di glucosio. Questi includono iperglicemia (elevati livelli di zucchero nel sangue), ipoglicemia (diminuzione del glucosio) e chetoacidosi. Puoi leggere di più su di loro ai link:

Le complicazioni tardive si verificano a causa di una prolungata esposizione del corpo ad alti livelli di zucchero nel sangue, nonché a una serie di altri fattori che non sono stati completamente studiati dalla medicina. Perché sto parlando di altri fattori. Le complicazioni tardive nella maggior parte dei diabetici si sviluppano anche se il controllo glicemico è perfetto, sebbene ciò avvenga dieci volte più lentamente.

Quando le persone parlano delle complicazioni tardive del diabete, di solito capiscono:

e anomalie nel lavoro dei reni (non ho ancora scritto un articolo su questa piaga. Iscriviti alle notizie per ricevere notifiche sui nuovi articoli)

Ma ora voglio parlare di altre, meno conosciute, ma non meno pericolose complicazioni. Il diabete distrugge tutto il corpo, ma alcuni organi sono particolarmente sensibili ai suoi effetti.

Polmoni diabetici

Se si osservano le statistiche sulla mortalità dei diabetici, diventa chiaro che i problemi polmonari sono uno dei principali modi di morire nel diabete, insieme a insufficienza cardiaca o renale e vari ictus. Infatti, il tessuto polmonare è molto sottile, forato con piccoli capillari. Quando i capillari vengono distrutti, si formano aree del polmone, che sono ostruite dall'accesso di ossigeno e dalle cellule attive del sistema immunitario. In queste aree, l'infiammazione o le cellule oncologiche possono sembrare che il corpo non può far fronte, in quanto semplicemente non può trasferire i suoi combattenti ad esso.

Segue immediatamente il percorso di prevenzione.

In primo luogo, controlla il livello di zucchero. Mantenere lo zucchero normale dieci volte rallenta la distruzione dei capillari.

In secondo luogo, esercizio fisico regolare e esercizio fisico moderato. Comunicando con il mio amico, un pneumologo, ha guardato una mappa della Russia con note sull'intensità delle malattie polmonari in diverse regioni. Ho notato che nella regione di Astrakhan l'incidenza è molto alta, mentre nel vicino Daghestan non ci sono praticamente malattie polmonari. Il dottore ha risposto alla mia domanda semplicemente. Il delta del Volga è sotto il livello del mare, la pressione atmosferica è sempre molto alta. Perché abbiamo bisogno di polmoni lì, è possibile assorbire l'ossigeno attraverso la pelle. E nelle montagne del Daghestan senza polmoni buoni, puoi soffocare. La mancanza di ossigeno è molto utile per i polmoni. Se hai l'opportunità di vivere o almeno riposare in montagna, questo sarà di grande aiuto. Se questo non è possibile, allora ha senso ricorrere a esercizi di respirazione e / o nuoto.

In terzo luogo, il blocco capillare di solito si verifica a causa del distacco di coaguli di sangue o ispessimento del sangue. Ha senso assicurarsi di non avere coaguli di sangue sulle pareti dei vasi, che possono staccarsi facendo un'ecografia dei vasi. Per ridurre la viscosità del sangue ci sono farmaci speciali a base di acido acetilsalicilico. È stato stabilito che l'uso di questi farmaci ha portato ad un serio aumento dell'aspettativa di vita. Questi farmaci non sono mostrati a tutti, quindi ha senso consultare il proprio medico. Aumento della viscosità del sangue e coaguli di sangue si verificano spesso con eccesso di peso. Guarda il tuo peso.

In quarto luogo, respirare aria fresca. Smetti di fumare. Quanto l'uomo dannoso sia da fumare, inalato di tanto in tanto, rimane una domanda aperta, ma il flusso di fumo ogni poche ore distrugge definitivamente i polmoni. Per respirare aria pulita nel nostro tempo, è necessario fare sforzi speciali. Speciali depuratori d'aria, sia fissi (per il vostro appartamento) che portatili (per la vostra auto), sono stati sviluppati e sono in vendita. Io uso questo. Quanto contribuirà a mantenere i miei polmoni dagli effetti dannosi del diabete, non posso dirlo, ma mi ha salvato dalle allergie.

L'ultimo Se il processo negativo nei polmoni è già iniziato, allora in una fase iniziale puoi farcela, quindi non trascurare l'esame medico regolare. Ricorda che molti problemi polmonari in una fase precoce possono essere asintomatici.

Vasi diabetici e cuore

Con il diabete, la viscosità del sangue aumenta e si manifesta una tendenza alla trombosi. Un trombo è un grande pericolo, anche se non blocca il flusso sanguigno. Può staccarsi e bloccare il vaso del cuore (infarto) o del cervello (ictus). E può gradualmente crollare, piccoli pezzi si staccano da esso e tappano i capillari. Dovresti controllare regolarmente le tue navi per la presenza di tali bombe a orologeria. Rivolgersi al proprio medico, vi farà riferimento alle prove necessarie.

I vasi di zucchero alto perdono elasticità, che può essere la causa della pressione alta, soprattutto perché il danno renale contribuisce anche ad alta pressione. Per la prevenzione di questi problemi, sono utili uno sforzo fisico moderato e regolare e un controllo costante della pressione, che consentirà di rilevare e correggere le manifestazioni ipertensive nel tempo.

La presenza di coaguli di sangue dormienti e l'ipertensione possono perdere inosservato. Non si dovrebbe aspettare il deterioramento della salute, da esaminare.

C'è una circostanza gioiosa. La distruzione diretta del muscolo cardiaco sotto l'influenza del diabete è estremamente rara, solo in condizioni di zucchero completamente incontrollato. Quindi fai attenzione ai coaguli di sangue e alla pressione, e il tuo cuore andrà tutto bene.

Altri Articoli Sul Diabete

La Stevia è una pianta perenne che cresce in America centrale e meridionale, in Messico. I primi studi sulla stevia furono eseguiti nel XVI secolo da un botanico e dottore Stevus, dopo di che la pianta ricevette il suo nome latino.

Durante l'orario lavorativo, il gestore ti richiamerà entro un'ora e effettuerà un ordineIl tuo messaggio è stato inviato con successo. GrazieProdotti correlati descrizione caratteristiche Analoghi e relativi RecensioniLe strisce reattive Bionime sono progettate per i glucometri Bionime GM 300 e GM 500.

A seconda delle caratteristiche individuali della donna incinta e del corso di sviluppo del feto, il parto nel diabete si sviluppa in modi diversi.